Fediverso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Proposta del logo del fediverso

Il fediverso[1] (dall'inglese Fediverse, parola macedonia formata da federated e universe) è l'insieme dei server federati utilizzati per la pubblicazione web (ad esempio i servizi di reti sociali, blogging, microblogging e siti web) e il file hosting che, seppur ospitati indipendentemente, possono intercomunicare l'un l'altro. Nei diversi server (istanze), gli utenti possono creare le cosiddette identità. Queste identità possono interagire oltre i confini delle singole istanze perché il software in esecuzione sui server supporta uno o più protocolli di comunicazione che seguono uno standard aperto.[2] Tramite le identità sul fediverso, gli utenti sono in grado di pubblicare testo (o altri media) e seguire i post pubblicati da altre identità su altri server.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 Evan Prodromou fondò il social network identi.ca, pubblicando il software GNU social con licenza gratuita (GNU Affero General Public License, AGPL). Ha inoltre definito il protocollo OStatus. Oltre al server di identi.ca esistevano solo poche altre istanze, gestite da singole persone per proprio uso. Ci fu un importante cambiamento nel 2011-2012 quando identi.ca inizià il passaggio ad un altro software chiamato pump.io e vennero create molte altre istanze GNU social. Contemporaneamente a GNU social, altri progetti come Friendica, Hubzilla, Mastodon e Pleroma integrarono il protocollo OStatus, ampliando così il fediverso.

Negli anni si sono evoluti altri protocolli di comunicazione che sono stati integrati in diversi gradi nelle piattaforme

Nel gennaio 2018, il W3C ha presentato il protocollo ActivityPub, con l'obiettivo di migliorare l'interoperabilità tra le piattaforme. A partire da agosto 2018, questo protocollo è stato integrato in svariate piattaforme (vedi tabella sotto), ed è così diventato il protocollo più utilizzato nel fediverso.

Protocolli di comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diversi protocolli attualmente usati nel fediverso, tutti rilasciati come software libero:

Piattaforme software del fediverso[modifica | modifica wikitesto]

I software che compongono il fediverso sono tutti liberi. Alcuni assomigliano vagamente nello stile a Twitter (ad esempio Mastodon, Misskey,[4] GNU Social e Pleroma,[5] che sono simili nelle loro funzioni di microblogging), mentre altri includono più opzioni di comunicazione e transazione che li rendono comparabili a Google+ o Facebook (come nel caso di Friendica ed Hubzilla).

Le seguenti piattaforme software si estendono nel fediverso utilizzando i protocolli di comunicazione elencati.

Nome della piattaforma Tipologia di servizi ActivityPub DFRN Diaspora Network OStatus Zot Zot/6
Aardwolf rete sociale No No No No
Anfora image hosting No [6] No No No No
Diaspora rete sociale, microblogging No [7][8] No No No
distbin pastebin No No No No
Friendica
(f. Friendika; orig. Mistpark)
rete sociale, microblogging No
Funkwhale[9] audio, sound hosting No No No No
GNU MediaGoblin file, image, audio, video hosting No [10] No No No No
GNU social
(f. StatusNet; orig. Laconica)
microblogging No [11][12] No No No
Honk rete sociale No No No No
Hubzilla
(f. RedMatrix; orig. Friendica-Red)
CMS, rete sociale, microblogging, wiki, blogging, galleria d'immagini, file hosting No
Kibou rete sociale, microblogging No No No No
Lemmy link aggregator, rete sociale (basato su Reddit) No No No No No
Littr.me link aggregator, rete sociale No No No No No
Mastodon microblogging [13] No No No[14] No
microblog.pub microblogging No No No No
Misskey[4] rete sociale, microblogging No No No No
Movim rete sociale, using XMPP No No No No No
Nextcloud file hosting [15] No No No No
Nodetube[16] video hosting No No No No No
Numaverse microblogging, blockchain Ethereum No No No No
Osada (discontinued) rete sociale, microblogging No No No
PeerPx Image hosting No No No No
PeerTube video hosting No No No No
Pixelfed[17] Image hosting [18] No No No No
Pleroma microblogging No No No[19] No
Plume[20] blogging No No No No
postActiv microblogging No[21] No No No
Prismo condivisione link No No No No
Pubcast (f. Metapods) netcasting No No No No
pump.io microblogging No[22] No No No[23] No
Read.as Feed reader [24] No No No No
Socialhome sito web, rete sociale, microblogging No[25] No No No[26]
Write.as / WriteFreely blogging No No No No
Zap rete sociale, macroblogging, galleria d'immagini, file hosting No No No

Diffusione e statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Esistono vari siti che pubblicano statistiche in tempo reale sul fediverso, come fediverse.network e the-federation.info. Le statistiche su questi siti sono indicative del livello d'utilizzo, ma non rappresentano una raccolta completa in quanto aggregano i dati solo dalle istanze che usano il protocollo di rilevazione delle statistiche NodeInfo. Non vi è quindi alcuna garanzia che questi siti raccolgano le informazioni di tutte le istanze: alcuni server potrebbero disabilitare NodeInfo o utilizzare software in cui non è implementato. Inoltre, alcuni di questi siti includono i dati di qualsiasi software federato che li pubblichi tramite NodeInfo, non solo dal fediverso.


Al 13 aprile 2020, il servizio di statistiche fediverse network riporta i seguenti dati sul fediverso:[27][N 1]

  • numero di istanze (server): 5 432
  • numero di utenti: 4 723 100
  • numero di stati: 441 896 426

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ Le statistiche non riflettono il fediverso nella sua interezza.
Fonti
  1. ^ Cos'è e come funziona la federazione dei siti su Activitypub: il fediverso, su mastodon.it. URL consultato il 13 aprile 2020.
  2. ^ web.archive.org, https://web.archive.org/web/20170409030653/http://mastoguide.info/Pages/fedFAQ.html. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  3. ^ Specs - Zot/6 Home, su zotlabs.org. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  4. ^ a b (EN) Misskey, su Misskey. URL consultato il 15 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Pleroma, su Pleroma. URL consultato il 15 aprile 2020.
  6. ^ Anfora, Implement mastodon API endpoints #23, su github.com. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  7. ^ diaspora*, Support ActivityPub #7422, su github.com. URL consultato il 18 agosto 2018.
  8. ^ diaspora*, Let's talk about ActivityPub, su discourse.diasporafoundation.org. URL consultato il 18 agosto 2018.
  9. ^ funkwhale, Funkwhale, su funkwhale.audio. URL consultato il 2 maggio 2019.
  10. ^ GNU MediaGoblin, Move federation code to ActivityPub spec #5503, su issues.mediagoblin.org. URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2017).
  11. ^ GNU social, Support ActivityPub #256, su git.gnu.io. URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2019).
  12. ^ GNU social, Plugin, su git.gnu.io. URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2019).
  13. ^ Mastodon, ActivityPub support #1557, su github.com. URL consultato il 18 agosto 2018.
  14. ^ Mastodon, Release v3.0.0, su github.com. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  15. ^ Nextcloud, Nextcloud introduces social features, joins the fediverse, su nextcloud.com. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  16. ^ (EN) mayeaux/nodetube, su github.com. URL consultato il 13 aprile 2020.
  17. ^ Pixelfed, Pixelfed, su pixelfed.org. URL consultato il 2 maggio 2019.
  18. ^ Pixelfed, Pixelfed federates now., su mastodon.social. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  19. ^ Pleroma, ostatus removal, su git.pleroma.social. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  20. ^ joinplu.me, Plume, su joinplu.me. URL consultato il 2 maggio 2019.
  21. ^ postActiv, ActivityPub support #97, su git.postactiv.com. URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2018).
  22. ^ pump.io, ActivityPub support #1241, su github.com. URL consultato il 18 agosto 2018.
  23. ^ pump.io, OStatus #8, su github.com. URL consultato il 18 agosto 2018.
  24. ^ Read.as, Long-form ActivityPub-enabled reader, su github.com. URL consultato il 29 agosto 2018.
  25. ^ Socialhome, Federation - ActivityPub support is work in progress, su socialhome.network. URL consultato il 16 settembre 2018.
  26. ^ Jason Robinson, Implementing Zot, su git.feneas.org, 19 maggio 2018.
  27. ^ (EN) Instances, su fediverse network. URL consultato il 13 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]