William Riker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
William Thomas Riker
William Riker nell'episodio "Universi paralleli"
William Riker nell'episodio "Universi paralleli"
Universo Star Trek
Lingua orig. Inglese
Soprannome

Numero uno (dato da Picard)

1ª app. Star Trek: The Next Generation
Interpretato da Jonathan Frakes
Voce italiana Sergio Di Stefano
Specie umana
Sesso Maschio

William Thomas Riker è un personaggio della serie televisiva Star Trek - The Next Generation; è il primo ufficiale dell'astronave USS Enterprise D e successivamente dell'astronave USS Enterprise E. Il capitano Jean-Luc Picard è solito chiamarlo "Numero Uno" o, raramente, Will.

È interpretato dall'attore Jonathan Frakes (anche regista di alcuni episodi e di due film della serie, Primo contatto e Star Trek: L'insurrezione). Nella serie viene chiamato Will dagli amici, mentre quelli che non hanno familiarità con lui lo chiamano a volte Bill (come la Dottoressa Crusher in Incontro a Farpoint, TNG). Dopo la fine della serie The Next Generation, Riker con gli altri personaggi dell'equipaggio dell'Enterprise D è apparso nei successivi quattro film della serie.

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

Le notizie biografiche su Riker prima della sua assegnazione alla USS Enterprise sono semplicemente desunte da alcuni riferimenti in vari episodi della serie The Next Generation.

Will Riker è nato da Kyler Riker e da una donna sconosciuta a Valdez in Alaska, pianeta Terra, nell'anno 2335. Nel 2350 il padre di Will lo abbandona, la madre era morta molti anni prima. William prova risentimento verso suo padre e non parla con lui fino al 2365, quindici anni dopo.

Riker entra nell'Accademia della flotta stellare nel 2353 e si diploma nel 2357. Una delle sue prime assegnazioni lo posta sull'astronave di USS Potemkin (classe Excelsior) sul pianeta Betazed, dove conosce Deanna Troi con la quale ha una relazione.

Successivamente serve come tenente e tenente comandante sulla USS Hood. Riker è stato assegnato due volte sulla Hood; durante il secondo periodo (2361-2364) ha effettuato un teletrasporto di emergenza da un pianeta, durante il quale si è creata una copia esatta di Riker, che è rimasta sul pianeta.

Sette anni dopo il diploma, Riker richiede di essere trasferito sulla USS Enterprise (NCC-1701-D), l'astronave ammiraglia della Federazione.

Serie The Next Generation[modifica | modifica sorgente]

Sull' Enterprise (NCC-1701-D) Riker svolge per tutta la serie The Next Generation la mansione di primo ufficiale del Capitano Jean-Luc Picard per quasi quindici anni. A seguito di questo incarico la rapida carriera di Riker si blocca: egli decide di rimanere sull'Enterprise anche se gli vengono offerti nel corso degli anni diversi comandi.

Con i membri dell'equipaggio dell'Enterprise, Riker intreccia un rapporto di amicizia diverso da quello stretto dal Capitano Picard il quale, in quanto Capitano dell'astronave, mantiene perlopiù un rapporto maggiormente distaccato con l'equipaggio.

A bordo dell'Enterprise, Riker riesce a salvare il suo duplicato dalla superficie del pianeta che lo aveva intrappolato. Il duplicato continua la sua carriera nella Federazione con il nome di Tom Riker.

Nei film[modifica | modifica sorgente]

Dopo la distruzione dell'USS Enterprise (NCC-1701-D) nel 2371 (Generazioni), Riker viene riassegnato come primo ufficiale all'Enterprise E, sempre sotto il comando del Capitano Picard.

Nel 2379 Riker finalmente accetta la promozione a capitano e l'assegnazione ad un'astronave diversa dall'Enterprise, la USS Titan. Nello stesso anno sposa Deanna Troi (Star Trek: La nemesi).

Tom Riker[modifica | modifica sorgente]

Tom Riker è il duplicato generato dal malfunzionamento del teletrasporto. Dato che Riker legalmente è William Thomas Riker, il suo doppio ha deciso di utilizzare il secondo nome Tom in modo da distinguersi dal "fratello".

Tom venne creato otto anni prima su Nervala IV, prima del suo ritrovamento da parte dell'Enterprise e al momento dello sdoppiamento era il secondo ufficiale della sua astronave, la USS Potemkin. Dopo il recupero ha continuato per un breve periodo la sua carriera nella Federazione, ma in seguito si è unito alle forze ribelli Maquis e le ha aiutate a rubare l'astronave USS Defiant dalla base Deep Space Nine. Il capitano Benjamin Sisko allora ha consentito ai Cardassiani di catturare la Defiant, a condizione che l'astronave fosse restituita alla Federazione e che Tom Riker non fosse giustiziato.

Tom Riker è presumibilmente vivo, ma di lui si sono perse le tracce a seguito della sconfitta dei Cardassiani da parte del Dominio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek