Patrimoni dell'umanità dell'India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I patrimoni dell'umanità dell'India sono i siti dichiarati dall'UNESCO come patrimonio dell'umanità in India, che è divenuta parte contraente della Convenzione sul patrimonio dell'umanità il 14 novembre 1977[1].

Al 2021 i siti iscritti nella Lista dei patrimoni dell'umanità sono quaranta, mentre quarantasei sono le candidature per nuove iscrizioni[1]. I primi quattro siti iscritti nella lista sono stati nel 1983 il Forte di Agra, le Grotte di Ajanta, le Grotte di Ellora e il Taj Mahal, durante la settima sessione del comitato del patrimonio mondiale. Gli altri siti furono aggiunti nel 1984 (due), 1985 (tre), 1986 (quattro), 1987 (quattro), 1988, 1989, 1993 (due), 1999, 2002, 2003, 2004 (due), 2007, 2010, 2012, 2013, 2014 (due), 2016 (tre), 2017, 2018, 2019 e 2021 (due). Trentadue siti sono considerati culturali, secondo i criteri di selezione, sette naturali e uno misto; uno è parte di un sito transnazionale.

Siti del Patrimonio mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Foto Sito Luogo Tipo Anno Descrizione
Ajanta (63).jpg Grotte di Ajanta Ajanta Culturale
(242; i, ii, iii, vi)
1983 I primi monumenti rupestri buddisti ad Ajanta risalgono al II e I secolo a.C. Durante il periodo Gupta (V e VI secolo d.C.), al gruppo originario furono aggiunte molte altre grotte riccamente decorate. I dipinti e le sculture di Ajanta, considerati capolavori dell'arte religiosa buddista, hanno avuto una notevole influenza artistica[2].
Kailasha temple at ellora.JPG Grotte di Ellora Verul Culturale
(243; i, iii, vi)
1983 Questi 34 monasteri e templi, che si estendono per più di 2 km, sono stati scavati fianco a fianco nella parete di un'alta rupe di basalto, non lontano da Aurangabad. Ellora, con la sua sequenza ininterrotta di monumenti datati dal 600 al 1000 d.C., riporta in vita la civiltà dell'antica India. Non solo il complesso di Ellora è una creazione artistica unica e un'impresa tecnologica ma, con i suoi santuari appartenenti al buddismo, all'induismo e al giainismo, illustra lo spirito di tolleranza che era caratteristico dell'antica India[3].
Uttar-Pradesh-Agra-Agra-Fort-Jahangiri-mahal-Apr-2004-00.JPG Forte di Agra Agra Culturale
(251; iii)
1983 Vicino ai giardini del Taj Mahal si erge l'importante monumento Mughal del XVI secolo noto come il Forte rosso di Agra. Questa potente fortezza di arenaria rossa racchiude, all'interno delle sue mura di cinta lunghe 2,5 km, la città imperiale dei sovrani Mughal. Comprende molti palazzi da favola, come il Palazzo di Jahangir e il Khas Mahal, costruiti da Shah Jahan, sale delle udienze, come il Diwan-i-Khas, e due bellissime moschee[4].
Taj Mahal N-UP-A28-a.jpg Taj Mahal Agra Culturale
(252; i)
1983 Un immenso mausoleo di marmo bianco, costruito ad Agra tra il 1631 e il 1648 per ordine dell'imperatore Mughal Shah Jahan in memoria della sua moglie preferita, il Taj Mahal è il gioiello dell'arte musulmana in India e uno dei capolavori universalmente ammirati del patrimonio mondiale[5].
Konark Sun Temple Front view.jpg Tempio del Sole di Konarak Konark Culturale
(246; i, iii, vi)
1984 Sulle rive del Golfo del Bengala, bagnato dai raggi del sole nascente, il tempio di Konarak è una rappresentazione monumentale del carro del dio del sole Sūrya; le sue 24 ruote sono decorate con disegni simbolici ed è guidato da una squadra di sei cavalli. Costruito nel XIII secolo, è uno dei santuari braminici più famosi dell'India[6].
01MahabalipuramShoreTemple.jpg Gruppo di monumenti presso Mahabalipuram Mamallapuram Culturale
(249; i, ii, iii, vi)
1984 Questo gruppo di santuari, fondato dai re Pallava, fu scavato nella roccia lungo la costa del Coromandel nei secoli VII e VIII. È noto soprattutto per i suoi rathas (templi a forma di carri), mandapas (santuari rupestri), giganteschi rilievi a cielo aperto come la famosa Discesa del Gange e il tempio della spiaggia, con migliaia di sculture a gloria di Shiva[7].
Assam 042 yfb edit.jpg Parco nazionale di Kaziranga Distretto di Golaghat, Distretto di Nagaon Naturale
(337; ix, x)
1985 Nel cuore dell'Assam, questo parco è una delle ultime aree dell'India orientale non disturbate dalla presenza umana. È abitato dalla più grande popolazione mondiale di rinoceronti indiani, oltre a molti mammiferi, tra cui tigri, elefanti, leopardi e orsi e migliaia di uccelli[8].
Manas Wildlife Sanctuary-118454.jpg Santuario faunistico di Manas Distretto di Baksa, Distretto di Chirang Naturale
(338; vii, ix, x)
1985 Su un dolce pendio ai piedi dell'Himalaya, dove le colline boscose lasciano il posto a praterie alluvionali e foreste tropicali, il santuario di Manas ospita una grande varietà di fauna selvatica, tra cui molte specie in via di estinzione, come la tigre, il cinghiale nano, il rinoceronte indiano e l'elefante indiano[9].
Keoladeo National Park-Plan d'eau (4).jpg Parco nazionale di Keoladeo Bharatpur Naturale
(340; x)
1985 Questa ex riserva di caccia alle anatre dei Maharaja è una delle principali aree di svernamento per un gran numero di uccelli acquatici provenienti dall'Afghanistan, dal Turkmenistan, dalla Cina e dalla Siberia. Nel parco sono state registrate circa 364 specie di uccelli, tra cui la rara gru siberiana[10].
Basilica of Bom Jesus 2006.jpg Chiese e conventi di Goa Goa Velha Culturale
(234; ii, iv, vi)
1986 Le chiese e i conventi di Goa, l'antica capitale delle Indie portoghesi – in particolare la Basilica del Bom Jesus, che contiene la tomba di san Francesco Saverio – illustrano l'evangelizzazione dell'Asia. Questi monumenti furono influenti nella diffusione delle forme di arte manuelina, manierista e barocca in tutti i paesi dell'Asia dove furono stabilite missioni[11].
Khajuraho.KandariyaMahadeva.jpg Gruppo di monumenti di Khajuraho Khajuraho Culturale
(240; i, iii)
1986 I templi di Khajuraho furono costruiti durante la dinastia Chandela, che raggiunse il suo apogeo tra il 950 e il 1050. Rimangono solo una ventina di templi che ricadono in tre gruppi distinti e appartengono a due diverse religioni: induismo e giainismo. Trovano un perfetto equilibrio tra architettura e scultura. Il Tempio Kaṇḍāriyā Mahādeva è decorato con una profusione di sculture che sono tra i più grandi capolavori dell'arte indiana[12].
Hampi virupaksha temple.jpg Gruppo di monumenti presso Hampi Distretto di Vijayanagara Culturale
(241; i, iii, iv)
1986 L'austero e grandioso sito di Hampi fu l'ultima capitale dell'ultimo grande regno indù di Vijayanagar. I suoi principi favolosamente ricchi costruirono templi e palazzi dravidici che conquistarono l'ammirazione dei viaggiatori tra il XIV e il XVI secolo. Conquistata dalla confederazione musulmana del Deccan nel 1565, la città fu saccheggiata per un periodo di sei mesi prima di essere abbandonata[13].
Fatehpur Sikri Panch Mahal.jpg Fatehpur Sikri Fatehpur Sikri Culturale
(255; ii, iii, iv)
1986 Costruita durante la seconda metà del XVI secolo dall'imperatore Akbar, Fatehpur Sikri (la città della vittoria) fu la capitale dell'Impero Mughal solo per circa 10 anni. Il complesso di monumenti e templi, tutti in uno stile architettonico uniforme, comprende una delle più grandi moschee dell'India, la Jama Masjid[14].
Pattadakal 000.JPG Gruppo di monumenti presso Pattadakal Badami Culturale
(239; iii, iv)
1987 Pattadakal rappresenta il culmine di un'arte eclettica che, nel VII e VIII secolo sotto la dinastia Chalukya, ha raggiunto un'armoniosa fusione di forme architettoniche del nord e del sud dell'India. Qui si può vedere un'impressionante serie di nove templi indù, oltre a un santuario giainista. Spicca un capolavoro del gruppo: il Tempio Virupaksha, costruito c. 740 dalla regina Lokamahadevi per commemorare la vittoria del marito sui re del sud[15].
Elephanta Caves Panorama.jpg Grotte di Elephanta Navi Mumbai Culturale
(244; i, iii)
1987 La 'Città delle Grotte', su un'isola nel Mare Arabico vicino a Mumbai, contiene una collezione di arte rupestre legata al culto di Shiva. Qui l'arte indiana ha trovato una delle sue espressioni più perfette, in particolare gli enormi altorilievi della grotta principale[16].
"A low angle of Brihadisvara Temple of Gangaikonda Cholapuram ".JPG Grandi templi viventi di Chola Dharasuram, Gangaikonda Cholapuram, Thanjavur Culturale
(250; ii, iii)
1987-2004 I grandi templi viventi di Chola furono costruiti dai re dell'Impero Chola, che si estendeva su tutto il sud dell'India e sulle isole vicine. Il sito comprende tre grandi templi dell'XI e XII secolo: il Tempio di Brihadisvara a Thanjavur, il Tempio di Brihadisvara a Gangaikondacholisvaram e il Tempio Airavatesvara a Darasuram. Il Tempio di Gangaikondacholisvaram, costruito da Rajendra Chola I, fu completato nel 1035. La sua vimana (torre sacra) di 53 m ha angoli incassati e un grazioso movimento curvo verso l'alto, in contrasto con la torre dritta e severa di Thanjavur. Il complesso del tempio Airavatesvara, costruito da Rajaraja Chola II, a Darasuram presenta un vimana di 24 metri e un'immagine in pietra di Shiva. I templi testimoniano le brillanti conquiste dei Chola in architettura, scultura, pittura e fusione del bronzo[17].
Royal Bengal Tiger of Sundarban.jpg Parco nazionale delle Sundarbans Distretto dei 24 Pargana Sud Naturale
(452; ix, x)
1987 Le Sundarbans coprono 10 000 km² di terra e acqua (più della metà in India, il resto in Bangladesh) nel delta del Gange. Contiene la più grande area al mondo di foreste di mangrovie. Nel parco vivono numerose specie rare o in via di estinzione, tra cui tigri, mammiferi acquatici, uccelli e rettili[18].
Valley of flowers uttaranchal full view.JPG Parchi nazionali del Nanda Devi e della Valle dei fiori Distretto di Chamoli, Distretto di Pithoragarh Naturale
(335; vii, x)
1988-2005 Immerso nell'Himalaya occidentale, il Parco nazionale della Valle dei fiori è rinomato per i suoi prati di fiori alpini endemici e per la straordinaria bellezza naturale. Questa zona riccamente diversificata ospita anche animali rari e in via di estinzione, tra cui l'orso nero asiatico, il leopardo delle nevi, l'orso bruno e la pecora blu. Il dolce paesaggio del Parco nazionale della Valle dei fiori completa l'aspra montagna selvaggia del Parco nazionale del Nanda Devi. Insieme racchiudono una zona di transizione unica tra le catene montuose dello Zanskar e del Grande Himalaya, elogiata da alpinisti e botanici per oltre un secolo e nella mitologia indù per molto più tempo[19].
Sanchi Stupa from Eastern gate, Madhya Pradesh.jpg Monumenti buddisti presso Sanchi Sanchi Culturale
(524; i, ii, iii, iv, vi)
1989 Su una collina che domina la pianura, il sito di Sanchi comprende un gruppo di monumenti buddisti (pilastri monolitici, palazzi, templi e monasteri) tutti in diversi stati di conservazione la maggior parte dei quali risale al II e I secolo a.C. È il più antico santuario buddista esistente ed è stato un importante centro buddista in India fino al XII secolo d.C.[20].
Humayun tomb.jpg Tomba di Humayun, Delhi Delhi Culturale
(232; ii, iv)
1993 Questa tomba, costruita nel 1570, è di particolare importanza culturale in quanto è stata la prima tomba-giardino del subcontinente indiano. Ha ispirato diverse importanti innovazioni architettoniche, culminate nella costruzione del Taj Mahal[21].
Qutub Minar and premises.jpg Qutb Minar e i suoi monumenti, Delhi Delhi Culturale
(233; iv)
1993 Costruita all'inizio del XIII secolo a pochi chilometri a sud di Delhi, la torre in arenaria rossa di Qutb Minar è alta 72,5 m, si assottiglia da 14,32 m di diametro alla sua base a 2,75 m al suo apice, e alterna scanalature angolari e arrotondate. L'area archeologica circostante contiene edifici funerari, in particolare la magnifica Porta Ala'i Darwaza, capolavoro dell'arte indo-musulmana (costruita nel 1311), e due moschee, tra cui la Quwwat al-Islām, la più antica dell'India settentrionale, costruita con materiali riutilizzato da circa 20 templi brahmanici[22].
KSR Train on a big bridge 05-02-12 71.jpeg Ferrovie di montagna dell'India Distretto di Darjeeling, Distretto di Jalpaiguri, Distretto dei Nilgiri, Distretto di Panchkula, Distretto di Shimla, Distretto di Solan Culturale
(944; ii, iv)
1999-2005-2008 Questo sito include tre ferrovie. La Darjeeling Himalayan Railway è stata il primo, ed è ancora il più eccezionale, esempio di ferrovia passeggeri in collina. Inaugurato nel 1881, il suo design applica soluzioni ingegneristiche audaci e ingegnose al problema di stabilire un collegamento ferroviario efficace attraverso un terreno montuoso di grande bellezza. La costruzione della Nilgiri Mountain Railway, una ferrovia a scartamento metrico lunga 46 km nello stato del Tamil Nadu, fu proposta per la prima volta nel 1854, ma a causa della difficoltà della posizione montuosa i lavori iniziarono solo nel 1891 e furono completati nel 1908. Questa ferrovia, con un dislivello da 326 m a 2 203 m, rappresentava l'ultima tecnologia dell'epoca. La ferrovia Kalka-Shimla, un collegamento ferroviario funzionante a binario unico lungo 96 km, costruito a metà del XIX secolo per fornire un servizio alla città di Shimla, sulle montagne, è emblematico degli sforzi tecnici e materiali per liberare le popolazioni di montagna attraverso la ferrovia. Tutte e tre le ferrovie sono ancora pienamente operative[23].
Mahabodhi Temple Complex, Bodhgaya (8717523500).jpg Complesso del Tempio di Mahabodhi presso Bodh Gaya Bodh Gaya Culturale
(1056; i, ii, iii, iv, vi)
2002 Il Complesso del Tempio di Mahabodhi è uno dei quattro luoghi sacri legati alla vita del Buddha, e in particolare al raggiungimento dell'Illuminazione. Il primo tempio fu costruito dall'imperatore Asoka nel III secolo a.C. e l'attuale tempio risale al V o VI secolo. È uno dei primi templi buddisti costruiti interamente in mattoni ancora in piedi in India, del tardo periodo Gupta[24].
Rock Shelter 8, Bhimbetka 02.jpg Rifugi rupestri di Bhimbetka Distretto di Raisen Culturale
(925; iii, v)
2003 I rifugi rupestri di Bhimbetka si trovano ai piedi dei monti Vindhya, all'estremità meridionale dell'altopiano centrale dell'India. All'interno di enormi affioramenti di arenaria, sopra una foresta relativamente densa, ci sono cinque gruppi di ripari naturali nella roccia, che mostrano dipinti che sembrano risalire dal periodo mesolitico fino al periodo storico. Le tradizioni culturali degli abitanti dei ventuno villaggi adiacenti al sito hanno una forte somiglianza con quelle rappresentate nelle pitture rupestri[25].
Chhatrapati Shivaji Terminus (Victoria Terminus).jpg Stazione Chhatrapati Shivaji (precedentemente stazione Victoria) Mumbai Culturale
(945; ii, iv)
2004 Il Chhatrapati Shivaji Terminus, precedentemente noto come Victoria Terminus Station, a Mumbai, è un eccezionale esempio di architettura neogotica vittoriana in India, mescolata con temi derivanti dall'architettura tradizionale indiana. L'edificio, progettato dall'architetto britannico Frederick William Stevens, divenne il simbolo di Bombay come "Città gotica" e il principale porto mercantile internazionale dell'India. La stazione è stata costruita in 10 anni, a partire dal 1878, secondo un design alto gotico vittoriano basato su modelli italiani del tardo medioevo. La sua notevole cupola in pietra, le torrette, gli archi a sesto acuto e l'eccentrica pianta del terreno si avvicinano all'architettura tradizionale dei palazzi indiani. È un eccezionale esempio dell'incontro di due culture, poiché gli architetti britannici hanno lavorato con gli artigiani indiani per includere la tradizione architettonica indiana e gli idiomi, forgiando così un nuovo stile unico[26].
Jama masjid in Champaner.JPG Parco archeologico Champaner-Pavagadh Distretto di Panchmahal Culturale
(1101; iii, iv, v, vi)
2004 Una concentrazione di beni archeologici, storici e del patrimonio culturale vivente in gran parte non scavati in un paesaggio impressionante che comprende siti preistorici (calcolitici), una fortezza collinare di un'antica capitale indù e resti della capitale del XVI secolo dello stato del Gujarat. Il sito comprende anche, tra le altre vestigia, fortificazioni, palazzi, edifici religiosi, quartieri residenziali, strutture agricole e impianti idrici, dall'VIII al XIV secolo. Il tempio di Kalikamata in cima alla collina di Pavagadh è considerato un importante santuario, che attrae un gran numero di pellegrini durante tutto l'anno. Il sito è l'unica città islamica pre-Mughal completa e invariata[27].
Red Fort in Delhi 03-2016 img3.jpg Complesso del Forte Rosso Delhi Culturale
(231; ii, iii, iv)
2007 Il complesso del Forte Rosso fu costruito come fortezza del palazzo di Shahjahanabad, la nuova capitale del quinto imperatore Mughal dell'India, Shah Jahan. Chiamato per le sue massicce mura di cinta in arenaria rossa, è adiacente a un forte più antico, il Salimgarh, costruito da Islam Shah Suri nel 1546, con il quale forma il Complesso del Forte Rosso. Gli appartamenti privati sono costituiti da una fila di padiglioni collegati da un canale d'acqua continuo, noto come Nahr-i-Behisht (flusso del paradiso). Il Forte Rosso è considerato rappresentare l'apice della creatività Mughal che, sotto Shah Jahan, fu portata a un nuovo livello di raffinatezza. La pianificazione del palazzo si basa su prototipi islamici, ma ogni padiglione rivela elementi architettonici tipici dell'edificio Mughal, riflettendo una fusione di tradizioni persiane, timuride e indù. La pianificazione innovativa e lo stile architettonico del Forte Rosso, compreso il design del giardino, hanno fortemente influenzato gli edifici e i giardini successivi nel Rajasthan, a Delhi, Agra e oltre[28].
Yantramandir01.jpg Jantar Mantar, Jaipur Jaipur Culturale
(1338; iii, iv)
2010 Il Jantar Mantar, a Jaipur, è un sito di osservazione astronomica costruito all'inizio del XVIII secolo. Comprende una serie di circa 20 strumenti fissi principali. Sono esempi monumentali in muratura di strumenti conosciuti ma che in molti casi hanno caratteristiche specifiche proprie. Progettati per l'osservazione di posizioni astronomiche ad occhio nudo, incarnano numerose innovazioni architettoniche e strumentali. Questo è il più significativo, il più completo e il meglio conservato degli osservatori storici dell'India. È un'espressione delle abilità astronomiche e dei concetti cosmologici della corte di un principe erudito alla fine del periodo Mughal[29].
Western-Ghats-Matheran.jpg Ghati occidentali Karnataka, Kerala, Maharashtra, Tamil Nadu Naturale
(1342; ix, x)
2012 Più antica delle montagne dell'Himalaya, la catena montuosa dei Ghati occidentali rappresenta caratteristiche geomorfiche di immensa importanza con processi biofisici ed ecologici unici. Gli ecosistemi forestali di alta montagna del sito influenzano il modello meteorologico dei monsoni indiani. Moderando il clima tropicale della regione, il sito presenta uno dei migliori esempi del sistema monsonico del pianeta. Ha anche un livello eccezionalmente alto di diversità biologica ed endemismo ed è riconosciuto come uno degli otto "punti caldi" della diversità biologica del mondo. Le foreste del sito includono alcuni dei migliori rappresentanti di foreste sempreverdi tropicali non equatoriali al mondo e ospitano almeno 325 specie di flora, fauna, uccelli, anfibi, rettili e pesci minacciati a livello globale[30].
Amber Fort (आमेर का किला ).jpg Fortezze collinari del Rajasthan Chittorgarh, Jaipur, Jaisalmer, Jhalawar, Kumbhalgarh, Sawai Madhopur Culturale
(247; ii, iii)
2013 Il sito seriale, situato nello stato del Rajasthan, comprende sei maestosi forti: Chittor, Kumbhalgarh, Ranthambore, Gagron, Amber e quello di Jaisalmer. L'architettura eclettica dei forti testimonia il potere degli stati principeschi Rajput che fiorirono nella regione dall'VIII al XVIII secolo. Racchiusi all'interno di mura difensive, includono i principali centri urbani, palazzi, centri commerciali e altri edifici tra cui templi che spesso precedono le fortificazioni all'interno delle quali si sviluppò un'elaborata cultura di corte che sostenne l'apprendimento, la musica e le arti. Alcuni dei centri urbani racchiusi nelle fortificazioni sono sopravvissuti, così come molti dei templi e altri edifici sacri del sito. I forti sfruttano le difese naturali offerte dal paesaggio: colline, deserti, fiumi e fitte foreste. Sono inoltre dotati di estese strutture di raccolta dell'acqua, in gran parte ancora in uso oggi[31].
Rani ki vav 02.jpg Rani ki vav (il pozzo a gradini della Regina) presso Patan, Gujarat Patan Culturale
(922; i, iv)
2014 Rani-ki-Vav, sulle rive del fiume Saraswati, fu inizialmente costruito come memoriale di un re nell'XI secolo d.C. I pozzi a gradini sono una forma distintiva di risorse idriche sotterranee e sistemi di stoccaggio nel subcontinente indiano e sono stati costruiti dal III millennio a.C. Rani-ki-Vav è stato costruito all'apice dell'abilità degli artigiani nella costruzione di pozzi a gradini e dello stile architettonico Maru-Gurjara, riflettendo la padronanza di questa tecnica complessa e la grande bellezza dei dettagli e delle proporzioni. Progettato come un tempio rovesciato che mette in risalto la santità dell'acqua, è diviso in sette livelli di scale con pannelli scultorei di alta qualità artistica; più di 500 sculture principali e oltre mille minori combinano immagini religiose, mitologiche e secolari, facendo spesso riferimento a opere letterarie. Il quarto livello è il più profondo e immette in una vasca rettangolare a una profondità di 23 m[32].
Great Himalayan National Park Mountain View.jpg Area di conservazione del Parco nazionale di Great Himalayan Distretto di Kullu Naturale
(1406; x)
2014 Questo Parco nazionale nella parte occidentale delle montagne dell'Himalaya, nello stato dell'Himachal Pradesh, è caratterizzato da alte vette alpine, prati alpini e foreste fluviali. Il sito di 90 540 ettari comprende le sorgenti di acque glaciali e di disgelo della montagna superiore di diversi fiumi e i bacini di approvvigionamento idrico che sono vitali per milioni di persone a valle. Il parco protegge le foreste colpite dai monsoni e i prati alpini delle catene frontali dell'Himalaya. Fa parte del punto caldo della biodiversità dell'Himalaya e comprende venticinque tipi di foresta insieme a un ricco insieme di specie faunistiche, molte delle quali sono minacciate[33].
Secretariat Chandigarh.jpg L'opera architettonica di Le Corbusier, un contributo eccezionale al Movimento Moderno Chandigarh
(altri 16 sono in Argentina Argentina, Belgio Belgio, Francia Francia, Germania Germania, Giappone Giappone e Svizzera Svizzera)
Culturale
(1321; i, ii, vi)
2016 Scelti dall'opera di Le Corbusier, i 17 siti che compongono questa proprietà seriale transnazionale sono distribuiti in sette paesi e sono una testimonianza dell'invenzione di un nuovo linguaggio architettonico che ha rotto con il passato. Furono costruiti nell'arco di mezzo secolo, nel corso di quella che Le Corbusier definì "ricerca paziente" e riflettono le soluzioni che il Movimento Moderno ha cercato di applicare durante il XX secolo alle sfide di inventare nuove tecniche architettoniche per rispondere ai bisogni della società. Questi capolavori di genio creativo attestano anche l'internazionalizzazione della pratica architettonica in tutto il pianeta. Il sito indiano della serie comprende il piano urbanistico e gli edifici originari della città di Chandigarh[34].
Nalanda University India ruins.jpg Sito archeologico di Nālandā Mahavihara presso Nālandā, Bihar Distretto di Nalanda Culturale
(1502; iv, vi)
2016 Il sito di Nālandā Mahavihara comprende i resti archeologici di un'istituzione monastica e scolastica databili dal III secolo a.C. al XIII secolo d.C. Comprende stupa, santuari, vihara (edifici residenziali ed educativi) e importanti opere d'arte in stucco, pietra e metallo. Nālandā si distingue come la più antica università del subcontinente indiano. Si impegnò nella trasmissione organizzata della conoscenza per un periodo ininterrotto di 800 anni. Lo sviluppo storico del sito testimonia lo sviluppo del buddismo in una religione e il fiorire di tradizioni monastiche ed educative[35].
Kangch-Goechala.jpg Parco nazionale di Khangchendzonga Distretto del Sikkim Settentrionale Misto
(1513; iii, vi, vii, x)
2016 Situato nel cuore della catena himalayana, il Parco nazionale di Khangchendzonga comprende una varietà unica di pianure, valli, laghi, ghiacciai e spettacolari montagne innevate ricoperte da antiche foreste, tra cui la terza più alta del mondo picco, il monte Khangchendzonga. Storie mitologiche sono associate a questa montagna e a un gran numero di elementi naturali (grotte, fiumi, laghi, ecc.) che sono oggetto di culto da parte delle popolazioni indigene del Sikkim. I significati sacri di queste storie e pratiche sono stati integrati con le credenze buddiste e costituiscono la base dell'identità sikkimese[36].
Teen Darwaja (Three Gates) Ahmedabad.jpg Città storica di Ahmadabad Ahmedabad Culturale
(1551; ii, v)
2017 La città fortificata di Ahmadabad, fondata dal sultano Ahmad Shah nel XV secolo, sulla sponda orientale del fiume Sabarmati, presenta un ricco patrimonio architettonico del periodo del sultanato, in particolare la cittadella di Bhadra, le mura e le porte della città e numerose moschee e tombe, nonché importanti templi indù e giainisti di epoche successive. Il tessuto urbano è costituito da case tradizionali densamente popolate (pol) in strade tradizionali recintate (pura) con elementi caratteristici come mangiatoie per uccelli, pozzi pubblici e istituzioni religiose. La città ha continuato a prosperare come capitale dello stato del Gujarat per sei secoli, fino ai giorni nostri[37].
Mumbai 03-2016 40 Bombay High Court.jpg Complessi gotico-vittoriani e art-déco di Mumbai Mumbai Culturale
(1480; ii, iv)
2018 Divenuta un centro commerciale globale, la città di Mumbai attuò un ambizioso progetto urbanistico nella seconda metà del XIX secolo, che ha portato alla costruzione di complessi di edifici pubblici che costeggiano lo spazio aperto dell'Oval Maidan, prima in stile neogotico vittoriano e poi, all'inizio del XX secolo, in forme Art déco. Il complesso vittoriano comprende elementi indiani adatti al clima, inclusi balconi e verande. Gli edifici Art déco, con i loro cinema e gli edifici residenziali, fondono il design indiano con l'immaginario art déco, creando uno stile unico che è stato descritto come "Indo-Déco". Questi due gruppi di edifici testimoniano le fasi di modernizzazione che Mumbai ha subito nel corso dei secoli XIX e XX[38].
Jaipur 03-2016 22 City Palace complex.jpg Città di Jaipur, Rajasthan Jaipur Culturale
(1605; ii, iv, vi)
2019 La città fortificata di Jaipur, nel Rajasthan, è stata fondata nel 1727 da Sawai Jai Singh II. A differenza di altre città della regione situate in un terreno collinare, Jaipur è stata fondata in pianura e costruita secondo un piano a griglia interpretato alla luce dell'architettura vedica. Le strade sono caratterizzate da attività commerciali lungo colonnati continui che si intersecano nel centro, creando grandi piazze pubbliche chiamate chaupar. Mercati, negozi, residenze e templi costruiti lungo le vie principali hanno facciate uniformi. La pianificazione urbana della città mostra uno scambio di idee dall'antica cultura indù e dall'inizio di quella moderna Mughal, nonché dalle culture occidentali. Il piano a griglia è un modello prevalente in Occidente, mentre l'organizzazione dei diversi settori della città (chowkri) si rifà ai concetti tradizionali indù. Progettata per essere una capitale commerciale, la città ha mantenuto fino ad oggi le sue tradizioni commerciali, artigianali e cooperative locali[39].
Ramappa Temple (Human Scale).jpg Tempio kakatiya di Rudreshwara (Ramappa), Telangana Palampet Culturale
(1570; i, iii)
2021 Rudreshwara, popolarmente conosciuto come Tempio di Ramappa, è il principale tempio di Shiva in un complesso murato costruito durante il periodo dei Kakatiya (1123–1323 d.C.) sotto i governanti Rudradeva e Recharla Rudra. La costruzione del tempio in arenaria iniziò nel 1213 e si ritiene che sia continuata per circa 40 anni. L'edificio presenta travi e pilastri decorati in granito scolpito e dolerite con un caratteristico vimana piramidale (torre a gradoni orizzontali) realizzato con mattoni leggeri porosi, i cosiddetti "mattoni galleggianti", che riducevano il peso delle strutture del tetto. Le sculture di alta qualità artistica del tempio illustrano i costumi della danza regionale e la cultura kakatiya. Situato ai piedi di un'area boschiva e tra campi agricoli, vicino alle rive del Ramappa Cheruvu, un serbatoio d'acqua costruito dai Kakatiya, la scelta dell'ambientazione per l'edificio ha seguito l'ideologia e la pratica sancita nei testi dharmici secondo cui i templi devono essere costruiti per formare parte integrante di un ambiente naturale, comprendente colline, foreste, sorgenti, torrenti, laghi, bacini idrografici e terreni agricoli[40].
DHOLAVIRA SITE (24).jpg Dholavira: una città harappana Khadirbet Culturale
(1645; iii, iv)
2021 L'antica città di Dholavira, il centro meridionale della civiltà di Harappa, si trova sull'arida isola di Khadir nel Gujarat. Occupato tra il 3000 e il 1500 a.C., il sito archeologico comprende una città fortificata e un cimitero. Due corsi d'acqua stagionali fornivano l'acqua alla città murata che comprende un castello massicciamente fortificato e un luogo cerimoniale, nonché strade e case di diversa qualità e proporzione che testimoniano un ordine sociale stratificato. Un sofisticato sistema di gestione dell'acqua dimostra l'ingegnosità del popolo di Dholavira nella sua lotta per sopravvivere e prosperare in un ambiente ostile. Il sito comprende un grande cimitero con cenotafi di sei tipi che testimoniano la visione unica della morte degli Harappani. Laboratori di lavorazione delle perline e di manufatti di vario genere come rame, conchiglia, pietra, gioielli di pietre semipreziose, terracotta, oro, avorio e altri materiali sono stati trovati durante gli scavi archeologici del sito, esibendo le conquiste artistiche e tecnologiche di quella cultura. Sono state scoperte anche prove del commercio interregionale con altre città harappane, nonché con le città della Mesopotamia e della penisola dell'Oman[41].

Siti candidati[modifica | modifica wikitesto]

Foto Sito Luogo Tipo Anno Descrizione
Bishnupur Cluster of Temples.jpg Templi presso Bishnupur Bishnupur Culturale
(1087)
03/07/1998 Costruiti in mattoni e anche in laterite, i templi di Bishnupur sono per lo più di tipo Eka-Ratna con un'unica torre su un tetto spiovente e una cella quadrata (Garbhagriha) fiancheggiata da un portico su ogni lato con tre archi a più cuspidi (cioè Lalji, Kalachand, Radhashyam, Jormandir e Nandalal). Oltre a questi ce ne sono alcuni con più torri di tipo Pancha Ratna (Shyam Rai). Il tempio Jor-Bangla (1655) ha un carattere distintivo con due strutture dochala unite da un Charchala Sikhara nella parte superiore. Il Rasmancha (1600) rappresenta uno stile architettonico singolare con un tetto piramidale che poggia su un ampio basamento in laterite. Il santuario è racchiuso da tre successive gallerie circumambulatoriali[42].
Mattancherry Palace DSC 0899.JPG Palazzo di Mattancherry, Ernakulam, Kerala Kochi Culturale
(1092)
03/07/1998 Il Palazzo di Mattancherry fu costruito intorno al 1555 d.C. dai portoghesi. Si tratta di un edificio quadrangolare a due ordini composto da lunghi e spaziosi saloni. Il cortile centrale aperto custodisce la divinità tutelare della famiglia reale Pazhayannur Bhagwati. Il piano superiore è costituito da una sala dell'incoronazione, una camera da letto nota come camera del Ramayana, una sala da pranzo, una sala delle assemblee e la scala. C'è anche una camera tra il primo piano e il piano terra usata come "harem" dai sovrani[43].
Jahaz Mahal 10.jpg Gruppo di monumenti presso Mandu, Madhya Pradesh Mandav Culturale
(1095)
03/07/1998 Il gruppo di monumenti di Mandu include 61 monumenti protetti e dichiarati di importanza nazionale tra cui le mura fortificate. I più significativi sono le grotte e i templi (Grotte di Lohani e Templi Saiva), la Moschea di Dilawar Khan, il Hindola Mahal, il Jahaz Mahal, la Tomba di Hoshang Shah, la Jami Masjid, la Madrasa o Ashrafi Mahal, la Moschea di Malik Mughith, il Dai-Ki-Chhoti Bahen-Ka-Mahal, il Palazzo Baz-Bahadurts, il Padiglione di Rupmati e la Tomba di Darya Khan[44].
Sarnath1.jpg Antico sito buddista, Sarnath, Varanasi, Uttar Pradesh Distretto di Varanasi Culturale
(1096)
03/07/1998 I monumenti di Sarnath si possono dividere in due gruppi: il gruppo A comprende lo Stupa di Chaukhandi e il gruppo B tutti gli altri monumenti, come ad esempio stupa, monasteri, templi, ecc. Lo Stupa di Chaukhandi è un'alta struttura in mattoni coronata da una torre ottagonale. La torre ottagonale è un monumento Moghul costruito da Goverdhan, figlio di Raja Todar Mal nel 1588 d.C. per commemorare la visita di Humayun in questo luogo. Il secondo gruppo che contiene resti di diversi stupa, monasteri e pilastri di Ashoka è costruito in mattoni e pietra e databile al III secolo a.C. al XII secolo d.C., costituisce il segmento maggiore del sito. Il pilastro di Ashoka, lo Stupa Dharamrajika, lo Stupa Dhamek, i resti del tempio e una serie di monasteri e stupa votivi sono i resti più importanti del sito[45].
Hamandir Sahib (Golden Temple).jpg Sri Harimandir Sahib, Amritsar, Punjab Amritsar Culturale
(1858; iii, iv, vi)
05/01/2004 La parola "Sikh" deriva dalla parola sanscrita sishya che significa discepolo/devoto seguace. Lo stesso principio di partecipazione universale è esteso alla progettazione e realizzazione del complesso. Al centro dell'Amrit-sass ("pozza di nettare") c'è l'Harimandir (sanctum sanctorum), che è collegato tramite la strada rialzata al Darshini Deori. La sua posizione al centro della piscina simboleggia la sintesi di nirgun e sargun, i regni spirituali e temporali dell'esistenza umana. L'intero edificio, compresa la facciata esterna, è riccamente decorato con motivi floreali intarsiati in marmo, dipinti a tempera o sbalzati in metallo[46].
Majuli Island.jpg Isola fluviale di Majuli nel corso centrale del fiume Brahmaputra in Assam Distretto di Majuli Culturale
(1870; ii, iii, v, vi)
02/03/2004 L'isola di Majuli si trova in un delta fluviale interno, un evento geografico unico e un risultato delle dinamiche del vasto sistema fluviale del Brahmaputra. Ci sono un totale di 30 Sattra a Majuli, molti dei quali si trovano sulla terraferma, pochi sono nelle aree di Chapori, con una regione d'influenza spirituale distinta. Questi villaggi sattra e altri insediamenti vernacolari ospitano persone di varie origini etniche come Mising, Deori, Sonowal Kachari, Koch, Kaivartta e Nath. Gli insediamenti hanno caratteristiche e tipologie edilizie proprie. Tutti questi insediamenti sono intervallati dal paesaggio naturale unico con un'ampia varietà di corpi idrici e boschetti che ospitano la flora e la fauna uniche dell'isola. La comprensione dei sistemi di questo fenomeno naturale da parte delle popolazioni locali è completa ed esibita nei sistemi di conoscenza locali e la nomenclatura di ogni componente naturale del paesaggio si è evoluta nel corso del tempo[47].
Landscape Namdapha Deban P1120001 06.jpg Parco nazionale di Namdapha Distretto di Changlang Naturale
(2104; vii, ix, x)
15/03/2006 Tra le ultime grandi aree remote e selvagge dell'Asia, Namdapha e le sue aree adiacenti sono fiancheggiata dalle colline del Patkai a sud e sud-est e dall'Himalaya a nord. Le foreste continuano oltre il confine con il Myanmar, con diverse aree protette adiacenti, tra cui l'enorme Riserva delle tigri della valle di Hukawng. L'intera area è montuosa e comprende il bacino del fiume Noa-Dihing, un affluente del grande fiume Brahmaputra che scorre verso ovest attraverso il centro di Namdapha. Numerosi torrenti sfociano nel Noa-Dihing e nella zona sono abbondanti gli stagni forestali e le lagune salate naturali. Il parco si estende su un'ampia gamma altitudinale da 200 m a 4571 m a Dapha Bum, il punto più alto del parco. Il terreno è ripido e impervio; le aree interne e superiori non sono state esplorate, tranne che dai cacciatori delle comunità locali[48].
IndianWildAss.jpg Santuario dell'Asino selvatico, Piccolo Rann di Kutch Distretto del Kutch Naturale
(2105; x)
15/03/2006 Il Santuario dell'asino selvatico si trova nel Piccolo Rann di Kutch e copre un'area di 4 954 km². Il Santuario prende il nome da una sottospecie di asino selvatico (Equus hemionus khur), la cui ultima popolazione trova rifugio nel suo territorio. Il Rann è uno dei paesaggi più straordinari e unici del suo genere in tutto il mondo: è una vasta superficie nuda essiccata e ininterrotta di limo scuro, incrostata di sali che si trasforma in una spettacolare zona umida costiera dopo le piogge[49].
