Patrimoni dell'umanità del Turkmenistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I patrimoni dell'umanità del Turkmenistan sono i siti dichiarati dall'UNESCO come patrimonio dell'umanità in Turkmenistan, che è divenuto parte contraente della Convenzione sul patrimonio dell'umanità il 30 settembre 1994, come uno degli stati successori dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche[1].

Al 2020 i siti iscritti nella Lista dei patrimoni dell'umanità sono tre, mentre dieci sono le candidature per nuove iscrizioni[1]. Il primo sito iscritto nella lista è stato il parco storico e culturale di Stato "Antica Merv", inserito nel 1999, durante la ventitreesima sessione del comitato del patrimonio mondiale. Sei anni dopo, nella ventinovesima sessione, è stato inserito il secondo patrimonio turkmeno: Kunya-Urgench. Le fortezze partiche di Nisa, terzo sito turkmeno, sono state aggiunte alla lista nel 2007, durante la trentunesima sessione del comitato. Tutti i siti sono considerati culturali, secondo i criteri di selezione.

Siti del Patrimonio mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Foto Sito Luogo Tipo Anno Descrizione
Mervturkmenistan.jpg Parco storico e culturale di Stato "Antica Merv" Mary Culturale
(886; ii, iii)
1999 Merv è la città-oasi più antica e meglio conservata lungo la Via della Seta in Asia centrale. I resti di questa vasta oasi abbracciano 4000 anni di storia umana. Sono ancora visibili numerosi monumenti, in particolare degli ultimi due millenni[2].
KonyeUrgenchMausoleum.jpg Kunya-Urgench Kunya-Urgench Culturale
(1199; ii, iii)
2005 Kunya-Urgench si trova nel Turkmenistan nord-occidentale, sulla riva sinistra del fiume Amu-Darya. Urgench era la capitale della regione di Corasmia, parte dell'Impero achemenide. Il centro storico contiene una serie di monumenti principalmente dall'XI al XVI secolo, tra cui una moschea, le porte di un caravanserraglio, fortezze, mausolei e un minareto alto 60 m. I monumenti testimoniano risultati eccezionali in architettura e artigianato la cui influenza ha raggiunto l'Iran e l'Afghanistan, e in seguito l'architettura dell'Impero Mogul dell'India del XVI secolo[3].
Nisa.jpg Fortezze partiche di Nisa Aşgabat Culturale
(1242; ii, iii)
2007 Le fortezze partiche di Nisa sono costituite dai due tell di Vecchia e Nuova Nisa, che indicano il sito di una delle prime e più importanti città dell'Impero dei Parti. Conservano i resti non scavati di un'antica civiltà che ha sapientemente combinato i propri elementi culturali tradizionali con quelli dell'occidente ellenistico e romano. Gli scavi archeologici in due parti del sito hanno rivelato un'architettura riccamente decorata, illustrativa delle funzioni domestiche, statali e religiose. Situato al crocevia di importanti assi commerciali e strategici, questo potente impero formò una barriera all'espansione romana mentre fungeva da importante centro di comunicazione e commercio tra est e ovest, nord e sud[4].

Siti candidati[modifica | modifica wikitesto]

Foto Sito Luogo Tipo Anno Descrizione
Dehistan/Mishrian Distretto di Etrek Culturale
(967; i, ii, iii, iv, v)
25/02/1998 Dehistan/Mishrian fu la principale città del Turkmenistan occidentale dal X al XIV secolo. Situata su un'importante rotta carovaniera da Gorgan alla Corasmia, i suoi migliori edifici furono costruiti dai Khwarazm-Shah. I principali monumenti sopravvissuti includono parti di un minareto costruito da Abu Bini Ziyard nel 1004/5 e un altro costruito 200 anni dopo, che faceva parte della moschea di Muhammad II del Khwarezm. La città era fortemente fortificata con una doppia fila di mura, ma decadde e fu abbandonata nel XV secolo. Sette chilometri a nord si trova la necropoli di Meshat/Meskhet, dove nel XIX secolo erano conservate una ventina di mausolei, di cui ancora 5 sopravvivono[5].
Riserva naturale statale di Badkhyz Provincia di Ahal, Provincia di Mary Naturale
(5432; vii, ix, x)
16/03/2009 Badhyz è una delle riserve naturali più spettacolari dell'Asia centrale. Comprende tre tipi principali di paesaggio. Il nord e l'ovest sono costituiti dall'altopiano e dalle creste collinari della catena del Gezgyadyk ai piedi delle montagne orientali del Kopet Dag, ed è profondamente sezionato soprattutto a ovest dove ci sono profonde gole pietrose. A est le montagne cadono in un altopiano collinare ondulato con steppe desertiche. A sud il bacino e il lago salato di Er-Oilan-Duz e la depressione di Kizyl-Dzhar formano i limiti dell'altopiano. I suoli sono sabbiosi con argille di loess-limo[6].
Riserva naturale statale di Sünt-Hasardag Distretto di Magtymguly Naturale
(5433; x)
16/03/2009 La riserva di Sünt-Hasardag rappresenta pienamente i principali tipi paesaggistici ed ecologici delle medie altitudini della zona subtropicale secca sud-occidentale del Kopet Dag. I resti delle foreste di latifoglie del Caspio sono conservati all'interno della Riserva di Sünt-Hasardag. Questa zona è conosciuta come uno dei centri mondiali di progenitori selvatici delle piante coltivate (colture orticole subtropicali). I progenitori selvatici delle specie legnose melograno, fico, melo, noce, pistacchio, pero, rosa canina, mandorlo e ciliegio sono qui ampiamente diffusi, oltre a importanti cereali e legumi[7].
Dinosauri e caverne del Köýtendag Distretto di Köýtendag Naturale
(5434; viii, x)
16/03/2009 Köýtendag è famosa per le sue grotte uniche e altre caratteristiche geologiche (onice), così come la sua foresta arcaica e specie di piante e animali rari come il cobite cieco (Nemacheilus starostini) che abita i laghi sotterranei nelle grotte carsiche. Elementi notevoli della flora includono Juniperus seravschanica, tulipano (Tulipa ingens), mandorlo (Amygdalus spinosissima), Cleome gordjaginii e Ungernia victoris. Le bellissime montagne e grotte sono integrate dalla presenza di markhor e falco berbero (Falco pelegrinoides)[8].
Takirs of Karakum Desert.jpg Riserva della biosfera statale di Repetek Provincia di Lebap Naturale
(5435; x)
16/03/2009 La Riserva della biosfera statale di Repetek fa parte di una Important Bird Area (IBA) e dal 1979 è riserva della biosfera dell'UNESCO. È uno dei pochi siti naturali desertici dell'Asia centrale con un'ampia copertura di saxaul nero (oltre 1470 ha, pari al 4,5% del territorio della riserva). Il sito presenta il più completo assemblaggio di specie di uccelli tipiche del deserto sabbioso del Karakum. Oltre a questo il sito ospita popolazioni stabili di mammiferi minacciati a livello globale e uccelli a rischio estinzione a livello globale[9].
Amudaryasunset.jpg Riserva naturale statale dell'Amudarya Distretto di Birata, Distretto di Dänew, Distretto di Farap Naturale
(5436; x)
16/03/2009 La Riserva naturale statale dell'Amudarya è stata istituita nel 1982 allo scopo di conservare e ripristinare il tugai (foresta ripariale) che è tipico delle vaste pianure alluvionali fluviali dell'Asia centrale. Le foreste a galleria fluviali in alcuni punti sono difficili da attraversare, come vere giungle e contengono 86 specie di piante[10].
Hazardeniz.JPG Riserva naturale statale di Hazar Provincia di Balkan Naturale
(5437; x)
16/03/2009 Il valore globale della riserva risiede nel fatto che le sue acque costiere e le sue coste sono un punto di alimentazione e sosta durante la migrazione e un sito di svernamento per milioni di uccelli acquatici provenienti dall'Eurasia e dall'Africa. Le vie migratorie centro-asiatiche e dell'Africa orientale confluiscono nella parte turkmena del Mar Caspio, per cui la riserva ha un ricco numero di uccelli migratori e svernanti[11].
Siti della Via della Seta in Turkmenistan Culturale
(5521; ii, iii, iv, v, vi)
01/03/2010 Le Vie della Seta hanno generato manifestazioni eccezionali di importanza globale negli ambiti dell'economia, della società, della cultura e dell'ambiente. I tipi di monumenti, siti e paesaggi culturali che si trovano lungo le Vie della Seta possono essere classificati in infrastrutture (che facilitano il commercio e i trasporti), produzione (di merci da commerciare) e risultati (come città, arte, conoscenza come frutto del contatto e dello scambio). La proposta include esempi eccezionali di diversi tipi di patrimonio in queste categorie[12].
Karakum Desert, Turkmenistan.jpg Deserti freddi invernali del Turan Provincia di Ahal, Provincia di Daşoguz, Provincia di Lebap
(condiviso con Kazakistan Kazakistan e Uzbekistan Uzbekistan)
Naturale
(6495; ix, x)
18/12/2020 I deserti temperati irano-turanici combinano tre riserve naturali separate: la riserva statale della biosfera di Repetek, la riserva naturale di Bereketli Garagum e la riserva naturale di Gaplaňgyr (Kaplankyr). Queste riserve naturali sono distribuite a distanza sull'intero deserto del Karakum. Insieme ai loro zakaznik (santuari naturali) gestiti congiuntamente, rappresentano una varietà di habitat tipici per i freddi deserti invernali dell'Asia centrale[13].
Vie della Seta: corridoio Zarafshan-Karakum Provincia di Lebap, Provincia di Mary
(condiviso con Tagikistan Tagikistan e Uzbekistan Uzbekistan)
Culturale
(6499; ii, iii, iv, v, vi)
20/01/2021 La “Via della Seta: Corridoio Zarafshan-Karakum” si trova lungo il fiume Zarafshan, il suo bacino idrologico più ampio e il deserto del Karakum. Parte da Khisorak in Tagikistan e termina a Kushmeihan in Turkmenistan. La lunghezza del corridoio è di circa 866 km e attraversa zone geografiche diverse come la zona dell'altopiano, la zona pedemontana, la zona di pianura, la zona di irrigazione artificiale, la zona delle oasi, la zona della steppa assenziosa e la zona desertica. Il corridoio è composto da 31 componenti, di cui 7 in Turkmenistan: Amul, Caravanserraglio di Mansaf, Caravanserraglio di Konegala, Tahmalaj, Caravanserraglio di Akja Gala, Caravanserraglio di Gyzylja Gala (Rabad al-Hadid), Kushmeihan (Dinli Kishman)[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ENFR) Turkmenistan, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  2. ^ (ENFR) State Historical and Cultural Park “Ancient Merv”, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  3. ^ (ENFR) Kunya-Urgench, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  4. ^ (ENFR) Parthian Fortresses of Nisa, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  5. ^ (ENFR) Dehistan / Mishrian, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  6. ^ (ENFR) Badhyz State Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  7. ^ (ENFR) Syunt Hasardag State Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  8. ^ (ENFR) Dinosaurs and Caves of Koytendag, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  9. ^ (ENFR) Repetek Biosphere State Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  10. ^ (ENFR) Amudarya State Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  11. ^ (ENFR) Hazar State Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  12. ^ (ENFR) Silk Roads Sites in Turkmenistan, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  13. ^ (ENFR) Cold winter deserts of Turan (Turkmenistan), su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.
  14. ^ (ENFR) Silk Roads: Zarafshan-Karakum Corridor (Turkmenistan), su whc.unesco.org. URL consultato l'11 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]