Target Corporation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Target Corporation
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
ISINUS87612E1064
Fondazione
Fondata daGeorge Dayton
Sede principaleMinneapolis
Sito webwww.target.com

Target Corporation è un'azienda statunitense del settore della grande distribuzione. Si tratta dell'ottavo rivenditore al dettaglio negli Stati Uniti ed è un indicizzata nell'indice S&P 500.[1] Fondata da George Dayton e con sede a Minneapolis, la società fu inizialmente denominata Goodfellow Dry Goods nel giugno 1902, prima di essere ribattezzata Dayton's Dry Goods Company nel 1903 e successivamente Dayton Company nel 1910. Il primo negozio Target fu aperto a Roseville, Minnesota nel 1962, mentre la società madre fu ribattezzata Dayton Corporation nel 1967. Divenne la Dayton-Hudson Corporation dopo la fusione con la JL Hudson Company nel 1969 e possedette la proprietà di diverse catene di grandi magazzini tra cui Dayton, Hudson, Marshall Field e Mervyn.

Target si affermò come divisione della Dayton-Hudson Corporation negli anni Settanta; ha iniziato a espandere il negozio a livello nazionale negli anni Ottanta e ha introdotto nuovi formati di negozi con il marchio Target negli anni Novanta. La società madre è stata ribattezzata Target Corporation nel 2000 e nel 2004 ha ceduto le sue ultime catene di grandi magazzini.

Ha sofferto di una massiccia e altamente pubblicizzata violazione della sicurezza dei dati delle carte di credito dei clienti e del fallimento della sua filiale di breve durata Target Canada all'inizio del 2010 ma ha registrato un successo rivitalizzato con la sua espansione nei mercati urbani negli Stati Uniti. A partire dal 2 febbraio 2019, Target gestisce 1844 [2] negozi negli Stati Uniti. La società è classificata al 39º posto nella classifica Fortune 500 del 2018 delle maggiori società statunitensi per fatturato totale.[2] I loro formati di vendita al dettaglio includono i discount Target, gli ipermercati SuperTarget e i negozi di "piccolo formato" precedentemente denominati CityTarget e TargetExpress prima di essere consolidati con il marchio Target. Target è spesso riconosciuto per la sua enfasi sui "bisogni dei suoi acquirenti più giovani e attenti all'immagine", mentre il suo rivale Walmart fa più affidamento sulla sua strategia di "prezzi sempre bassi".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) STORES Top Retailers 2017 - STORES: NRF's Magazine, in STORES: NRF's Magazine. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Fortune 500 Companies 2018: Who Made the List, su Fortune. URL consultato il 10 novembre 2018.
  3. ^ Paul Leinward e Cesare Mainardi, Why Can't Kmart Be Successful While Target and Walmart Thrive?, in Harvard Business Review, Harvard Business Publishing, 15 dicembre 2010. URL consultato il 17 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140993075 · ISNI (EN0000 0004 0437 6013 · LCCN (ENno00073301 · WorldCat Identities (ENlccn-no00073301