PeerTube

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
PeerTube
software
Logo
Schermata di esempio
GenerePeer-to-peer
SviluppatoreFramasoft
Data prima versione29 ottobre 2015
Ultima versione3.2.1 (1º giugno 2021)
Sistema operativoUnix-like
Linux
LinguaggioTypeScript
LicenzaGNU Affero General Public License, versione 3 (o successive)
(licenza libera)
LinguaCatalano, tedesco, inglese, spagnolo, esperanto, basco, basco, francese, italiano, occitano, polacco, portoghese, sloveno, ceco, russo e cinese.
Sito webjoinpeertube.org

PeerTube (pronuncia: /ˈpɪə̯.tjuːb/) è un software libero decentralizzato e federato che utilizza la tecnologia di rete paritaria (P2P) per ridurre il carico sui singoli server. È rilasciato sotto licenza GNU Affero General Public License. Il progetto è nato nel 2015 da un singolo programmatore. Lo sviluppo di PeerTube fu successivamente supportato da un'organizzazione non a scopo di lucro francese, la Framasoft.[1]

L'obiettivo è fornire un'alternativa alle piattaforme centralizzate come Vimeo, YouTube o Dailymotion[2][3].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Ogni istanza di PeerTube fornisce un sito web per sfogliare e guardare video ed è, per impostazione predefinita, indipendente dagli altri in termini di aspetto, funzionalità e regole.[4]

Diverse istanze, con regole comuni (ad esempio consentire contenuti simili, che richiedono la registrazione) possono formare una "federazione", in cui vengono condivisi i video di tutte le istanze che vi partecipano, anche se ogni video è archiviato solo dall'istanza che lo ha pubblicato. Le federazioni sono indipendenti l'una dall'altra.[5][6]

I video sono distribuiti su base peer-to-peer. Gli utenti collegati alla piattaforma fungono da punti di inoltro che inviano pezzi di video ad altri utenti.[7]

Il sistema funziona attraverso una federazione di istanze gestite da entità indipendenti. Ogni server PeerTube può ospitare un qualsiasi numero di video da solo, e può inoltre federarsi con altri server per permettere agli utenti di guardare i loro video nella stessa interfaccia utente. Questa federazione permette di ospitare collettivamente un gran numero di video in una piattaforma unificata, senza dover costruire un'infrastruttura paragonabile a quella dei giganti del web. Ogni server è gestito e rimane sotto la sola amministrazione di un'entità distinta.

PeerTube utilizza il protocollo ActivityPub per consentire il decentramento e la compatibilità con altri servizi del Fediverso che può impedire il vendor lock-in e renderlo più resistente alla censura.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) PeerTube, su Free Software Directory, 4 giugno 2018. URL consultato il 2 agosto 2020.
  2. ^ (FR) Dominique Desaunay, Vidéos à la demande: PeerTube, un anti-YouTube plus libre?, su rfi.fr, Radio France Internationale, 4 luglio 2018. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  3. ^ (FR) Pauline Verge, PeerTube, une tentative d'alternative française et décentralisée à YouTube, su lefigaro.fr, Le Figaro, 30 marzo 2018. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  4. ^ (EN) Documentazione di Peertube, su docs.joinpeertube.org. URL consultato il 2 agosto 2020.
  5. ^ (EN) PeerTube has worked twice as hard to free your videos from YouTube!, su framablog.org, Framasoft, 12 novembre 2019. URL consultato il 13 novembre 2019.
  6. ^ PeerTube Italia, su peertube.uno. URL consultato il 2 agosto 2020.
  7. ^ (EN) Readme su github, su github. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  8. ^ (EN) PeerTube, su Fediverso. URL consultato il 2 agosto 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di software libero