Giuseppe Battiston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Battiston nel 2011 alla presentazione del film Io sono Li

Giuseppe Battiston (Udine, 22 luglio 1968) è un attore e doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore teatrale e cinematografico, si diploma alla Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi di Milano; in questo periodo inizia la sua florida collaborazione col regista Silvio Soldini e partecipa al film Un'anima divisa in due. Nel cinema si impone alle simpatie del pubblico recitando nel film Pane e tulipani, di Silvio Soldini per il quale ha vinto il David di Donatello e il Ciak d'oro come miglior attore non protagonista. Partecipa anche a un altro film di Soldini, Agata e la tempesta, per cui ha avuto la nomination al David di Donatello come miglior attore protagonista. Ha anche partecipato a La bestia nel cuore di Cristina Comencini, per il quale è stato candidato al Nastro d'argento come miglior attore non protagonista.

Ha partecipato a film come La tigre e la neve e Chiedimi se sono felice.

Recita in Amara Terra Mia (2006 - RadioFandango, distribuito Edel) album dei Radiodervish che contiene versioni inedite di due classici di Domenico Modugno, la registrazione live dello spettacolo omonimo e il video di Amara Terra Mia di Franco Battiato.

Nel 2008 e nel 2010 interpreta il Dottor Freiss nelle prime due stagioni della serie TV Tutti pazzi per amore.

Nel 2013 inizia a registrare i primi due titoli di Maigret per una collezione di audiolibri che ne prevede 16. Nel 2016 è nel cast di Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, film che sbanca il botteghino con oltre 17 milioni di euro e che vince due David di Donatello: miglior film e migliore sceneggiatura originale.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Terzo e Mondo, regia di Daniele Pignatelli (2001)
  • Milano violenta, regia di Federico Rizzo (2004)

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Estate Teatrale Veronese, su www.estateteatraleveronese.it. URL consultato il 25 aprile 2016.
  2. ^ «La mia emozione per Pasolini unico, disperato, straordinario» - Tempo Libero - Messaggero Veneto, su Messaggero Veneto. URL consultato il 25 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Fabrizio Bentivoglio
per Del perduto amore
2000
per Pane e tulipani
ex aequo con Leo Gullotta per Un uomo perbene
Tony Sperandeo
per I cento passi
I
Alessandro Gassmann
per Caos calmo
2009
per Non pensarci
Ennio Fantastichini
per Mine vaganti
II
Ennio Fantastichini
per Mine vaganti
2011
per La passione
Pierfrancesco Favino
per Romanzo di una strage
III
Controllo di autoritàVIAF: (EN42166541 · ISNI: (EN0000 0001 2270 4920 · SBN: IT\ICCU\RAVV\337058 · LCCN: (ENno2003083446 · GND: (DE143986775 · BNF: (FRcb156205627 (data)