Gruppo di edifici gotico-vittoriani e art-deco di Mumbai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Gruppo di edifici gotico-vittoriani e art-deco di Mumbai
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
ErosTheater.jpg
Tipoculturali
Criterio(ii)(iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2018
Scheda UNESCO(EN) The Victorian and Art Deco Ensemble of Mumbai
(FR) Ensembles néo-gothique victorien et Art déco de Mumbai

Il Gruppo di edifici gotico-vittoriani e art-deco di Mumbai è un sito inserito dall'UNESCO nella lista del Patrimonio Mondiale nel 2018[1] e riunisce edifici ottocenteschi in stile neogotico vittoriano e palazzi Art déco del XX secolo nella zona del Forte di Mumbai, in India. Questa collezione di edifici si trova intorno all'Oval Maidan, un grande terreno ricreativo che un tempo era noto come l'Esplanade. L'est dell'ovale è fiancheggiato dagli edifici pubblici gotici vittoriani, mentre il lato occidentale è fiancheggiato dagli edifici Art déco di Backbay Reclamation e Marine Drive. Questa nomina mira a salvaguardare in totale 94 edifici.

Gli edifici gotici vittoriani del XIX secolo che si trovano ad est dell'Oval sono principalmente l'Alta Corte di Bombay, l'Università di Mumbai (Fort Campus) e la City Civil and Sessions Court (ospitata nell'edificio del vecchio segretariato). Questo tratto ospita anche uno dei punti di riferimento di Mumbai, la Torre dell'Orologio di Rajabai. Gli edifici Art déco del XX secolo fiancheggiano il tratto occidentale dell'Oval e sono costituiti principalmente da edifici residenziali di proprietà privata e in più il Cinema Eros.

Questo sito è stato aggiunto alla lista dei siti del patrimonio mondiale il 30 giugno 2018 durante la 42ª sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale a Manama, nel Bahrain.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Architectural Work of Le Corbusier, an Outstanding Contribution to the Modern Movement, in Sito ufficiale Unesco, luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]