Q (Star Trek)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Q è una specie di entità onnipotenti e onniscienti dell'universo fantascientifico di Star Trek. Queste entità vivono in un piano di esistenza superiore chiamato il Continuum Q. La maggior parte di loro sono indifferenti alle vicende umane, tranne alcuni individui che provano curiosità e interesse per i problemi degli abitanti del nostro universo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Q che si conosce (interpretato da John de Lancie) è un'entità bizzarra e dispettosa che si diverte a provocare problemi alle astronavi che incontra. In particolare per un lungo periodo si diverte a stuzzicare il comandante dell'Enterprise D Jean-Luc Picard e i membri del suo equipaggio. Q è un personaggio che compare frequentemente negli episodi della serie Star Trek - The Next Generation. Spesso si comporta come un commediante, scherzando con il capitano e stuzzicandolo. Q compare anche in alcuni episodi di Star Trek - Deep Space Nine e in Star Trek - Voyager.

Nell'episodio della sesta stagione di The Next Generation Una vera Q sull'Enterprise arriva una tirocinante apparentemente umana che però ha strani poteri apparentemente inspiegabili, in realtà questi non è altro che la figlia, sempre credutasi umana, di due altri Q che hanno preso le sembianze di genitori umani e uccisi dal Q-continuum per "essersi comportati troppo da umani". La ragazza successivamente segue la sua vita come una della sua razza.

Nell'episodio della seconda stagione di Voyager Diritto di morte la Voyager "libera" da una cometa un Q imprigionato lì da moltissimo tempo. Dopo le presentazioni questo Q, che si fa chiamare Quinn, dice di voler morire, come fanno tutti gli esseri mortali e come gli umani per vedere cosa ci sia dietro la morte. Poco dopo compare il conosciutissimo Q di TNG e gli vieta di farlo. Il capitano Janeway si trova di fronte quindi ad un dilemma quando entrambi le chiedono di fare da giudice in un tribunale che sentenzi se Quinn debba tornare in prigione o poter essere libero di morire. Alla fine Q trasforma Quinn in un Umano, con la promessa che però possa vivere la vita morendo naturalmente e non suicidandosi, ma dopo pochi giorni Quinn, spinto da un'eterna curiosità, si avvelena morendo dopo poche parole; Q lo lascia morire, sebbene avrebbe potuto facilmente ridonargli la vita. Questi eventi portano ad una guerra civile nel Q-continuum, descritta in un episodio della terza stagione di Voyager intitolato Questioni di Q-ore (The Q and the Gray in inglese, titolo tratto da The Blue and The Gray riprendendo i colori delle divise degli eserciti Nordista e Sudista durante la guerra civile americana). La guerra, che si svolge nel Q-continuum, è vista dai membri della Voyager come una rappresentazione della guerra civile americana in cui i Nordisti (Blue) capeggiati da Q vorrebbero instaurare più libertà nel Q-continuum, mentre gli altri (Gray) vorrebbero mantenere una certa dignitosa distanza da altre razze e che i Q non siano liberi di "giocherellare" nell'universo. La soluzione arriva quando Q e una Q di bell'aspetto concepiscono un figlio, un nuovo Q.

Q compare di nuovo nell'episodio della settima stagione sempre in Voyager Q2. In quest'episodio Q lascia il ragazzo, ormai visto come giovanotto sui 14-15 anni (in realtà l'attore è il figlio di John De Lancie), nelle mani della "Zia Katie". Il ragazzo dimostra però un carattere abbastanza testardo e di voler fare sempre quello che gli pare, di non rispettare le regole e i buoni comportamenti. Alla fine padre e figlio si riescono ad intendere con non poco aiuto dalla "Zia Katie" e la Voyager è salva.

I fan hanno supposto che anche Trelaine fosse un membro del continuum Q (Il cavaliere di Gothos, serie classica di Star Trek).

Alcuni episodi hanno suggerito l'idea che i Q si siano evoluti allo stato attuale da uno stato inferiore, simile a quello degli esseri umani ed anzi in un episodio Q dice che gli umani potrebbero evolversi a tal punto da superare i Q in un remoto futuro.

La figura di Q, tuttavia, nell'universo di Star Trek si è evoluta da strano e potente essere capriccioso, a quella di una guida per gli umani. A questo proposito basti pensare a quando Q ha condotto l'Enterprise a conoscere i Borg, se non l'avesse fatto, la Federazione non sarebbe sopravvissuta al loro primo attacco. Oppure a quando Picard, ferito a morte da un'arma phaser durante una missione diplomatica, sta per morire e viene condotto da Q in un cammino in cui ripercorre e "corregge" alcuni momenti della sua vita e gli permette di vederne le conseguenze, non irrilevanti. In un certo senso si può dire che Q dovrebbe essere la guida degli umani nell'esplorazione dello spazio, che però fa tenere a mente gli errori del passato (Vedi il processo dell'episodio Incontro a Farpoint ripreso nell'ultimo episodio Ieri, Oggi, Domani...).

La lettera Q fu scelta per il personaggio onnipotente e onnisciente da Gene Roddenberry in onore della sua amica Janet Quarton.

Continuum Q[modifica | modifica wikitesto]

Il Continuum Q è un piano dell'esistenza extradimensionale abitato da entità chiamate Q, esseri apparentemente immortali e onnipotenti che possiedono la capacità di trasformazione della materia in energia, di teletrasporto nonché la capacità di viaggiare nel tempo. Possono anche creare linee del tempo alternative e modificare gli stati della natura, come ad esempio il valore della costante gravitazionale.

Il continuum Q appare nelle puntate di Voyager Diritto di morte e Questioni di Q-ore; nella prima appare all'equipaggio come una strada senza fine in un deserto (che può portare "in qualunque luogo dell'universo"), mentre nella seconda un campo di battaglia della guerra civile americana. Tali manifestazioni non rappresentano tuttavia il continuum vero e proprio, ma soltanto una sua versione "adattata" alle limitate percezioni dell'equipaggio: la strada nel deserto simboleggia la monotonia che, secondo Quinn, affligge il continuum, mentre il campo di battaglia si riferisce allo scontro in atto, nella seconda puntata, tra i vari membri del continuum.

Apparizioni della specie Q[modifica | modifica wikitesto]

Star Trek: The Next Generation[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Star Trek: The Next Generation.
  • Incontro a Farpoint (Encounter at Farpoint)
  • Il ritorno di Q (Hide and Q)
  • Chi è Q? (Q Who)
  • Déjà Q (Déjà Q)
  • Q-Pido (QPid)
  • Una vera Q (True Q)
  • Una seconda opportunità (Tapestry)
  • Ieri, oggi, domani (All good things)

Star Trek: Deep Space 9[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Star Trek: Deep Space 9.
  • Per amore di Q (Q-Less)

Star Trek: Voyager[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Star Trek: Voyager.
  • Diritto di morte (Death Wish)
  • Questioni di Q-ore (The Q and the Grey)
  • Q2 (Q2)

Influenze culturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Il personaggio di Discord, del cartone animato My Little Pony - L'amicizia è magica, ricorda molto per personalità e poteri il Q interpretato da John de Lancie (per esempio si teletrasportano con un simile effetto di luce bianca e modificano la realtà con lo schiocco delle dita). Inoltre, il doppiatore originale di Discord è appunto John de Lancie.[senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek