Vallerotonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vallerotonda
comune
Vallerotonda – Stemma Vallerotonda – Bandiera
Vallerotonda – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaProvincia di Frosinone-Stemma.png Frosinone
Amministrazione
SindacoGianfranco Verallo (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate41°33′N 13°55′E / 41.55°N 13.916667°E41.55; 13.916667 (Vallerotonda)Coordinate: 41°33′N 13°55′E / 41.55°N 13.916667°E41.55; 13.916667 (Vallerotonda)
Altitudine620 m s.l.m.
Superficie59,66 km²
Abitanti1 539[1] (28-2-2017)
Densità25,8 ab./km²
FrazioniCardito, Cerreto, Valvori
Comuni confinantiAcquafondata, Cervaro, Filignano (IS), Rocchetta a Volturno (IS), San Biagio Saracinisco, Sant'Elia Fiumerapido, Viticuso
Altre informazioni
Cod. postale03040
Prefisso0776
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT060084
Cod. catastaleL614
TargaFR
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantivallerotondesi
Patronosanti Giovanni e Paolo
Giorno festivo26 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vallerotonda
Vallerotonda
Vallerotonda – Mappa
Posizione del comune di Vallerotonda nella provincia di Frosinone
Sito istituzionale

Vallerotonda (Varëtónna in dialetto locale) è un comune italiano di 1.539 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio, nella Valle Latina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale, a cavallo con quello di San Biagio Saracinisco, si trova il lago Selva, mentre a cavallo con quello di Cervaro, si trova la cima del colle Aquilone.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona E, 2272 GR/G

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito civile
«Comune situato in posizione strategica per l'esercito tedesco impegnato a bloccare l'avanzata alleata, fu teatro di varie operazioni belliche che causarono la morte di numerosissimi civili e la distruzione della quasi totalità delle abitazioni. I sopravvissuti, costretti a rifugiarsi sulle montagne, resistettero impavidi agli orrori e ai disastri della guerra, offrendo un'ammirevole prova d'elevate virtù civiche e di generoso spirito di solidarietà.»
— Vallerotonda - (FR), 1943 - 1944

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione professa per la maggior parte la religione cattolica e afferisce alla Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo, ma fino all'anno 2014 faceva parte della diocesi dell'Abbazia di Montecassino.

Persone legate a Vallerotonda[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali vi sono quelle artigianali, come l'arte del legno, finalizzata al settore dell'arredamento, e in particolar modo alla produzione di sedie con caratteristiche campagnole.[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Vallerotonda passò dalla provincia di Caserta a quella di Frosinone.

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 20.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN128178352