Twitch.tv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Twitch.tv
sito web
Logo
URL
Tipo di sitovideo streaming
Registrazionefacoltativa
Scopo di lucro
ProprietarioAmazon.com
Creato daJustin Kan, Emmett Shear
Lancio6 giugno 2011
Fatturatopubblicità
Stato attualeAttivo

Twitch.tv è una piattaforma di livestreaming di proprietà di Amazon.com. È stata lanciata il 6 giugno 2011 come spin-off della piattaforma di streaming generico Justin.tv.[1] Il sito consente principalmente lo streaming di videogiochi, ed è leader del settore[2] nelle trasmissioni di eventi e competizioni eSports[3]. I contenuti possono essere visti sia in diretta che on demand.

Al primo trimestre 2018 Twitch.tv conta 15 milioni di utenti attivi al giorno[4], e circa un milione di utenti online a qualsiasi ora, più delle reti televisive statunitensi CNN ed ESPN.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quando Justin Kan e Emmett Shear lanciarono Justin.tv nel 2007,[1] il sito venne suddiviso in diverse categorie di contenuti. La categoria dei giochi crebbe rapidamente e divenne il contenuto più popolare sul sito. Nel giugno del 2011, la società decise di chiudere Justin.tv e trasferire i contenuti in una nuovo sito che prese il nome di Twitch.tv.[6] È stato lanciato ufficialmente il 6 giugno 2011.

Con la chiusura del suo concorrente Own3d.tv all'inizio del 2013,[7] Twitch è diventato il servizio di streaming di e-sport più popolare con un ampio margine. La popolarità della piattaforma ha battuto ogni record,[8] facendo registrare 45 milioni di utenti attivi nell'ottobre 2013.[9] I servizi di video concorrenti, come YouTube e Dailymotion, hanno iniziato ad aumentare l'importanza dei contenuti di gioco per competere, ma finora hanno avuto un impatto molto minore. A partire da febbraio 2014, Twitch è la quarta più grande fonte di traffico Internet durante i periodi di punta negli Stati Uniti, dietro Netflix, Google e Apple.[10] Twitch rappresenta l'1,8% del traffico totale negli Stati Uniti durante i periodi di punta.

Il 25 agosto 2014, Amazon ha acquisito Twitch Interactive per 970 milioni di dollari.[11] Oltre ad Amazon era interessato all'acquisto anche Google ma alla fine si era ritirata dall'accordo a causa di potenziali preoccupazioni antitrust che lo circondavano e della sua proprietà di YouTube.[12] L'acquisizione è stata chiusa il 25 settembre 2014. Tale acquisizione ha portato a una sinergia con il servizio Amazon Prime per servizi come la sottoscrizione ai canali, premi e contenuti speciali per la piattaforma.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Twitch è progettato per essere una piattaforma per i tornei sportivi di eSports, sessioni di videogiochi fatte da videogiocatori professionisti o amatoriali e i talk show relativi ai giochi. Un certo numero di canali fanno anche speedrunning dal vivo. A giugno 2018 alcuni dei giochi più popolari trasmessi su Twitch sono Fortnite, League of Legends, Dota 2, PlayerUnknown's Battlegrounds, Hearthstone, Overwatch e Counter-Strike: Offensiva globale con un totale di oltre 356 milioni di ore guardate.[13]

Twitch ha anche realizzato contenuti non pertinenti ai videogiochi; nel luglio 2013, il sito ha trasmesso un'esibizione di "Fester's Feast" dal Comic-Con di San Diego,[14] e il 30 luglio 2014, il dj Steve Aoki ha trasmesso una performance dal vivo da un nightclub di Ibiza.[15] Nel gennaio 2015, Twitch ha introdotto una categoria ufficiale per i canali musicali, come programmi radiofonici e attività di produzione musicale,[10] e nel marzo 2015 ha annunciato che sarebbe diventato il nuovo partner ufficiale di streaming live dell'Ultra Music Festival, un festival di musica elettronica a Miami.[16]

Il 28 ottobre 2015, Twitch ha lanciato una seconda categoria sempre non pertinenti ai videogiochi, "Creative", che è destinata a quei canali principalmente interessati a opere artistiche e creative.[10] Per promuovere il lancio, il servizio ha anche trasmesso una maratona di otto giorni di "The Joy of Painting" di Bob Ross.[17]

Twitch viene spesso utilizzato anche per discutere di videogiochi; la natura di Twitch consente ai numerosi utenti che assistono a una sessione di gioco di un utente di interagire tra loro e con il videogiocatore in tempo reale.[10] Twitch è anche usato per l'apprendimento dello sviluppo del software, con comunità di utenti che programmano software e progetti vari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Justin.tv Launches TwitchTV, the World’s Largest Competitive Video Gaming Network. URL consultato il 28 aprile 2018.
  2. ^ (EN) John Ballard, Amazon.com's Twitch Is Dominating the Game Streaming Market, in The Motley Fool. URL consultato il 28 aprile 2018.
  3. ^ Twitch Esports (@TwitchEsports) | Twitter, su twitter.com. URL consultato il 28 aprile 2018.
  4. ^ (EN) Stevo, Twitch Music: Where To Turn To For Twitch Approved Music, in EDM Sauce, 8 aprile 2018. URL consultato il 28 aprile 2018.
  5. ^ Amazon's streaming service Twitch is pulling in as many viewers as CNN and MSNBC, in Business Insider. URL consultato il 28 aprile 2018.
  6. ^ La storia di Justin.tv, su webcrew.it.
  7. ^ Own3D ceases operations; all content to be deleted within 24 hours, forever., su pcgamesn.com.
  8. ^ Record-Breaking Day on Twitch – Twitch Blog, in Twitch Blog, 12 agosto 2013. URL consultato il 28 aprile 2018.
  9. ^ (EN) David M. Ewalt, The ESPN Of Video Games, in Forbes. URL consultato il 28 aprile 2018.
  10. ^ a b c d Dieci cose che non sai su…Twitch, su esportsmag.it.
  11. ^ Amazon - Press Room - Press Release, su phx.corporate-ir.net. URL consultato il 28 aprile 2018.
  12. ^ Amazon compra Twitch: 970 milioni per il sito di videogiochi online, su ilfattoquotidiano.it.
  13. ^ Da Fortinte a GTA, i giochi online multiplayer del 2018 più giocati, su tg24.sky.it.
  14. ^ Twitch to stream Video Games Live concert from Comic-Con, su polygon.com.
  15. ^ DJ Steve Aoki to star in Twitch's first live concert tonight, su cnet.com.
  16. ^ Twitch continues move into music with Ultra festival deal, su theguardian.com.
  17. ^ Twitch launches “Creative” category, eight-day Bob Ross Painting marathon, su arstechnica.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]