Cedri (Peccioli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cedri
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Comune Peccioli-Stemma.png Peccioli
Territorio
Coordinate 43°30′31.13″N 10°49′03.55″E / 43.508646°N 10.817653°E43.508646; 10.817653 (Cedri)Coordinate: 43°30′31.13″N 10°49′03.55″E / 43.508646°N 10.817653°E43.508646; 10.817653 (Cedri)
Altitudine 180 m s.l.m.
Abitanti 35[2]
Altre informazioni
Cod. postale 56037
Prefisso 0587
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti cedrese, cedresi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cedri
Cedri

Cedri (già Ceddra o Ceddri) è una frazione del comune di Peccioli, in provincia di Pisa.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo di Cedri è situato in Valdera, su di un poggio marnoso alle cui pendici scorrono i torrenti Isola e Roglio, che si uniscono in un unico corso d'acqua poco più a valle tra i paesi di Montelopio e Ghizzano.[3] Cedri dista circa 13 km da Peccioli e poco più di 50 km da Pisa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cedri ha origini alto-medievali e rientrava nel XII secolo nei possedimenti di alcuni conti rurali del diruto castello di Monte Cuccari.[3] Nel gennaio 1161 il conte Guglielmo di Ranieri cedette alla diocesi di Volterra tutte le sue proprietà nei distretti di Monte Cuccari, Camporena, Lajatico, Ghizzano e Cedri.[3] Nel 1284 Cedri fu poi ceduto in enfiteusi al conte Trincuccio di Ranieri da Monte Cuccari.[3] Nel 1305 i volterrani fecero costruire una rocca con castellare sovrastante il borgo in occasione della guerra tra Volterra e San Gimignano.[3] Successivamente, buona parte del distretto di Cedri fu acquistato dalla famiglia fiorentina degli Alessandri.[3] Il comunello di Cedri viene accorpato al comune di Montaione con motu proprio del 23 maggio 1774.[3]

Nel 1833 il paese di Cedri contava 320 abitanti,[3] mentre oggi se ne contano solamente 35.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Giorgio martire, chiesa parrocchiale della frazione,[4] risale al periodo alto-medievale, ma l'attuale aspetto è dovuto ad una radicale ristrutturazione avvenuta nel 1833.[3] All'interno è conservato un pregevole organo realizzato da Marcello Paoli alla fine del XIX secolo.[5]
  • Villa Alessandri, situata al centro del paese, si tratta della villa con fattoria della famiglia Alessandri, risalente al XVIII secolo.
  • Monumento ai caduti, monumento in bronzo su piedistallo di pietra a ricordo dei caduti di Cedri delle due guerre.

Persone legate a Cedri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 140.
  2. ^ Dati della CEI
  3. ^ a b c d e f g h i Emanuele Repetti, «Cedri», Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, 1833-1846.
  4. ^ Chiesa di San Giorgio martire, Le chiese delle Diocesi italiane.
  5. ^ Organi antichi nelle chiese della comunità in Valdera.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 770–771.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]