Twitch.tv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Twitch" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Twitch (disambigua).
Twitch.tv
sito web
Logo
URLtwitch.tv
Tipo di sitovideo streaming
LinguaMultilingue
Registrazionefacoltativa
Scopo di lucro
ProprietarioAmazon, Inc
Creato daJustin Kan, Emmett Shear
Lancio6 giugno 2011
Stato attualeAttivo

Twitch.tv è una piattaforma di livestreaming di proprietà di Amazon.com. È stata lanciata il 6 giugno 2011 come spin-off della piattaforma di streaming generico Justin.tv.[1] Il sito consente principalmente lo streaming di videogiochi, ed era leader del settore[2] nelle trasmissioni di eventi e competizioni eSports[3]. I contenuti possono essere visti sia in diretta sia on demand.

Al primo trimestre 2018 Twitch.tv conta 15 milioni di utenti attivi al giorno[4], e circa un milione di utenti online a qualsiasi ora, più delle reti televisive statunitensi CNN ed ESPN.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quando Justin Kan ed Emmett Shear lanciarono Justin.tv il 19 marzo 2007,[1] il sito venne suddiviso in diverse categorie di contenuti. La categoria dei giochi crebbe rapidamente e divenne il contenuto più popolare sul sito. Nel giugno del 2011 la società decise di chiudere Justin.tv e trasferire i contenuti in un nuovo sito, che prese il nome di Twitch.tv,[6] venendo lanciato ufficialmente il 6 giugno 2011.

Con la chiusura del suo concorrente Own3d.tv all'inizio del 2013,[7] Twitch è diventato il servizio di streaming di eSports più popolare con un ampio margine. La popolarità della piattaforma ha battuto ogni record,[8] facendo registrare 45 milioni di utenti attivi nell'ottobre 2013.[9] I servizi di video concorrenti, come YouTube e Dailymotion, hanno incominciato ad aumentare l'importanza dei contenuti di gioco per competere, ma hanno finora avuto un impatto molto minore. A partire da febbraio 2014 Twitch è la quarta più grande fonte di traffico Internet durante i periodi di punta negli Stati Uniti, dietro Netflix, Google e Apple.[10] Twitch rappresenta l'1,8% del traffico totale negli Stati Uniti durante i periodi di punta.

Il 25 agosto 2014 Amazon ha acquisito Twitch Interactive per 970 milioni di dollari.[11] Oltre ad Amazon era interessato all'acquisto anche Google, che alla fine si era ritirata dall'accordo a causa di potenziali preoccupazioni antitrust dovute alla proprietà di YouTube.[12] L'acquisizione, che è stata chiusa il 25 settembre 2014, ha portato a una sinergia con Amazon Prime per servizi quali la sottoscrizione ai canali, premi e contenuti speciali per la piattaforma.

Lo streamer Ninja era fra le persone più importanti di Twitch, con oltre 14 milioni di follower. Tuttavia, il 2 agosto 2019 ha annunciato il trasferimento a un'altra piattaforma, Mixer.com, di proprietà di Microsoft.[13][14] Nel 24 ottobre 2019 anche shroud, ex videogiocatore professionista di Counter-Strike: Global Offensive e uno degli streamer più famosi nella piattaforma, abbandonò Twitch per passare a Mixer.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Twitch è progettato per essere una piattaforma per i tornei sportivi di eSports, sessioni di videogiochi fatte da videogiocatori professionisti o amatoriali e i talk show relativi ai giochi. Un certo numero di canali fanno anche speedrunning dal vivo. A giugno 2018 alcuni dei giochi più popolari trasmessi su Twitch sono Fortnite, League of Legends, Dota 2, PlayerUnknown's Battlegrounds, Minecraft, Hearthstone: Heroes of Warcraft, Overwatch e Counter-Strike: Global Offensive con un totale di oltre 356 milioni di ore guardate.[15]

Twitch ha anche realizzato contenuti non pertinenti ai videogiochi; nel luglio 2013, il sito ha trasmesso un'esibizione di "Fester's Feast" dal Comic-Con di San Diego,[16] e il 30 luglio 2014, il dj Steve Aoki ha trasmesso una performance dal vivo da un nightclub di Ibiza.[17] Nel gennaio 2015 Twitch ha introdotto una categoria ufficiale per i canali musicali, come programmi radiofonici e attività di produzione musicale,[10] e nel marzo 2015 ha annunciato che sarebbe diventato il nuovo partner ufficiale di streaming live dell'Ultra Music Festival, un festival di musica elettronica a Miami.[18]

Il 28 ottobre 2015 Twitch ha lanciato una seconda categoria sempre non pertinente ai videogiochi, "Creative", che è destinata a quei canali principalmente interessati a opere artistiche e creative.[10] Per promuovere il lancio, il servizio ha anche trasmesso una maratona di otto giorni di The Joy of Painting di Bob Ross.[19]

Twitch viene spesso utilizzato anche per discutere di videogiochi; la natura di Twitch consente ai numerosi utenti che assistono a una sessione di gioco di un utente di interagire tra loro e con il videogiocatore in tempo reale.[10] Twitch è anche usato per l'apprendimento dello sviluppo del software, con comunità di utenti che programmano software.

La popolarità della piattaforma ha portato anche alcuni esponenti della politica a sfruttarla per trasmettere comizi, interviste e approfondimenti: uno dei primi fu il senatore degli Stati Uniti Bernie Sanders[20], mentre diverso tempo dopo anche l'ex Presidente degli Stati Uniti d'America Donald Trump decise di aprire un canale Twitch[21].

Contenuti vietati[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver notato che diversi streamer si addormentavano durante la diretta e alcuni di loro proprio per questo motivo hanno avuto anche un "momento di popolarità", Twitch ha voluto modificare il proprio regolamento inserendo il divieto di addormentarsi davanti al proprio pubblico.[22]

Gli utenti di Twitch non sono autorizzati a trasmettere in streaming qualunque gioco classificato come "Adult Only" (AO) negli Stati Uniti da Entertainment Software Rating Board (ESRB), indipendentemente dalla sua classificazione, in qualsiasi altra area geografica e da qualsiasi gioco che contenga apertamente "contenuto sessuale" o "violenza gratuita" o contenuto che viola i termini di utilizzo di servizi di terze parti.

Twitch ha preso provvedimenti temporanei a maggio 2019 dopo che i canali relativi al videogioco Artifact sono stati utilizzati per contenuti video inappropriati. Inizialmente questi nuovi streamer scherzavano con gli spettatori, mostrando video di animali o partite di League of Legends. Dopo alcuni giorni, sono apparsi altri stream del canale Artifact con contenuti in contrasto con i termini della politica di utilizzo di Twitch, tra cui film interamente protetti da copyright, pornografia, propaganda nazista e almeno uno stream che mostrava l'intero video del tiratore all'attentato della moschea di Christchurch. Tutti questi contenuti venivano generalmente presentati come passatempo mentre aspettavano la coda delle partite di Artifact per apparire legittimi.[23]

Programma per partner e affiliati[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2011, Twitch ha lanciato il suo Programma partner, che ha raggiunto oltre 11 000 membri ad agosto 2015.

Simile al Programma Partner di altri siti di video come YouTube, il Programma Partner consente ai produttori di contenuti popolari di condividere le entrate pubblicitarie generate dai loro flussi. Inoltre, gli utenti di Twitch possono abbonarsi ai canali di streamer associati per 4,99$ al mese, spesso garantendo all'utente l'accesso a emoticon uniche, privilegi di chat dal vivo e altri vari vantaggi. Twitch conserva 2,49$ per ogni abbonamento al canale, mentre i restanti 2,50$ vanno direttamente allo streamer partner. Riguardo agli abbonamenti, una caratteristica di Twitch è che se si collega il proprio account Amazon Prime al sito, è possibile una volta al mese, fare un abbonamento gratis al canale desiderato. Sebbene siano state fatte eccezioni, Twitch in precedenza richiedeva che i potenziali partner avessero un numero medio di spettatori simultanei oltre 500, nonché un programma di streaming coerente di almeno tre giorni alla settimana. Tuttavia, con il passare del tempo, la piattaforma ha creato il "Path to Partnership" rendendo più chiari gli obiettivi per ottenere la partnership attraverso visualizzazioni simultanee, durata e frequenza delle live.

Nell'aprile 2017, Twitch ha lanciato il suo "Programma di affiliazione" che consente anche ai canali più piccoli di generare entrate, annunciando anche che consentirebbe ai canali di accedere a livelli di abbonamento con diversi prezzi. I partecipanti a questo programma ottengono alcuni ma non tutti i vantaggi dei partner Twitch. Gli streamer possono trarre profitto dai bit acquistabili direttamente da Twitch. Gli affiliati possono anche accedere alla funzione Abbonamenti Twitch, con tutte le stesse funzionalità a cui i Partner hanno accesso, insieme a una emoji di abbonamento. Nel settembre 2019, il servizio ha annunciato che gli affiliati avrebbero ora ricevuto una quota delle entrate pubblicitarie.

La pubblicità sul sito è stata gestita da numerosi partner. Nel 2011, Twitch ha stretto un accordo esclusivo con Future US. Il 17 aprile 2012, Twitch ha annunciato un accordo per dare a CBS Interactive i diritti di vendita esclusiva di pubblicità, promozioni e sponsorizzazioni per la comunità. Il 5 giugno 2013, Twitch ha annunciato la costituzione di Twitch Media Group, un nuovo team interno di vendita di annunci pubblicitari che ha assunto il ruolo di CBS Interactive nella vendita di annunci pubblicitari.[24][25][26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Justin.tv Launches TwitchTV, the World’s Largest Competitive Video Gaming Network. URL consultato il 28 aprile 2018.
  2. ^ (EN) John Ballard, Amazon.com's Twitch Is Dominating the Game Streaming Market, in The Motley Fool. URL consultato il 28 aprile 2018.
  3. ^ Twitch Esports (@TwitchEsports) | Twitter, su twitter.com. URL consultato il 28 aprile 2018.
  4. ^ (EN) Stevo, Twitch Music: Where To Turn To For Twitch Approved Music, in EDM Sauce, 8 aprile 2018. URL consultato il 28 aprile 2018.
  5. ^ Amazon's streaming service Twitch is pulling in as many viewers as CNN and MSNBC, in Business Insider. URL consultato il 28 aprile 2018.
  6. ^ La storia di Justin.tv, su webcrew.it.
  7. ^ Own3D ceases operations; all content to be deleted within 24 hours, forever., su pcgamesn.com.
  8. ^ Record-Breaking Day on Twitch – Twitch Blog, in Twitch Blog, 12 agosto 2013. URL consultato il 28 aprile 2018.
  9. ^ (EN) David M. Ewalt, The ESPN Of Video Games, in Forbes. URL consultato il 28 aprile 2018.
  10. ^ a b c d Dieci cose che non sai su…Twitch, su esportsmag.it.
  11. ^ Amazon - Press Room - Press Release, su phx.corporate-ir.net. URL consultato il 28 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2018).
  12. ^ Amazon compra Twitch: 970 milioni per il sito di videogiochi online, su ilfattoquotidiano.it.
  13. ^ Ninja lascerà Twitch per streammare esclusivamente su Mixer | Game Division, su Tom's Hardware. URL consultato il 4 agosto 2019.
  14. ^ Ninja, svelata la cifra che ha pagato Microsoft per averlo su Mixer | Game Division, su Tom's Hardware. URL consultato il 4 agosto 2019.
  15. ^ Da Fortinte a GTA, i giochi online multiplayer del 2018 più giocati, su tg24.sky.it.
  16. ^ Twitch to stream Video Games Live concert from Comic-Con, su polygon.com.
  17. ^ DJ Steve Aoki to star in Twitch's first live concert tonight, su cnet.com.
  18. ^ Twitch continues move into music with Ultra festival deal, su theguardian.com.
  19. ^ Twitch launches “Creative” category, eight-day Bob Ross Painting marathon, su arstechnica.com.
  20. ^ (EN) Bernie Sanders on Twitch.tv, su twitch.tv.
  21. ^ Donald Trump on Twitch.tv, su twitch.tv.
  22. ^ Twitch banna chi dorme in diretta, su Twitchoomerang, 2 maggio 2019. URL consultato il 18 giugno 2020.
  23. ^ Tutti i video vietati su Twitch (e che invece sfuggono ai controlli), su Wired, 10 agosto 2019. URL consultato il 18 giugno 2020.
  24. ^ Twitch.tv - Partners, su Twitch.tv. URL consultato il 18 giugno 2020.
  25. ^ Come diventare Partner Twitch, su SOS Guide, 12 gennaio 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  26. ^ Come monetizzare con Twitch, su Internet & Geek Blog, 13 agosto 2018. URL consultato il 18 giugno 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]