Prosopis cineraria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Prosopis cineraria
Khejri.jpg
Prosopis cineraria
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Ordine Fabales
Famiglia Mimosaceae
Sottofamiglia Mimosoideae
Tribù Mimoseae
Genere Prosopis
Specie P. cineraria
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiospermae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni basali
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi I
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Nomenclatura binomiale
Prosopis cineraria
(L.) Druce, 1914

Prosopis cineraria è una specie di albero portante fiori nella famiglia delle Mimosaceae (Fabaceae).

Mentre il Genere Prosopis è soprattutto caratteristico del continente americano, la Specie P. cineraria è nativa nelle regioni aride dell'Asia occidentale e del Subcontinente indiano, tra cui Afghanistan, Iran, India, Oman, Pakistan, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, e Yemen.

In seguito è stata introdotta e stabilita in alcune parti dell'Asia sudorientale, inclusa l'Indonesia. I nomi comuni includono Ghaf (arabo); Khejri o "Albero di Loong" (Rajasthan); Janty (जांटी) (Bishnoi); Jund (Punjab); Kahoor (Balochi); Kandi (Sindhi); Banni/Shami (Kannada); Gandasein (Burma); Vanni (Tamil); Jammi (Telugu); Chaunkra, Jant / Janti, Khar, Khejri / Khejra, Sami, Shami (Marathi) e (Hindi); Khijdo (Gujarat); Vanni-andara, Katu andara, Kalapu andara, Lunu andara (Sinhala).

È l'albero simbolo dello Stato del Rajasthan e del Telangana in India. Un imponente e noto esempio della specie è l'"Albero della Vita" del Bahrein, di circa 400 anni, che cresce in una zona desertica priva di qualsiasi fonte di acqua evidente.

È anche l'albero nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Attraverso la campagna "Give a Ghaf" (dai un Ghaf) i suoi cittadini sono invitati a piantarli nei loro giardini per simbolo di combattimento contro la desertificazione, e così conservare simbolicamente il patrimonio del loro paese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

P. cineraria è un piccolo albero, alto da 3 a 5 m (9,8–16,4 ft). Le foglie sono bipinnate, con sette-quattro foglioline su ciascuna delle 3/4 pinnae. Rametti sono sparsi sugli internodi. I fiori sono piccoli e di colore giallo pallido, i frutti sono piccoli baccelli, contenenti piccoli semi. L'albero si adatta a condizioni estremamente aride, con pioggia annuale minima di 15 cm (5,9 in). La sua presenza in luoghi isolati però può indicare l'esistenza di una falda acquifera profonda.

La Prosopis cineraria, come altre specie dello stesso Genere, ha mostrato una forte tolleranza a suoli alcalini e salini.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

L'albero è soggetto a venerazione tra gli Indù. Partecipa al decimo giorno di festeggiamenti del Vijayadashami o Festival di Dasara, in varie parti dell'India. Storicamente tra i Rajput, il Rana, il sommo sacerdote, e il re fecero parte del culto.

Nel Deccan, come parte del rituale del "decimo di Dasara", gli uomini usavano lanciare frecce tra le foglie dell'albero, raccogliendo poi le foglie cadute nei loro turbanti come rito.

In Karnataka, l'Acacia ferruginea è stata localmente chiamata Banni mara invece dell'albero "Khejri" canonico, e veniva considerata come l'albero dove secondo la mitologia i Pandavas nascosero le loro armi durante l'esilio. Prosopis cineraria è comunque l'albero che più propriamente è conosciuto come il Banni mara.

Nel Mahābhārata, i Pandavas sono noti per aver trascorso il loro tredicesimo anno di esilio nascosti nel regno di Virata. Prima di andare a Virata, hanno appeso le loro armi celesti sui rami di questo albero per tenerle al sicuro. Al ritorno, dopo un anno, le ritrovarono, prima di raccoglierle quindi venerarono l'albero e lo ringraziarono per il favore ricevuto.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica