Montecalvoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montecalvoli
frazione
Montecalvoli – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Comune Santa Maria a Monte-Stemma.png Santa Maria a Monte
Territorio
Coordinate 43°41′15″N 10°39′46″E / 43.6875°N 10.662778°E43.6875; 10.662778 (Montecalvoli)Coordinate: 43°41′15″N 10°39′46″E / 43.6875°N 10.662778°E43.6875; 10.662778 (Montecalvoli)
Altitudine 17 m s.l.m.
Abitanti 3 171 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale 56030
Prefisso 0587
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti montecalvolese, montecalvolesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montecalvoli
Montecalvoli
Montecalvoli (vista sud da via Francesca)

Montecalvoli (pronunciare Montecàlvoli) è una frazione di Santa Maria a Monte, in provincia di Pisa.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il suo territorio è quello tipico del Valdarno Inferiore. Il paese, posto sul colle, comprende, le due vallate verso nord e verso sud. Confina co comune di Pontedera, Calcinaia e Bientina; mentre, all'interno del comune di Santa Maria a Monte, confina con il capoluogo stesso e con i territori delle frazioni di Ponticelli e San Donato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Montecalvoli, per la sua collocazione geografica, ha assolto fino dall'antichità importanti funzioni militari e strategiche; per questo il possesso del castello di Montecalvoli ha costituito per tutto il Medioevo un obiettivo primario per le principali città della attuale Toscana occidentale. La storia del paese è quasi interamente incentrata sul continuo alternarsi di Fiorentini, Pisani e Lucchesi; per ironia della sorte questa difficoltà del paese a trovare una stabile collocazione in una ben precisa area culturale e proseguita fino al 1926 quando, al termine di uno strano meccanismo di compensazioni, Montecalvoli venne compreso nella provincia di Pisa e tolto a quella di Firenze. Il nome attuale lo si vuol derivare, molto probabilmente, dal colle su cui sorge; una collina, evidentemente, priva di vegetazione: da qui Monte Calvo. Ancora più anticamente il borgo si chiamava Nottuno (anche se l'origine di tale denominazione è, al momento, sconosciuta). La più antica traccia della storia di Montecalvoli riguarda la sua Chiesa che, intitolata a S.Giorgio di Nottuno, fu consacrata dal Vescovo di Lucca nel 728; essa è sicuramente la stessa che si rinviene sull'estimo delle Chiese della diocesi di Lucca nel 1260, dove ne compare anche un'altra intitolata a San Jacopo. I Vescovi di Lucca per molto tempo ebbero potere sul castello di Montecalvoli; tuttavia è da ritenere che tale potere fosse esercitato più che altro di fatto, in quanto il borgo ed il castello erano quasi certamente sotto la giurisdizione civile del comune di Lucca, dal momento che esiste una delibera del 1258 degli Anziani di quello Stato, nella quale venne deliberato di gravare di un contributo straordinario tutti i paesi del Valdarno Inferiore, proprio per sopperire alle spese per la ricostruzione del castello di Montecalvoli. Intorno al 1200, quando era ancora sotto il dominio di Lucca, Montecalvoli fu teatro di uno scontro tra le truppe lucchesi, mosse alla conquista di Pontedera, ed una guarnigione composta dai cittadini di Calcinaia e Vico (Vicopisano). I Lucchesi furono sconfitti e questo evento non fu che il preludio a quanto sarebbe accaduto pochi anni più tardi. Nel 1261, infatti, dopo la vittoria di Montaperti, i Ghibellini di Toscana, al comando del Conte Guido Novello, conquistarono Montecalvoli e la rocca di S.Maria a Monte, sottoponendo poi entrambe all'autorità di Pisa. Nel 1314 i Fiorentini, dopo due tentativi vani, si impadronirono di Montecalvoli, ma nel medesimo anni il castello fu riconquistato dai Pisani, al comando di Uguccione della Faggiola, e sotto Pisa rimase finché non dovette essere ceduto a Castruccio Castracani nel 1328. Tuttavia i Pisani, che vedevano in Montecalvoli un elemento fondamentale per il controllo della zona, ritornarono in possesso del borgo del castello dopo la pace di Montopoli dell'agosto del 1328, però con l'impegno che nessun cittadino di Pisa potesse avervi ingerenze e proprietà, poiché Montecalvoli sarebbe dovuto rimanere sotto il diretto controllo dei Fiorentini. Gli abitanti del borgo, però, di li a pochi anni, mostrarono sempre più chiaramente di optare per il dominio fiorentino, in considerazione anche del declinare della potenza pisana. Ed infatti nel 1406 la comunità si consegnò spontaneamente ai Fiorentini. Con la denominazione fiorentina le vicende di Montecalvoli si allinearono con quelle di S.Maria a Monte, sebbene il paese abbia costituito una comunità a parte con propri organismi amministrativi fino al 1869, allorché venne aggregato amministrativamente all'attuale capoluogo. Come già scritto in precedenza, nel 1926 Montecalvoli seguì le sorti di S. Maria a Monte, entrando a far parte della provincia di Pisa. Nel 4 novembre del 1966,fu colpita da un'alluvione dove dei fiumi circostanti esondarono.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Montecalvoli è suddiviso prettamente in due zone:

  • Montecalvoli Alto è la parte "antica" del paese, che contiene il centro storico e la chiesa. È chiamata così per la sua posizione sul colle di Montecalvoli e nelle giornate di sole si riesce a vedere addirittura a 10 km di distanza.
  • Montecalvoli Basso è la parte "moderna" del paese, dove si trovano negozi e bar; la maggior parte della popolazione abita in questa zona, dove le abitazioni si estendono fino al confine con Santa Maria a Monte.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel calcio a cinque il Montecalvoli ha raggiunto ottimi livelli. Nella stagione 2015-16 ha partecipato ai campionati Juniores, Under 21 e Serie C1 (massima categoria regionale), vincendo il campionato e la Coppa Toscana. Dalla Stagione 2016-17 la società ASD Montecalvoli Calcio a 5 ha ottenuto un ottimo 7º posto in Serie B FIGC Girone C, ottenendo la salvezza anticipata e qualificandosi ai sedicesimi di Coppa Italia (eliminata dal Lido di Ostia).

La frazione è sede della società calcistica Santa Maria a Monte Montecalvoli A.S.D., ivvero una fusione, che fino al stagione 2011-12 ha militato in Eccellenza Toscana, massimo campionato regionale. In seguito è retrocessa in Promozione. Inoltre, l'unica e vera propria squadra del paese è la squadra di amatori dell'Atletico Montecalvoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 337.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 3, tomo II, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 786–788.
Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana