ResearchGate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ResearchGate
ResearchGate-Logo
URL http://researchgate.net/
Tipo di sito Social network professionale per ricercatori
Registrazione gratuita
Proprietario ResearchGate
Creato da Dr. Ijad Madisch, Sören Hofmayer, Horst Fickenscher
Lancio Maggio 2008
Stato attuale attivo, oltre 1.400.000 utenti
Slogan For Scientists.

ResearchGate è un social network gratuito[1] dedicato a tutte le discipline scientifiche. La piattaforma offre un accesso gratuito ad applicazioni Web 2.0, come ad esempio la ricerca semantica attraverso parole chiave[2], la condivisione di file, la possibilità di rendere disponibili in rete i propri testi, forum, discussioni di gruppo nei Topics. I membri possono creare il proprio blog all'interno del network: da maggio 2008, ResearchGate ha ora oltre 1.400.000[3] membri attivi provenienti da 192 paesi.[4]

Attraverso Similar Abstract Search Engine (SASE), è possibile cercare ricercatori, gruppi, riviste, pubblicazioni, discussioni, conferenze e lavori correlati alla suddetta parola. Il SASE è stato sviluppato per analizzare una larga fascia di termini controllando abstract[5] tra alcuni database esterni compresi PubMed, CiteSeer, arXiv, e dati NASA. Questo tipo di ricerca aiuta gli iscritti a tenersi in contatto e a trovarsi attraverso questa piattaforma: analizzando le informazioni sul profilo di ogni utente, il network suggerisce gruppi, altri membri e letterature riguardanti i campi d´interesse dell'utente.[senza fonte] Nel totale, sono stati creati oltre 4.000 Topics[6] sul sito di ResearchGate. Ogni gruppo ha anche un software collaborativo: la condivisione di file permette ai membri di collaborare con i colleghi per scrivere e modificare i documenti. Sempre più organizzazioni scientifiche utilizzano ResearchGate come punto d´incontro per collaborare e comunicare.[senza fonte] Il sito offre anche Subcommunities private per organizzazioni più grandi.

Il sito si divide in finestre interattive quali Home, Researchers, Topics, Conferences, Literature, Jobs. Nel profilo personale i membri possono pubblicare il riassunto del proprio Curriculum Vitae, con particolare interesse alle informazioni di contatto e alle esperienze accademiche, un breve indice delle proprie pubblicazioni, le finestre dei gruppi e blogs a cui si ha aderito, nonché una personale biblioteca nella quale si possono salvare le pubblicazioni utili. La parte Literature fornisce libero accesso alle pubblicazioni scientifiche, supportando il principio dell'Open Access, di modo da aumentare la disponibilità e visibilità di un lavoro già pubblicato; permette inoltre una facile autoarchiviazione nella quale viene mantenuta l'integrità del processo di peer-review e di altre misure di controllo di qualità collegati alla pubblicazione in un articolo. La parte Conferences offre la possibilità di postare l'evento anche nel portale, di modo da ottenere maggiore visibilità, creare una comunità di followers interessati alla conferenza e di mantenere contatti in maniera professionale anche al termine dell'evento, avendo la possibilità di pubblicare gli abstract in Open Access nella parte "sessions". ResearchGate offre anche una bacheca con offerte di lavoro e programmi di dottorato internazionali: i lavori possono essere filtrati attraverso parole chiave, posizione e paese.

ResearchBlog[modifica | modifica sorgente]

Nel novembre del 2009 è stato lanciato ResearchBlog[7]: il blog ufficiale di ResearchGate.

I membri possono contribuire alla banca dati di questo blog caricando i loro elaborati dal loro profilo al blog ufficiale. Gli elaborati vengono poi selezionati e pubblicati sul blog. Composto da questi testi, ResearchBlog è una fonte attendibile di notizie, saggi, ricerca ed innovazione per tutte le discipline accademiche.

Concorrenti[modifica | modifica sorgente]

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Il sito è stato criticato per la sua intensa attività di spamming nei confronti dei ricercatori, tramite invio di mail che presentano la forma "X.Y. ti ha invitato ad aderire a ResearchGate e rivendicare le tue pubblicazioni" (ovvero "X.Y. invited you to join ResearchGate and claim your publications"). Tali e-mail vengono fatte in automatico senza che la persona citata abbia mai aderito al network né autorizzato l'invio di email a suo nome, né, tanto meno, sia necessariamente iscritto a suddetto network. Tali email sono quindi considerate spam [8].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Pioneers", Science Magazine, 30 May 2008, Print Edition
  2. ^ Virtual network benefits researchers, Cordis News, 24 novembre 2008. URL consultato il 26 novembre 2009.
  3. ^ Professor Facebook- More connective tissue may make academia more efficient, The Economist, 9 febbraio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  4. ^ Researcher creates ‘Facebook for Scientists', DIgitalBeat News, 17 febbraio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  5. ^ Cracking Open the Scientific Process, The New York Times, 17 gennaio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  6. ^ Professional Network ResearchGate Is A LinkedIn For Scientists, Techcrunch, 14 maggio 2009. URL consultato il 25 novembre 2009.
  7. ^ ResearchGate offers new publishing tools to scientists, Admin, 2009. URL consultato il 25 gennaio 2010.
  8. ^ How did ResearchGate acquire 1.4MM users?, Quora, 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Web