Neora Valley National Park, Kurseong.jpg Parco nazionale di Neora Valley Distretto di Kalimpong Naturale
(5447; vii, x)
26/05/2009 Il Parco nazionale della Valle di Neora, copre un'area totale di 88 km² ed è composto da un lembo compatto di foresta vergine, ricco di biodiversità situato nell'Himalaya orientale, un "punto caldo della biodiversità" globale. Il Parco è unico ed ecologicamente importante in quanto comprende una zona relativamente inaccessibile di foreste di successione tardiva con una ricca diversità e un'ampia gamma di gradienti ambientali da 183 m a 3200 m. Le foreste temperate nella Neora Valley che si trovano ad altitudini dove l'umidità tende a condensarsi e a rimanere nell'aria durante la stagione calda e umida sono tra le foreste temperate più spettacolari e ricche di specie del mondo[50].
A view on Sams sand dunes.JPG Parco nazionale del Deserto Distretto di Barmer, Distretto di Jaisalmer Naturale
(5448; vii, viii, x)
26/05/2009 Il deserto del Thar, sebbene sia uno dei deserti più piccoli del mondo, ospita una vasta gamma di specie di flora e fauna. È l'unico posto dove si trovano naturalmente l'otarda maggiore indiana, la gazzella indiana, la Prosopis cineraria e la Tecomella undulata, rispettivamente uccello, animale, albero e fiore di stato del Rajasthan. Il deserto del Thar mostra elementi paleartici, orientali e sahariani ed è un eccezionale esempio di storia geologica che rappresenta le diverse fasi dell'evoluzione. Ha anche testimonianze fossili risalenti al periodo giurassico che indicano clima caldo e umido caratterizzato da fitte foreste[51].
Vikramshila stupa.jpg Siti della Via della Seta in India Aonla, Delhi, Distretto di Bhagalpur, Distretto di Fatehgarh Sahib, Distretto di Kaushambi, Distretto di Nagapattinam, Distretto di Pondicherry, Distretto di Shravasti, Distretto di Vaishali, Divisione del Kashmir, Kushinagar, Nalasopara Culturale
(5492; ii, iii, vi)
20/01/2010 L'India era ben collegata con la Via della Seta da tre probabili corridoi: il primo percorso era via Srinagar, Gilgit e la catena del Karakoram, un altro transitava per Purushapur e l'ultimo era via Hadda, Kapisa, Bamiyan e infine si univa alla Via della Seta vicino a Balkh. Le rotte sopra menzionate erano utilizzate dagli indiani e dai viaggiatori stranieri per il commercio e il pellegrinaggio. Un altro importante percorso collegato alla Via della Seta dall'Uttrapatha attraverso lo Yunnan e la Birmania. Questa rotta era utilizzata per il commercio con la Cina sudoccidentale. Di questi percorsi restano diverse testimonianze e dodici siti sono stati selezionati per questa candidatura: le rovine dell'antica Vaiśālī, i resti dell'antica università Vikramashila, i resti buddisti presso Kushinagar, Sāvatthī, Kosambi, Ahichchhatra, il sito antico e lo stupa buddista di Sanghol, Arikamedu, i resti di Kavaripattnam, l'antico monastero e stupa di Harwan, Burud Kot (o Stupa di Nalla Sopara) e Indraprastha[52].
Santiniketan Prayer Hall.jpg Santiniketan Bolpur Culturale
(5495; ii, iii, vi)
20/01/2010 Fondata da Debendranath Tagore nel 1901 nell'entroterra rurale del Bengala, Santiniketan rappresenta il distillato della vita, della filosofia e delle più grandi opere di Rabindranath Tagore durante la sua vita e l'eredità continua del suo modello unico di istruzione e internazionalismo attraverso un'istituzione viva e un insieme architettonico. La scuola di Santiniketan era un alberello che crebbe fino a diventare l'albero ampiamente ramificato dell'Università Visva-Bharati. L'ambientazione architettonica e paesaggistica di Santiniketan incarna la visione di Tagore di un'espressione architettonica eclettica che era una fusione di diverse tradizioni culturali in un paesaggio che ha costituito lo sfondo per una traduzione letterale di "Santiniketan" come dimora di pace[53].
Golconda fort.jpg Monumenti dei Qutb Shahi di Hyderabad: Forte di Golconda, Tombe dei Qutb Shahi, Charminar Hyderabad Culturale
(5573; i, ii, iii, iv)
10/09/2010 I monumenti dei Qutb Shahi sono i monumenti più antichi e significativi delle città gemelle di Golconda e Hyderabad, successive capitali del Sultanato islamico dei Qutb Shahi (1518-1687). Leggendario centro del commercio dei diamanti, Golconda era una città fortificata medievale completa di funzioni residenziali, militari e di corte. Il complesso delle tombe dei Qutb Shahi era una grande necropoli reale nel caratteristico stile architettonico dei Qutb Shahi. Man mano che la corte cresceva oltre i confini del forte di Golconda, fu fondata la metropoli di Hyderabad con il monumentale Charminar al centro come simbolo del grande millennio islamico[54].
Pari Mahal3.jpg Giardini moghul nel Kashmir Achabal, Duru-Verinag, Srinagar Culturale
(5580; i, ii, iv)
13/12/2010 Tutti i sei giardini candidati sono generalmente classificati come tardi giardini moghul, che si sono evoluti dai loro primi prototipi come i giardini della tomba di Humayun e, oltre ad essere di eccezionale bellezza, sono insostituibili per la comprensione dell'evoluzione e del culmine del giardino moghul. Inoltre i giardini di Nishat Bagh, Shalimar, Achabal, Chashme Shahi, Pari Mahal e Verinag dimostrano anche le eccellenti capacità ingegneristiche dei Moghul nell'uso ottimale della difficile topografia e dell'abbondante fornitura di acqua nella disposizione di questi giardini di piacere nei siti appositamente scelti. L'uso delle terrazze come passerelle rialzate (khayaban) e i numerosi chadar a cascata sono le caratteristiche chiave della topografia nei giardini moghul del Kashmir. I giardini di Nishat, Shalimar, Chasma Shahi e Pari Mahal vicino a Srinagar dimostrano anche un'eccezionale ingegnosità nella creazione di collegamenti fisici e visivi con il Lago Dal e altri luoghi monumentali[55].
Adham Khan tomb, Mehrauli, Delhi.jpg Delhi - una città patrimonio Delhi Culturale
(5743; ii, v, vi)
22/05/2012 Delhi è senza dubbio una città di rilievo e importanza internazionale. L'aura grandiosa di Delhi risale a molti secoli fa e il suo eccezionale valore universale deriva dal fatto che era la capitale di regni importanti e spesso imperi subcontinentali, che in molti modi hanno facilitato lo sviluppo di una sintesi culturale che fiorì in una forma matura e sofisticata e a sua volta esercitò un'influenza su un'ampia area geografica. La candidatura si riferisce al paesaggio urbano storico sopravvissuto di Delhi e comprende i quattro quartieri di Mehrauli, Nizamuddin, Shahjahanabad e Nuova Delhi che conservano un eccezionale valore universale[56].
Gateway to Bidar fort.jpg Monumenti e forti del Sultanato del Deccan Bidar, Bijapur, Gulbarga, Hyderabad Culturale
(5887; ii, iii)
15/04/2014 Il contributo del Sultanato del Deccan alle arti e all'architettura dell'India è impressionante con i monumenti iconici indo-islamici costruiti a Gulbarga, Bidar, Bijapur e Hyderabad. Gulbarga si è evoluta come la prima capitale dei regni Bahmani nella metà del XIV secolo d.C. comprese le sue imponenti fortificazioni, la Jami Masjid e le tombe reali; Bidar è stata la successiva capitale Bahmani nella metà del XV secolo d.C.; un'ulteriore evoluzione dello stile del Sultanato del Deccan si è avuto con la dinastia ʿĀdil Shāhī nei monumenti di Bijapur come il Gol Gumbaz che si erge come la seconda cupola più grande del mondo; infine la diversificazione finale e la manifestazione dello stile si osserva nei monumenti dei Qutb Shahi del forte di Golconda, nelle tombe reali e nel Charminar a Hyderabad[57].
Front View of Cellular Jail, Port Blair.JPG Cellular Jail, Isole Andamane Port Blair Culturale
(5888; iv, vi)
15/04/2014 Cellular Jail è stata costruita durante la fase della storia indiana in cui era in aumento il malcontento contro il dominio britannico, evidente attraverso i vari movimenti civili in tutta l'India. I governanti coloniali tentavano disperatamente di sopprimere lo spirito di libertà, facendo ricorso a sistemi penali che hanno comportato il completo isolamento dei prigionieri in un'area remota come le isole Andamane insieme all'impiego di brutali torture fisiche e punizioni come uno dei modi per reprimere queste rivolte. Questo isolamento gli uni dagli altri e dalla terraferma aveva lo scopo di reprimere i sentimenti nazionalisti tra i prigionieri e le persone che si ribellavano nell'India continentale[58].
20160629 044228800 iOS.jpg Gruppi iconici di tessiture di sari dell'India Bhoodan Pochampally, Chanderi, Choutuppal, Mubarakpur, Paithan, Sualkuchi, Varanasi, Yevla Culturale
(5890; iii, v)
15/04/2014 L'artigianato dei sari non si limita solo al prodotto finale ma anche influenza anche lo spazio in cui vengono prodotti. Le case degli artigiani sono un esempio di architettura vernacolare, evolutasi in un ampio arco di tempo. Il piano della casa di un tessitore si è sviluppato dalle esigenze di sostentamento degli abitanti. Costruiti con materiali locali e tecnologia disponibile, soddisfano adeguatamente le esigenze degli artigiani. Questa candidatura seriale pan-indiana comprende otto siti in cinque stati e si concentra sugli elementi tangibili dei gruppi di tessiture indipendentemente dalla popolarità del sari prodotto[59].
A cross section of luch green valley of Ziro.jpg Paesaggio culturale degli Apatani Ziro Culturale
(5893; iii, v)
15/04/2014 Circondata da dolci colline blu e topograficamente isolata dal resto degli abitati della regione, la Valle di Ziro rappresenta un esempio di come la convivenza tra uomo e natura sia stata perfezionata nel corso dei secoli dalla civiltà degli Apatani. La valle si trova nascosta nelle catene più basse dell'Himalaya orientale, nello stato dell'Arunachal Pradesh. Gli Apatani sono noti per il loro uso giudizioso di un territorio limitato che si è evoluto grazie a una sperimentazione secolare. Ci sono aree separate per l'insediamento umano, la coltivazione irrigua del riso, la coltivazione a secco, cimiteri comunitari, giardini di pini e bambù, piantagioni private e foreste comunitarie[60].
Aerial view of Sri Rangam temple near Tiruchirapalli 1.jpg Tempio di Sri Ranganathaswamy, Srirangam Tiruchirappalli Culturale
(5894; i, ii, iii, v)
15/04/2014 Il tempio di Sri Ranganathaswamy è uno dei templi visnuiti più illustri del paese, dedicato a Ranganatha, una forma sdraiata della divinità indù, Bhagwan (Dio o Signore) Visnù. Situato in un ambiente etereo sull'isola di Srirangam che è delimitata dai due fiumi Kaveri e il suo affluente Kollidam, questo tempio vivente e sacro centro di pellegrinaggio è considerato il primo e il più importante tra i 108 Divya Desam dedicati a Visnù[61].
Srirangapatnam Light and Sound Show near Old Fort wall.jpg Monumenti della città insulare di Shrirangapattana Shrirangapattana Culturale
(5895; i, ii, iii, iv)
15/04/2014 Sebbene Shrirangapattana sia un centro di grande importanza storica, religiosa e culturale e uno dei più importanti centri di pellegrinaggio nel sud dell'India, il suo valore risiede nella rappresentazione di diverse fasi di sviluppo dell'architettura militare nelle tradizioni indù e islamiche che vanno dall'Impero Hoysala, all'Impero di Vijayanagara e al periodo successivo fino alle tradizioni islamiche introdotte nel periodo di Hyder Ali e Tippu Sultan. Questo forte fu soggiogato solo quattro volte: due volte dai re di Vijayanagara e poi dagli inglesi, a seguito di un assedio. Questo fatto indica l'inespugnabilità del forte. È l'ultimo barlume dell'architettura di difesa dell'India meridionale[62].
Chilika Lake in summer.jpg Lago Chilika Distretto di Ganjam, Distretto di Khordha, Distretto di Puri Naturale
(5896; ix, x)
15/04/2014 Il lago Chilika è il più grande lago di acqua salmastra a carattere di estuario che si estende lungo la costa orientale dell'India. È considerato la più grande laguna dell'India ed è annoverato tra le più grandi lagune del mondo. È il più grande sito di svernamento per uccelli acquatici migratori nel subcontinente indiano. È uno dei punti caldi della biodiversità nel paese e alcune specie rare, vulnerabili e in via di estinzione abitano nell'area del lago per almeno parte del loro ciclo di vita[63].
Padmanabhapuram Palace 5.jpg Palazzo di Padmanabhapuram Padmanabhapuram Culturale
(5897; iii, iv)
15/04/2014 Il Palazzo di Padmanabhapuram è un notevole palazzo in legno del XVI secolo d.C. già residenza dei Maharaja di Travancore (dal 1550 al 1750). Ricco di intricate sculture in legno e dipinti parietali decorati, il Palazzo è un eccezionale esempio di tecniche di costruzione e artigianato in legno indigeni, uno stile senza pari al mondo e basato sul sistema di costruzione storico, chiamato Taccusastra (la scienza della falegnameria), unico in questa regione[64].
Belur Panorama.JPG Complessi sacri dell'Impero Hoysala Belur, Halebidu Culturale
(5898; ii, iii, vi)
15/04/2014 L'era Hoysala ha contribuito enormemente allo sviluppo di diversi campi creativi, nonché del pensiero spirituale e umanistico. Durante il loro regno, gli Hoysala costruirono più di 1500 templi in tutto il loro impero, di cui oggi sopravvivono solo poco più di 100. Gli storici dell'arte riconoscono che l'arte scultorea eccezionalmente intricata del tempio di Chennakeshava a Belur e del tempio di Hoysaleśwara a Halebidu sono tra i capolavori dell'arte dell'Asia meridionale, rendendo il nome degli Hoysala sinonimo di grande realizzazione artistica[65].
GANDHI ASHRAM 03.jpg Siti della satyagraha, movimento di liberazione non-violento dell'India 22 componenti Culturale
(5899; iv, vi)
15/04/2014 La serie contiene siti associati al movimento per la libertà non violento dell'India, un esempio raro e notevole di emancipazione politica raggiunta durante la prima metà del XX secolo che è diventato il modello per le resistenze civili in tutto il mondo. In consonanza con la filosofia gandhiana della nonviolenza, sono stati identificati due tipi di siti da associare al movimento Satyagraha. I primi sono gli Ashram istituiti dal Mahatma Gandhi che fungevano da centri di formazione per l'indottrinamento dei principi e degli istinti della nonviolenza, o Satyagraha. I secondi includono i siti più rappresentativi del significato storico e dei mezzi non violenti di agitazione civile di massa contro il opprimente dominio britannico in cui è stato condotto il movimento politico della Satyagraha[66].
Thembang arial view.jpg Villaggio fortificato di Thembang Distretto del Kameng Occidentale Culturale
(5913; ii, iii, v)
15/04/2014 Thembang, l'insediamento dei Monpa, è un villaggio all'interno di un'area fortificata di circa 3,2 acri. Ospita diverse strutture antiche e storiche e ha attirato l'interesse per lo Dzong fortificato costruito utilizzando la tecnologia tradizionale della regione. A causa della ricchezza delle strutture del patrimonio trovate nel villaggio, la gente del posto considera il villaggio di Thembang stesso come un monumento[67].
Narcondam island.jpg Isola di Narcondam Distretto di Andaman Settentrionale e Centrale Naturale
(5914; viii, ix, x)
15/04/2014 Narcondam è un'isola oceanica di origine vulcanica di 6,8 km² situata nelle Isole Andamane, nel Golfo del Bengala. Narcondam è unica per la presenza dell'endemico bucero di Narcondam (Rhyticeros narcondami), che si trova solo qui. Questo bucero ha la dimansione più piccola tra le 31 specie di buceri asiatici. La specie è riconosciuta come in pericolo nella Lista Rossa dell'IUCN[68].
Maidams (N-AS-24).jpg Moidam - il sistema di tumuli sepolcrali della dinastia Ahom Distretto di Charaideo Culturale
(5915; v)
15/04/2014 Charaideo, ai piedi della catena di Patkai, è stata la prima capitale e il luogo più venerato dei Tai Ahom. Credendo che i loro re fossero dei sulla terra, gli Ahom scelsero di seppellire i reali defunti a Charaideo, il nucleo più sacro del loro regno. La continuità di questo rito funebre per oltre 600 anni si è manifestata nella creazione di un paesaggio ondulato, che ricorda le montagne del cielo e riflette la credenza di questo popolo sulla vita, sulla morte, nello spirito e nell'"altro mondo". I Moidam di Charaideo rimangono l'area dove esiste la più grande concentrazione di queste camere sepolcrali a tumulo a volta, un grande sito di sepoltura reale unico per la dinastia Ahom[69].
Mukteshvara Temple, Bhubaneswar.jpg Ekamra Kshetra - la città dei templi, Bhubaneswar Bhubaneswar Culturale
(5916; i, ii, iii)
15/04/2014 È raro trovare un numero così elevato di monumenti antichi in un solo posto, come a Ekamra Kshetra. Soprannominata la "Città dei Templi" grazie ai 700 templi che un tempo vi sorgevano, ne vanta ancora un gruppo notevole, che costituisce un campionario completo dell'architettura Kalinga quasi dalla sua nascita al suo culmine con il Tempio di Lingaraj, descritto come "uno dei migliori esempi di tempio puramente indù in India" dallo storico dell'architettura James Ferugsson. Insieme ad altri componenti come corpi idrici, la griglia stradale e la zonizzazione urbana, Ekamra Kshetra è un eccezionale esempio di pianificazione urbana indù basata sull'applicazione del concetto di Mandala[70].
Insediamento neolitico di Burzahom Distretto di Srinagar Culturale
(5917; ii, iii, v)
15/04/2014 Il sito neolitico di Burzahom porta alla luce le transizioni nei modelli di abitazione umana dal periodo neolitico al periodo megalitico fino al primo periodo storico. Dalla transizione nell'architettura allo sviluppo delle tecniche di fabbricazione degli utensili all'introduzione e diffusione della lenticchia nell'India nord-occidentale, il sito di Burzahom narra in maniera unica e completa la vita tra il 3000 e il 1000 a.C.[71].
The drainage system at Lothal 2.JPG Resti archeologici di una città portuale harappana, Lothal Dholka Culturale
(5918; v)
15/04/2014 Il sito di Lothal è l'unica città portuale della Civiltà della valle dell'Indo. La metropoli, divisa in una città alta e una città bassa, aveva nel suo lato settentrionale un bacino con mura verticali, canali di ingresso e di uscita che è stato identificato come un arsenale di marea. L'immagine satellitare mostra che il canale del fiume, ora prosciugato, avrebbe portato un notevole volume d'acqua durante l'alta marea che avrebbe riempito il bacino e facilitato la navigazione delle barche a monte. I resti di ancore in pietra, conchiglie marine, sigilli che fanno risalire la loro origine nel Golfo Persico insieme alla struttura identificata come magazzino aiutano ulteriormente la comprensione del funzionamento del porto di Lothal[72].
Kangra Valley train.jpg Ferrovie di montagna dell'India (estensione) Distretto di Kangra, Distretto di Mandi, Distretto di Pathankot, Distretto di Raigad Culturale
(5919; ii, iv)
15/04/2014 La Matheran Hill Railway e la Kangra Valley Railway sono eccezionali esempi di ferrovie passeggeri collinari. Inaugurate all'inizio del XIX secolo, queste ferrovie applicavano soluzioni ingegneristiche audaci e ingegnose al problema di stabilire un collegamento ferroviario efficace attraverso un terreno montuoso di grande bellezza. Sono ancora pienamente operative come esempio vivente dell'impresa ingegneristica del XIX secolo[73].
Chettinad palatial house.jpg Chettinad, gruppi di villaggi dei mercanti tamil Distretto di Pudukkottai, Distretto di Sivaganga Culturale
(5920; ii, v, vi)
15/04/2014 Il Chettinad possiede alcune eccezionali caratteristiche della pianificazione urbana e rurale che creano un insieme architettonico unico con migliaia di case sontuose. Questo insieme riflette il modo in cui viveva la comunità tamil dei Chettiar. Come risultato dei loro viaggi, hanno integrato molteplici influenze nelle tradizioni tamil. Questa miscela rappresenta l'unicità del Chettinad. La candidatura proposta è composta da tre serie di villaggi con carattere urbano che formano un insieme architettonico unico[74].
Image-New Delhi Lotus.jpg Casa di culto bahá'í a Nuova Delhi Nuova Delhi Culturale
(5921; i, iv, vi)
15/04/2014 La casa di culto bahá'í a Nuova Delhi è il tempio madre della fede bahá'í nel subcontinente indiano. È un edificio eminentemente ed elegantemente distintivo nel suo design e ispiratore nel suo scopo: rappresentare l'Unità di Dio, l'Unità di tutte le Religioni e l'Unità dell'Umanità, i principi guida della fede bahá'í. Espressionista nello stile e spettacolare nella sua architettura, struttura e ingegnosità, la Casa di culto trae ispirazione dallo squisito fiore di loto - un simbolo di bellezza, purezza e divinità intimamente associato al culto che accomuna il simbolismo di molte religioni in India[75].
Bhutanatha temple in Badami, Karnataka, India.jpg Evoluzione dell'architettura templare: Aihole-Badami-Pattadakal Distretto di Bagalkot Culturale
(5972; iii, iv)
09/02/2015 Il sito seriale è costituito dai gruppi di monumenti di Aihole (incluso Nagral) e Badami, come un'estensione del sito Patrimonio dell'umanità di Pattadakal; insieme rappresentano l'evoluzione nell'architettura indiana di grotte e templi sotto l'antica dinastia Chalukya sviluppando prototipi fondamentali per i successivi templi della penisola. I prototipi di 16 tipi di templi indipendenti e 4 tipi di santuari scavati nella roccia sono stati sviluppati a Badami e Aihole, e hanno raggiunto la forma più matura a Pattadakal. Questo ha trasformato la valle del fiume Malaprabha in una "culla dell'architettura templare", dove la sperimentazione ha definito i componenti di un tipico tempio indù[76].
Tanglanglapass.jpg Paesaggio culturale del deserto freddo dell'India Distretto di Kinnaur, Distretto di Lahaul e Spiti, Ladakh Misto
(6055; iii, v, vi, x)
15/04/2015 Il paesaggio culturale del deserto freddo dell'India comprende uno splendido paesaggio spoglio situato oltre il Grande Himalaya, punteggiato da alte montagne che baciano il cielo azzurro, limpidi ruscelli in profonde gole e poca vegetazione che offre continui panorami mozzafiato; un ambiente che riceve abbondante luce solare e neve ma poche precipitazioni piovose. Questa regione ha un ecosistema unico del deserto freddo con varietà di flora e fauna rare e in via di estinzione, tanto che molti parchi nazionali e riserve naturali sono stati istituiti per la loro protezione. Gli insediamenti umani sono piccoli, isolati, scarsamente popolati e la loro pianificazione testimonia l'asperità del terreno e dell'ambiente. Radicata nel buddismo, la cultura della regione è fortemente affiliata al Tibet ma tracce di influenze indiane la rendono unica nel suo genere, come mostrano anche la sua architettura e le tradizioni immateriali, famose in tutto il mondo[77].
Ambala-Kos Minar.jpg Siti lungo l'Uttarapath, Badshahi Sadak, Sadak-e-Azam, Grand Trunk Road 93 componenti Culturale
(6056; ii, iv, vi)
15/04/2015 La Strada imperiale, oggi popolarmente conosciuta come Grand Trunk Road, è una delle strade più antiche e lunghe dell'Asia che collegano Chittagong (in Bangladesh) a ovest di Howrah (nel Bengala occidentale), attraversando le pianure del Gange fino a Lahore (in Pakistan) e poi, attraverso la catena dell'Hindu Kush, con Kabul (in Afghanistan). La Strada imperiale che collegava le due estremità del subcontinente non era semplicemente una via di comunicazione o trasporto: l'arteria principale e le sue strade di collegamento costituiscono insieme percorsi culturali attraverso una diversità di paesaggi, terreni, centri urbani e popoli. Una grande varietà di beni culturali, che fanno parte di questa serie (kos minar, fortezze, sarai, tombe, giardini, strutture idriche, moschee e stupa), sono stati costruiti lungo il percorso[78].
A home on Loktak Lake Moirang Manipur India.jpg Area di conservazione di Keibul Lamjao Distretto di Bishnupur, Distretto di Thoubal Misto
(6086; v, vii, ix, x)
11/03/2016 L'area di conservazione di Keibul Lamjao rappresenta una straordinaria storia di antichità naturale, diversità, bellezza e attaccamento umano: comprende un'area centrale, costituita dal Parco nazionale di Keibul Lamjao e una zona cuscinetto, che comprende il lago Loktak e Pumlen Pat. Il lago Loktak ha un ecosistema unico chiamato phumdi, la cui maggiore area, inclusa nel Parco nazionale di Keibul Lamjao, ospita il tameng del Manipur (Rucervus eldi eldi), popolarmente noto anche come sangai. L'habitat è costituito esclusivamente da prati galleggianti e da una fascia di terraferma rilevata che suddivide il parco in una parte settentrionale e una meridionale[79].
Balpakram NP 1.jpg Area di conservazione delle colline Garo Distretto dei Monti Garo Meridionali, Distretto dei Monti Garo Occidentali Misto
(6356; v, vi, viii, x)
26/07/2018 L'area di conservazione delle colline Garo si trova nella zona biogeografica dell'India nordorientale ed è anche il limite più occidentale dei punti caldi di biodiversità indo-malese. Il sito proposto comprende tre aree protette legalmente designate: il Parco nazionale di Nokrek (49,44 km²), il Parco nazionale di Balphakram (220 km²) e il Santuario della fauna selvatica di Siju (5,18 km²); a esse si aggiungono le riserve forestali di Tura Peak (4,19 km²), Imangiri (8,29 km²), Rewak (6,47 km²) e Baghmara (43,9 km²). L'area centrale totale della candidatura si estende per 337,48 km²[80].
View of Raja Mahal from Jahangir Mahal with Ram Raja Temple and Chaturbhuj Temple in the background, Tikamgarh.jpg Complesso storico di Orchha Orchha Culturale
(6404; ii, iv)
15/04/2019 In quanto capitale dello stato eopnimo del Bundelkhand, governato dalla dinastia Bundela dal 1531 al 1783 d.C., i monumenti, i giardini, i templi e gli affreschi di Orchha rappresentano un'evoluzione notevole nell'urbanistica, nella fortificazione degli insediamenti, nella progettazione di giardini ed edifici e nell'arte. Il suo paesaggio culturale ha favorito varie tradizioni di miti, ballate, arti letterarie e popolari[81].
Ahilya Ghat by the Ganges, Varanasi.jpg Fronte fluviale iconico della città storica di Varanasi Varanasi Culturale
(6526; iii, iv, vi)
13/04/2021 Con un'abbondanza di ghat iconici, templi, abitazioni storiche e tradizioni religiose e culturali viventi, Varanasi è una delle più alte incarnazioni della cultura e della spiritualità indiana. A causa dell'immenso valore sacro associato al fiume Gange nel contesto indiano, il fronte fluviale costituisce la parte più iconica della città. Esso comprende i ghat (le scalinate che conducono alla riva del fiume), i magnifici edifici che li sovrastano e i pittoreschi vicoli posteriori fiancheggiati da templi, moschee, palazzi, haveli (tradizionali case a corte), kund, akhara, giardini e porte[82].
7th century Sri Kailashnathar Temple Kanchipuram Tamil Nadu India 01 (11).jpg Templi di Kanchipuram Kanchipuram Culturale
(6528; iv, vi)
13/04/2021 Kanchipuram era un importante centro di apprendimento, specializzato principalmente nei pensieri religiosi e filosofici associati alle diverse confessioni dell'India antica. Con l'avvento dei Pallava divenne anche politicamente importante. Grazie al sostegno di diverse dinastie, nel corso dei secoli in città furono costruiti oltre centocinquanta templi. Grazie all'emergere del movimento Bhakti sotto la spinta di eminenti santi del Scivaismo e del Śrī Vaiṣṇava, i templi sono diventati non solo importanti edifici ma anche istituzioni vibranti di un patrimonio immateriale che ha perdurato per secoli. Undici rappresentanti esemplari tra i templi della città di Kanchipuram sono inclusi in questa candidatura[83].
HIREBENAKAL PREHISTORIC SITE 1.JPG Hire Benakal, sito megalitico Gangawati Culturale
(6529; iii, iv)
13/04/2021 Il sito di Hire Benakal è situato sulla vetta (605 m) di un tratto collinare residuale granitico. Il sito è famoso per l'esistenza di centinaia di megaliti che sorgono su un tumulo da più di 2500 anni. I recenti studi hanno mostrato l'esistenza di quasi 1000 strutture megalitiche comprendenti varie varietà architettoniche come dolmen, cairn, tombe a corridoio, cerchi di pietre, menhir e un unico esempio di figura antropomorfa scolpita nel granito. Giganteschi dolmen con oblò dominano su tutti gli altri tipi di monumenti funerari e costituiscono il modello di strutture simili che si trovano altrove nella regione[84].
Marble Rocks - Jabalpur.jpg Bhedaghat-Lametaghat nella valle del Narmada Bhedaghat Naturale
(6531; vii, viii)
13/04/2021 Bhedaghat, spesso indicato come il "Grand Canyon dell'India", è una città nel distretto di Jabalpur, dove si può ammirare la straordinaria bellezza delle Marble Rocks e le loro varie morfologie scintillanti su entrambi i lati del fiume Narmada che scorre attraverso la gola. È stato osservato che le magiche montagne di marmo assumono colori diversi e persino forme di animali e altre forme viventi mentre ci si muove attraverso di esse. Diversi fossili di dinosauri sono stati trovati nella valle del Narmada, in particolare nell'area Bhedaghat-Lametghat di Jabalpur[85].
Amazing Landscape @Satpura Tiger Reserve.jpg Riserva della tigre di Satpura Distretto di Hoshangabad Naturale
(6532; vii, ix, x)
13/04/2021 L'ambiente della Riserva della tigre di Satpura si distingue per la sua squisita bellezza naturale e la rende un'importante destinazione turistica. Satpura, che significa letteralmente "Sette pieghe", forma uno spartiacque tra i fiumi Narmada e Tapti e presenta una forma triangolare. È una delle più antiche riserve forestali con una consolidata tradizione di gestione scientifica delle foreste. Vi si trovano ventisei specie della regione himalayana e 42 specie dell'area dei Nilgiri, inoltre la riserva è conosciuta anche come l'estremità settentrionale dei Ghati occidentali[86].
Zunzar Machi at Torna.jpg Candidatura seriale dell'architettura militare Maratha nel Maharashtra Maharashtra Culturale
(6533; ii, iii, iv)
13/04/2021 L'architettura militare Maratha sviluppata durante il periodo del Chhatrapati Shivaji rappresenta un fenomeno molto interessante nella storia indiana che rimane senza pari per la sua ingegnosità militare. Il valore risiede non solo nella grandezza architettonica o nella posizione strategica e pittoresca dei forti, ma nell'innovazione di collegarli in un unico sistema operativo di difesa attraverso una rete che sfrutta il paesaggio culturale che si estende dalle colline Konkan alle colline Sahyadri e più in alto fino all'altopiano del Deccan. La mappatura dei forti del Maharashtra indica chiaramente la loro concentrazione nella catena montuosa dei Sahyadri e una minore densità dei forti nella pianura del Deccan poiché la comunicazione tra le colline dipendeva dalla vicinanza. La candidatura si compone di 14 forti che ben esemplificano l'architettura militare dell'Impero Maratha[87].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ENFR) India, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  2. ^ (ENFR) Ajanta Caves, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  3. ^ (ENFR) Ellora Caves, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  4. ^ (ENFR) Agra Fort, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  5. ^ (ENFR) Taj Mahal, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  6. ^ (ENFR) Sun Temple, Konârak, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  7. ^ (ENFR) Group of Monuments at Mahabalipuram, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  8. ^ (ENFR) Kaziranga National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  9. ^ (ENFR) Manas Wildlife Sanctuary, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  10. ^ (ENFR) Keoladeo National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  11. ^ (ENFR) Churches and Convents of Goa, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  12. ^ (ENFR) Khajuraho Group of Monuments, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  13. ^ (ENFR) Group of Monuments at Hampi, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  14. ^ (ENFR) Fatehpur Sikri, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  15. ^ (ENFR) Group of Monuments at Pattadakal, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  16. ^ (ENFR) Elephanta Caves, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  17. ^ (ENFR) Great Living Chola Temples, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  18. ^ (ENFR) Sundarbans National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  19. ^ (ENFR) Nanda Devi and Valley of Flowers National Parks, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  20. ^ (ENFR) Buddhist Monuments at Sanchi, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 novembre 2021.
  21. ^ (ENFR) Humayun's Tomb, Delhi, su whc.unesco.org. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  22. ^ (ENFR) Qutb Minar and its Monuments, Delhi, su whc.unesco.org. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  23. ^ (ENFR) Mountain Railways of India, su whc.unesco.org. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  24. ^ (ENFR) Mahabodhi Temple Complex at Bodh Gaya, su whc.unesco.org. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  25. ^ (ENFR) Rock Shelters of Bhimbetka, su whc.unesco.org. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  26. ^ (ENFR) Chhatrapati Shivaji Terminus (formerly Victoria Terminus), su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  27. ^ (ENFR) Champaner-Pavagadh Archaeological Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  28. ^ (ENFR) Red Fort Complex, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  29. ^ (ENFR) The Jantar Mantar, Jaipur, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  30. ^ (ENFR) Western Ghats, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  31. ^ (ENFR) Hill Forts of Rajasthan, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  32. ^ (ENFR) Rani-ki-Vav (the Queen’s Stepwell) at Patan, Gujarat, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  33. ^ (ENFR) Great Himalayan National Park Conservation Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  34. ^ (ENFR) The Architectural Work of Le Corbusier, an Outstanding Contribution to the Modern Movement, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  35. ^ (ENFR) Archaeological Site of Nalanda Mahavihara at Nalanda, Bihar, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  36. ^ (ENFR) Khangchendzonga National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  37. ^ (ENFR) Historic City of Ahmadabad, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  38. ^ (ENFR) Victorian Gothic and Art Deco Ensembles of Mumbai, su whc.unesco.org. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  39. ^ (ENFR) Jaipur City, Rajasthan, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  40. ^ (ENFR) Kakatiya Rudreshwara (Ramappa) Temple, Telangana, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  41. ^ (ENFR) Dholavira: a Harappan City, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  42. ^ (ENFR) Temples at Bishnupur, West Bengal, su whc.unesco.org. URL consultato il 29 novembre 2021.
  43. ^ (ENFR) Mattanchery Palace, Ernakulam, Kerala, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  44. ^ (ENFR) Group of Monuments at Mandu, Madhya Pradesh, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  45. ^ (ENFR) Ancient Buddhist Site, Sarnath, Varanasi, Uttar Pradesh, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  46. ^ (ENFR) Sri Harimandir Sahib, Amritsar, Punjab, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  47. ^ (ENFR) River Island of Majuli in midstream of Brahmaputra River in Assam, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  48. ^ (ENFR) Namdapha National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  49. ^ (ENFR) Wild Ass Sanctuary, Little Rann of Kutch, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  50. ^ (ENFR) Neora Valley National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  51. ^ (ENFR) Desert National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  52. ^ (ENFR) Silk Road Sites in India, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  53. ^ (ENFR) Santiniketan, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  54. ^ (ENFR) The Qutb Shahi Monuments of Hyderabad Golconda Fort, Qutb Shahi Tombs, Charminar, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  55. ^ (ENFR) Mughal Gardens in Kashmir, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  56. ^ (ENFR) Delhi - A Heritage City, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  57. ^ (ENFR) Monuments and Forts of the Deccan Sultanate, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  58. ^ (ENFR) Cellular Jail, Andaman Islands, su whc.unesco.org. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  59. ^ (ENFR) Iconic Saree Weaving Clusters of India, su whc.unesco.org. URL consultato il 21 dicembre 2021.
  60. ^ (ENFR) Apatani Cultural Landscape, su whc.unesco.org. URL consultato il 21 dicembre 2021.
  61. ^ (ENFR) Sri Ranganathaswamy Temple, Srirangam, su whc.unesco.org. URL consultato il 21 dicembre 2021.
  62. ^ (ENFR) Monuments of Srirangapatna Island Town, su whc.unesco.org. URL consultato il 21 dicembre 2021.
  63. ^ (ENFR) Chilika Lake, su whc.unesco.org. URL consultato il 21 dicembre 2021.
  64. ^ (ENFR) Padmanabhapuram Palace, su whc.unesco.org. URL consultato il 22 dicembre 2021.
  65. ^ (ENFR) Sacred Ensembles of the Hoysala, su whc.unesco.org. URL consultato il 22 dicembre 2021.
  66. ^ (ENFR) Sites of Saytagrah, India’s non-violent freedom movement, su whc.unesco.org. URL consultato il 22 dicembre 2021.
  67. ^ (ENFR) Thembang Fortified Village, su whc.unesco.org. URL consultato il 22 dicembre 2021.
  68. ^ (ENFR) Narcondam Island, su whc.unesco.org. URL consultato il 22 dicembre 2021.
  69. ^ (ENFR) Moidams – the Mound-Burial system of the Ahom Dynasty, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  70. ^ (ENFR) Ekamra Kshetra – The Temple City, Bhubaneswar, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  71. ^ (ENFR) The Neolithic Settlement of Burzahom, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  72. ^ (ENFR) Archaeological remains of a Harappa Port-Town, Lothal, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  73. ^ (ENFR) Mountain Railways of India (Extension), su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  74. ^ (ENFR) Chettinad, Village Clusters of the Tamil Merchants, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  75. ^ (ENFR) Bahá'í House of Worship at New Delhi, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 dicembre 2021.
  76. ^ (ENFR) Evolution of Temple Architecture – Aihole-Badami-Pattadakal, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  77. ^ (ENFR) Cold Desert Cultural Landscape of India, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  78. ^ (ENFR) Sites along the Uttarapath, Badshahi Sadak, Sadak-e-Azam, Grand Trunk Road, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  79. ^ (ENFR) Keibul Lamjao Conservation Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  80. ^ (ENFR) Garo Hills Conservation Area (GHCA), su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  81. ^ (ENFR) The historic ensemble of Orchha, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  82. ^ (ENFR) Iconic Riverfront of the Historic City of Varanasi, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  83. ^ (ENFR) Temples of Kanchipuram, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  84. ^ (ENFR) Hire Benkal, Megalithic Site, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  85. ^ (ENFR) Bhedaghat-Lametaghat in Narmada Valley, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  86. ^ (ENFR) Satpura Tiger Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  87. ^ (ENFR) Serial Nomination of Maratha Military Architecture in Maharashtra, su whc.unesco.org. URL consultato il 27 dicembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2017004767