Dan Reynolds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dan Reynolds
Dan Reynolds Montclair Film Festival 2 (cropped).jpg
Dan Reynolds nel maggio del 2018
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereRock alternativo
Indietronica
Pop rock
Periodo di attività musicale2008 – in attività
Gruppo attualeImagine Dragons
Gruppi precedentiEgyptian
Album pubblicati6
Studio4
Live2
Sito ufficiale

Daniel Coulter Reynolds (Las Vegas, 14 luglio 1987) è un cantautore, percussionista, chitarrista e produttore discografico statunitense, noto per essere il frontman del gruppo musicale rock alternativo Imagine Dragons.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Settimo di nove figli, Dan Reynolds nacque il 14 luglio 1987 a Las Vegas da Ronald e Christene Reynolds. Ha servito come missionario della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni per due anni, in Nebraska. Nel 2010 Reynolds fu invitato a cantare per un concerto dei Nico Vega. Lì conobbe la loro cantante, Aja Volkman, divenuta poi sua moglie nel 2011. I due hanno avuto quattro figli: Arrow Eve nel 2012, le gemelle Gia James e Coco Rae Reynolds nel 2017[1] e Valentine nel 2019.[2] Nel 2018 la coppia ha annunciato la separazione, per poi tornare insieme a fine anno.[3]

Nel 2018 ha annunciato di essere affetto da spondilite anchilosante, rara malattia reumatica diagnosticatagli all'età di 20 anni e dalla colite ulcerosa, malattia infiammatoria cronica intestinale, diagnosticata all'età di 21 anni.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Mentre frequentava la Brigham Young University, Reynolds cominciò a suonare con Andrew Tolman e altri colleghi di Università, con il quale formò gli Imagine Dragons[5]. Dopo numerosi cambi di formazione ed essersi spostati a Las Vegas, città natale di Reynolds, gli Imagine Dragons ottengono la loro forma definitiva con il chitarrista Wayne Sermon, il bassista Ben McKee e il batterista Daniel Platzman, quest'ultimo unitosi dopo il trasferimento in Nevada[6]. Nel novembre 2011 avviene la firma con l'etichetta della Universal Interscope Records e iniziano a lavorare con il produttore Alex da Kid per il loro primo album Night Visions, che ottiene un'eclatante successo internazionale. Continuando a lavorare con il produttore britannico, seguono Smoke and Mirrors ed Evolve, altri album di grande successo commerciale.

Oltre che con gli Imagine Dragons, Reynolds ha prodotto musica con la moglie Aja attraverso il progetto indipendente Egyptian, con il quale hanno pubblicato un solo EP nel 2011. Il loro brano Fade è stato incluso nella colonna sonora del film del 2011 Answers to Nothing.

Dan Reynolds in concerto al Rock im Park 2013
Dan Reynolds in concerto al Love Loud 2018

Dan Reynolds è anche un grande attivista dei diritti LGBT.[7][8][9]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Imagine Dragons[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Egyptian[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 – Egyptian EP

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imagine Dragons' Dan Reynolds Welcomes Twin Daughters Gia James and Coco Rae
  2. ^ https://people.com/parents/dan-reynolds-welcomes-son-valentine-first-photo/
  3. ^ Dan Reynolds - Twitter
  4. ^ Vera Martinella, Il cantante degli Imagine Dragons: «Ho mal di schiena atroci, soffro di spondilite», Corriere della Sera. URL consultato il 13 settembre 2018.
  5. ^ (EN) The Salt Lake Tribune, Born in Utah, Imagine Dragons is coming home, su archive.sltrib.com, 25 marzo 2013. URL consultato il 1º novembre 2018 (archiviato il 22 ottobre 2016).
  6. ^ (EN) The story behind the scorching hot Imagine Dragons, The Courier-Tribune, 10 ottobre 2013. URL consultato il 1º novembre 2018.
  7. ^ (EN) Dan Reynolds, Imagine Dragons' Dan Reynolds on Why He's Helping LGBTQ Youth, in Rolling Stone, 25 giugno 2018. URL consultato il 18 novembre 2018.
  8. ^ Imagine Dragons, la lettera d'amore del cantante alla comunità LGBT, in VH1, canale 67 del digitale terrestre, 4 giugno 2018. URL consultato il 18 novembre 2018.
  9. ^ Imagine Dragons' Dan Reynolds: Love Letter to the LGBTQ Community, in Billboard. URL consultato il 18 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]