Target Corporation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Target Corporation
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
ISINUS87612E1064
Fondazione1902 (come Goodfellow Dry Goods)
Fondata daGeorge Dayton
Sede principaleMinneapolis
SettoreGrande distribuzione organizzata
Sito webwww.target.com

Target Corporation è un'azienda statunitense del settore della grande distribuzione. Si tratta dell'ottavo rivenditore al dettaglio negli Stati Uniti ed è un indicizzata nell'indice S&P 500.[1] Fondata da George Dayton e con sede a Minneapolis, la società fu inizialmente denominata Goodfellow Dry Goods nel giugno 1902, prima di essere ribattezzata Dayton's Dry Goods Company nel 1903 e successivamente Dayton Company nel 1910. Il primo negozio Target fu aperto a Roseville, Minnesota nel 1962, mentre la società madre fu ribattezzata Dayton Corporation nel 1967. Divenne la Dayton-Hudson Corporation dopo la fusione con la JL Hudson Company nel 1969 e possedette la proprietà di diverse catene di grandi magazzini tra cui Dayton, Hudson, Marshall Field e Mervyn.

Target si affermò come divisione della Dayton-Hudson Corporation negli anni Settanta; ha iniziato a espandere il negozio a livello nazionale negli anni Ottanta e ha introdotto nuovi formati di negozi con il marchio Target negli anni Novanta. La società madre è stata ribattezzata Target Corporation nel 2000 e nel 2004 ha ceduto le sue ultime catene di grandi magazzini.

Ha sofferto di una massiccia e altamente pubblicizzata violazione della sicurezza dei dati delle carte di credito dei clienti e del fallimento della sua filiale di breve durata Target Canada all'inizio del 2010 ma ha registrato un successo rivitalizzato con la sua espansione nei mercati urbani negli Stati Uniti. A partire dal 2 febbraio 2019, Target gestisce 1844 [2] negozi negli Stati Uniti. La società è classificata al 39º posto nella classifica Fortune 500 del 2018 delle maggiori società statunitensi per fatturato totale.[2] I loro formati di vendita al dettaglio includono i discount Target, gli ipermercati SuperTarget e i negozi di "piccolo formato" precedentemente denominati CityTarget e TargetExpress prima di essere consolidati con il marchio Target. Target è spesso riconosciuto per la sua enfasi sui "bisogni dei suoi acquirenti più giovani e attenti all'immagine", mentre il suo rivale Walmart fa più affidamento sulla sua strategia di "prezzi sempre bassi".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) STORES Top Retailers 2017 - STORES: NRF's Magazine, in STORES: NRF's Magazine. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Fortune 500 Companies 2018: Who Made the List, su Fortune. URL consultato il 10 novembre 2018.
  3. ^ Paul Leinward e Cesare Mainardi, Why Can't Kmart Be Successful While Target and Walmart Thrive?, in Harvard Business Review, Harvard Business Publishing, 15 dicembre 2010. URL consultato il 17 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140993075 · ISNI (EN0000 0004 0437 6013 · LCCN (ENno00073301 · WorldCat Identities (ENlccn-no00073301
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende