Dinastia Qutb Shahi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sultanati del Deccan
Tomba del Sultano Muhammad Qutb Shah a Hyderabad

Il sultananto di Golconda fu un regno retto dalla dinastia Qutb Shahi nell'India meridionale. Fu inizialmente una dinastia islamica turkmena altamente persianizzata[1][2] del XVI secolo che alla fine adottò la cultura regionale del Deccan (la Cultura Telugu, la lingua e il nuovo idioma Urdu del Deccan). I suoi membri erano conosciuti collettivamente Qutub Shahis ed erano la famiglia regnante di Golconda, come anche oggi nei moderni stati di Andhra Pradesh e Telangana[3] Il sultanato di Golconda era costantemente in conflitto con Adil Shahi e Nizam Shahi.[4] Nel 1636, Shah Jahanforzò Qutb Shahis a riconoscere la sovranità Mogul,[4] che durò fino al 1687 quando l'imperatore Mogul Aurangzeb conquistò il sultanato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Regnanti[modifica | modifica wikitesto]

Gli otto sultani della dinastia:

  1. Sultan Quli Qutb-ul-Mulk (1512–1543)[3]
  2. Jamsheed Quli Qutb Shah (1543–1550)
  3. Subhan Quli Qutb Shah (1550)
  4. Ibrahim Quli Qutb Shah (1550–1580)
  5. Muhammad Quli Qutb Shah (1580–1612)
  6. Sultan Muhammad Qutb Shah (1612–1626)
  7. Abdullah Qutb Shah (1626–1672)
  8. Abul Hasan Tana Shah (1672–1689)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Christoph Marcinkowski, Shi'ite Identities: Community and Culture in Changing Social Contexts, 169-170;"The Qutb-Shahi kingdom could be considered 'highly Persianate' with a large number of Persian-speaking merchants, scholars, and artisans present at the royal capital."
  2. ^ Annemarie Schimmel, Classical Urdu Literature from the Beginning to Iqbāl, (Otto Harrasowitz, 1975), 143.
  3. ^ a b Sailendra Sen, A Textbook of Medieval Indian History, Primus Books, 2013, pp. 118, ISBN 978-93-80607-34-4.
  4. ^ a b C.E. Bosworth, The New Islamic Dynasties, (Columbia University Press, 1996), 328.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]