Reginald Barclay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reginald Endicott Barclay III
Reginald Barclay.jpg
Universo Star Trek
Lingua orig. Inglese
1ª app. Star Trek: The Next Generation
Interpretato da Dwight Schultz
Voci italiane
Specie umano
Sesso Maschio

Reginald Barclay, nome completo Reginald Endicott Barclay III, chiamato familiarmente Reg (e soprannominato "Broccoli"), è un personaggio delle serie televisive di fantascienza Star Trek: The Next Generation. Interpretato dall'attore Dwight Schultz, il tenente Barclay è una presenza ricorrente della serie ed appare anche in alcuni episodi delle ultime due stagioni della serie Star Trek: Voyager e nel film Star Trek: Primo contatto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Imbarcato sulle navi stellari Enterprise D ed Enterprise E del capitano Jean Luc Picard con il ruolo di ingegnere e di tecnico, è contraddistinto da un carattere fortemente timido ed introverso. Pur essendo dotato di buone competenze e capacità, che gli permettono spesso di trovare soluzioni brillanti ai problemi, la sua insicurezza gli procura gravi problemi di relazione, anche nei confronti dei propri colleghi e in particolare dei superiori, il che lo porta a cercare rifugio nelle proprie fantasie. Affetto da vari tic, nevrosi e da una tendenza alla balbuzie, Reginald viene spesso portato dalla propria timidezza ed incapacità sociale ad assumere comportamenti patologici: è infatti ipocondriaco, soffre, fra l'altro, di paura del teletrasporto (una sorta di forma futura di aviofobia) e, in una puntata, dimostra un elevato grado di dipendenza dal ponte ologrammi, dal quale, si viene a sapere in seguito, si è curato un paio di volte con riabilitazione presso consiglieri.

Anni dopo aver lasciato l'Enterprise, Reginald viene assegnato al programma Pathfinder della Flotta Stellare, dedicato al tentativo di comunicare con la USS Voyager, la nave stellare del Capitano Janeway dispersa nel quadrante Delta. In questo suo nuovo incarico il tenente Barclay, pur dovendo fare ancora i conti con le proprie ossessioni (finisce infatti per creare una copia olografica dell'equipaggio della Voyager, che trasforma nei suoi "migliori amici") riesce infine a stabilire un contatto permanente con la lontana nave stellare, aiutando l'equipaggio nel suo ritorno a casa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]