USS Enterprise (NCC-1701-D)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
USS Enterprise NCC-1701-D.jpg
USS Enterprise (NCC-1701-D)
Commissionata: Data stellare: 40759.5

5 ottobre 2363

Varo: Cantiere navale di Utopia Planitia, Marte

Data Stellare: 41124
15 febbraio 2364

Prima missione: Data Stellare: 41153.7

26 febbraio 2364

Stato: Distrutta:

Data Stellare: 48650.1
26 agosto 2371

Affiliazione: Federazione dei Pianeti Uniti: Flotta Stellare
Specifiche
Classe: Galaxy
Categoria: Nave da esplorazione
Massa: 4960000 t
Dimensioni totali:
  • Lunghezza: 642,51 m
  • Larghezza: 467 m m
  • Altezza: 137 m
Dimensioni della sezione motori:
  • Lunghezza: 360 m
  • Larghezza: 259 m
  • Altezza: 126 m
Superficie interna: 800000 m²
Ponti: 42
Stazza: 95,000 t
Propulsione:
  • Curvatura: 2 gondole di curvatura LF-41 con 1 reattore materia/antimateria da 1500+ cochrane
  • Impulso:
Velocità di crociera: Curvatura 6
Velocità (max.):
  • Curvatura: 9,6 (per un massimo di dodici ore)
  • Impulso: 0>75 c
Velocità di emergenza: Curvatura 9.8 (danneggiamento dei motori a 9.9)
Equipaggio: 1014

(limite di emergenza: 15000)

Armamenti:
Scudi: 10 generatori di scudi da 4.73 GW
Navette ausiliarie: 72:

12 type 15, 15A, and 16 shuttlepods;
4 travel pods;
15 type 6 shuttles;
10 type 7 shuttles;
10 type 9A cargo shuttles;
5 special-purpose shuttles;
10 work bees;
5 Sphinx type M1 workpods;
1 Galaxy type captain's yacht;
432 escape pods

La USS Enterprise NCC-1701-D è una nave stellare appartenente all'universo immaginario di Star Trek, apparsa nella serie televisiva Star Trek - The Next Generation e nel film Generazioni. L'Enterprise D è un'astronave di classe Galaxy entrata in servizio nella seconda parte del XXIV secolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Entrata in servizio nel 2363, l'Enterprise (o Enterprise D per distinguerlo dalle altre astronavi con lo stesso nome) è la nave portabandiera della Flotta Stellare fino alla sua distruzione avvenuta nel 2371. Durante le missioni operative viene comandata principalmente dal Capitano Jean-Luc Picard, con alcuni periodi di comando del Comandante William Riker e un breve periodo sotto il comando del Capitano Edward Jellico.

Questa nave è la terza ad appartenere alla classe Galaxy, le precedenti sono l'astronave prototipo USS Galaxy e la nave gemella, l'USS Yamato. La nave viene commissionata il 4 ottobre 2363 e venne costruita dal Cantiere navale di Utopia Planitia su Marte. È una delle più importanti e più famose astronavi del XXIV secolo e sotto il comando del Capitano Picard si è distinta innumerevoli volte nella storia Federale. L'equipaggio della nave incontra molte specie aliene, tra le quali i Borg, i Q e i Ferengi. L'equipaggio deve affrontare molte situazioni diplomatiche complicate come bloccare i rifornimenti inviati dai Romulani alle sorelle Duras durante la crisi dell'impero Klingon nella loro guerra civile o prevenendo la guerra con i Cardassiani durante la crisi della Nebulosa C5 McAllister. Inoltre affronta diverse tensioni locali nel quadrante Alfa, migliorando la stabilità del quadrante e quindi della Federazione. L'Enterprise svolge un ruolo cruciale durante l'invasione dei Borg del 2366 dopo la disastrosa Battaglia di Wolf 359.

Distruzione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2371 come visibile nel film Generazioni le sorelle Duras danneggiarono gravemente l'Enterprise D avendo scoperto la modulazione degli scudi della nave. L'Enterprise D comunque riuscì a danneggiare il vascello delle sorelle Duras e a distruggerlo ma i danni alla nave erano talmente gravi da provocare la rottura del nucleo a curvatura della nave. Per salvare l'equipaggio fu ordinata la separazione della sezione a disco della nave ma l'onda d'urto dovuta all'esplosione del nucleo a curvatura spinse la sezione a disco nell'atmosfera del pianeta Veridiano III. I danni riportati resero inevitabile un atterraggio di emergenza della sezione a disco che rese la nave non riparabile.

In una linea del tempo alternativa Tolian Soran distrusse la stella di Veridiano III e tornò nel Nexus. La stella distrutta creò un'onda d'urto che distrusse tutti i pianeti del sistema solare e le astronavi in orbita, compresa l'Enterprise. Anche Picard fu trasportato nel Nexus e in questo strano fenomeno incontrò il Capitano James Tiberius Kirk. Picard convinse Kirk ad aiutarlo per salvare il sistema di Veridiano e difatti con l'aiuto di Kirk riuscì ad impedire a Soran di distruggere la stella del sistema Veridiano. Durante la missione di salvataggio Soran perì per l'esplosione del suo missile ma anche Kirk morì.

Futuro alternativo[modifica | modifica sorgente]

In un futuro alternativo visibile nell'episodio finale di Star Trek - The Next Generation l'Enterprise D nel 2395 è ancora operativa ed è comandata dall'Ammiraglio William Riker che ha fatto ammodernare l'astronave aggiungendovi nuove armi, nuovi motori, una nuova gondola di curvatura e un dispositivo di occultamento. Questa linea del tempo alternativa era stata creata da Q per Picard e quindi non viene ritenuto un futuro probabile.

Equipaggio[modifica | modifica sorgente]

  • Ufficiale comandante:
    • Capitano Jean-Luc Picard (2364-2371)
    • Capitano William T. Riker (incarico temporaneo nel 2366-2367)
    • Capitano Edward Jellico (incarico temporaneo nel 2369)
  • Primo ufficiale/ufficiale esecutivo:
    • Comandante William T. Riker (2364-2371)
    • Tenente Comandante Shelby (incarico temporaneo nel 2366-2367)
    • Tenente Comandante Data (incarico temporaneo nel 2369)
  • Ufficiale alle operazioni e ufficiale scientifico:
    • Tenente Comandante Data (2364-2371)
    • Tenente Worf (incarico temporaneo nel 2366)
  • Ingegnere capo:
    • Tenente Comandante Sarah MacDougal (2364)
    • Tenente Comandante Argyle (2364)
    • Tenente Logan (2364)
    • Tenente Comandante Leland T. Lynch (2364)
    • Tenente/Tenente Comandante Geordi La Forge (2365-2371)
  • Ufficiale tattico e capo della sicurezza:
  • Ufficiale medico capo:
  • Consigliere:
  • Controllore di volo:
  • Capo trasportatori:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek