Star Trek: Enterprise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star Trek: Enterprise
Enterprise title.svg
Logo della serie televisiva
Titolo originale Star Trek: Enterprise
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2001-2005
Formato serie TV
Genere fantascienza
Stagioni 4
Episodi 98
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio sonoro
Crediti
Ideatore Rick Berman, Brannon Braga
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore Brannon Braga
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 26 settembre 2001
Al 13 maggio 2005
Rete televisiva UPN
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 7 luglio 2003
Al 21 maggio 2006
Rete televisiva LA7
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 13 febbraio 2004
Al 22 maggio 2006
Rete televisiva Jimmy
Opere audiovisive correlate
Originaria Star Trek
Precedenti Star Trek: Voyager

Star Trek: Enterprise è la quinta serie televisiva ambientata nell'universo fantascientifico di Star Trek (la sesta, considerando anche la serie animata). Il primo episodio fu trasmesso dal network statunitense UPN il 26 settembre 2001, inizialmente con il semplice titolo di Enterprise, mentre a partire dalla terza stagione la serie assunse la definitiva denominazione di Star Trek: Enterprise, similmente a quelle che l'avevano preceduta.

La serie, prodotta per quattro stagioni, ha vinto vari premi, tra cui quattro Emmy.

La cancellazione della serie, annunciata il 3 febbraio 2005 dal network UPN, provocò la costernazione e, in qualche caso, l'ira dei fan di Star Trek che intrapresero proteste e petizioni che hanno ricordato gli sforzi dei fan della serie classica per salvare lo show. Malgrado tali sforzi, la serie fu conclusa il 13 maggio 2005, quando andò in onda negli USA l'ultima puntata. I fan, tuttavia, non si sono mai arresi del tutto, e, molti di loro hanno continuato dal 2005 a raccogliere firme per chiedere alla CBS (divenuta detentrice dei diritti per la trasmissione televisiva delle serie di Star Trek, e la più diretta responsabile della cancellazione di Enterprise), di produrre nuovi episodi, da destinare al mercato dell'home video. In Italia la distribuzione in home video è presente con i cofanetti in DVD (uno per ogni stagione) e dal 2012 è iniziata la commercializzazione in blu-ray (un cofanetto per ogni stagione).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le vicende di Enterprise sono ambientate circa un secolo prima di quelle della serie classica, nel momento in cui l'umanità comincia ad esplorare lo spazio.

L'astronave al centro della serie è infatti l'Enterprise NX-01, la prima nave terrestre ad essere costruita al fine di esplorare lo spazio profondo. Questo è reso possibile dal miglioramento del motore a curvatura, fino a raggiungere velocità di curvatura (warp) 5. Il capitano designato per guidare questa nave è Jonathan Archer, figlio di uno dei principali progettisti del suo motore.

Questi, insieme al macchinista Charles Tucker III, cerca in ogni modo di anticipare la corsa allo spazio, trasgredendo a volte le leggi ed entrando in conflitto con i vulcaniani.

Uno degli elementi che contraddistingue le trame è proprio il rapporto conflittuale con i vulcaniani: questi, dopo aver compiuto il primo contatto con i terrestri, si oppongono costantemente a molti dei tentativi degli umani di affacciarsi nello spazio profondo, ritenendoli impulsivi ed inesperti, e quindi inadatti ad essere introdotti nel "consesso interstellare" (come, ad esempio, affermerà esplicitamente l'ambasciatrice V'Lar nell'episodio La caduta di un eroe). Per questo motivo i vulcaniani, non essendo riusciti a fermare il varo dell'Enterprise, in missione per riportare un messaggero klingon su Qo'noS, vi impongono come primo ufficiale T'Pol. Il suo rapporto costantemente problematico e conflittuale con il capitano Archer costituisce uno dei temi di fondo della serie.

Un altro spunto fondamentale è la mancanza della Prima direttiva, che non è ancora stata promulgata, il che lascia più spazio ad esplorazioni e contatti con civiltà aliene anche poco progredite.

Un tema presente fin dal primo episodio è quello della guerra fredda temporale, un conflitto che vede impegnate diverse fazioni operanti in epoche differenti. Il finale della seconda stagione introduce la minaccia degli xindi: dopo un loro primo attacco, l'Enterprise verrà impegnata in una lunga missione per cercare di evitare la distruzione della Terra, che è narrata per l'intera terza stagione.

La quarta stagione presenta alcuni gruppi di episodi, in cui, tra l'altro, è presentata la prima alleanza tra terrestri, vulcaniani, andoriani e tellariti (che diventerà la Federazione) nata per contrastare alcune navi-camaleonte romulane che cercano di destabilizzare i rapporti tra le varie specie scatenando una guerra.

In alcuni episodi l'Enterprise dovrà affrontare la minaccia dei potenziati, residui delle guerre genetiche allevati dal dottor Soong, interpretato da Brent Spiner. In seguito, l'Impero Klingon recupererà alcune cellule dei potenziati, impiantandole in alcuni klingon; questa sperimentazione porterà tuttavia a gravi effetti collaterali.

Nella serie fanno la loro prima comparsa numerose nuove specie aliene, tra cui le più importanti sono i sulibani, gli xindi e i denobulani.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 26 2001-2002 2003-2004
Seconda stagione 26 2002-2003 2004-2005
Terza stagione 24 2003-2004 2005
Quarta stagione 22 2004-2005 2005-2006

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Il capitano Jonathan Archer è interpretato dal celebre attore Scott Bakula (già noto come protagonista della serie In viaggio nel tempo) il quale, pur avendo dato vita ad un personaggio del tutto originale, ha affermato di essersi ispirato soprattutto a Kirk. Il capitano Archer cova rancore verso i vulcaniani che ingeriscono nelle vicende terrestri ed hanno impedito a suo padre di veder realizzato il sogno per cui ha lavorato tutta la vita; nonostante ciò si rivela imparziale nei giudizi ed ottiene il rispetto di alcuni popoli, ciò sarà alla base della Federazione.

La sua impulsività si scontrerà spesso con la logica del primo ufficiale vulcaniano, T'Pol (interpretata da Jolene Blalock), inizialmente mandata dall'Alto Comando per controllarlo, e la sua passione per la scoperta unita all'integrità morale dovrà confrontarsi con le sue conseguenze dell'incontro con altre civiltà che contribuiranno alla stesura del regolamento della futura Flotta Astrale.

Il Dottor Phlox (John Billingsley), medico dell'Enterprise, è un ricercatore medico denobulano che incontra il capitano Archer nelle premesse della prima missione e per tutto il tempo passato sull'Enterprise terrà una corrispondenza con un collega umano. Il dottor Phlox è sempre ottimista e prova ammirazione per ogni cultura e forma di vita dell'universo, tanto da a volte risultare irritante, ed unisce la professionalità ad un'integrità morale consacrata alla cura della vita che verrà a confrontarsi con le esigenze della situazione.

L'ingegnere capo Charles "Trip" Tucker III (Connor Trinneer), amico del capitano fin dall'accademia, è un genio dell'ingegneria spaziale, la sua impulsività lo porterà spesso a rischiare le relazioni con altre civiltà incontrate ed a scontrarsi con la logica vulcaniana di T'Pol, con cui avrà una relazione sentimentale. L'impulsività è bilanciata da un alto senso di responsabilità e lealtà verso il capitano, ma ciò non lo sottrae a dubbi e problemi etici

Altri protagonisti sono il capo della sicurezza e dei sistemi tattici Malcolm Reed (Dominic Keating), caratterizzato dallo stile di vita militare e (nell'originale) da una pronuncia britannica; l'ufficiale alle comunicazioni Hoshi Sato (Linda Park), linguista prodigio, inizialmente terrorizzata dallo spazio e alle prese con difficoltà inter-linguistiche mai affrontate prima; il guardiamarina Travis Mayweather (Anthony Montgomery), il timoniere, l'unico nato nello spazio, a bordo di un'astronave commerciale, il cargo "Horizon" dove ha lasciato la famiglia.

Altri personaggi spesso ricorrenti sono l'ambasciatore vulcaniano Soval ed il comandante della guardia imperiale andoriana Shran, che diverrà amico del capitano Archer e lo aiuterà in diverse occasioni.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 - Premio Emmy
    • Outstanding Special Visual Effects for a Series per l'episodio Prima missione
    • Outstanding Hairstyling For A Series per l'episodio Due giorni e due notti
  • 2004 - Premio Emmy
    • Outstanding Music Composition For A Series (Dramatic Underscore) per l'episodio Similitudini
    • Outstanding Special Visual Effects for a Series per l'episodio Conto alla rovescia

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'introduzione di ogni episodio della serie viene trasmessa la sigla, in cui vengono ripercorsi i progressi nel volo e nell'esplorazione spaziale. La canzone che accompagna queste immagini è cantata da Russell Watson ed è Where My Heart Will Take Me.

La sigla è stata criticata per aver ignorato avvenimenti non riconducibili agli Stati Uniti seppure siano tappe fondamentali per la conquista dello spazio, in particolare lo Sputnik, Jurij Gagarin e la stazione spaziale Mir.[2]

Nelle due puntate della quarta stagione ambientate nell'universo dello specchio venne usata una sigla diversa, composta da scene belliche reali (ad esempio della prima guerra mondiale) o dell'universo di Star Trek.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1st Annual VES Awards. URL consultato il 20 settembre 2012.
  2. ^ The Trek Nation - André Bormanis

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z