Imagine Dragons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Imagine Dragons
Imagine Dragons, Roundhouse, London (35390234536).jpg
Gli Imagine Dragons in concerto nel 2017
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Indietronica
Pop rock
Periodo di attività musicale2008 – in attività
EtichettaInterscope Records, KIDinaKORNER
Album pubblicati6
Studio4
Live2
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Gli Imagine Dragons sono un gruppo musicale statunitense proveniente da Las Vegas, Nevada, e formatosi nel 2008.

Il gruppo ha acquisito notorietà a partire dal 2012 con il singolo It's Time e il lancio del loro primo album Night Visions, che ha raggiunto la seconda posizione della Billboard 200.

A seguito della distribuzione di Night Visions, gli Imagine Dragons hanno intrapreso un tour mondiale e suonato in diversi late night show televisivi. Nel 2013 sono stati eletti da Billboard come il gruppo esordiente di maggior successo dell'anno, mentre l'anno successivo il loro fortunato singolo Radioactive vince il Grammy Award alla miglior esibizione rock di un gruppo, oltre che superare numerosi record di vendite[1]. Nel 2015 viene pubblicato il loro secondo album in studio, Smoke and Mirrors, caratterizzato da suoni più sperimentali del precedente disco, che raggiunge la prima posizione della Billboard 200. Nel 2017 esce il terzo album Evolve, anch'esso di successo internazionale e secondo posto nella Billboard 200. Grazie ai suoi singoli di punta Believer, Thunder e Whatever It Takes, il gruppo risulta, con l'aggiunta di Radioactive e del singolo del 2018 Natural, dall'album dello stesso anno Origins, il gruppo di maggior successo della Billboard Rock Songs, essendo gli unici artisti nella storia della classifica ad aver piazzato quattro primi posti diversi e averli mantenuti per oltre 100 settimane cumulative[2].

Oltre a ciò, il gruppo vanta anche 4 nomination ai Grammy Awards, 26 nomination ai Billboard Music Awards (con 9 vittorie), due primi posti nella Billboard Hot 100 con i brani Sucker for Pain e Believer e un disco di diamante certificato dalla RIAA per le vendite di Radioactive. Nonostante il grande successo commerciale, i loro dischi hanno ricevuto più volte giudizi mediocri o sono stati ignorati dalla critica specializzata[3][4].

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e primi EP (2008-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante Dan Reynolds e il batterista Andrew Tolman si conoscono alla Brigham Young University di Provo, dove entrambi erano studenti, e cominciano a suonare insieme nel 2008[5]. Con l'aggiunta del chitarrista Andrew Colin Beck, la tastierista Aurora Florence e il bassista Dave Lemke si crea il primo scheletro della formazione, che per le prime settimane di vita usa un nome conosciuto solo da loro. Questo nome viene poi cambiato, anagrammandolo, in "Imagine Dragons"[6]. Il gruppo corona i primi successi già in questo periodo, vincendo solo nel 2008 la "Battle of the Bands" dell'Università di quell'anno, la "Battle of the Bands" del Club Velour e l'"Utah Valley University's Got Talent"[5]. Dopo la pubblicazione del primo EP demo Speak to Me[7], alla fine del 2008 Beck e Florence lasciano la formazione e a essi subentrano rispettivamente Wayne Sermon, proveniente dal Berklee College of Music, e Brittany Tolman, collega di Università di Dan Reynolds e Andrew Tolman, oltre che moglie di quest'ultimo. Agli inizi del 2009 anche Lemke lascia il gruppo, e Sermon porta nella formazione un altro studente della Berklee, il bassista Ben McKee[8][9].

Il gruppo si sposta in via definitiva a Las Vegas sempre nello stesso anno, dove in estate registra ai Battle Born Studios gli EP indipendenti Imagine Dragons e Hell and Silence[10]. Durante il 2010 il gruppo si esibisce spesso dal vivo e ottiene numerosi premi locali e buona accoglienza da parte del pubblico[9]. Dopo l'uscita di altro EP, intitolato It's Time, nel novembre 2011 gli Imagine Dragons firmano un contratto discografico per la Interscope Records, etichetta appartenente alla Universal Music Group, e la KIDinaCorner, appartenente al produttore britannico Alex da Kid, che comincia a lavorare con loro per registrare del nuovo materiale[11]. Prima della firma del contratto i coniugi Tolman decidono di lasciare il gruppo, venendo rimpiazzati dalla tastierista e corista Theresa Flaminio e il batterista Daniel Platzman[9]. Con l'uscita di Andrew Tolman, Reynolds rimane quindi l'unico membro fondatore rimasto nella formazione.

Poco prima di iniziare le registrazioni per il loro primo album, Theresa Flaminio esce ufficialmente dal gruppo[9].

Night Visions e i singoli di successo (2012-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Gli Imagine Dragons a Joensuu nel 2013, intervistati per l'Ilosaarirock

I lavori con Alex da Kid iniziano tra il 2011 e il 2012 ai Westlake Recording Studios di West Hollywood: un primo EP, intitolato Continued Silence EP e contenente quattro dei brani che poi verranno ripresi nel loro primo album in studio, viene pubblicato il 17 febbraio 2012 in formato digitale e raggiunge in pochi mesi la 40ª posizione della Billboard 200, anche grazie al successo del primo singolo It's Time, tra i primi cinque nelle classifiche Alternative Songs e Rock Songs di Billboard e quindicesimo nella prestigiosa Billboard Hot 100[12]. Il relativo video musicale ha debuttato il 17 aprile 2012 su MTV, e la band vinse il premio di "MTV PUSH Artist of the Week". Il video fu in seguito nominato agli MTV Video Music Awards nella categoria "Best Rock Video". Il brano viene utilizzato in numerose serie televisive e spot pubblicitari, tra i quali quello di Apple per la presentazione dell'Apple Store di Barcellona durante il keynote di presentazione dell'iPhone 5. It's Time viene certificato singolo d'oro dalla RIAA nell'ottobre 2012 per le oltre 500.000 copie vendute.

Nel frattempo la band si sposta negli Studio X, situati nel Palms Casino Resort, per finire di registrare il suo album di debutto Night Visions. Alla sua uscita, avvenuta il 4 settembre 2012, il disco debutta direttamente alla seconda posizione della Billboard 200, vendendo nella prima settimana 83.000 copie[13]. Night Visions ha vinto il riconoscimento come disco di platino in sette stati e in altri ancora il disco d'oro, accumulando al 2013 1,8 milioni di dollari di vendite solo negli Stati Uniti d'America[14]. Billboard attribuisce loro il titolo di "Band di punta del 2013", e nello stesso anno fanno apparizioni in vari programmi televisivi, tra cui The Tonight Show with Jay Leno (2012), Jimmy Kimmel Live! (2012) e Late Night with Jimmy Fallon (2013). Il gruppo continua a cavalcare l'onda del successo con i successivi singoli Radioactive, Hear Me, On Top of the World e Demons; Radioactive, in particolare, entra nelle classifiche di tutto il mondo e spende il record di 87 settimane nella Billboard Hot 100, oltre a occupare il primo posto della Rock Songs per 23 settimane di fila (altro record)[12], guadagnandosi nel 2014, con oltre 6 milioni di copie vendute solo negli Stati Uniti (arriverà, entro l'anno successivo, a oltre 10 milioni di unità vendute tra vendite e streaming, ottenendo la certificazione di disco di diamante), il titolo di brano rock più venduto della storia nell'era digitale[1]. Radioactive è stata inoltre candidata a due Grammy Awards nel 2014: registrazione dell'anno e miglior esibizione rock di un gruppo, trionfando nell'ultima categoria[15], mentre Night Visions si aggiudica nello stesso anno il titolo di miglior album rock ai Billboard Music Awards, cerimonia durante la quale gli Imagine Dragons vengono anche premiati con altri quattro premi, tra i quali miglior gruppo dell'anno e miglior artista della Hot 100[16]. Radioactive viene proclamata da Rolling Stone migliore hit rock dell'anno[17] e MTV nomina gli Imagine Dragons migliore band emergente del 2013[18]. L'altro singolo Demons ha anch'esso ottenuto un gran successo di vendite, vendendo solo negli Stati Uniti oltre 4 milioni di copie[19] e arrivando alla sesta posizione della Billboard Hot 100[12].

Il 19 settembre 2013 viene annunciata l'uscita di un nuovo singolo, Monster, brano realizzato per il videogioco Infinity Blade III ma utilizzato anche per altri media come il terzo film di Iron Man. Nel 2014 partecipano invece alla colonna sonora di Transformers 4 - L'era dell'estinzione con il brano Battle Cry, pubblicato come singolo il 2 giugno dello stesso anno. Il 17 settembre 2014 collaborano con Riot Games (produttrice del videogioco online League of Legends) con il singolo Warriors, realizzato e utilizzato appositamente per il video-trailer dell'evento "World Championship 2014" del videogioco.

Smoke and Mirrors (2014-2016)[modifica | modifica wikitesto]

La band durante lo Sziget Festival 2014

Alle porte dell'estate 2014, a conclusione del lungo tour internazionale a supporto di Night Visions, il gruppo torna in studio per registrare un secondo album di inediti[20]. Tra ottobre 2014 e gennaio 2015 vengono pubblicati tre nuovi singoli, I Bet My Life, Gold e Shots, che anticipano il secondo album di inediti del gruppo, intitolato Smoke and Mirrors e pubblicato il 17 febbraio 2015[21].

Il 27 agosto 2015 viene pubblicato un nuovo singolo, Roots, non facente parte dell'ultimo album. La prima esibizione dal vivo è avvenuta il 2 settembre a Melbourne durante il loro tour, mentre il video musicale è stato pubblicato il 29 settembre seguente. Il 12 ottobre dello stesso anno esce un altro brano inedito, I Was Me, singolo strumentale realizzato per promuovere il progetto della band One4, fondato in collaborazione con la SAP e l'Apple per raccogliere fondi e supportare i rifugiati dell'Europa e del Medio Oriente[22].

Il 2 marzo 2016 esce nei cinema di tutto il mondo il film concerto Smoke and Mirrors Live, accompagnato dall'annuncio di una breve pausa sia dallo studio di registrazione che dal palco della band[23]. Il concerto viene successivamente pubblicato in formato CD+DVD e Blu-ray[24].

Nell'aprile 2016 viene pubblicato il brano Not Today, realizzato dagli Imagine Dragons per il film Io prima di te, e a giugno dello stesso anno Sucker for Pain, singolo in collaborazione con Lil Wayne, Wiz Khalifa e altri artisti ed estratto dalla colonna sonora ufficiale del film Suicide Squad. Il singolo ottiene un notevole successo internazionale ed è il primo singolo firmato Imagine Dragons a raggiungere la cima della Billboard Hot 100[12]. Nel dicembre 2016 viene pubblicato un altro singolo inedito, Levitate, realizzato per il film Passengers.

Evolve (2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º febbraio 2017, dopo mesi di anticipazioni, esce il loro nuovo brano Believer, seguito il 7 marzo 2017 dal video ufficiale che vede come ospite l'attore Dolph Lundgren, interprete del celebre Ivan Drago, principale antagonista del film cult Rocky IV[25].

Il cantante e membro fondatore Dan Reynolds all'Ilosaarirock 2017

Il 27 aprile 2017 viene pubblicato un altro nuovo singolo, intitolato Thunder, mentre l'8 maggio esce Whatever It Takes e il 15 giugno Walking the Wire. Grazie al video di Whatever It Takes, la band ha trionfato nella categoria Miglior video rock la sera degli MTV Video Music Awards 2018. Tutti e quattro i singoli vanno ad anticipare il terzo album in studio del gruppo, Evolve. Il disco ottiene un buon successo di vendite e nelle classifiche internazionali, ma non viene particolarmente apprezzato dalla critica specializzata[26] per le sonorità fortemente pop ed elettroniche introdotte dal gruppo nei suoi nuovi brani[27][28]. Believer, Thunder e Whatever It Takes riescono comunque a scalare le classifiche di tutto il mondo, ottenendo un notevole successo di vendite e soprattutto di ascolti, sia in radio che in streaming[29]. Ai Grammy Awards 2018 Evolve e Thunder vengono rispettivamente candidati al Grammy Award al miglior album pop vocale e alla miglior performance pop di un gruppo, senza però trionfare in nessuna delle due categorie[30], mentre il gruppo si aggiudica i premi come miglior brano rock (per Believer, con anche Thunder presente tra i candidati) e come miglior album rock (sempre per Evolve) ai Billboard Music Awards dello stesso anno, tra le altre candidature ottenute[31].

Dopo un esteso tour internazionale in supporto a Evolve, il 21 febbraio 2018, insieme alla pubblicazione del singolo inedito Next to Me, viene annunciato un altro tour estivo che li vedrà sui principali palchi degli Stati Uniti d'America[32]. Next to Me è stata successivamente aggiunta nelle edizioni digitali di Evolve come prima traccia.

Origins (2018-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2018 vengono pubblicati altri due singoli inediti: Born to Be Yours, in collaborazione con il disc jockey norvegese Kygo, e Natural. Entrambi i brani ottengono buone vendite in tutto il mondo, e Natural in particolare occupa la prima posizione della Rock Songs per oltre 10 settimane di fila, che sommate a quelle dei precedenti singoli Radioactive, Believer, Thunder e Whatever It Takes superano la cifra record di oltre 100 settimane complessive passate in cima alla classifica per gli Imagine Dragons[2].

Il 19 settembre successivo viene pubblicato il singolo Zero, brano realizzato per il film Ralph spacca Internet, in uscita nelle sale di tutto il mondo a partire da fine novembre[33].

Il 5 ottobre viene annunciato che un nuovo album di inediti, Origins, verrà pubblicato il 9 novembre 2018 come "disco gemello" di Evolve e che conterrà i già pubblicati singoli Natural e Zero[34] e Machine e Bad Liar, due ulteriori singoli pubblicati a cavallo di novembre.

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

I media si riferiscono principalmente agli Imagine Dragons come un gruppo alternative rock[35][36][37], indietronica[38] e pop rock[39][40]. Definiti da AllMusic un gruppo rock influenzato da musica elettronica, dance pop e musica alternativa ispirata al britpop con brani arena rock caratterizzati da ritornelli pop[35], all'inizio della sua carriera il gruppo suonava brani principalmente alternative rock[41] e indie rock influenzato da elettronica e pop[42]. Negli ultimi album il gruppo si è leggermente discostato dalle sonorità più rock in favore di un maggior uso della strumentazione elettronica e di sonorità più mainstream e vicine alla musica pop[35][36][39], venendo anche occasionalmente definito come un gruppo elettropop[43].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Turnisti
  • Elliot Schwartzman – tastiera, chitarra, cori (2017-presente)
  • William F Wells – tastiera, chitarra, cori (2015-2016)
  • Ryan Walker – tastiera, chitarra, mandolino elettrico, tamburello, cori (2011-2014)

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Theresa Flaminio – tastiera, cori (2011)
  • Brittany Tolman – chitarra, tastiera, cori (2009-2011)
  • Andrew Tolman – batteria, percussioni, chitarra acustica, cori (2008-2011)
  • Dave Lemke – basso, cori (2008-2009)
  • Andrew Beck – chitarra, cori (2008)
  • Aurora Florence – voce, tastiera, violino (2008)

Cronologia[modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia degli Imagine Dragons.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Chart Watch: “Radioactive” Sets A Rock Record, Yahoo! Music, 3 gennaio 2014. URL consultato il 3 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2017).
  2. ^ a b (EN) Imagine Dragons Believer Chart History, Billboard. URL consultato il 1º novembre 2018.
  3. ^ (EN) Imagine Dragons Music Profile, Metacritic. URL consultato il 7 settembre 2018.
  4. ^ (EN) Andrew Unterberger, Imagine Dragons: Who Wants to Talk About the Biggest Band of 2017?, Billboard, 29 novembre 2017. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  5. ^ a b (EN) The Salt Lake Tribune, Born in Utah, Imagine Dragons is coming home, su archive.sltrib.com, 25 marzo 2013. URL consultato il 1º novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  6. ^ Filmato audio Imagine Dragons Reveal How The Band Got Their Name to Walmart Soundcheck, su YouTube, souncheck, 28 febbraio 2013. URL consultato il 1º novembre 2018.
  7. ^ (EN) Speak to Me EP: Imagine Dragons (MP3), Archive.org. URL consultato il 1º novembre 2018.
  8. ^ (EN) 5 things you didn't know about Imagine Dragons, AXS TV, 6 febbraio 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  9. ^ a b c d (EN) The story behind the scorching hot Imagine Dragons, The Courier-Tribune, 10 ottobre 2013. URL consultato il 1º novembre 2018.
  10. ^ (EN) It’s not confidential, Las Vegas Weekly, 20 agosto 2009. URL consultato il 1º novembre 2018.
  11. ^ (EN) Imagine Dragons scores major-label deal, su blogs.lasvegascitylife.com, 17 novembre 2011. URL consultato il 1º novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2012).
  12. ^ a b c d (EN) Imagine Dragons Chart History, Billboard. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  13. ^ (EN) Imagine Dragons Blaze Into #2 Spot On Billboard Chart, MTV, 12 settembre 2012. URL consultato il 1º novembre 2018.
  14. ^ (EN) Chart Moves: Imagine Dragons' Night Visions Celebrates One-Year Anniversary on Billboard 200, Billboard, 6 settembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2013.
  15. ^ (EN) 56th GRAMMY Awards: Full Winners List, Billboard, 26 gennaio 2014. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  16. ^ (EN) Billboard Music Awards 2014: Full Winners List, Billboard, 18 maggio 2015. URL consultato il 19 novembre 2018.
  17. ^ (EN) Imagine Dragons Go 'Radioactive' on the Charts, Rolling Stone, 8 maggio 2013. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  18. ^ (EN) Imagine Dragons Slept Through Their Grammy Nominations, MTV, 12 settembre 2013. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  19. ^ (EN) Digital Songs - Week Ending 10/05/2017 (PDF), Nielsen SoundScan. URL consultato il 1º novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2017).
  20. ^ (PT) No Lollapalooza, Imagine Dragons arrasta multidão e anuncia "descanso"..., Universo Online, 6 aprile 2014. URL consultato il 1º novembre 2018.
  21. ^ (EN) Preview Smoke + Mirrors, Imaginedragonmusic.com, 7 febbraio 2015. URL consultato il 12 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2015).
  22. ^ (EN) SAP, Apple and Imagine Dragons Collaborate To Support Refugee Humanitarian Project, Forbes, 12 ottobre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  23. ^ (EN) Imagine Dragons, il film concerto si guarda al cinema: "È stato un tour molto speciale", La Repubblica, 29 febbraio 2016. URL consultato il 3 marzo 2016.
  24. ^ (EN) Imagine Dragons to Release Smoke + Mirrors Live, Gibson Guitar Corporation, 30 marzo 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  25. ^ (EN) Watch Imagine Dragons’ Violent ‘Believer’ Video Starring Dolph Lundgren, Rolling Stone, 9 marzo 2017. URL consultato il 1º novembre 2018.
  26. ^ (EN) Reviews and Tracks for Evolve by Imagine Dragons, Metacritic. URL consultato il 15 luglio 2017.
  27. ^ (EN) Imagine Dragons: Evolve review – lifeless electronic-tinged arena rock, The Guardian. URL consultato il 15 luglio 2017.
  28. ^ (EN) Review: Imagine Dragons Meet Swedish Pop Gurus, Self-Flagellation Ensues, Rolling Stone. URL consultato il 15 luglio 2017.
  29. ^ (EN) Imagine Dragons: Who Wants to Talk About the Biggest Band of 2017?, Billboard, 29 novembre 2017. URL consultato il 7 dicembre 2017.
  30. ^ Grammy Awards 2018, ecco tutte le nomination, Wired, 28 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2018.
  31. ^ (EN) Here Are All the Winners From the 2018 Billboard Music Awards, Billboard, 20 maggio 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  32. ^ (EN) Imagine Dragons' 'Next to Me': Hear New Single and See New Tour Dates, Billboard, 21 febbraio 2018. URL consultato il 22 febbraio 2018.
  33. ^ (EN) Watch Imagine Dragons' Meme-Filled Music Video For 'Zero', Billboard, 19 settembre 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  34. ^ Imagine Dragons: Il 9 Novembre esce il nuovo album "Origins", Comingsoon.it, 5 ottobre 2018. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  35. ^ a b c (EN) Imagine Dragons, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 19 novembre 2018.
  36. ^ a b (EN) Review: Imagine Dragons’ alt-rock is NOT alternative, Mercury News, 13 febbraio 2014. URL consultato il 19 novembre 2018.
  37. ^ (EN) Who The F**k Are… Imagine Dragons?, Louder, 22 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2018.
  38. ^ Vasco Rossi e Coldplay completamente sold out, Il Sole 24 ORE, 30 giugno 2017. URL consultato il 19 novembre 2018.
  39. ^ a b (EN) Imagine Dragons' "Evolve" Takes Them In A New Direction, Immortal Reviews, 22 giugno 2017. URL consultato il 19 novembre 2018.
  40. ^ (EN) Imagine Dragons - Evolve, OndaRock, 3 luglio 2017. URL consultato il 19 novembre 2018.
  41. ^ (EN) Imagine Dragons' 10 Greatest Songs: Critic's Picks, Billboard, 26 giugno 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  42. ^ Recensioni: Imagine Dragons - Night Visions, SpazioRock, 20 gennaio 2013. URL consultato il 19 novembre 2018.
  43. ^ (EN) From 'America's Got Talent' to opening for Imagine Dragons, Grace VanderWaal's stock is on the rise, News & Observer, 29 giugno 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN300070275 · LCCN (ENno2012071834 · GND (DE1033727563 · BNF (FRcb167239929 (data)
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock