Star Trek: Elite Force II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star Trek: Elite Force II
Sviluppo Ritual Entertainment
Pubblicazione Activision
Data di pubblicazione 24 giugno 2003
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Star Trek
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS
Motore grafico id Tech 3
Supporto 2 CD-Rom
Periferiche di input tastiera, joystick, mouse

Star Trek: Elite Force II è un videogioco sparatutto in prima persona (FPS) ambientato nell'universo fantascientifico di Star Trek. Questo gioco rappresenta il sequel di Star Trek: Voyager Elite Force, pubblicato da Activision nel 2000 e riprende i personaggi protagonisti del primo episodio, spostandoli dall'ambientazione della serie televisiva Star Trek: Voyager a quella di Star Trek: The Next Generation. Il gioco è stato pubblicato sia per Microsoft Windows che per Mac OS X sempre da Activision.

Antefatto della storia[modifica | modifica sorgente]

Elite Force II inizia narrando la storia del ritorno della nave stellare USS Voyager nel Quadrante Alfa attraverso i tunnel di transcurvatura Borg,la vicenda narrata negli ultimi due episodi della settima e ultima stagione di Star Trek: Voyager. La prima breve missione, che si configura come piccolo tutorial del gioco, vede l'Hazard Team guidato dal tenente Alex Munro in azione dentro una sfera Borg, che ha catturato la USS Voyager mentre tentava di attraversare il tunnel verso casa. Munro, che viene guidato dal giocatore, si trova dopo pochissimo di fronte ad un boss piuttosto coriaceo, ma tutto sommato semplice da battere; con la sconfitta del mostro e con l'arrivo sulla Terra dell'astronave si chiude la prima missione del gioco.

Rientrata sulla Terra dopo sette anni di permanenza nel Quadrante Delta, la Voyager viene commissariata e l'equipaggio redistribuito all'interno della Federazione. Con sommo rammarico dei suoi componenti l'Hazard Team viene smantellato; al suo comandante Munro viene assegnata una cattedra di tattica militare all'accademia, cosa che non gli permette di partecipare ad azioni sul campo per almeno due anni, fino a che il capitano dell'USS Enterprise NCC-1701-E, Jean-Luc Picard, non decide di ricreare l'Hazard Team, portando Munro e alcuni dei suoi vecchi compagni sulla nave ammiraglia della Flotta Stellare. Da questo momento inizia la vera storia, che ha per protagonisti, oltre a Picard e all'Hazard Team, due nuove popolazioni aliene, gli Attrexiani e gli Idryll, oltre ai Romulani e a una varietà di strani mostri che popolano le rovine Idryll: gli Exomorphs. La vicenda si snoda lungo dodici diverse missioni ambientate su stazioni spaziali aliene, pianeti ricchi di basi sotterranee infestate e siti militari, tra i corridori della USS Enterprise e della USS Dallas, definita nel gioco come "l'ultimo esemplare della sua classe" (è di classe Excelsior, come lo era l'Enterprise-B).

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

Flotta Stellare
  • Lt. Alexander Munro
  • Lt. Comm. Tuvok (temporaneamente distaccato sull'Enterprise)
  • Capt. Jean-Luc Picard
  • Ens. Korban (Hazard Team, Klingon, migliore allievo di Munro all'accademia)
  • Ens. Telsia Murphy (Hazard Team)
  • Ens. Chell (Hazard Team, Boliano)
  • Ens. Austin Chang (Hazard Team)
  • Ens. Julien Jurot (Hazard Team)
  • Lt. Reginald Barclay
Altri
  • Krindo (giovane comandante Idryll)
  • Kleeya (ricercatrice e archeologa Idryll)
  • Anziano capo Idryll

Ci sono poi vari Attrexiani e Romulani.

Particolarità tecniche[modifica | modifica sorgente]

Come il primo episodio, Elite Force II basa la sua grafica sul supercollaudato motore di Quake III, questa volta però in una versione pesantemente modificata rispetto a quella originale. Questo motore grafico ha il suo punto di forza nella rappresentazione di grandi ambienti e permette inoltre una buona definizione dei lineamenti facciali dei personaggi.

Per funzionare al meglio su Microsoft Windows (da Win 98 a XP), Elite Force II richiede un processore da 1,5 GHz, 256 MB di memoria RAM, circa 1,3 GB di spazio su disco e una scheda video con acceleratore 3D da 64 MB di memoria RAM.

Oltre alla storia principale, Elite Force II possiede una modalità multiplayer che può tenere fino a 32 giocatori in cui si possono disputare appassionanti scontri di deathmatch e catch the flag.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Durante la storia il protagonista può scegliere se avere una storia d'amore con un particolare membro della flotta o con una aliena.
  • Nelle mappe della campagna principale ci sono zone segrete in cui si possono trovare rifornimenti, armi segrete e crediti che sono necessari per sbloccare mappe aggiuntive da giocare in single-player.
  • Uno dei livelli della campagna è ambientato sullo scafo esterno dell'Enterprise, proprio come in una scena di Star Trek: Primo contatto.
  • Nella Missione 9 - Mercenaries, quando A.Munro arriva nel bar, è possibile assistere ad un dialogo fra tre personaggi seduti ad un tavolo: tale dialogo ricalca quasi al 100% quello che avviene in Star Wars Episodio 4 (Una nuova speranza) tra Luke Skywalker, Obi-Wan Kenobi e Han Solo, quando Han Solo viene assunto dai due Jedi come pilota.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek