Bifröst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bifröst (o anche Bilröst) è, nella mitologia norrena, il ponte dell'arcobaleno, che unisce la terra alla dimora degli dei, Ásgarðr. Assai robusto, ogni giorno gli dei lo percorrono per riunirsi a consiglio. È formato da tre colori, tra i quali il rosso è in realtà fuoco che arde. Il suo nome significa probabilmente "via tremula" o "via dei colori". È chiamato anche Ásbrú, "ponte degli Æsir". Così viene citato nel poema eddico Grímnismál:

(NON)
« Askr Yggdrasils,

hann er æztr viða,
en Skíðblaðnir skipa,
Óðinn ása,
en ióa Sleipnir,
Bilröst brúa,
en Bragi skálda,
Hábrók hauka,
en hunda Garmr. »

(IT)
« Il frassino Yggdrasill

è il migliore tra gli alberi,
Skíðblaðnir tra le navi,
Óðinn tra gli Æsir,
e tra i cavalli Sleipnir,
Bilröst tra i ponti
e Bragi tra gli scaldi,
Hábrók tra i falchi
e tra i cani Garmr. »

(Edda poetica - Grímnismál - Il discorso di Grímnir XLIV)

In questo poema Grímnir (Odino sotto mentite spoglie) fornisce al giovane Agnarr la conoscenza cosmica, inclusa la nozione che Bilröst è il migliore dei ponti.[1]

Bifröst è sorvegliato dal dio Heimdallr, pronto ad avvertire gli dei dell'avvento del Ragnarök, la fine del mondo. Allora il ponte crollerà, quando i Múspellsmegir lo cavalcheranno per raggiungere il cielo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Larrington, Carolyne (Trans.) (1999), The Poetic Edda, Oxford World's Classics, ISBN 0-19-283946-2. p. 44

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia