Patrimoni dell'umanità della Cina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Flag of the People's Republic of China.svg

I patrimoni dell'umanità della Cina sono i siti dichiarati dall'UNESCO come patrimonio dell'umanità in Cina, che è divenuta parte contraente della Convenzione sul patrimonio dell'umanità il 12 dicembre 1985[1].

Al 2021 i siti iscritti nella Lista dei patrimoni dell'umanità sono cinquantasei, mentre sessanta sono le candidature per nuove iscrizioni[1]. I primi sei siti iscritti nella lista sono stati nel 1987 i Palazzi Imperiali delle dinastie Ming e Qing a Pechino, il Mausoleo del primo imperatore Qin, le Grotte di Mogao, il Sito dell'uomo di Pechino presso Zhoukoudian, la Grande muraglia e il Monte Tai, durante l'undicesima sessione del comitato del patrimonio mondiale. Gli altri siti furono aggiunti nel 1990, 1992 (tre), 1994 (quattro), 1996 (due), 1997 (tre), 1998 (due), 1999 (due), 2000 (quattro), 2001, 2003, 2004, 2005, 2006 (due), 2007 (due), 2008 (due), 2009, 2010 (due), 2011, 2012 (due), 2013 (due), 2014 (due), 2015, 2016 (due), 2017 (due), 2018, 2019 (due) e 2021. Trentotto siti sono considerati culturali, secondo i criteri di selezione, quattordici naturali e quattro misti; uno è parte di un sito transnazionale.

Carta geografica[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportata una mappa dei siti del patrimonio mondiale in Cina.

Siti numerati intorno a Pechino: 1. Grande muraglia cinese, 2. Città Proibita, 3. Zhoukoudian, 4. Palazzo d'Estate, 5. Tempio del Cielo, 6. Tombe Ming, 7. Tombe Qing orientali e 8. Tombe Qing occidentali

Legenda:

  • Red pog.svg Sito del patrimonio culturale;
  • Green pog.svg Sito del patrimonio naturale;
  • Yellow pog.svg Sito misto

Siti del Patrimonio mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Foto Sito Luogo Tipo Anno Descrizione
Mount Tai 2.jpg Monte Tai Tai'an Misto
(437; i, ii, iii, iv, v, vi, vii)
1987 Il sacro Taishan (shan significa "montagna") è stato oggetto di culto imperiale per quasi 2000 anni, e i capolavori artistici che vi si trovano sono in perfetta armonia con il paesaggio naturale. È sempre stata una fonte di ispirazione per artisti e studiosi cinesi e simboleggia le antiche civiltà e credenze cinesi[2].
20090529 Great Wall 8185.jpg Grande muraglia Diverse sezioni nella Cina settentrionale Culturale
(438; i, ii, iii, iv, vi)
1987 Intorno al 220 a.C., sotto Qin Shi Huang, sezioni di precedenti fortificazioni furono unite per formare un sistema di difesa unico contro le invasioni dal nord. La costruzione continuò fino alla dinastia Ming (1368–1644), quando la Grande Muraglia divenne la più grande struttura militare del mondo. La sua importanza storica e strategica è pari solo al suo significato architettonico[3].
Forbidden city 07.jpg Palazzi imperiali delle dinastie Ming e Qing a Pechino e Shenyang Pechino, Shenyang Culturale
(439; i, ii, iii, iv)
1987-2004 Sede del potere supremo per oltre cinque secoli (1416-1911), la Città Proibita di Pechino, con i suoi giardini paesaggistici e i numerosi edifici (le cui quasi 10 000 stanze contengono mobili e opere d'arte), costituisce una testimonianza inestimabile della civiltà cinese durante il periodo delle dinastie Ming e Qing. Il Palazzo Imperiale della Dinastia Qing a Shenyang è costituito da 114 edifici costruiti tra il 1625–26 e il 1783. Contiene un'importante biblioteca e testimonia la fondazione dell'ultima dinastia che governò la Cina, prima che espandesse il suo potere al centro del paese e trasferisse la capitale a Pechino. Questo notevole edificio offre un'importante testimonianza storica della dinastia Qing e delle tradizioni culturali dei Manciù e di altre tribù nel nord della Cina[4].
Jiucenglou of Mogao Caves.jpg Grotte di Mogao Dunhuang Culturale
(440; i, ii, iii, iv, v, vi)
1987 Situate in un punto strategico lungo la Via della Seta, al crocevia del commercio e delle influenze religiose, culturali e intellettuali, le 492 celle e i santuari rupestri di Mogao sono famosi per le loro statue e dipinti murali, che abbracciano 1000 anni di arte buddhista[5].
Xian museum.jpg Mausoleo del primo imperatore Qin Distretto di Lintong Culturale
(441; i, iii, iv, vi)
1987 Senza dubbio rimangono ancora migliaia di statue da portare alla luce in questo sito archeologico, scoperto solo nel 1974. Qin (morto nel 210 a.C.), il primo unificatore della Cina, è sepolto, circondato dai famosi guerrieri di terracotta, al centro di un complesso pensato per rispecchiare il piano urbanistico della capitale, Xianyang. Le piccole figure sono tutte diverse, con i loro cavalli, carri e armi, sono capolavori di realismo e anche di grande interesse storico[6].
Zhoukoudian Upper Cave.jpg Sito dell'uomo di Pechino presso Zhoukoudian Distretto di Fangshan Culturale
(449; iii, vi)
1987 Il lavoro scientifico nel sito è ancora in corso. Finora ha portato alla scoperta dei resti di Sinanthropus pekinensis, che visse nel Pleistocene medio, insieme a vari oggetti, e resti di Homo sapiens sapiens risalenti al 18 000-11 000 a.C. Il sito non è solo un'eccezionale testimonianza delle società umane preistoriche del continente asiatico, ma illustra anche il processo di evoluzione dell'uomo[7].
Huangshan pic 4.jpg Huangshan Distretto di Huangshan Misto
(547; ii, vii, x)
1990 Huangshan, conosciuta come "la montagna più bella della Cina", è stata acclamata attraverso l'arte e la letteratura durante buona parte della storia cinese (ad esempio lo stile Shan shui, "montagna e acqua", della metà del XVI secolo). Oggi esercita lo stesso fascino su visitatori, poeti, pittori e fotografi che giungono in pellegrinaggio al sito, rinomato per il suo magnifico paesaggio fatto di tante vette granitiche e rocce che emergono da un mare di nuvole[8].
1 jiuzhaigou valley wu hua hai 2011b.jpg Area di interesse storico e paesaggistico della valle di Jiuzhaigou Contea di Jiuzhaigou Naturale
(637; vii)
1992 Estesa per oltre 72 000 ettari nella parte settentrionale del Sichuan, la frastagliata valle di Jiuzhaigou raggiunge un'altitudine di oltre 4 800 m, comprendendo così una serie di diversi ecosistemi forestali. I suoi superbi paesaggi sono particolarmente interessanti per la serie di slanciate formazioni carsiche e le spettacolari cascate. Circa 140 specie di uccelli abitano nella valle, così come un certo numero di specie animali e vegetali in via di estinzione, tra cui il panda gigante e il takin del Sichuan[9].
1 huanglong 2.jpg Area di interesse storico e paesaggistico di Huanglong Contea di Songpan Naturale
(638; vii)
1992 Situata nel nord-ovest del Sichuan, la valle di Huanglong è costituita da cime innevate e dal più orientale di tutti i ghiacciai cinesi. Oltre al suo paesaggio montano, si possono trovare diversi ecosistemi forestali, nonché spettacolari formazioni calcaree, cascate e sorgenti termali. L'area ha anche una popolazione di animali in via di estinzione, tra cui il panda gigante e la scimmia dai capelli dorati del Sichuan[10].
Zhangjiajie-Hunan.jpg Area di interesse storico e paesaggistico di Wulingyuan Distretto di Wulingyuan Naturale
(640; vii)
1992 Un'area spettacolare che si estende su oltre 26 000 ettari nel Hunan, il sito è dominato da più di 3000 stretti pilastri e picchi di arenaria, molti dei quali alti oltre 200 m. Tra le cime si trovano anfratti e gole con ruscelli, pozze e cascate, circa 40 grotte e due grandi ponti naturali. Oltre alla straordinaria bellezza del paesaggio, la regione è nota anche per il fatto che ospita numerose specie vegetali e animali in via di estinzione[11].
Putuo Zongcheng Temple.jpg Residenza montana e i suoi templi circostanti, Chengde Chengde Culturale
(703; ii, iv)
1994 La Residenza montana (il palazzo estivo della dinastia Qing) fu costruita tra il 1703 e il 1792. Si tratta di un vasto complesso di palazzi ed edifici amministrativi e cerimoniali. Templi di vari stili architettonici e giardini imperiali si fondono armoniosamente in un paesaggio di laghi, pascoli e foreste. Oltre al suo interesse estetico, la Residenza montana è una rara testimonianza storica dello sviluppo finale della società feudale in Cina[12].
Qufu Kong Miao 2015.08.15 14-18-32.jpg Tempio e cimitero di Confucio e residenza della famiglia Kong a Qufu Qufu Culturale
(704; i, iv, vi)
1994 Il tempio, il cimitero e la dimora di famiglia di Confucio, il grande filosofo, politico ed educatore del VI-V secolo a.C., si trovano a Qufu, nello Shandong. Costruito per commemorarlo nel 478 a.C., il tempio è stato distrutto e ricostruito nel corso dei secoli; oggi comprende più di 100 edifici. Il cimitero contiene la tomba di Confucio e i resti di più di 100 000 dei suoi discendenti. La piccola casa della famiglia Kong si trasformò in una gigantesca residenza aristocratica, di cui rimangono 152 edifici. Il complesso di monumenti di Qufu ha mantenuto il suo eccezionale carattere artistico e storico grazie alla devozione dei successivi imperatori cinesi per oltre 2000 anni[13].
Wudangshan pic 12.jpg Antico complesso di edifici nei monti Wudang Danjiangkou Culturale
(705; i, ii, vi)
1994 I palazzi e i templi che costituiscono il nucleo di questo gruppo di edifici secolari e religiosi esemplificano le conquiste architettoniche e artistiche delle dinastie Yuan, Ming e Qing. Situato nelle valli panoramiche e sulle pendici dei monti Wudang nel Hubei, il sito, che fu costruito come un complesso organizzato durante la dinastia Ming (XIV–XVII secolo), ospita edifici taoisti fin dal VII secolo. Mostra i più alti livelli dell'arte e dell'architettura cinesi per un periodo di quasi 1000 anni[14].
Potala Palace, August 2009.jpg Complesso storico del Palazzo del Potala, Lhasa Lhasa Culturale
(707; i, iv, vi)
1994-2000-2001 Il Palazzo del Potala, palazzo d'inverno del Dalai Lama dal VII secolo, simboleggia il buddismo tibetano e il suo ruolo centrale nel governo tradizionale del Tibet. Il complesso, che comprende i Palazzi Bianco e Rosso con i loro edifici annessi, è costruito sulla Montagna Rossa nel centro della Valle di Lhasa, a un'altitudine di 3 700 m. Fondato anch'esso nel VII secolo, il monastero del tempio di Jokhang è un eccezionale complesso religioso buddista. Norbulingka, l'ex palazzo estivo del Dalai Lama, costruito nel XVIII secolo, è un capolavoro dell'arte tibetana. La bellezza e l'originalità dell'architettura di questi tre siti, la loro ricca decorazione e l'integrazione armoniosa in un paesaggio suggestivo, si aggiungono al loro interesse storico e religioso[15].
庐山日出.JPG Parco nazionale del Lushan Jiujiang Culturale
(778; ii, iii, iv, vi)
1996 Il monte Lu, nello Jiangxi, è uno dei centri spirituali della civiltà cinese. Templi buddisti e taoisti, insieme a luoghi-simbolo del confucianesimo, dove hanno insegnato i maestri più eminenti, si fondono senza sforzo in un paesaggio straordinariamente bello che ha ispirato innumerevoli artisti che hanno sviluppato l'approccio estetico alla natura trovato nella cultura cinese[16].
Leshan Buddha Statue View.JPG Area panoramica del Monte Emei, inclusa l'area panoramica del Buddha gigante di Leshan Emeishan Misto
(779; iv, vi, x)
1996 Il primo tempio buddista in Cina fu costruito qui nel I secolo d.C. nei bellissimi dintorni della vetta del Monte Emei. L'aggiunta di altri templi ha trasformato il sito in uno dei luoghi più sacri del buddismo cinese. Nel corso dei secoli i tesori culturali crebbero di numero. Il più notevole è il Buddha gigante di Leshan, scolpito su una collina nell'VIII secolo e affacciato sulla confluenza di tre fiumi. Con i suoi 71 m di altezza, è il Buddha più grande del mondo. Il monte Emei è anche noto per la sua vegetazione eccezionalmente diversificata, che va dalle foreste di pini subtropicali a quelle subalpine; alcuni degli alberi hanno più di 1000 anni[17].
1 lijiang old town 2012a.jpg Città vecchia di Lijiang Distretto di Gucheng Culturale
(811; ii, iv, v)
1997 Il centro storico di Lijiang, che si adatta perfettamente alla topografia irregolare di questo importante sito commerciale e strategico, ha mantenuto un paesaggio urbano storico di alta qualità e autenticità. La sua architettura è degna di nota per la fusione di elementi di diverse culture che si sono unite nel corso di molti secoli. Lijiang possiede anche un antico sistema di approvvigionamento idrico di grande complessità e ingegnosità che funziona ancora oggi efficacemente[18].
Pingyao 40.JPG Antica città di Pingyao Pingyao Culturale
(812; ii, iii, iv)
1997 Pingyao è un esempio eccezionalmente ben conservato di una città tradizionale Han, fondata nel XIV secolo. Il suo tessuto urbano mostra l'evoluzione degli stili architettonici e urbanistici nella Cina imperiale nell'arco di cinque secoli. Di particolare interesse sono gli imponenti edifici associati all'attività bancaria, di cui Pingyao era il principale centro per l'intera Cina nel XIX e all'inizio del XX secolo[19].
Youyicun garden.jpg Giardini classici di Suzhou Suzhou Culturale
(813; i, ii, iii, iv, v)
1997-2000 Il disegno classico del giardino cinese, che cerca di ricreare paesaggi naturali in miniatura, non è illustrato meglio che nei nove giardini della storica città di Suzhou che sono generalmente riconosciuti come capolavori del genere. Risalenti all'XI-XIX secolo, i giardini riflettono nel loro meticoloso progetto la profonda importanza metafisica della bellezza naturale nella cultura cinese[20].
Scenery of Longevity Hill.JPG Palazzo d'Estate, un giardino imperiale a Pechino Distretto di Haidian Culturale
(880; i, ii, iii)
1998 Il Palazzo d'Estate a Pechino – costruito per la prima volta nel 1750, in gran parte distrutto durante la guerra del 1860 e restaurato sulle sue fondamenta originali nel 1886 – è un capolavoro dell'architettura del giardino paesaggistico cinese. Il paesaggio naturale di colline e acque libere si combina con elementi artificiali come padiglioni, sale, palazzi, templi e ponti per formare un insieme armonioso di eccezionale valore estetico[21].
Hall of Prayer for Good Harvest.JPG Tempio del Cielo: un altare sacrificale imperiale a Pechino Pechino Culturale
(881; i, ii, iii)
1998 Il Tempio del Cielo, fondato nella prima metà del XV secolo, è un dignitoso complesso di pregevoli edifici di culto immersi in giardini e circondati da antiche pinete. Nella sua disposizione complessiva e in quella dei suoi singoli edifici, simboleggia il rapporto tra terra e cielo – il mondo umano e il mondo divino – che sta al centro della cosmogonia cinese, e anche il ruolo speciale svolto dagli imperatori all'interno di questo rapporto[22].
Wuyi Mountains Sea of clouds 4.jpg Monte Wuyi Wuyishan Misto
(911; iii, vi, vii, x)
1999 Il monte Wuyi è un'area eccezionale per la conservazione della biodiversità nel sud-est della Cina e un rifugio per un gran numero di antiche specie relitte, molte delle quali endemiche della Cina. La serena bellezza delle spettacolari gole del fiume delle Nove Anse, con i suoi numerosi templi e monasteri, molti oggi in rovina, ha fornito l'ambiente per lo sviluppo e la diffusione del neoconfucianesimo, che ha influenzato le culture dell'Asia orientale sin dal XI secolo. Nel I secolo a.C. una grande capitale amministrativa fu costruita nella vicina Chengcun dai sovrani della dinastia Han. Le sue massicce mura racchiudono un sito archeologico di grande importanza[23].
Dazu-Baoding Shan-150-No5-2012-gje.jpg Incisioni rupestri di Dazu Distretto di Dazu Culturale
(912; i, ii, iii)
1999 I ripidi pendii della zona di Dazu contengono un'eccezionale serie di incisioni rupestri databili dal IX al XIII secolo. Sono notevoli per la loro qualità estetica, la loro ricca diversità di temi, sia laici che religiosi, e la luce che gettano sulla vita quotidiana in Cina durante questo periodo. Forniscono prove eccezionali della sintesi armoniosa di Buddismo, Taoismo e Confucianesimo[24].
Dujiangyan Irrigation System.jpg Monte Qincheng e sistema di irrigazione del Dujiangyan Dujiangyan Culturale
(1001; ii, iv, vi)
2000 La costruzione del sistema di irrigazione di Dujiangyan iniziò nel III secolo a.C. Questo sistema controlla ancora le acque del fiume Minjiang e le distribuisce ai fertili terreni agricoli delle pianure di Chengdu. Il monte Qingcheng è stato il luogo di nascita del taoismo, celebrato in una serie di antichi templi[25].
HongCun AnHui.JPG Antichi villaggi nell'Anhui meridionale - Xidi e Hongcun Contea di Yi Culturale
(1002; iii, iv, v)
2000 I due villaggi tradizionali di Xidi e Hongcun conservano in misura notevole l'aspetto di insediamenti non urbani di un tipo in gran parte scomparso o trasformato nel corso dell'ultimo secolo. Il loro piano stradale, la loro architettura e decorazione e l'integrazione di case con sistemi idrici sono gli unici esempi sopravvissuti di tale modello[26].
Longmen-Grotten-Fengxian Si-24-2012-gje.jpg Grotte di Longmen Distretto di Luolong Culturale
(1003; i, ii, iii)
2000 Le grotte e le nicchie di Longmen contengono la più vasta e impressionante collezione di arte cinese delle ultime dinastie Wei del Nord e Tang (316-907). Queste opere, interamente dedicate alla religione buddista, rappresentano l'apice della scultura cinese su pietra[27].
Nanjing Ming Xiaoling 2017.11.11 08-10-27.jpg Tombe imperiali delle dinastie Ming e Qing Distretto di Changping, Contea autonoma manciù di Xinbin, Contea di Yi, Nanchino, Shenyang, Zhongxiang, Zunhua Culturale
(1004; i, ii, iii, iv, vi)
2000-2003-2004 Le tombe imperiali delle dinastie Ming e Qing furono costruite tra il 1368 e il 1915. Comprendono la tomba Xianling della dinastia Ming e le tombe Qing orientali e occidentali iscritte nella lista del patrimonio mondiale nel 2000; la tomba Xiaoling della dinastia Ming e le tombe Ming a Pechino aggiunte alla serie nel 2003, e le tre tombe imperiali di Shenyang (Tomba Yongling, Tomba Fuling e Tomba Zhaoling, tutte della dinastia Qing) aggiunte nel 2004[28].
Datong Yungang Shiku 2013.08.29 15-20-17.jpg Grotte di Yungang Distretto di Yungang Culturale
(1039; i, ii, iii, iv)
2001 Le Grotte di Yungang, nella città-prefettura di Datong, con le loro 252 grotte e 51 000 statue, rappresentano l'eccezionale risultato dell'arte rupestre buddista in Cina nel V e VI secolo. Le Cinque Grotte create da Tan Yao, con la loro rigida unità di forme e design, costituiscono un capolavoro classico del primo picco dell'arte buddista cinese[29].
Yangzi River - by Peter Morgan.jpg Aree protette dei Tre Fiumi Paralleli dello Yunnan Prefettura autonoma lisu di Nujiang, Prefettura autonoma tibetana di Dêqên, Prefettura di Lijiang Naturale
(1083; vii, viii, ix, x)
2003 Composto da otto gruppi geografici di aree protette entro i confini del Parco nazionale dei Tre Fiumi Paralleli, nel nord-ovest montuoso dello Yunnan, il sito di 1,7 milioni di ettari presenta sezioni del corso superiore di tre dei grandi fiumi dell'Asia: lo Yangtze, il Mekong e il Salween che corrono approssimativamente paralleli, da nord a sud, attraverso ripide gole che, in alcuni punti, sono profonde 3000 m e sono delimitate da cime ghiacciate alte più di 6000 m. Il sito è un epicentro della biodiversità cinese, tra le regioni temperate più ricche al mondo in questo senso[30].
Tomb of the General 1.jpg Capitali e tombe dell'antico regno Goguryeo Contea autonoma manciù di Huanren, Ji'an Culturale
(1135; i, ii, iii, iv, v)
2004 Il sito comprende resti archeologici di tre città e 40 tombe: la città del Monte Wunü, Gungnae e Hwando, 14 tombe sono imperiali, 26 di nobili. Appartengono tutti alla cultura dei Goguryeo, la dinastia che regnò su parti della Cina settentrionale e sulla metà settentrionale della penisola coreana dal 277 aC al 668 d.C. La città di montagna di Wunü è stata scavata solo in parte. La città di Gungnae ha svolto il ruolo di "capitale di supporto" dopo che la sede del regno fu trasferita a Pyongyang. La città montana di Hwando, una delle capitali di Goguryeo, contiene molte vestigia tra cui un grande palazzo e 37 tombe. Alcune delle tombe mostrano grande ingegnosità nei loro elaborati soffitti, progettati per coprire ampi spazi senza colonne e reggere il pesante carico di un tumulo di pietra o terra[31].
Ruinas de Sao Paulo.jpg Centro storico di Macao Macao Macao Culturale
(1110; ii, iii, iv, vi)
2005 Macao, un porto redditizio di importanza strategica per lo sviluppo del commercio internazionale, è stato sotto l'amministrazione portoghese dalla metà del XVI secolo fino al 1999, quando è passato sotto la sovranità cinese. Con le sue strade storiche, gli edifici residenziali, religiosi e pubblici portoghesi e cinesi, il centro storico di Macao offre una testimonianza unica dell'incontro di influenze estetiche, culturali, architettoniche e tecnologiche provenienti da Oriente e Occidente. Il sito contiene anche una fortezza e un faro, il più antico della Cina[32].
Yinxu.jpg Yin Xu Distretto di Yindu Culturale
(1114; ii, iii, iv, vi)
2006 Il sito archeologico di Yin Xu, vicino alla città di Anyang, è un'antica capitale della tarda dinastia Shang (1300 - 1046 a.C.). Testimonia l'età d'oro della prima cultura cinese, un periodo di grande prosperità dell'età del bronzo cinese. Nel sito sono state rinvenute numerose tombe e palazzi reali, prototipi della successiva architettura cinese, tra cui l'area del palazzo e dei santuari ancestrali reali, con più di 80 fondamenta di case e l'unica tomba di un membro della famiglia reale Shang rimasta intatta, la Tomba di Fu Hao. Il gran numero e la superba maestria degli accessori funerari che vi si trovano testimoniano il livello avanzato dell'artigianato Shang. Le iscrizioni oracolari su ossa trovate a Yin Xu offrono una testimonianza inestimabile dello sviluppo di uno tra i sistemi di scrittura e credenze più antichi del mondo[33].
Panda3.jpg Santuari del panda gigante del Sichuan - Wolong, Monte Siguniang e Monti Jiajin Sichuan Naturale
(1213; x)
2006 I santuari del panda gigante del Sichuan, che ospitano oltre il 30% dei panda del mondo classificati come altamente minacciati, coprono 924 500 ettari in sette riserve naturali e nove parchi panoramici sui monti Qionglai e Jiajin. I santuari costituiscono il più grande habitat contiguo rimasto del panda gigante, relitto delle foreste paleotropicali dell'era terziaria. È anche il sito più importante per la riproduzione in cattività della specie. I santuari ospitano anche altri animali in via di estinzione come il panda rosso, il leopardo delle nevi e il leopardo nebuloso. Sono tra i siti botanicamente più ricchi del mondo al di fuori delle foreste pluviali tropicali, con tra 5000 e 6000 specie di flora[34].
KaipingDiaolou.jpg Diaolou e villaggi del Kaiping Kaiping Culturale
(1112; ii, iii, iv)
2007 Nei villaggi del Kaiping si trovano i diaolou, tipiche case-torri difensive che mostrano una fusione singolare di forme strutturali e decorative cinesi e occidentali. Riflettono il contributo significativo degli emigrati di Kaiping nello sviluppo di diversi paesi dell'Asia meridionale, dell'Australasia e del Nord America, tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Ci sono quattro gruppi di diaolou e venti dei più significativi sono iscritti nella lista. Questi edifici assumono tre forme: torri comuni costruite da più famiglie e utilizzate come rifugio temporaneo, torri residenziali costruite da singole famiglie ricche e utilizzate come residenze fortificate e torri di avvistamento. Mantenendo un rapporto armonioso con il paesaggio circostante, i diaolou testimoniano la fioritura finale delle tradizioni edilizie locali iniziate nel periodo Ming in risposta al brigantaggio[35].
Shilin Yunnan China Shilin-Stone-Forest-02.jpg Carsismo della Cina meridionale Contea autonoma maonan di Huanjiang, Contea autonoma yi di Shilin, Contea di Libo, Contea di Shibing, Contea di Wulong, Contea di Yangshuo, Distretto di Nanchuan Naturale
(1248; vii, viii)
2007-2014 Il carsismo della Cina meridionale è uno degli esempi più spettacolari al mondo di paesaggi carsici umidi tropicali e subtropicali. È un sito seriale diffuso nelle province di Guizhou, Guangxi, Yunnan e Chongqing e copre 97 125 ettari. Contiene i tipi più significativi di morfologie carsiche, comprese le formazioni a torre, a pinnacoli e a coni, insieme ad altri elementi spettacolari come ponti naturali, gole e grandi sistemi di grotte. Le foreste di pietra di Shilin sono considerate fenomeni naturali straordinari. Il cono e la torre carsica di Libo, considerato il sito di riferimento mondiale per questi tipi di formazioni, compongono un paesaggio di grande bellezza. Il Carso di Wulong è stato inscritto per le sue gigantesche doline, ponti naturali e grotte[36].
Snail pit tulou.jpg Tulou del Fujian Fujian Culturale
(1113; iii, iv, v)
2008 I tulou del Fujian sono 46 edifici costruiti tra il XV e il XX secolo nell'entroterra dello Stretto di Taiwan. Incastonati tra campi di riso, tè e tabacco, i tulou sono case di terracotta alte diversi piani, con alloggi per un massimo di 800 persone ciascuna. Furono costruiti a scopo difensivo attorno ad un cortile centrale aperto, circolare o quadrato, con un solo ingresso e finestre sull'esterno solo al di sopra del primo piano. Ospitando un intero clan, le case fungevano da unità di villaggio. Le strutture più elaborate risalgono ai secoli XVII e XVIII. In contrasto con il loro esterno semplice, l'interno del tulou era assai confortevole ed era spesso altamente decorato. Costituiscono esempi eccezionali di una tradizione edilizia, di un particolare stile di vita comunitaria, di organizzazione difensiva e di insediamento umano in rapporto armonioso con l'ambiente[37].
SanQingShan8.jpg Parco nazionale del Sanqingshan Contea di Yushan Naturale
(1292; vii)
2008 Il Parco nazionale del Monte Sanqing, un sito di 22 950 ettari situato a ovest della catena montuosa Huyaiyu, presenta un'eccezionale qualità paesaggistica, caratterizzata dalla concentrazione di spettacolari pilastri e cime: 48 picchi e 89 pilastri di granito, molti dei quali ricordano sagome umane o animali. La bellezza naturale del Monte Huaiyu, alto 1 817 metri, è ulteriormente esaltata dalla giustapposizione di elementi granitici con la vegetazione e da particolari condizioni meteorologiche che creano un paesaggio sorprendente e in continua evoluzione. L'area è soggetta a una combinazione di influenze subtropicali monsoniche e marittime e forma un'isola di foresta temperata sopra il paesaggio subtropicale circostante. Presenta anche numerose cascate, alcune delle quali alte 60 metri, laghi e sorgenti[38].
Wutai Shan temple grounds.jpg Monte Wutai Contea di Wutai Culturale
(1279; ii, iii, iv, vi)
2009 Con le sue cinque cime piatte, il monte Wutai è una montagna sacra buddista. Il paesaggio culturale ospita quarantuno monasteri e comprende la sala principale orientale del tempio Foguang, l'edificio in legno più alto sopravvissuto della dinastia Tang, con sculture in argilla a grandezza naturale. Ospita anche il tempio Shuxiang della dinastia Ming con un enorme complesso di 500 statue che rappresentano storie buddiste intrecciate in immagini tridimensionali di montagne e acqua. Nel complesso, gli edifici del sito mostrano il modo in cui l'architettura buddista si è sviluppata e ha influenzato la costruzione di palazzi in Cina per oltre un millennio. Il monte Wutai, letteralmente "la montagna a cinque terrazze", è il più alto della Cina settentrionale ed è notevole per i suoi pendii scoscesi[39].
Shaolinsi.JPG Monumenti storici di Dengfeng nel "Centro di Cielo e Terra" Dengfeng Culturale
(1305; iii, vi)
2010 Il monte Song è considerato la montagna sacra centrale della Cina. Ai piedi di questa montagna alta 1500 metri, vicino alla città di Dengfeng e distribuiti in un cerchio di 40 chilometri quadrati, si trovano otto gruppi di edifici e siti, tra cui tre porte Han Que (resti dei più antichi edifici religiosi della Cina), i templi, la Piattaforma della meridiana di Zhougong e l'Osservatorio di Gaocheng. Costruiti nel corso di nove dinastie, questi edifici sono il riflesso di diversi modi di percepire il centro del cielo e della terra e il potere della montagna come centro di devozione religiosa. I monumenti storici di Dengfeng includono alcuni dei migliori esempi di antichi edifici cinesi dedicati ai riti, alla scienza, alla tecnologia e all'istruzione[40].
Longhushan 9263.jpg Danxia cinese Chishui, Contea di Renhua, Contea di Taining, Contea di Xinning, Jiangshan, Yingtan Naturale
(1335; vii, viii)
2010 Danxia della Cina è il nome dato ai paesaggi sviluppati su strati rocciosi sedimentari rossi di origine continentale modificati da forze endogene (incluso il sollevamento) e forze esogene (inclusi agenti atmosferici ed erosione). Il sito comprende sei aree che si trovano nella zona subtropicale della Cina sud-occidentale. Sono caratterizzati da spettacolari falesie rosse e da una serie di morfologie erosive, tra cui pilastri naturali, torri, burroni, valli e cascate. Questi paesaggi aspri hanno contribuito a conservare le foreste sempreverdi di latifoglie subtropicali e ospitano molte specie di flora e fauna, circa 400 delle quali sono considerate rare o minacciate[41].
Leifang Pagoda Sunset.jpg Paesaggio culturale del Lago dell'Ovest di Hangzhou Distretto di Shangcheng, Distretto di Xiacheng, Distretto di Xihu Culturale
(1334; ii, iii, vi)
2011 Il paesaggio culturale del Lago dell'Ovest di Hangzhou, che comprende il Lago dell'Ovest e le colline che circondano i suoi tre lati, ha ispirato famosi poeti, studiosi e artisti sin dal IX secolo. Comprende numerosi templi, pagode, padiglioni, giardini e alberi ornamentali, nonché strade rialzate e isole artificiali. Queste aggiunte sono state apportate per migliorare il paesaggio a ovest della città di Hangzhou, a sud del fiume Yangtze[42].
Maotianshan shale outcrop.JPG Sito fossilifero di Chengjiang Contea di Chengjiang Naturale
(1388; viii)
2012 In un sito collinare di 512 ettari i fossili di Chengjiang presentano la documentazione più completa di una prima comunità marina del Cambriano con un biota eccezionalmente conservato, mostrando l'anatomia dei tessuti duri e molli in un'ampia varietà di organismi, invertebrati e vertebrati. Registrando la prima istituzione di un complesso ecosistema marino, il sito documenta almeno sedici phyla e una varietà di gruppi enigmatici oltre a circa 196 specie, presentando un'eccezionale testimonianza della rapida diversificazione della vita sulla Terra 530 milioni di anni fa, quando emersero quasi tutti i principali gruppi animali odierni[43].
Yuan Shangdu.jpg Sito di Xanadu Bandiera di Zhenglan Culturale
(1389; ii, iii, iv, vi)
2012 A nord della Grande Muraglia, il sito di Xanadu comprende i resti della leggendaria capitale di Kublai Khan, progettata dal consigliere cinese del sovrano mongolo Liu Bingzhong nel 1256. Esteso su una superficie di 25 000 ettari, il sito è stato un tentativo unico di fondere le culture dei nomadi mongoli e dei cinesi Han. Da qui Kublai Khan fondò la dinastia Yuan che governò la Cina per oltre un secolo, estendendo i suoi confini attraverso l'Asia. Il dibattito religioso che si è svolto qui ha portato alla diffusione del buddismo tibetano nel nord-est asiatico. Il sito è stato progettato secondo il tradizionale feng shui cinese in relazione alle montagne e al fiume vicini. Presenta i resti della città, inclusi templi, palazzi, tombe, accampamenti nomadi e il canale Tiefan'gang, insieme ad altri acquedotti[44].
Terrace field yunnan china denoised.jpg Paesaggio culturale delle risaie terrazzate degli Hani di Honghe Contea di Yuanyang Culturale
(1111; iii, v)
2013 Il paesaggio culturale delle risaie terrazzate degli Hani di Honghe copre 16 603 ettari nel sud dello Yunnan. È caratterizzato da spettacolari terrazzamenti che scendono a cascata dalle pendici degli imponenti monti Ailao fino alle rive del fiume Hong. Negli ultimi 1300 anni il popolo Hani ha sviluppato un complesso sistema di canali per portare l'acqua dalle cime boscose delle montagne ai terrazzamenti. Hanno anche creato un sistema di allevamento integrato che coinvolge bufali, bovini, anatre, pesci e anguille e sostiene la produzione del riso rosso. Gli abitanti adorano il sole, la luna, le montagne, i fiumi, le foreste e altri fenomeni naturali compreso il fuoco. Vivono in 82 villaggi caratterizzati da tradizionali case "a fungo" con il tetto di paglia[45].
Tianchi Lake.jpg Tien Shan dello Xinjiang Xinjiang Naturale
(1414; vii, ix)
2013 Il Tien Shan dello Xinjiang comprende quattro componenti - Tomur, Kalajun-Kuerdening, Bayinbukuke e Bogda - per un totale di 606 833 ettari. Presenta caratteristiche geografiche fisiche uniche e aree paesaggisticamente belle, tra cui spettacolari montagne innevate, vette ricoperte da ghiacciai, foreste e prati incontaminati, fiumi e laghi limpidi e canyon di arenaria rossa. Le morfologie e gli ecosistemi del sito sono stati preservati dal Pliocene e rappresentano un eccezionale esempio di processi evolutivi biologici ed ecologici in corso. Il sito si estende anche nel deserto del Taklamakan, creando un sorprendente contrasto visivo tra ambienti caldi e freddi, asciutti e umidi, desolati e rigogliosi. Il Tien Shan dello Xinjiang è inoltre un importante habitat per specie endemiche, alcune rare e in via di estinzione[46].
Yumenguan.jpg Vie della Seta: la rete di percorsi del corridoio Chang'an-Tianshan Binzhou, Contea di Chenggu, Contea di Guazhou, Contea di Jimsar, Contea di Kuqa, Contea di Yongjing, Dunhuang, Luoyang, Sanmenxia, Tianshui, Turfan, Xi'an
(altri 11 sono in Kazakistan Kazakistan e Kirghizistan Kirghizistan)
Culturale
(1442; ii, iii, v, vi)
2014 Questa proprietà è una sezione di 5000 km della vasta rete delle Vie della Seta, che si estende da Chang'an/Luoyang, la capitale centrale della Cina nelle dinastie Han e Tang, alla regione di Zhetysu dell'Asia centrale. Prese forma tra il II secolo a.C. e il I secolo d.C. e rimase in uso fino al XVI secolo, collegando più civiltà e facilitando scambi di vasta portata di attività nel commercio, credenze religiose, conoscenze scientifiche, innovazione tecnologica, pratiche culturali e arti. Le trentatré componenti incluse nella rete di percorsi comprendono capitali e complessi di palazzi di vari imperi e khanati, insediamenti commerciali, templi rupestri buddisti, antichi sentieri, postazioni, passi, torri faro, sezioni della Grande Muraglia, fortificazioni, tombe ed edifici religiosi. Ventidue sono le componenti cinesi[47].
清江浦 中洲.JPG Gran Canale Anhui, Hebei, Henan, Jiangsu, Pechino, Shandong, Tientsin, Zhejiang Culturale
(1443; i, iii, iv, vi)
2014 Il Gran Canale è un vasto sistema di corsi d'acqua nelle pianure nord-orientali e centro-orientali della Cina, che va da Pechino a nord a Hangzhou a sud. Costruito in sezioni a partire dal V secolo a.C., fu concepito come mezzo di comunicazione unificato per l'Impero per la prima volta nel VII secolo d.C. (dinastia Sui), creando il più grande e vasto progetto di ingegneria civile del mondo prima della rivoluzione industriale. Costituiva la spina dorsale del sistema di comunicazione interna dell'Impero, trasportando grano, riso e materie prime strategiche per nutrire la popolazione. Ha svolto un ruolo importante nel garantire la prosperità economica e la stabilità del paese ed è ancora in uso oggi come uno dei principali assi di comunicazione[48].
海龙屯 朝天关.jpg Siti del sistema Tusi Contea di Xianfeng, Contea di Yongshun, Distretto di Huichuan Culturale
(1474; ii, iii)
2015 Situato nelle zone montuose del sud-ovest della Cina, questo sito comprende i resti di diversi domini tribali i cui capi furono nominati dal governo centrale Tusi, governanti ereditari dal XIII all'inizio del XX secolo. Il sistema Tusi nasce dai sistemi di governo dinastici delle minoranze etniche risalenti al III secolo a.C. Il suo scopo era unificare l'amministrazione nazionale, consentendo al contempo alle minoranze etniche di mantenere i propri costumi e il proprio stile di vita. I siti di Laosicheng, Tangya e la fortezza di Hailongtun che compongono il sito sono una testimonianza eccezionale di questa forma di governo, che deriva dalla civiltà cinese dei periodi Yuan e Ming[49].
Rock painting hua mountain 2.jpg Paesaggio culturale dell'arte rupestre di Zuojiang Huashan Contea di Fusui, Contea di Longzhou, Contea di Ningming, Distretto di Jiangzhou Culturale
(1508; iii, vi)
2016 Situati sulle ripide falesie nelle regioni di confine del sud-ovest della Cina, questi 38 siti di arte rupestre illustrano la vita e i rituali del popolo Luoyue. Risalgono al periodo tra il V secolo a.C. e il II secolo d.C. In un paesaggio circostante di carsismo, fiumi e altipiani, raffigurano cerimonie che sono state interpretate come appartenenti alla cultura del tamburo di bronzo un tempo prevalente nella Cina meridionale. Questo paesaggio culturale è l'unico residuo rimasto oggi di questa cultura[50].
Mountain-in-central-Shennongjia-5389.jpg Shennongjia del Hubei Distretto forestale di Shennongjia Naturale
(1509; ix, x)
2016 Situato nel Hubei, il sito è costituito da due componenti: Shennongding/Badong a ovest e Laojunshan a est. Protegge le più grandi foreste primarie rimaste nella Cina centrale e fornisce l'habitat a molte specie animali rare, come la salamandra gigante cinese, la rinopiteco dorato o scimmia dai capelli dorati del Sichuan, il leopardo nebuloso, il leopardo comune e l'orso nero asiatico. Il sito occupa un posto di rilievo nella storia della ricerca botanica ed è stato oggetto di spedizioni internazionali di collezionismo di piante nel XIX e XX secolo[51].
Hoh Xil.jpg Hoh Xil del Qinghai Contea di Qumarlêb, Contea di Zhidoi Naturale
(1540; vii, x)
2017 Il Hoh Xil del Qinghai, situato all'estremità nord-orientale dell'altopiano tibetano, è l'altopiano più grande e più alto del mondo. Questa vasta area di montagne e sistemi di steppa si trova a più di 4 500 m sul livello del mare, dove le temperature medie sono sotto lo zero tutto l'anno. Le condizioni geografiche e climatiche hanno alimentato una biodiversità unica: più di un terzo delle specie vegetali e tutti i mammiferi erbivori sono endemici dell'altopiano. Il sito salvaguarda l'intera rotta migratoria dell'antilope tibetana, uno dei grandi mammiferi in via di estinzione endemici dell'altopiano[52].
Gulangyu.jpg Kulangsu: un insediamento storico internazionale Distretto di Siming Culturale
(1541; ii, iv)
2017 Kulangsu è una piccola isola situata sull'estuario del fiume Chiu-lung, di fronte alla città di Xiamen. Con l'apertura di un porto commerciale a Xiamen nel 1843 e l'istituzione dell'isola come insediamento internazionale nel 1903, quest'isola al largo della costa meridionale dell'impero cinese divenne improvvisamente un'importante finestra per gli scambi con gli stranieri. Kulangsu è un esempio eccezionale della fusione culturale emersa da questi scambi, che rimangono leggibili nel suo tessuto urbano: una miscela di diversi stili architettonici tra cui lo stile tradizionale del Fujian meridionale, lo stile revival classico e lo stile coloniale della veranda. La testimonianza più eccezionale della fusione di varie influenze stilistiche è un nuovo movimento architettonico, l'Amoy Deco Style, che è una sintesi dello stile modernista del primo Novecento e dell'Art Déco[53].
Fanjingshan-new.jpg Fanjingshan Contea autonoma Miao di Songtao, Contea autonoma Tujia e Miao di Yinjiang, Contea di Jiangkou Naturale
(1559; x)
2018 Situato all'interno della catena montuosa Wuling, Fanjingshan ha un'altitudine compresa tra 500 metri e 2 570 metri sul livello del mare, favorendo tipi di vegetazione e rilievi molto diversi. È un'isola di roccia metamorfica in un mare di carsismo, patria di numerose specie animali e vegetali che hanno avuto origine nel Terziario, tra 65 milioni e 2 milioni di anni fa. L'isolamento della proprietà ha portato a un elevato grado di biodiversità con specie endemiche, come l'abete di Fanjingshan (Abies fanjingshanensis) e la scimmia dal naso camuso del Guizhou (Rhinopithecus brelichi), e specie in via di estinzione, come la salamandra gigante cinese (Andrias davidianus) , il cervo muschiato di foresta (Moschus berezovskii) e il fagiano di Reeve (Syrmaticus reevesii). Fanjingshan ha la foresta di faggi primordiali più grande e contigua della regione subtropicale[54].
Liangzhu Archaeological Site, 2019-07-20 12.jpg Rovine archeologiche della città di Liangzhu Contea di Deqing Culturale
(1592; iii, iv)
2019 Situate nel bacino del fiume Yangtze, le rovine archeologiche di Liangzhu (circa 3 300-2 300 a.C.) rivelano uno stato regionale antico con un sistema di credenze unificato basato sulla coltivazione del riso nella Cina del tardo neolitico. La proprietà è composta da quattro aree: l'area del sito di Yaoshan, l'area della diga alta alla foce della valle, l'area della diga bassa nella pianura e l'area del sito cittadino. Queste rovine sono un eccezionale esempio della prima civiltà urbana che si espresse in monumenti di terra, pianificazione urbana, un sistema di conservazione dell'acqua e una gerarchia sociale riconoscibile nelle sepolture differenziate nei cimiteri all'interno del sito[55].
Santuari degli uccelli migratori lungo la costa del Mar Giallo-Golfo di Bohai della Cina (fase 1) Contea di Sheyang, Distretto di Dafeng, Dongtai Naturale
(1606; x)
2019 Il sito è caratterizzato da un sistema fangoso intertidale considerato il più grande al mondo. Queste distese fangose, come le paludi e le secche, sono eccezionalmente produttive e fungono da aree di crescita per molte specie di pesci e crostacei. Le aree intertidali del Mar Giallo/Golfo di Bohai sono di importanza mondiale per i raduni di molte specie di uccelli migratori che utilizzano la rotta di volo tra Asia orientale e Australasia. I grandi raduni di uccelli, comprese alcune delle specie più minacciate al mondo, dipendono da questa costa che sfruttano come tappa per la muta, il riposo, durante l'inverno o per farvi il nido[56].
Lingshan Islamic Cemetery - two worthies - DSCF8410.JPG Quanzhou: emporio del mondo nella Cina Song-Yuan Quanzhou Culturale
(1561; iv)
2021 Il sito seriale di Quanzhou illustra la vivacità della città come emporio marittimo per il commercio con l'Asia durante i periodi Song e Yuan (X-XIV secolo d.C.) e la sua interconnessione con l'entroterra cinese. Il sito comprende edifici religiosi, tra cui la Moschea Qingjing dell'XI secolo d.C., uno dei primi edifici islamici in Cina, tombe islamiche e una vasta gamma di resti archeologici: edifici amministrativi, banchine di pietra importanti per il commercio e la difesa, siti di produzione di ceramica e di ferro, elementi della rete di trasporto della città, antichi ponti, pagode e iscrizioni. Era conosciuta come Zayton nei testi arabi e occidentali dal X al XIV secolo d.C.[57].

Siti candidati[modifica | modifica wikitesto]

Foto Sito Luogo Tipo Anno Descrizione
Dongzhai Harbour Mangrove Forest.jpg Riserva naturale del porto di Dongzhai Distretto di Meilan Naturale
(105)
12/02/1996 Con molte baie tortuose lungo la linea di costa, il porto di Dongzhai è stato formato da un forte terremoto nel 1605. Il porto è profondo e ampio con una spiaggia dolcemente piatta. Presenta un certo numero di calanchi di marea: quando la marea si alza la spiaggia è allagata e i calanchi si riempiono d'acqua e i vortici causati dalla marea creano molte pozze poco profonde sulla spiaggia esposta. La foresta di mangrovie sta crescendo lungo la riva del mare[58].
Riserva naturale dell'Alligator sinensis Contea di Guangde, Contea di Jing, Contea di Langxi, Contea di Nanling, Distretto di Xuanzhou Naturale
(106)
12/02/1996 L'Alligator sinensis vive nel corso inferiore del fiume Yangtze e costituisce una specie peculiare in Cina. Infatti, in quanto uno dei coccodrilli d'acqua dolce della famiglia degli alligatori, ha una storia di 200 milioni di anni. Avendo un carattere gentile e innocuo per le persone, l'Alligator sinensis è uno degli animali rari al mondo. Secondo un'indagine sul campo, l'Alligator sinensis è distribuito solo nella parte meridionale dell'Anhui e in alcuni luoghi dello Zhejiang, per un totale di circa 500 esemplari[59].
Poyang Baishazhou 2017.11.25 14-42-59.jpg Riserva naturale di Poyang Contea di Yongxiu Naturale
(107)
12/02/1996 Situato nel nord dello Jiangxi, il lago Poyang, il più grande lago d'acqua dolce della Cina, si trova a sud del corso medio e inferiore del fiume Changjiang. Abbondanti risorse naturali forniscono un habitat accogliente per gli uccelli migratori, attirando decine di migliaia di esemplari a trascorrervi l'inverno, trasformando così il lago Poyang in uno dei santuari per uccelli migratori più famosi al mondo. Nel giugno 1983 il governo provinciale ha istituito la riserva degli uccelli migratori nella parte occidentale del lago, dove la maggior parte degli uccelli migratori si accalcano per l'inverno. Questa riserva, che ha in Wucheng il suo centro, abbraccia nove laghi e paludi stagionali, tra cui Dahuci, Banghu, Zhonghuci e Shahu, con una superficie totale di 22 400 ha[60].
1 li jiang guilin yangshuo 2011.jpg Zona panoramica del fiume Lijiang presso Guilin Guilin Naturale
(108)
12/02/1996 La zona panoramica del fiume Lijiang presso Guilin si trova nel nord-est del Guangxi Zhuang. L'area totale è di duemila chilometri quadrati che copre l'intera città di Guilin, la contea di Yangshuo e alcune parti delle contee di Lingui, Lingchuan e Yongfu. Nel 1982 il Consiglio di Stato ha inserito questa zona panoramica nel primo gruppo dei principali luoghi di interesse paesaggistico e storico della Cina. Le montagne, principalmente di rocce calcaree, sono composte da sedimenti biochimici marini. Anni di agenti atmosferici ed erosione idrica hanno dato forma alle ricche e variegate forme delle sue attuali vette, isolate o a grappolo, e magnifiche grotte carsiche[61].
Yumbulagang Palace from Above.jpg Yalong, Tibet Contea di Nêdong Misto
(1622)
29/11/2001 Coprendo la valle del medio corso del fiume Yaluzangbu, i suoi rami e alcuni laghi sull'altopiano tibetano, la regione di Yalong è la culla della cultura tibetana. Le reliquie esistenti, i manufatti e i siti antichi dimostrano la prima civiltà dei tibetani, inclusa la loro religione primitiva, cultura, arti e società. La regione di Yalong copre un'area di 1350 chilometri quadrati. È un'area di alto valore culturale e naturale sull'altopiano del Tibet-Qinghai[62].
Qutang Gorge on Changjiang.jpg Punto panoramico delle gole dello Yangtze Contea di Badong, Contea di Fengjie, Contea di Wushan, Contea di Zigui, Distretto di Yiling Misto
(1623)
29/11/2001 Le gole dello Yangtze sono uno dei primi punti panoramici nazionali riconosciuti nel 1982. Iniziano a Baidicheng nella contea di Fengjie e terminano al passo di Nanjin a Yichang. Le gole sono lunghe 193 km e coprono un'area di 1 208 km², che comprende la gola di Wuxia, la gola di Qutang, la gola di Xiling e alcune ampie valli tra queste gole. La gola di Qutang è lunga 8 km ed è celebrata per i suoi paesaggi magnifici e i suoi precipizi unici al mondo. La gola di Wuxia è lunga 42 km; tranquilla e appartata, presenta un panorama di paesaggi incantevoli. Infine la gola di Xiling è lunga 66 km ed è famosa per le sue pericolose rapide e le acque turbolente[63].
Mount. Jinfo 1.JPG Punto panoramico del Jinfushan Distretto di Nanchuan Naturale
(1624; vii, viii, ix)
29/11/2001 Il monte Jinfo è un importante punto panoramico e un parco forestale nazionale. La montagna Fengchuiling, la vetta principale con un'altitudine di 2 251 metri, è la cima più alta della catena montuosa del Daloushan. Il Jinfushan è una delle quattro famose montagne del Sichuan e Chongqing. Ha una forte rilevanza paesaggistica: è situato in uno scenario magnifico, antico e verdeggiante ed è un punto d'osservazione della vegetazione montuosa di enorme valore[64].
Xiaozhaitiankeng.jpg Punto panoramico del Pozzo celeste e della Cicatrice nel terreno Contea di Fengjie Naturale
(1625; vii, viii, ix)
29/11/2001 Il punto panoramico del Pozzo celeste e della Cicatrice nel terreno si trova nella catena montuosa di Qiyao, nella parte di estensione della zona rialzata all'estremità occidentale della zona di corrugamento del monte Wuyi-monte Xuefeng nel sistema strutturale neocataisiano. Il sistema idrogeologico carsico di Xiaozhai-Tianjingxia è composto dalle valli più ampie nel suo corso superiore, dalle gole, dagli inghiottitoi dell'acqua e dal solco di terra nel suo corso medio e dal fiume sotterraneo e dall'imbuto della finestra del cielo nel suo corso inferiore[65].
1 mount hua shan china 2011.jpg Area panoramica del Hua Shan Huayin Misto
(1626)
29/11/2001 Hua Shan è stato a lungo considerato la montagna più ripida della Cina, contornata da pareti di granito, aspre falesie e profonde vallate. Il suo sentiero è anche uno dei più insidiosi: si snoda a duemila piedi di altezza fino a una stretta sporgenza sulla parete rocciosa. Nonostante o forse a causa di questo paesaggio inospitale, Hua Shan è ricco di flora e fauna. Il taoismo lo conosce come la montagna della ricchezza poiché, secondo la tradizione, la ricchezza è misurata dalla diversità delle specie che vivono sulla terra. Per questo è una delle cinque montagne sacre taoiste della Cina[66].
中雁荡山景色 - panoramio (3).jpg Monte Yandang Yueqing Misto
(1627)
29/11/2001 Famoso come "paesaggio meraviglioso della Cina" per la sua lunga storia, il monte Yandang è tra i principali punti panoramici a livello statale. Con un'area centrale di 186 km², la montagna comprende paesaggi naturali di alto valore estetico e scientifico ed è diventata uno spazio composito in grado di saziare il desiderio di bellezza dei viaggiatori come d'integrare la natura e la civiltà storica. Il paesaggio naturale peculiare ed eccellente, il valore scientifico universale e la profonda cultura tradizionale delle montagne e delle acque sono in perfetta armonia nel monte Yandang[67].
楠溪江漂流 - panoramio.jpg Fiume Nanxi Contea di Yongjia Misto
(1629)
29/11/2001 Il fiume Nanxi, un sistema idrico a forma di albero con 145 chilometri di lunghezza, è il più grande ramo settentrionale nel corso del fiume Ou. Scorre tra il monte Yandang a est e il monte Guochang a ovest. Lo strato roccioso delle montagne è costituito principalmente da tufo, riolite e granito. Il fiume si trova nella zona monsonica subtropicale ed è influenzato dal clima marittimo. Nei punti panoramici si trovano vari tipi di piante e alcuni alberi rari (come Liquidambar formosana e ginkgo)[68].
Majishan entire hill 20090226.jpg Punti panoramici del Maijishan Distretto di Maiji Misto
(1631)
29/11/2001 Il monte Maiji è inserito nella lista di punti panoramici della Cina per le sue grotte che contengono raffinate sculture di argilla, ma anche per la sua vegetazione lussureggiante, la sua geologia e morfologia variegata e le sue cime scoscese. La sua area comprende le grotte di Maijishan, la Falesia immortale, la porta di pietra, il torrente Quxi e le sorgenti termali di Jieting. Le grotte di Maijishan furono costruite per la prima volta nel tardo periodo Qin (384-417 d.C.) ed espanse durante le 12 dinastie successive. Nonostante molti terremoti e catastrofi, rimangono ancora 194 grotte scavate nella parete rocciosa a circa 30-80 m di altezza dal suolo, che contengono 7200 sculture e circa 1000 m² di affreschi[69].
Panorama of Laohei Volcano Crater, Aug 2019.jpg Punti panoramici di Wudalianchi Wudalianchi Naturale
(1632; viii, ix)
29/11/2001 Il Wudalianchi è uno delle prime aree paesaggistiche statali approvate dal Consiglio di Stato nel 1982 e una riserva naturale istituita nel 1996. Ospita le vestigia più tipiche e intatte di moderne eruzioni vulcaniche in Cina e sorgenti di acqua minerale vulcanica famose in tutto il mondo. L'ammasso vulcanico di Wudalianchi è situato nella fascia tettonica disposta lungo l'asse est-ovest all'incrocio tra il sollevamento dei monti Xiaohinggan e la depressione di Song-Nen[70].
葫芦澳.JPG Punti panoramici di Haitan Contea di Pingtan Misto
(1633)
29/11/2001 La struttura geologica dell'arcipelago di Haitan è profondamente influenzata dai movimenti tettonici di Yanshan, che hanno indotto attività intense di eruzioni di magma e faglie. Una varietà di forme geomorfologiche, come colline, piane rocciose, laghi, coste rocciose, sabbiose e fangose, sono state prodotte nell'arcipelago per via delle rocce granitiche e vulcaniche ampiamente distribuite e delle faglie molto sviluppate. Poiché il substrato roccioso di questo arcipelago soffre continuamente dell'erosione e dell'azione degli agenti atmosferici, si formano vari paesaggi con strutture geologiche particolari e vivide figure rocciose naturali[71].
Dali-Cangshan Erhai Lake 2017-11-16.jpg Punto panoramico dei Monti Cangshan di Dali e del Lago Erhai Dali Misto
(1634)
29/11/2001 I monti Cangshan e il lago Erhai si trovano nello Yunnan all'interno di un'area protetta che si entende su una superificie di 960 km². Nell'area panoramica ci sono un'antica città e la bella e alta montagna Cangshan e il lago Erhai che è luminoso e cristallino come uno specchio. Ci sono anche più di 100 punti panoramici nella zona che offrono uno scenario naturale meraviglioso, una storia e una cultura di lunga data, numerosi cimeli e siti storici e forti usanze tradizionali[72].
Traditioneller chinesischer Destillationsapparat in der Brennerei Luzhou Laojiao.jpg Siti di produzione di liquori in Cina Chengdu, Contea di Jinxian, Distretto di Xushui, Luzhou, Mianzhu Culturale
(5320; iii, iv, vi)
28/03/2008 Questa candidatura è composta da cinque diversi siti per la produzione di liquori in Cina: il sito del laboratorio LiuLing nel Hebei, il sito del laboratorio Lidu nel Jiangxi, il sito del laboratorio Shuijingjie a Chengdu, il sito del gruppo di cantine per il liquore Luzhou Laojiao Daqu a Luzhou e il sito del laboratorio Tianyi per l'alcolico Jiannanchu a Mianzhu, nel Sichuan[73].
Dangjiacun.JPG Antiche residenze nelle province di Shanxi e Shaanxi Xincheng, Xizhuang Culturale
(5322; ii, iii, iv, v)
28/03/2008 Questa candidatura comprende due diversi siti: il gruppo di edifici antichi nel villaggio di Dingcun e il gruppo di edifici antichi nel villaggio di Dangjiacun. Le 40 case antiche rimaste di Dingcun furono costruite durante le dinastie Ming e Qing, ad eccezione del tempio Sanyi della dinastia Yuan (costruito nel XXII anno di Zhizheng). Il villaggio di Dangjiacun mantiene autenticamente lo stile e le caratteristiche dei villaggi del nord della Cina durante le dinastie Ming e Qing[74].
XiAn CityWall DiLou.jpg Mura cittadine delle dinastie Ming e Qing Distretto di Jingzhou, Nanchino, Xi'an, Xingcheng Culturale
(5324; iii, iv)
28/03/2008 Questa candidatura comprende quattro diversi siti: le mura cittadine di Xingcheng, le mura cittadine di Nanchino, le mura cittadine di Jingzhou e le mura cittadine di Xi'an. Queste quattro componenti costituiscono esempi eccellenti delle mura cittadine in Cina costruite durante le dinastie Ming e Qing[75].
Yangzhou am Morgen.JPG Lago snello dell'ovest e area urbana storica a Yangzhou Distretto di Guangling, Distretto di Hanjiang Culturale
(5327; iii, iv, v)
28/03/2008 Il Lago snello dell'ovest, in passato chiamato lago Baozhang, si trova nel nord-ovest della città di Yangzhou. A metà del XVIII secolo numerose ville suburbane di commercianti di sale costruite lungo gli argini in diversi periodi storici (dinastie Sui, Tang, Song, Yuan, Ming e Qing) erano collegate in modo elaborato per accogliere la visita dell'imperatore Qianlong, formando così una bellissima cintura intorno al lago con giardini paesaggistici che combinano armonicamente paesaggi naturali e umani. La disposizione originale della città di Yangzhou, le strade e i vicoli, il sistema idrico e il paesaggio urbano antico ed elegante incarnano le caratteristiche e gli stili delle città sull'acqua della Cina meridionale[76].
Zhouzhuang 2.jpg Antiche città ripariali a sud del fiume Yangtze Luzhi, Wuzhen, Xitang, Zhouzhuang Culturale
(5328; ii, iv, v)
28/03/2008 2500 anni fa, quando Suzhou divenne una città, nelle aree circostanti nacquero alcune città per metà urbane e per metà rurali come Tongli, Luzhi, Wuzhen, Nanxun e Xitang. Sin dai tempi antichi, sfruttando appieno le condizioni naturali e l'ambiente geografico, i residenti di queste città hanno accumulato una ricca esperienza su come vivere armoniosamente tra fiumi e laghi. Con la crescita dell'economia, della cultura e delle forze produttive, nell'XI secolo si costituì una rete di città collegate da corsi d'acqua che nel XIII secolo iniziarono a prosperare. La candidatura include quattro di queste città sull'acqua: Luzhi, Wuzhen, Xitang e Zhouzhuang[77].
2015-09-17-071553 - Ruinenstätte Gaochang (Kocho) , Südöstlicher kleiner Tempel.jpg Sezione cinese della Via della Seta: percorsi terrestri nella provincia del Henan, provincia del Shaanxi, provincia del Gansu, provincia del Qinghai, regione autonoma del Ningxia Hui e regione autonoma del Xinjiang Uygur; percorsi marittimi nella città di Ningbo, nella provincia dello Zhejiang e nella città di Quanzhou, nella provincia del Fujian - dalla dinastia Han occidentale alla dinastia Qing 48 componenti Culturale
(5335; i, ii, iii, iv, v, vi)
28/03/2008 La Via della Seta è l'antica via commerciale che inizia nell'antica capitale Chang'an, l'odierna città di Xi'an e centro della politica, dell'economia e della cultura per un lungo periodo dell'antica Cina. Si riferisce alla rotta commerciale terrestre che collega l'Asia, l'Africa e l'Europa, che attraversa il monte Longshan, segue il corridoio di Hexi, passa il passo di Yumenguan e il passo di Yangguan, raggiunge lo Xinjiang, si estende lungo l'oasi e l'altopiano del Pamir, entra nell'Asia centrale e l'attraversa, prosegue per l'Asia occidentale e meridionale e poi porta in Africa ed Europa. Fungeva anche da importante arteria stradale dove si svolgevano gli scambi economici, politici e culturali tra Oriente e Occidente. Le componenti più rappresentative del patrimonio culturale della sezione cinese della Via della Seta incluse nella candidatura sono 48[78].
凤凰-流浪的狗狗.jpg Antica città di Fenghuang Contea di Fenghuang Culturale
(5337; i, ii, iii, iv)
28/03/2008 La città di Fenghuang si trova nel sud-ovest del Hunan, fungendo da porta d'accesso strategica di collegamento col Guizhou. Per oltre mille anni, dalla dinastia Tang alla dinastia Qing la città è stata sede di importanti funzioni amministrative; di conseguenza ospita una serie di uffici governativi. Il Tempio della Letteratura è stato costruito e ampliato insieme agli edifici scolastici, ai cortili dell'accademia e alle sale riunioni, a cui sarebbero seguiti i negozi, i magazzini e le bancarelle, nonché i templi ancestrali e altri edifici religiosi. Il borgo antico si estende su una superficie di 1,8 km² in cui rimangono 20 antiche strade, decine di antichi vicoli e passaggi e oltre 200 antiche residenze civili[79].
Guangzhou Nanyueguo Gongshu Yizhi 20171021.141832.jpg Siti dello Stato Yue meridionale Distretto di Yuexiu Culturale
(5338; ii, iii)
28/03/2008 I siti archeologici dello Stato Yue meridionale (il palazzo del Regno Nanyue, la tomba del re di Nanyue e il Cancello acquatico in legno del Regno Nanyue) sono situati a Guangzhou. Lo Stato Yue meridionale (203 a.C.-111 a.C.) era uno stato vassallo fondato nella Cina meridionale durante i primi anni della dinastia Han occidentale. La sua istituzione ha accelerato il salto di sviluppo nella storia sociale nella regione di Lingnan dalla società primitiva alla società feudale[80].
白鹤梁石鱼.jpg Antiche iscrizioni idrologiche di Baiheliang Distretto di Fuling Culturale
(5341; iii, iv)
28/03/2008 Baiheliang ("Cresta della gru bianca") si trova nel mezzo del fiume Changjiang. Il nome deriva dalle gru che in passato si raccoglievano sul costone di pietra lungo 1600 m e largo circa 25 m, approssimativamente parallelo alla sponda sud. È sommerso dall'acqua tutto l'anno e compare solo durante la stagione di magra in inverno. Il costone di pietra ha una superficie di arenaria leucocratica piuttosto piatta con un'obliquità di 14,5° verso nord. Grazie al gran numero di incisioni subacquee, alla lunga storia, ai registri autentici e dettagliati del livello dell'acqua, al ricco contenuto delle iscrizioni, alle forme diversificate e alla perfetta integrazione con il fiume e l'ambiente, Baiheliang è considerata un'autentica meraviglia sommersa[81].
Xijiang Miao Village.jpg Villaggi di nazionalità Miao nel sud-est della provincia di Guizhou: villaggi di nazionalità Miao ai piedi del monte Leigong nei monti Miao Ling Contea di Congjiang, Contea di Jianhe, Contea di Leishan, Contea di Taijiang Culturale
(5344; i, iv, v, vi)
28/03/2008 Essendo una delle numerose nazionalità che vivono nel sud-ovest della Cina, i Miao hanno una tradizione culturale unica. L'area di Leigongshan nella prefettura autonoma miao e dong di Qiandongnan è densamente popolata dal popolo Miao, punteggiato da oltre 200 villaggi Miao, di cui 21 che sono stati inclusi nella candidatura. Distribuiti su alte creste e montagne imponenti o nelle profondità delle foreste, questi antichi villaggi razionalmente disposti riflettono il modo tradizionale di produzione e lo stile di vita del popolo Miao, la loro forma abitativa e i cambiamenti della loro società. Mostrano anche il corso dell'evoluzione della loro cultura e il rapporto tra il loro ambiente naturale e l'insediamento umano[82].
Turpan-karez-museo-d02.jpg Pozzi karez Prefettura di Turpan Culturale
(5347; i, iv, v)
28/03/2008 I pozzi karez nell'area di Turfan sono in totale oltre 1100, di cui 538 si trovano nella città di Turfan, 418 a Shanshan e 180 a Toksun. Il volume annuo di deflusso di questi pozzi karez ammonta a 294 milioni di metri cubi, che rappresentano il 30% del totale delle aree irrigate nell'area di Turfan. La lunghezza dei pozzi karez varia con l'ambiente geografico. Un pozzo karez è generalmente costituito da quattro parti: il canale aperto, il canale sotterraneo, il pozzo verticale e il piccolo serbatoio[83].
Tomb of Imperial Concubine Zhao (10289436414).jpg Progetto di espansione delle Tombe imperiali delle dinastie Ming e Qing: Tombe del re Lujian Distretto di Fengquan Culturale
(5351; ii, iii, iv, vi)
28/03/2008 Come registrato nel Mausoleo di re Lujian costruito su ordine imperiale, la tomba del re fu completata nell'ottavo mese del 43º anno di regno di Wanli durante la dinastia Ming (1615), da cui si può dedurre che la tomba della seconda moglie fu costruita nel 30º anno di regno di Wanli (1602). Il mausoleo fu ben protetto da funzionari militari e civili dal suo completamento fino alla caduta della dinastia Ming nel 1644. Continuò ad essere protetto all'inizio della dinastia Qing, dopo che il governo emise l'ordine di proteggere le dimore dei re di Zheng, Lu e Zhao nel terzo anno del regno di Shunzhi (1646)[84].
Songshan.JPG Quattro montagne sacre della Cina come estensione del Monte Tai Contea di Hengshan, Contea di Hunyuan, Contea di Quyang, Dengfeng, Huayin Misto
(5353; i, ii, iii, iv, vi, vii, viii)
07/04/2008 La candidatura è un'estensione del patrimonio mondiale culturale e naturale del monte Taishan. I quattro siti candidati sono: il monte Heng meridionale, il monte Hua a occidente, il monte Song al centro e il monte Heng settentrionale. I "Cinque Monti Sacri" sono stati venerati per oltre tremila anni fin dal Neolitico per la loro posizione geografica unica e la maestosità della altitudine relativa. L'offerta di sacrifici ai Cinque Monti Sacri si svolgeva per mostrare i successi degli imperatori a tutto il popolo e i Cinque Monti Sacri erano considerati i confini del loro regno. Pertanto, i Cinque Monti Sacri simboleggiano l'unificazione del territorio nell'era della civiltà agricola cinese[85].
罗布人村寨 沙漠泛舟 - panoramio.jpg Deserto del Taklamakan - Foreste di Populus euphratica Xinjiang Naturale
(5532; viii, ix, x)
29/01/2010 Il patrimonio candidato coinvolge un segmento del corso medio del fiume Tarim lungo il quale la foresta di pioppi dell'Eufrate è la più alta e fitta e mostra la minore interferenza umana. L'area del sito è abbastanza grande da comprendere un'ampia varietà di processi ecologici vitali, in particolare perché la popolazione nel sito nominato è ridotta e gli esseri umani non hanno ancora un grande impatto sull'ecosistema naturale. I pioppi risalgono al Terziario e, pertanto, sono considerati dai botanici fossili viventi di specie antiche. Il sito comprende la Riserva naturale nazionale del Tarim dello Xinjiang e la Riserva naturale regionale della Foresta di Populus euphratica[86].
LakeKanas.jpg Altaj cinese Prefettura di Altay Naturale
(5533; vii, viii, ix)
29/01/2010 L'Altaj cinese è il versante sud del segmento mediano dei Monti Altaj che si estende per circa 500 km e occupa un terzo della lunghezza totale della catena. Le due componenti candidate rappresentano entrambe, ma in maniera diversa, il carattere naturale e l'ecosistema del versante sud dei Monti Altaj. La Riserva naturale nazionale di Kanas è il più grande sito di glaciazione e la più bella regione panoramica delle montagne dell'Altaj. La Riserva naturale delle sorgenti dei due fiumi dell'Altaj presenta la tipica forma rocciosa granitica dei monti Altaj e include anche la sorgente del fiume Ergis[87].
Taskhkurgan, Xinjian Province PR China.JPG Karakorum-Pamir Contea autonoma tagica di Tashkurgan Naturale
(5535; viii, x)
29/01/2010 Il sito candidato contiene le vette più alte del Pamir, che ne incarnano bene i processi tettonici e l'intero eccezionale valore geologico. Il sito comprende anche ghiacciai di alta montagna arida e vulcani di fango, una cintura paesaggistica naturale dell'altopiano, sistemi ecologici e habitat per piante e animali in via di estinzione. Ci sono vaste aree che non sono mai state interessate da attività umane. L'area designata si compone della Riserva naturale delle zone umide del Pamir e della Riserva naturale di Taxkorgan[88].
Beihai park - bridge to white pagoda.JPG Asse centrale di Pechino (incluso il Beihai) Distretto di Dongcheng, Distretto di Xicheng Culturale
(5802; i, iii, iv, vi)
29/01/2013 L'Asse centrale è l'area meglio conservata della città vecchia di Pechino. L'asse centrale di Pechino è lungo 7,8 km che inizia nel sud della città dalla Porta di Yongding, attraversa la Porta di Zhengyang, Piazza Tian'anmen, la Città Proibita, la collina di Jingshan e termina con le Torri della Campana e del Tamburo a nord. La maggior parte degli edifici principali nella città vecchia di Pechino sono costruiti lungo quest'asse: i palazzi imperiali, la Città imperiale, i templi e gli altari, i mercati, le strade di epoca feudale e il complesso di piazza Tian'anmen, costruito dopo la fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949[89].
Pagodaoffogongtemple2019.jpg Strutture in legno della dinastia Liao - Pagoda di legno della contea di Yingxian, sala principale del monastero Fengguo della contea di Yixian Contea di Yi, Contea di Ying Culturale
(5803; i, iii, iv)
29/01/2013 La Pagoda di legno del tempio Fogong e la sala principale del monastero Fengguo sono entrambe importanti strutture in legno nello stile tipico della dinastia Liao. Costruita nel 1056, la Pagoda in legno, risalente a 957 anni fa, è la più antica struttura a più piani in legno del mondo, e con i suoi 67,31 m di altezza e nove piani è anche il più alto. La sala principale del monastero Fengguo fu costruita nel 1020. La sala di 993 anni ha nove campate nel lato della facciata (47,6 m) e cinque campate di profondità (25,13 m). L'edificio alto 24 m è la struttura buddista in legno meglio conservata e più grande in Cina. Le due strutture rappresentano i risultati eccezionali nella progettazione e costruzione di strutture in legno dell'antica Cina[90].
红山遗址群.JPG Siti della Cultura di Hongshan: siti archeologici di Niuheliang, Hongshanhou e Weijiawopu Distretto di Hongshan, Contea di Jianping Culturale
(5804; i, iii, iv)
29/01/2013 I siti archeologici di Niuheliang, Hongshanhou e Weijiawopu, che potrebbero risalire a 6000-5000 anni fa, sono importanti siti rappresentativi della cultura di Hongshan. Il sito archeologico di Niuheliang, risalente a 5500-5000 anni fa, era un centro funerario e sacrificale nel tardo periodo Hongshan. Rispetto ad altri siti del tardo Hongshan finora conosciuti, vanta la migliore conservazione, la più ricca varietà di resti e il maggior numero di reliquie culturali portate alla luce. I siti archeologici di Hongshanhou e Weijiawopu, risalenti a 6000-5500 anni fa, erano entrambi insediamenti residenziali. Mentre Weijiawopu possiede il maggior numero di strutture residenziali, il sito di Hongshanhou è il luogo da cui prende il nome la cultura di Hongshan[91].
Yue-Kiln sites at Shanglin Lake, 2014-11-23 05.jpg Sito dell'antico forno per la porcellana in Cina Cixi, Longquan Culturale
(5806; ii, iii, iv)
29/01/2013 Il sito dell'antico forno per la porcellana in Cina comprende una serie di siti rappresentativi di antiche fornaci per la produzione di celadon dal I al XVII secolo. Si trovano nello Zhejiang, un'area in cui si concentra la produzione di celadon, con i siti di forni Yue presso il lago Shanglin e i siti di forni di Longquan presso Dayao come due quintessenza. La scala colossale e i numerosi resti storici dei siti confermano l'invenzione e il lignaggio dell'antica tradizione del celadon della Cina[92].
东百中心A馆10楼瞭望台西三坊七巷.jpg Sanfang Qixiang Distretto di Gulou Culturale
(5808; iii, iv)
29/01/2013 Sanfang Qixiang, il quartiere storico delle Tre Vie e dei Sette Vicoli, si trova a Fuzhou. Si trova tra la Zicheng (la cerchia più piccola di mura cittadine) costruita durante la dinastia Jìn (III-IV secolo d.C.) e la Luocheng (la cerchia più ampia di mura cittadine) costruita durante la dinastia Tang (VII-X secolo d.C.). Sanfang Qixiang costituisce un'area relativamente indipendente della città e ha mantenuto il suo tradizionale tessuto urbano di vicoli modellati durante le dinastie Jìn e Tang[93].
Antiche piantagioni di tè del monte Jingmai a Pu'er Pu'er Culturale
(5810; iii, iv, v)
29/01/2013 La regione dei monti Hengduan è un punto caldo di biodiversità e luogo di origine e riserva per varie specie. In questa zona negli ultimi anni sono stati scoperti antichi alberi di tè selvatici di circa 2700 anni, antichi alberi di tè metà selvatici e metà coltivati ​​più vecchi di 1000 anni e grandi piantagioni antiche di tè Pu'er ben conservate con alberi di tè di 100-1000 anni, rendendola una delle prime regioni di coltivazione del tè che ha avuto un'influenza significativa sulla cultura del nel mondo. Le antiche piantagioni di tè sono distribuite principalmente nella zona montuosa tra 1250 e 1550 metri sul livello del mare e si concentrano in tre aree: Manggeng-Mengben, Jingmai Dapingzhang-Nuogang e Mangjing[94].
XiXia Tomb 3 A.jpg Tombe imperiali degli Xia occidentali Distretto di Xixia Culturale
(5811; iii)
29/01/2013 Le tombe imperiali degli Xia occidentali sono i mausolei degli imperatori della dinastia Xia occidentale (1038-1227). Situate sul versante orientale dei monti Helan, a circa 35 km a ovest della città di Yinchuan, le tombe sono il patrimonio culturale storico meglio conservato che rappresenta la civiltà Tangut su larga scala e al più alto livello[95].
Chengyang drum tower (42353483430).jpg Villaggi Dong Contea autonoma dong di Sanjiang, Contea autonoma dong di Tongdao, Contea di Congjiang, Contea di Liping, Contea di Rongjiang, Contea di Suining Culturale
(5813; iii, iv, v)
29/01/2013 I villaggi Dong candidati si trovano in sei contee di tre province e sono costituiti da 20 villaggi, che costituiscono gli insediamenti in cui le tradizioni culturali Dong sono state meglio conservate. I villaggi Dong variano per le loro regioni di distribuzione, eco-ambienti, clan, paesaggi e caratteristiche culturali, e costituiscono organicamente un sistema di valori culturali completo, distinto dagli altri paesaggi culturali di villaggio o agricoli[96].
Lingqu Canal.jpg Canale Lingqu Contea di Xing'an Culturale
(5814; i, iv, vi)
29/01/2013 Il canale Lingqu, noto anche come canale Dou o canale Xing'an collega il fiume Xiang e il fiume Li, unendo il bacino del fiume Yangtze e il bacino del fiume delle Perle. La sua lunghezza complessiva è di 36,4 km attraverso le città di Xing'an, Yan'guan, Rongjiang e Xiang'li. Dopo che l'Impero Qin unificò la Cina, Shi Lu fu incaricato dall'imperatore Qinshihuang di costruire un canale per il trasporto del grano. Completato nel 214 a.C., il canale è in servizio da oltre 2000 anni come principale via di trasporto d'acqua tra il Lingnan (gli odierni Guangdong e Guangxi) e la Cina centrale fino al completamento della ferrovia Yuehan e della ferrovia Xianggui in tempi moderni[97].
Danba diaolou.jpg Costruzioni diaolou e villaggi per i gruppi etnici tibetani e Qiang Barkam, Contea di Danba, Contea di Daofu, Contea di Jinchuan, Contea di Li, Contea di Mao, Contea di Wenchuan, Kangding Culturale
(5815; i, ii, iii, iv, v)
29/01/2013 Gli edifici e i villaggi diaolou per i gruppi etnici tibetani e Qiang si trovano nelle valli alpine a est dell'altopiano del Qinghai-Tibet e comprendono 225 edifici diaolou e 15 villaggi distribuiti nella parte superiore del fiume Dadu e del fiume Min nei Monti Hengduan. Gli edifici diaolou sono alcune alte torri di avvistamento per lo più costruite in pietra, con solo poche costruite in mattoni nelle aree in cui vivono i Qiang[98].
Archaeological Site of Jinsha.jpg Siti archeologici dell'antico stato di Shu: sito presso Jinsha e tombe congiunte di bare a forma di barca nella città di Chengdu, provincia del Sichuan; sito di Sanxingdui nella città di Guanghan, provincia di Sichuan XXIX-V secolo a.C. Distretto di Qingyang, Guanghan Culturale
(5816; i, ii, iii, v)
29/01/2013 I siti archeologici dell'antico stato di Shu sono eccezionali esempi di civiltà dell'età del bronzo in Cina, in Asia orientale e persino nel mondo. I siti archeologici candidati sono costituiti dal sito di Sanxingdui, dal sito di Jinsha e dalla Grande Tomba sulla via commerciale Shangye e dal loro ambiente naturale in un'area totale di 611,3 ettari[99].
Yandang Shan Geopark 12.JPG Yardang dello Xinjiang Xinjiang Naturale
(5989; vii, viii)
30/01/2015 La Cina è uno dei paesi al mondo in cui si concentrano numerosi yardang, in una vasta area di circa 20 000 km². Gli yardang più tipici sono particolarmente concentrati nei bacini dello Xinjiang e del Qaidam nel Qinghai. In Xinjiang, situato nell'entroterra del continente euroasiatico, piogge scarse e vento abbondante hanno favorito lo sviluppo di oltre 6 000 km² di yardang. Il bacino di Hami, il bacino di Lop Nur e il bacino di Junggar sono i principali luoghi in cui si distribuiscono gli yardang nello Xinjiang, esempi eccezionali di queste formazioni geologiche in un clima temperato continentale e nel deserto della regione estremamente arida dell'Asia centrale[100].
Dunhuang Yardang National Geopark 2.JPG Yardang di Dunhuang Contea di Guazhou, Contea di Ruoqiang, Dunhuang Naturale
(5990; vii, viii)
30/01/2015 Il bacino al medio e basso corso del fiume Shule e Lop Nur si trova nella regione estremamente arida del triangolo del continente euroasiatico, una delle regioni più aride del mondo. Le precipitazioni annuali sono inferiori a 50 mm e il clima è caratterizzato da vento abbondante e frequenti tempeste di sabbia/polvere. Il sito candidato comprende gli yardang di Bulongji e Qiaowan nella contea di Guazhou, quelli di Beihu e il Geoparco degli yardang di Dunhuang nella città-contea di Dunhuang, gli yardang di Loulan, Longcheng e Bailongdui nel bacino settentrionale e nord-orientale di Lop Nur[101].
Tianzhu Peak (20170116142019).jpg Monte Tianzhu Qianshan Misto
(5992; ii, iii, v, vi, vii, viii)
30/01/2015 Tianzhushan presenta sia un piacevole ambiente ecologico che una profonda cultura storica: offre un vasto paesaggio montuoso, costellato di cime granitiche e grotte, cascate e sorgenti, lungo la zona di faglia Tan-Lu. Tianzhushan ha un ricco patrimonio geologico con fossili di mammiferi e una cintura metamorfica di eclogite ad altissima pressione (UHP). Tianzhushan è la culla della cultura Hui. La cultura di Xuejiagang scoperta nel sito di Xuejiagang è l'unica cultura neolitica nell'Anhui. Il tempio di Sanzu ha uno status e un'influenza estremamente importanti nella cultura religiosa di Tianzhushan[102].
Ehu shuyuan 0233.jpg Monti Jinggang-Wuyishan settentrionali (estensione del Monte Wuyi) Contea di Yanling, Contea di Yanshan, Jinggangshan Misto
(5993; iii, vi, vii, x)
30/01/2015 Jinggangshan-Wuyishan settentrionali e il sito già riconosciuto del Monte Wuyi appartengono alla stessa unità geotettonica, alla stessa regione geografica fisica e alla stessa cultura generale, ma sono diversi l'uno dall'altro in termini di geografie fisiche, ecosistemi montani, biodiversità, paesaggi naturali e cultura locale. Insieme rappresentano in maniera più completa un sistema ecologico montano intatto, con gli habitat di flora e fauna e la cultura locale. La parte del patrimonio culturale della proprietà nominata comprende l'Accademia Ehu, il sito di Baikoucheng, le rovine degli studiosi di filosofia nelle dinastie Ming e Qing (comprese le architetture e le tombe dell'accademia di Jinggangshan)[103].
Jianmenguan.JPG Shudao Bazhong, Dazhou, Deyang, Guangyuan, Mianyang, Nanchong Misto
(5994; ii, iii, iv, vi, vii, x)
30/01/2015 Situata a sud dei monti Daba e Qinling, il Shudao, l'antico sistema stradale che collega la Cina centrale alla regione montuosa del sud-ovest da oltre 2300 anni, è caratterizzato dai suoi meravigliosi sentieri che serpeggiano tra le ripide montagne del Sichuan settentrionale. Il sistema di percorsi, insieme a una varietà di città storiche, templi del taoismo e del buddismo e altre reliquie culturali, sono profondamente radicati nei magnifici paesaggi collinari circostanti che ospitano anche una straordinaria biodiversità, che comprende esemplari rari di panda gigante, takin e monal della Cina, panda rosso e salamandra gigante[104].
Tsaparang-ruins of ancient capital of Guge Kingdom 03.JPG Aree di interesse paesaggistico e storico di Tulin-Guge Contea di Zanda Misto
(5995; ii, iii, v, vi, vii, viii)
30/01/2015 La proprietà candidata mostra suoli di diverse tonalità, struttura e composizione fisica, tra cui vi è una grande quantità di fossili, che presentano prove dirette o indirette dell'antica evoluzione ambientale dell'altopiano del Qinghai-Tibet. Dal punto di vista culturale, l'area intorno a Tulin-Guge ha visto lo sviluppo della civiltà Guge, con rovine di palazzi e grotte come importanti testimonianze giunte fino a noi. Il regno di Guge era il regno più influente tra tutti i governi locali del Tibet dopo la fine della dinastia Tubo[105].
日月山 - panoramio (1).jpg Sezione cinese delle Vie della Seta 63 componenti Culturale
(6093; i, ii, iii, iv, v, vi)
22/02/2016 La sezione cinese delle Vie della Seta comprende la rotta terrestre e la rotta marittima. La Via terrestre è l'antica rotta commerciale che parte dall'antica Chang'an, l'odierna città di Xi'an, centro della politica, dell'economia e della cultura dell'antica Cina, collegandola con l'Asia, l'Africa e l'Europa. La rotta marittima delle vie della seta è la rotta commerciale marittima che collegava l'est e l'ovest, sfruttando i monsoni, le correnti oceaniche e le tecnologie di navigazione tradizionali. Geograficamente il patrimonio culturale della Via marittima delle Vie della Seta in Cina era distribuito lungo le coste ed è particolarmente rappresentato dalle città portuali come Guangzhou, Quanzhou, Ningbo e Nanchino[106].
Monte Guancen-Monte Luya Contea di Ningwu Naturale
(6184; vii, ix)
28/02/2017 La regione montuosa del Guanqin presenta una topografia e una geomorfologia complesse, tra cui l'area montuosa, l'area collinare del loess e la morfologia fluviale. Il monte Luya si trova nella zona di transizione tra praterie temperate, boschi e arbusti, latifoglie temperate e foreste miste, praterie e arbusti montani, e anche al punto di attraversamento biogeologico della regione della Mongolia Interna-Xinjiang, altopiano del Loess, pianura della Cina settentrionale e l'area Qinghai-tibetana[107].
额尔古纳湿地公园—马蹄岛 - panoramio.jpg Paesaggio di Hulunbuir e luogo di nascita di un’antica minoranza Hulunbuir Misto
(6185; iii, vii, ix, x)
28/02/2017 La parte naturale della proprietà è composta da 6 componenti: la riserva naturale di Hanma, la riserva naturale di Ergun il parco delle zone umide di Ergun e l'area panoramica di Ergun, la riserva naturale del lago Hulun, la riserva naturale di Huihe e la riserva naturale di Honghuaerji Zhangzisong, la zona forestale settentrionale di Ergun, includendo i tre diversi ecosistemi di foresta, zona umida e prateria. Gli Xianbei facevano parte dei Donghu, una delle tre importanti minoranze nazionali cinesi del nord, e il loro sviluppo ha avuto un impatto significativo sul processo di formazione della civiltà cinese e globale. I monumenti degli Xianbei nella prefettura di Hulun Buir includono i siti rupestri di Gaxian, le tombe di Zhalai Nuoer, le tombe di Labradlin, le tombe di Ihoulah, le tombe di Qika, le prime tombe di Chu Lumeng Bei e le prime tombe di Meng Gen Chu Wula costruite tra il 100 a.C. e il 100 d.C.[108].
Qinghai lake.jpg Lago Qinghai Contea di Gangca, Contea di Gonghe, Contea di Haiyan Naturale
(6186; vii, ix, x)
28/02/2017 Il sito candidato si trova completamente all'interno del Parco nazionale del Lago Qinghai, in coincidenza con la Riserva naturale nazionale del Lago Qinghai. Il lago Qinghai è una zona umida salina interna di importanza internazionale: presenta il più grande bacino endoreico di un lago salato. L'enorme corpo idrico e il sistema idrico circostante hanno dato vita al vasto e unico ecosistema delle zone umide interne dell'altopiano, fornendo l'habitat ideale per molti animali selvatici[109].
GurlaMandhataHorQu.jpg Area paesaggistica e storica delle Montagne e dei Laghi sacri Contea di Burang Misto
(6187; iii, v, vi, vii, viii, x)
28/02/2017 'Due picchi appollaiati a nord e a sud, due laghi che si riflettono a est e a ovest': una frase che descrive le caratteristiche paesaggistiche naturali di base del sito, comprendente un'unità geomorfologica abbastanza compatta di 'due montagne con due laghi in mezzo', formando un paesaggio unico composto da ghiacciai, laghi, zone umide e praterie. "Due montagne" indica la Montagna Sacra di Gang Rinpoche (6 638 m) e il Picco della Dea di Naimona'nyi (7 694 m), e "due laghi" si riferisce al Lago Sacro di Manasarovar e al Lago Fantasma di Lhanag-tso. Questo ambiente naturale unico ha generato religioni e culture particolari e ricche[110].
Yuntai montain (2).jpg Monti Taihang Changzhi, Contea di Xiuwu, Contea di Zanhuang, Jiyuan Misto
(6188; iii, vii, viii, x)
28/02/2017 I monti Taihang, rappresentati dall'eccezionale formazione di Zhangshiyan, ha cime imponenti, gole profonde, cascate continue, grotte uniche. L'insieme di paesaggio ecologico peculiare, fenomeni meteorologici nelle quattro stagioni e bei colori ha ispirato una speciale tipologia di dipinti con montagne e fiumi nello snodo di due importanti altipiani della Cina. Il sito candidato è composto di diverse parti: il Parco geologico nazionale/Parco nazionale/Riserva naturale provinciale di Zhangshiyan, il Parco forestale nazionale di Huangyadong, il Parco nazionale del monte Wangwu e il Parco nazionale del monte Yuntai[111].
Baitou Mountain Tianchi.jpg Paesaggio della vegetazione verticale e paesaggio vulcanico nel Changbai Shan Baishan, Prefettura autonoma coreana di Yanbian Naturale
(6190; vii, viii, ix, x)
28/02/2017 Il sito candidato è un tipico vulcano a lungo dormiente in cui chiaramente interagiscono morfologia lavica vulcanica, idrografia, morfologia carsica e morfologia glaciale e periglaciale. Nel frattempo, la montagna Changbai è un museo naturale e una gigantesca riserva genica, che raccoglie una grande varietà di tipi climatici e tipi di comunità biologiche, come la zona temperata e la zona temperata fredda e la zona subartica. La sua cintura paesaggistica di vegetazione verticale raccoglie più ecosistemi, specie biologiche e morfologie tipiche all'interno di un'area geografica limitata rispetto a qualsiasi altra proprietà simile[112].
Yellow River Delta.jpeg Costa del Golfo di Bohai e del Mar Giallo della Cina 14 componenti in Hebei, Jiangsu, Liaoning, Shandong Naturale
(6555; vii, viii, ix, x)
28/02/2017 La costa del Golfo di Bohai e del Mar Giallo va dall'estuario del fiume Yalu a nord all'estuario del fiume Yangtze a sud. Lungo la costa si distribuiscono habitat naturali come delta, banchi di sabbia, distese fangose, coste rocciose, isole, canneti e creste di conchiglie, nonché paesaggi culturali come saline, stagni peschieri e risaie. I sedimenti e le sostanze nutritive vengono continuamente scaricati dal fiume Giallo, dal fiume Yangtze e da altri fiumi tra cui il Liao, il Luan e il Hai. Il processo dinamico di accumulo dei sedimenti continua ancora a modellare il paesaggio geologico e l'ecosistema del Golfo di Bohai e del Mar Giallo, rendendo la loro costa una delle più variegate e fertili del mondo, un habitat chiave per gli uccelli migratori[113].
Jingdezhen Yuyaochang Yizhi 2017.12.30 15-10-11.jpg Siti dei forni imperiali di Jingdezhen Distretto di Zhushan Culturale
(6265; ii, iii, iv)
05/09/2017 La componente principale è il sito dei forni imperiali, dove si cuocevano, producevano e servivano porcellane per la famiglia imperiale durante le dinastie Ming e Qing. Comprende officine per la cottura della porcellana e rovine di forni, nonché abbondanti pezzi di porcellana delle dinastie Ming e Qing depositati sottoterra. Esistono anche diversi siti di fornaci civili così come altri importanti resti di fornaci che mostrano l'origine tecnica delle fornaci imperiali. I siti delle fornaci imperiali di Jingdezhen includono anche siti di estrazione e lavorazione di materie prime per la produzione di porcellane, sale delle corporazioni delle associazioni di categoria, moli per il trasporto fluviale e altre reliquie culturali, che sono legate alla produzione e al trasporto di porcellane[114].
Bilutu Peak.JPG Deserto di Badain Jaran — Torri di sabbia e laghi Lega dell'Alxa Naturale
(6379; vii, viii)
30/01/2019 Il deserto di Badain Jaran si trova nell'altopiano dell'Alashan, nella regione desertica iper-arida e temperata della Cina nord-occidentale. È il secondo deserto più grande della Cina. Il sito candidato si concentra nell'area desertica centrale e comprende la maggior concentrazione di megadune e bacini lacustri interdunali, che costituiscono valori del patrimonio naturale insostituibili. La proprietà contiene la duna di sabbia stazionaria più alta del mondo: Bilutu, con un'altitudine di 1 611 metri e una prominenza di circa 450 metri, la cosiddetta "Everest del deserto". Il sito conta ben 144 bacini lacustri, per una superficie totale di oltre 2 300 ha, di cui 74 sono laghi permanenti e 12 sono laghi limpidi di acqua dolce alimentati da sorgenti sotterranee di ottima qualità[115].
Huangguoshu Waterfall in October 2020, Picture07.jpg Area paesaggistica di Huangguoshu Contea autonoma Buyei e Miao di Zhenning Misto
(6380; v, vii, viii)
30/01/2019 Il sito candidato è costituito da tre componenti: i punti panoramici di Huangguoshu, Getuhe e Tunpu. Il punto panoramico di Huangguoshu riflette l'interazione tra la cultura Buyi e l'ambiente carsico, che è un eccezionale esempio di come il popolo Buyi utilizzi le risorse naturali tradizionali; questo punto panoramico presenta diverse meraviglie naturali: gruppi di cascate, costellazioni di laghi e cime elevate. Il punto panoramico di Getuhe è il sito più completo della cultura Miao, variegata e unica al mondo; esso ospita quasi tutti i tipi di paesaggi carsici, incluse numerose grotte. Il punto panoramico di Tunpu, dominato dalla cultura Tunpu che ha trovato modi diversi di connettersi col mondo esterno, combina villaggi, architetture, costumi, pratiche teatrali, credenze religiose e lo scenario naturale nel suo insieme, formando un'area paesaggistica caratteristica[116].
Siti di fossili triassici del Guizhou Contea autonoma Buyei e Miao di Guanling, Panzhou, Xingyi Naturale
(6380; viii)
30/01/2019 Il sito candidato è costituito da quattro componenti: la fauna di Panxian, la fauna di Xingyi-Wusha, la fauna di Xingyi-Dingxiao e il biota di Guanling, che coprono un totale di 82,43 km². I siti di fossili del triassico del Guizhou comprendono una serie di Lagerstätte composti da fossili del primo Mesozoico ricchi, completi e ben conservati, inclusi rettili marini, pesci, crinoidi, ammonoidi, bivalvi, brachiopodi e artropodi[117].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ENFR) China, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  2. ^ (ENFR) Mount Taishan, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  3. ^ (ENFR) The Great Wall, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  4. ^ (ENFR) Imperial Palaces of the Ming and Qing Dynasties in Beijing and Shenyang, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  5. ^ (ENFR) Mogao Caves, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  6. ^ (ENFR) Mausoleum of the First Qin Emperor, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  7. ^ (ENFR) Peking Man Site at Zhoukoudian, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  8. ^ (ENFR) Mount Huangshan, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  9. ^ (ENFR) Jiuzhaigou Valley Scenic and Historic Interest Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  10. ^ (ENFR) Huanglong Scenic and Historic Interest Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  11. ^ (ENFR) Wulingyuan Scenic and Historic Interest Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  12. ^ (ENFR) Mountain Resort and its Outlying Temples, Chengde, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  13. ^ (ENFR) Temple and Cemetery of Confucius and the Kong Family Mansion in Qufu, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  14. ^ (ENFR) Ancient Building Complex in the Wudang Mountains, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  15. ^ (ENFR) Historic Ensemble of the Potala Palace, Lhasa, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  16. ^ (ENFR) Lushan National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  17. ^ (ENFR) Mount Emei Scenic Area, including Leshan Giant Buddha Scenic Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  18. ^ (ENFR) Old Town of Lijiang, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  19. ^ (ENFR) Ancient City of Ping Yao, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  20. ^ (ENFR) Classical Gardens of Suzhou, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  21. ^ (ENFR) Summer Palace, an Imperial Garden in Beijing, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  22. ^ (ENFR) Temple of Heaven: an Imperial Sacrificial Altar in Beijing, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  23. ^ (ENFR) Mount Wuyi, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  24. ^ (ENFR) Dazu Rock Carvings, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  25. ^ (ENFR) Mount Qingcheng and the Dujiangyan Irrigation System, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  26. ^ (ENFR) Ancient Villages in Southern Anhui – Xidi and Hongcun, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  27. ^ (ENFR) Longmen Grottoes, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  28. ^ (ENFR) Imperial Tombs of the Ming and Qing Dynasties, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  29. ^ (ENFR) Yungang Grottoes, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  30. ^ (ENFR) Three Parallel Rivers of Yunnan Protected Areas, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  31. ^ (ENFR) Capital Cities and Tombs of the Ancient Koguryo Kingdom, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  32. ^ (ENFR) Historic Centre of Macao, su whc.unesco.org. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  33. ^ (ENFR) Yin Xu, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  34. ^ (ENFR) Sichuan Giant Panda Sanctuaries - Wolong, Mt Siguniang and Jiajin Mountains, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  35. ^ (ENFR) Kaiping Diaolou and Villages, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  36. ^ (ENFR) South China Karst, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  37. ^ (ENFR) Fujian Tulou, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  38. ^ (ENFR) Mount Sanqingshan National Park, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  39. ^ (ENFR) Mount Wutai, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  40. ^ (ENFR) Historic Monuments of Dengfeng in “The Centre of Heaven and Earth”, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  41. ^ (ENFR) China Danxia, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  42. ^ (ENFR) West Lake Cultural Landscape of Hangzhou, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  43. ^ (ENFR) Chengjiang Fossil Site, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  44. ^ (ENFR) Site of Xanadu, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  45. ^ (ENFR) Cultural Landscape of Honghe Hani Rice Terraces, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  46. ^ (ENFR) Xinjiang Tianshan, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  47. ^ (ENFR) Silk Roads: the Routes Network of Chang'an-Tianshan Corridor, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  48. ^ (ENFR) The Grand Canal, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  49. ^ (ENFR) Tusi Sites, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  50. ^ (ENFR) Zuojiang Huashan Rock Art Cultural Landscape, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  51. ^ (ENFR) Hubei Shennongjia, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  52. ^ (ENFR) Qinghai Hoh Xil, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  53. ^ (ENFR) Kulangsu, a Historic International Settlement, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  54. ^ (ENFR) Fanjingshan, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  55. ^ (ENFR) Archaeological Ruins of Liangzhu City, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  56. ^ (ENFR) Migratory Bird Sanctuaries along the Coast of Yellow Sea-Bohai Gulf of China (Phase I), su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  57. ^ (ENFR) Quanzhou: Emporium of the World in Song-Yuan China, su whc.unesco.org. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  58. ^ (ENFR) Dongzhai Port Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  59. ^ (ENFR) The Alligator Sinensis Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  60. ^ (ENFR) Poyang Nature Reserve, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  61. ^ (ENFR) The Lijiang River Scenic Zone at Guilin, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  62. ^ (ENFR) Yalong, Tibet, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  63. ^ (ENFR) Yangtze Gorges Scenic Spot, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  64. ^ (ENFR) Jinfushan Scenic Spot, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  65. ^ (ENFR) Heaven Pit and Ground Seam Scenic Spot, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  66. ^ (ENFR) Hua Shan Scenic Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  67. ^ (ENFR) Yandang Mountain, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  68. ^ (ENFR) Nanxi River, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  69. ^ (ENFR) Maijishan Scenic Spots, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  70. ^ (ENFR) Wudalianchi Scenic Spots, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  71. ^ (ENFR) Haitan Scenic Spots, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  72. ^ (ENFR) Dali Chanshan Mountain and Erhai Lake Scenic Spot, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  73. ^ (ENFR) Sites for Liquor Making in China, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  74. ^ (ENFR) Ancient Residences in Shanxi and Shaanxi Provinces, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  75. ^ (ENFR) City Walls of the Ming and Qing Dynasties, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  76. ^ (ENFR) Slender West Lake and Historic Urban Area in Yangzhou, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  77. ^ (ENFR) The Ancient Waterfront Towns in the South of Yangtze River, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  78. ^ (ENFR) Chinese Section of the Silk Road: Land routes in Henan Province, Shaanxi Province, Gansu Province, Qinghai Province, Ningxia Hui Autonomous Region, and Xinjiang Uygur Autonomous Region; Sea Routes in Ningbo City, Zhejiang Province and Quanzhou City, Fujian Province - from Western-Han Dynasty to Qing Dynasty, su whc.unesco.org. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  79. ^ (ENFR) Fenghuang Ancient City, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  80. ^ (ENFR) Site of Southern Yue State, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  81. ^ (ENFR) Baiheliang Ancient Hydrological Inscription, su whc.unesco.org. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  82. ^ (ENFR) Miao Nationality Villages in Southeast Guizhou Province: The villages of Miao Nationality at the Foot of Leigong Mountain in Miao Ling Mountains, su whc.unesco.org. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  83. ^ (ENFR) Karez Wells, su whc.unesco.org. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  84. ^ (ENFR) Expansion Project of Imperial Tombs of the Ming and Qing Dynasties: King Lujian’s Tombs, su whc.unesco.org. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  85. ^ (ENFR) The Four Sacred Mountains as an Extension of Mt. Taishan, su whc.unesco.org. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  86. ^ (ENFR) Taklimakan Desert—Populus euphratica Forests, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 febbraio 2022.
  87. ^ (ENFR) China Altay, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 febbraio 2022.
  88. ^ (ENFR) Karakorum-Pamir, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  89. ^ (ENFR) The Central Axis of Beijing (including Beihai), su whc.unesco.org. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  90. ^ (ENFR) Wooden Structures of Liao Dynasty—Wooden Pagoda of Yingxian County, Main Hall of Fengguo Monastery of Yixian County, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  91. ^ (ENFR) Sites of Hongshan Culture: The Niuheliang Archaeological Site, the Hongshanhou Archaeological Site, and Weijiawopu Archaeological Site, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 febbraio 2022.
  92. ^ (ENFR) Ancient Porcelain Kiln Site in China, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 febbraio 2022.
  93. ^ (ENFR) SanFangQiXiang, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 febbraio 2022.
  94. ^ (ENFR) Ancient Tea Plantations of Jingmai Mountain in Pu'er, su whc.unesco.org. URL consultato il 23 febbraio 2022.
  95. ^ (ENFR) Western Xia Imperial Tombs, su whc.unesco.org. URL consultato il 23 febbraio 2022.
  96. ^ (ENFR) Dong Villages, su whc.unesco.org. URL consultato il 23 febbraio 2022.
  97. ^ (ENFR) Lingqu Canal, su whc.unesco.org. URL consultato il 23 febbraio 2022.
  98. ^ (ENFR) Diaolou Buildings and Villages for Tibetan and Qiang Ethnic Groups, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  99. ^ (ENFR) Archaeological Sites of the Ancient Shu State: Site at Jinsha and Joint Tombs of Boat- shaped Coffins in Chengdu City, Sichuan Province; Site of Sanxingdui in Guanghan City, Sichuan Province 29C.BC-5C.BC, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  100. ^ (ENFR) Xinjiang Yardang, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  101. ^ (ENFR) Dunhuang Yardangs, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  102. ^ (ENFR) Tianzhushan, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  103. ^ (ENFR) Jinggangshan--North Wuyishan (Extension of Mount Wuyi), su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  104. ^ (ENFR) ShuDao, su whc.unesco.org. URL consultato l'11 marzo 2022.
  105. ^ (ENFR) Tulin-Guge Scenic and Historic Interest Areas, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  106. ^ (ENFR) The Chinese Section of the Silk Roads, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  107. ^ (ENFR) Guancen Mountain -- Luya Mountain, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  108. ^ (ENFR) Hulun Buir Landscape & Birthplace of Ancient Minority, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  109. ^ (ENFR) Qinghai Lake, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  110. ^ (ENFR) Scenic and historic area of Sacred Mountains and Lakes, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  111. ^ (ENFR) Taihang Mountain, su whc.unesco.org. URL consultato il 12 marzo 2022.
  112. ^ (ENFR) Vertical Vegetation Landscape and Volcanic Landscape in Changbai Mountain, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 marzo 2022.
  113. ^ (ENFR) The Coast of the Bohai Gulf and the Yellow Sea of China, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 marzo 2022.
  114. ^ (ENFR) Imperial Kiln Sites of Jingdezhen, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 marzo 2022.
  115. ^ (ENFR) Badain Jaran Desert—Towers of Sand and Lakes, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 marzo 2022.
  116. ^ (ENFR) Huangguoshu Scenic Area, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 marzo 2022.
  117. ^ (ENFR) Guizhou Triassic Fossil Sites, su whc.unesco.org. URL consultato il 13 marzo 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2010119425