ActivityPub

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo di ActivityPub

ActivityPub è un protocollo di reti sociali aperto e decentralizzato basato sul protocollo ActivityPump di Pump.io[1].

Fornisce un'API client/server per la creazione, l'aggiornamento e l'eliminazione di contenuti, nonché un'API server-to-server per "federare" (distribuire) notifiche e contenuti.

Questo standard è stato introdotto nel gennaio 2018 ed è sviluppato dal World Wide Web Consortium (W3C)[2]; è un'evoluzione di Pump.io ed è proposto come sostituzione di OStatus dal W3C Federated Social Web Working Group, lanciato nel luglio 2014, per il Fediverso.

Stato del progetto[modifica | modifica wikitesto]

ActivityPub è uno standard di Internet sviluppato dal Social Web Networking Group del World Wide Web Consortium (W3C). Nella fase iniziale il nome del protocollo era "ActivityPump", ma si è ritenuto che ActivityPub indicasse meglio lo scopo di pubblicazione incrociata del protocollo. Ha imparato dalle esperienze con il vecchio standard chiamato OStatus.

Nel gennaio 2018, il World Wide Web Consortium (W3C) ha pubblicato lo standard ActivityPub come raccomandazione[2].

Il W3C Social Community Group organizza annualmente una conferenza libera sul futuro dell'ActivityPub[3].

L'ex community manager di Diaspora Sean Tilley nel 2017 ha scritto un articolo che indica che i protocolli ActivityPub potrebbero fornire un modo per federare le piattaforme Internet[4].

Implementazioni significative[modifica | modifica wikitesto]

Protocollo federato (da server a server)[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni servizi che implementano il protocollo ActivityPub:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sandstorm And The Social Web, su zenhack.net. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  2. ^ a b ActivityPub, su www.w3.org. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  3. ^ ActivityPub Conference 2020 Virtual, su #apconf. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  4. ^ (EN) Sean Tilley, A quick guide to The Free Network, su Medium, 24 settembre 2017. URL consultato il 15 febbraio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]