Alessandro Pellicori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Pellicori
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2017 - giocatore
Carriera
Giovanili
Cosenza
Squadre di club1
1999-2000 Cosenza 1 (0)
2000-2002 Lecce 4 (0)
2002-2003 Avellino 18 (7)
2003 Varese 9 (1)
2003-2004 Foggia 15 (2)
2004 Benevento 14 (1)[1]
2004-2006 Grosseto 52 (22)[2]
2006 Catanzaro 7 (0)
2006-2007 Piacenza 9 (0)
2007 Cesena 12 (3)
2007-2009 Avellino 55 (20)
2009 Grosseto 19 (4)[3]
2009-2010 QPR 8 (1)
2010 Mantova 17 (8)
2010-2011 Torino 22 (1)
2011 QPR 0 (0)
2016 Castrovillari2 (0)
2016-2017Acri? (?)
Nazionale
2001-2002 Italia Italia U-20 14 (9)
Carriera da allenatore
2017-2018 Palmese
2018-2019 Locri
Palmarès
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Argento Tunisi 2001
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 novembre 2017

Alessandro Pellicori (Cosenza, 22 luglio 1981) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Pellicori disputa le giovanili con la compagine della sua città natale, il Cosenza, con cui esordisce in serie B nella stagione 1999-2000, collezionando una sola presenza in campionato.

Nel 2000 è acquistato dal Lecce con cui esordisce in serie A il 14 gennaio 2001 in Lecce-Vicenza 3-1. È rimasto in Puglia fino al 2002 disputando in tutto 4 partite nella massima serie.

Nella stagione 2003-2003 passa in prestito[4] all'Avellino, in Serie C1. In Irpinia realizza 7 reti in 18 partite, tuttavia viene duramente contestato dai tifosi a causa di alcune prestazioni negative e nel gennaio 2003 viene aggredito insieme al compagno di squadra Serge Dié[4]. Dopo questi fatti rientra al Lecce, che lo gira nuovamente in prestito, questa volta al Varese (C1 girone A)[5], dove va a segno una volta in 9 incontri.

Nel 2004 viene prestato al Foggia ancora in C1[6] per passare poi a gennaio al Benevento[6], disputando la finale dei playoff per la serie B contro il Crotone. Pellicori decide di rimanere in C1 trasferendosi a Grosseto[6], con cui realizza 24 gol in 55 partite; al termine della prima stagione i maremmani ne acquisiscono l'intera proprietà dal Lecce[7].

Nel gennaio 2006 firma un contratto preliminare con il Piacenza, e per questo viene ceduto in prestito per sei mesi al Catanzaro in Serie B[8][9]. I calabresi a fine stagione retrocedono in Serie C1, e passa quindi al Piacenza[10] tra i cadetti, salvo poi trasferirsi nuovamente a gennaio 2007 al Cesena[10] sempre in B.

Nell'estate 2007 torna a vestire la maglia dell'Avellino dopo quattro stagioni. Realizza 18 gol in 40 partite, che tuttavia non evitano la retrocessione in Serie C1 della squadra campana. La stagione successiva, dopo il ripescaggio in cadetteria, la punta calabrese decide di rimanere in Irpinia. Realizza due reti fino a gennaio, quando ritorna a vestire la maglia del Grosseto tramite uno scambio di prestiti che porta Ferdinando Sforzini dalla Maremma alla Campania[8]. Con i maremmani realizza 4 reti nella seconda parte di stagione; a fine campionato Pellicori rientra nell'Avellino, ma il club irpino in gravi difficoltà economiche non si iscrive a nessun campionato e l'attaccante quindi rimane svincolato. L'11 luglio 2009, si trasferisce in Inghilterra firmando un triennale con il Q.P.R. di Flavio Briatore, che lo strappa anche a diversi club italiani di serie B.

Il 1º febbraio 2010 viene girato in prestito fino a giugno al Mantova, compagine di serie B che naviga nei bassifondi della classifica[11][12]. A fine stagione sono 8 le reti realizzate in 17 presenze di campionato, ma non bastano a salvare i lombardi dalla retrocessione in Lega Pro.

Il 27 agosto 2010 il QPR lo cede in prestito al Torino con diritto di riscatto a favore del club granata[13]. Il 18 dicembre 2010 l'attaccante cosentino realizza il suo unico goal in maglia granata, nella partita vinta dal Toro per 2-1 contro l'Empoli. Dopo non esser stato riscattato, torna al Q.P.R. dai quali rescinde il 14 ottobre 2011[14].

Terminata la squalifica, riprende a giocare nel Castrovillari, in Serie D[15]. Nel dicembre 2016 scende in Eccellenza con l'Acri[16], con cui conclude la sua carriera agonistica.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte della Nazionale italiana Under-20 tra il 2001 e il 2002. Nel 2001 ha preso parte, con la squadra di giovani, ai Giochi del Mediterraneo in cui l'Italia si è piazzata seconda[17].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2017 diventa nuovo allenatore della Palmese, in Serie D[18]. Con i neroverdi la sua prima esperienza da allenatore dura fino al 20 novembre quando la società di Palmi decide di esonerarlo con la squadra al 15º posto in classifica e soli 12 punti in 13 giornate. Sorprendentemente alla ripresa degli allenamenti il Mister è ancora in carica poiché la Società, ritenendo che continuare la collaborazione sia la scelta migliore, ritorna sui propri passi e conferma la fiducia nel Mister.

Scandalo calcio-scommesse[modifica | modifica wikitesto]

All'alba del 28 maggio 2012 viene arrestato nell'ambito dell'operazione condotta dalla procura di Cremona, denominata Last Bet, relativa al calcio-scommesse. Il 26 luglio viene deferito dal procuratore federale Stefano Palazzi per illecito sportivo[19] in merito a Siena-Torino del 2010-2011[20]. Il 1º agosto Palazzi richiede per lui una squalifica pari a 3 anni e 6 mesi[21] e il 10 agosto in primo grado la Commissione Disciplinare lo condanna a 3 anni di squalifica[22]. Il 22 agosto in secondo grado gli viene confermata la squalifica[23].

Secondo un'informativa del Servizio Centrale Operativo della polizia, tra Pellicori e il pentito Carlo Gervasoni ci furono 17 contatti[24].

Il 9 febbraio 2015 la procura di Cremona termina le indagini e formula per lui e altri indagati le accuse di associazione a delinquere e frode sportiva.[25]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 30 aprile 2011.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-2000 Italia Cosenza B 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
2000-2001 Italia Lecce A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
2001-2002 A 3 0 CI 1 0 - - - - - - 4 0
Totale Lecce 4 0 1 0 - - - - 5 0
2002-gen. 2003 Italia Avellino C1 18 7 CI-C 0 0 - - - - - - 18 7
gen.-giu. 2003 Italia Varese C1 9 1 CI-C - - - - - - - - 9 1
2003-gen. 2004 Italia Foggia C1 15 2 CI-C 4 1 - - - - - - 19 2
gen.-giu. 2004 Italia Benevento C1 14+2[26] 1+1[26] CI-C - - - - - - - - 16 2
2004-2005 Italia Grosseto C1 34+2[26] 12 CI-C 3 0 - - - - - - 39 12
2005-gen. 2006 C1 18 10 CI+CI-C 2+0 1 - - - - - - 20 11
gen.-giu. 2006 Italia Catanzaro B 7 0 CI - - - - - - - - 7 0
2006-gen. 2007 Italia Piacenza B 9 0 CI 2 0 - - - - - - 11 0
gen.-giu. 2007 Italia Cesena B 12 3 CI - - - - - - - - 12 3
2007-2008 Italia Avellino B 38 18 CI 0 0 - - - - - - 38 18
2008-gen. 2009 B 17 2 CI 1 0 - - - - - - 18 2
Totale Avellino 73 27 1 0 - - - - 74 27
gen.-giu. 2009 Italia Grosseto B 19+2[26] 4 CI - - - - - - - - 21 4
Totale Grosseto 71+4 26 5 1 - - - - 80 27
2009-feb. 2010 Inghilterra QPR FLC 8 0 FACup+CdL 0+2 1 - - - - - - 10 1
feb.-giu. 2010 Italia Mantova B 17 8 CI - - - - - - - - 17 8
2010-2011 Italia Torino B 22 1 CI 1 0 - - - - - - 23 1
ago.-ott. 2011 Inghilterra QPR PL - - FACup+CdL - - - - - - - - - -
Totale QPR 8 0 2 1 - - - - 10 1
Totale carriera 262+6 70 16 3 - - - - 284 73

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 febbraio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2017-2018 Italia Palmese D 34+1 11+1 10 13 CI-D 3 2 0 1 - - - - - - - - - - 38 14 10 14 36,84 14°, salvo dopo i play-out
Totale carriera 35 12 10 13 3 2 0 1 38 14 10 14 36,84

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 16 (2) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 54 (22) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 21 (4) se si comprendono i play-off.
  4. ^ a b Avellino, pugni allo stadio picchiati due giocatori, La Repubblica, 8 gennaio 2003, pag.11 - sez. Napoli
  5. ^ Konan è out ma il Lecce si affida a lui, La Repubblica, 17 gennaio 2003
  6. ^ a b c Maglie e nuovi acquisti i giallorossi si presentano, La Repubblica, 16 luglio 2004, pag.19
  7. ^ E il Lecce perde Paci e Pellicori, La Repubblica, 29 giugno 2005, pag.15 - sez. Bari
  8. ^ a b Grosseto: scambio Pellicori-Sforzini. Torna l'ex bomber biancorosso, La Nazione, 5 gennaio 2009
  9. ^ Pellicori sarebbe stato utile. La CAF faccia un passo indietro Uscatanzaronet.com
  10. ^ a b Rosa 2006-2007 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ UFFICIALE: Pellicori al Mantova, Sport.virgilio.it, 1º febbraio 2010. URL consultato il 26 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2017).
  12. ^ Pellicori leaves QPR on loan, Ealingggazette.co.uk, 1º febbraio 2010. URL consultato il 26 giugno 2013.
  13. ^ Pellicori al Toro Archiviato il 30 agosto 2010 in Internet Archive. Torinofc.it
  14. ^ Pellicori rescinde Calciomercato.com
  15. ^ Giacobbe e Pellicori per il Castrovillari Tuttopotenza.com
  16. ^ FC Calcio Acri, colpo Pellicori in attacco. In tre lasciano i rossoneri Catanzarodilettanti.it
  17. ^ FIGC - Finale Tunisia-Italia 1-0[collegamento interrotto]
  18. ^ Pellicori, la Palmese è tua. L’ex bomber è il nuovo allenatore Cosenzachannel.it
  19. ^ Scommesse: Conte evita l'illecito Sportmediaset.it, 26 luglio 2012
  20. ^ Deferiti 13 club e 45 tesserati, in La Gazzetta dello Sport, 27 luglio 2012, p. 32.
  21. ^ Scommesse: Conte, si fa dura, Sportmediaset.it, 1º agosto 2012.
  22. ^ Scommesse: le sentenze, Sportmediaset.it, 10 agosto 2012.
  23. ^ Scommesse: Conte, nessuno sconto, Sportmediaset.it, 22 agosto 2012.
  24. ^ Pesoli-Gervasoni, gli sms, in La Gazzetta dello Sport, 18 settembre 2012, p. 17.
  25. ^ Calcioscommesse, indagini chiuse per Goretti e Nicco: la lista dei 130 indagati
  26. ^ a b c d Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]