Academia.edu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Academia.edu
sito web
Logo
URL
Tipo di sitoSocial network
Registrazionerichiesta
ProprietarioAcademia.edu
Creato daRichard Price
Lanciosettembre 2008
Stato attualeattivo
SloganShare Research

Academia.edu è un sito web dedicato alla condivisione di scritti, prevalentemente di natura scientifica. È stato lanciato nel settembre 2008, fondato da Richard Price.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il dominio "Academia.edu" è stato registrato nel 1999, prima che il dominio di primo livello .edu venisse regolamentato, divenendo un'esclusiva delle istituzioni educative universitarie. Tutti i domini .edu registrati prima del 2001 possono mantenere il proprio servizio senza dover sottostare alla regolamentazione posteriore.[1]

Nel novembre 2011 Academia.edu ha raccolto 4,5 milioni di dollari da Spark Capital e True Ventures.[2] Precedentemente aveva già ottenuto 2,2 milioni da Spark Ventures, e Mark Shuttleworth, Thomas Lehrman e Rupert Pennant-Rea furono tra i primi investitori.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Academia.edu ha l'obiettivo di fornire una distribuzione immediata della ricerca.[3] L'azienda si è anche opposta al Research Works Act.[4]

Le clausole di academia.edu riservano al sito il diritto di produrre opere derivate da quelle pubblicate dagli autori. L'iscrizione è richiesta sia per l'inserimento che per la visualizzazione dei contenuti, che non possono essere esportati in modalità automatica su altre piattaforme. Per tali motivi, è stato qualificato come un social network al servizio della ricerca piuttosto che come un archivio aperto.[5]
Diversamente dagli archivi istituzionali o disciplinari pubblici, le banche dati chiuse e proprietarie non garantiscono la conservazione digitale dei testi nel lungo termine. Peraltro, al 2019 gli articoli di academia.edu non possono essere archiviati nemmeno nell archive.org ovvero archive.is.

Vantaggi e svantaggi[modifica | modifica wikitesto]

Academia.edu è stato descritto come un "enorme affare" da The Singularity Hub, perché i ricercatori "possono avere un accesso facile e veloce ai lavori dei colleghi, e ottengono un riscontro quantificabile delle loro materie di ricerca."[6] TechCrunch ha sottolineato come Academia.edu dia agli scienziati "un modo efficiente e potente di distribuire le loro ricerche"[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ edu Policy Information, Net.educause.edu, 29 ottobre 2001. URL consultato il 22 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  2. ^ a b Academia.edu | CrunchBase Profile, Crunchbase.com. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  3. ^ Richard Price, The Future of Peer Review, TechCrunch, 5 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  4. ^ Richard Price, The Dangerous "Research Works Act", TechCrunch, 15 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  5. ^ Maria Grazia Pievatolo, ResearchGate e Academia.edu non sono archivi ad accesso aperto, in Bollettino telematico di filosofia politica (Università di Pisa), 28 gennaio 2016, OCLC 840819482 (archiviato il 5 settembre 2019). Ospitato su of Scholarly Communication.
  6. ^ Academia.edu – $4.5M in Funding, 3M Unique Monthly Visitors – Can They Change Science Publication?, Singularity Hub, 11 dicembre 2011. URL consultato il 22 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  7. ^ Wednesday, November 30th, 2011, Academia.edu Raises $4.5 Million To Help Researchers Share Their Scholarly Papers, TechCrunch, 30 novembre 2011. URL consultato il 22 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Concorrenti


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]