Christopher Pike (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christopher Pike
Il capitano Pike ai tempi della missione su Talos IV
Il capitano Pike ai tempi della missione su Talos IV
Universo Star Trek
Lingua orig. Inglese
Autore Gene Roddenberry
1ª app. Star Trek: TOS, ep. Lo zoo di Talos
Interpretato da
Voci italiane
Specie Umano
Sesso Maschio

Christopher Pike è un personaggio di finzione dell'universo fantascientifico di Star Trek.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Christopher Pike nasce intorno al 2219 - 2220, sulla Terra, nella città di Mojave, nel Nord America. Amante della vita all'aria aperta e poco mondana, possiede o ha posseduto una tenuta di campagna e un cavallo di nome Tango.

Si arruola molto giovane nella Flotta Stellare, grande organismo militare al servizio della Federazione dei Pianeti Uniti, presso cui si distingue con onore come ufficiale coscienzioso e dalle buone capacità di comando. Poco più che trentenne viene promosso al grado di capitano e assegnato al comando della nave ammiraglia USS Enterprise, presso la quale ha ai suoi ordini un primo ufficiale donna, chiamata semplicemente "Numero Uno", e l'ufficiale scientifico Spock, originario del pianeta Vulcano.

Nel 2254, comanda personalmente una squadra di sbarco su Rigel VII, dove subisce l'aggressione di alcuni guerrieri Kaylar in quella che sembrava superficialmente una fortezza abbandonata. Tre membri della squadra soccombono, mentre altri sette vengono feriti, in maniera più o meno grave. L'esito di questo scontro porta Pike a interrogarsi drammaticamente sulle sue effettive capacità di comandante. Poco dopo, l'Enterprise fa rotta verso la colonia Vega per prestare soccorso ai suoi malati e infermi, ma intercetta una chiamata di soccorso in vecchio stile proveniente, dalla USS Columbia, un vascello scientifico dichiarato disperso nel 2236.

Durante la missione di soccorso volta a scoprire le sorti di tale equipaggio, Pike viene preso in ostaggio dagli abitanti locali, i talosiani, che da tempi immemorabili vivono nel sottosuolo, forti di grandi poteri telepatici con cui possono generare illusioni molto realistiche e proiettarle direttamente nelle menti altrui. Il loro scopo è quello di sospingerlo ad accettare di rimanere su Talos IV, accoppiandosi con una giovane donna di nome Vina, la sola ad essere sopravvissuta al resto dell'equipaggio terrestre. Tuttavia il capitano resiste fermamente ai talosiani, scoprendo che certe emozioni come la rabbia e l'odio hanno il potere di frenarne il potere mentale, e viene rilasciato. (TOS: Lo zoo di Talos) Sebbene l'esperienza con i mondi illusori gli abbia permesso di riscattarsi di fronte a sé stesso come comandante, appena di fronte all'alto comando della Flotta sostiene la necessità di recidere tutti i contatti con i poteri dei talosiani. Viene formulato l'Ordine Generale 7, che dichiara Talos IV pianeta proibito e sancisce la pena di morte per chiunque vi si rechi.

Dopo un lungo periodo trascorso come capitano dell'Enterprise, Pike viene promosso al grado di Capitano di Flotta pochissimi anni dopo, lasciando in eredità l'astronave al giovane James Kirk, altro giovane e competente ufficiale in forte ascesa. In seguito, mentre si trova a bordo di una vecchia nave scuola di classe J, assiste alla rottura di un piatto deflettore, incidente che espone molti allievi e cadetti ai raggi delta. Il capitano aiuta parecchi cadetti a mettersi al sicuro, finendo con il subire un massiccio bombardamento radioattivo. Ormai sfigurato, scampa alla morte grazie ad un congegno avanzato di supporto vitale, ma il danno fisico riportato gli impedisce di parlare e rispondere agli stimoli fisici. Grazie ad una sedia a rotelle, la cui tecnologia è direttamente collegata al suo cervello, può comunicare esclusivamente con segnali luminosi per rispondere a domande semplici che prevedono come risposta un sì o un no.

Nel 2267, Spock, ora primo ufficiale, mette in atto un piano per portare l'Enterprise alla Base Stellare 11, dove Pike è ricoverato, servendosi di un falso messaggio. L'intenzione del vulcaniano è di portare Pike su Talos IV, dove i talosiani potranno influire sulle condizioni dell'infermo con la telepatia e le illusioni in modo da evitargli un'intera vita nel suo corpo danneggiato. Giunto infine sul pianeta proibito trascorre il resto della sua vita così come un tempo i talosiani avevano sperato per lui, ormai in pensione dal servizio attivo della Flotta Stellare e senza più alcun contatto con la Federazione. (TOS: L'ammutinamento)[1]

In Star Trek (2009) e Into Darkness[modifica | modifica wikitesto]

Il capitano Pike viene introdotto nuovamente sulle scene di Star Trek, in cui è interpretato da Bruce Greenwood.

Il film racconta di come il corso della storia conosciuta con la serie classica venga alterato con l'arrivo di una nave romulana comandata da Nero, giunto involontariamente dal futuro tramite un buco nero analogamente all'ormai anziano Ambasciatore Spock di Vulcano. In questa nuova realtà alternativa Pike è un ufficiale reclutatore legato all'Accademia della Flotta Stellare che nel 2255 convince il giovane James Kirk ad arruolarsi nella Flotta seguendo l'esempio del padre, George Kirk, morto sulla USS Kelvin salvando quattrocento persone, inclusa la sua, durante l'evacuazione dell'astronave una ventina di anni prima.

Nel 2258, invece, è l'ufficiale comandante dell'Enterprise, varata quando lo stesso Nero distrugge Vulcano. Viene catturato dal romulano e brutalmente torturato affinché riveli i punti deboli delle forze astrali federali. Dopo una lunga agonia viene salvato infine da Kirk, che lo riporta sulla Terra dove viene decorato come grande eroe di guerra e promosso dai superiori al grado di ammiraglio. Kirk gli succede al comando dell'Enterprise come capitano, con l'obbligo di riferire direttamente a lui che, come risultato delle cruente torture subite dai romulani, è ora costretto a muoversi su di una sedia a rotelle.

Nel film Into Darkness - Star Trek, Pike viene ucciso da Khan (sotto le mentite spoglie di John Harrison) davanti agli occhi di Spock. Questo avvenimento spinge Kirk a cercare Khan per vendicare Pike.

Citazioni nelle opere non canoniche[modifica | modifica wikitesto]

Al di fuori delle informazioni canoniche avute dalla sua unica apparizione filmata, il capitano Pike è protagonista di alcune vicende legate a romanzi e narrazioni considerate non canoniche, in cui vengono approfondite la sua figura di ufficiale prima della missione su Talos IV, le sue origini personali, la sua vita dopo esser stato ferito e lasciato su Talos IV.

  • L'USS Enterprise Officer's Manual, di Doug Drexler e Geoffrey Mandel, suggerisce che il suo nome completo sia Christopher Robin Pike, mentre il romanzo di Diane Carey, Final Frontier, edito da Pocket Books, lo indica col nome di Christopher Richard Pike.
  • Le sue avventure come capitano dell'Enterprise sono al centro della serie di fumetti, pubblicati dalla Marvel, Star Trek: Early Voyages, i quali narrano che il padre di Pike è l'ammiraglio in congedo Josh Pike.
  • Il romanzo Pocket Vulcan's Glory, a firma della sceneggiatrice D.C. Fontana, dice che Pike aveva precedentemente comandato la nave stellare USS Yorktown, un riferimento al nome originale che avrebbe dovuto avere l'Enterprise.
  • Alcune storie indicano che Pike ha servito in qualità di ufficiale esecutivo a bordo della Enterprise sotto il capitano Robert T. April.
  • Nel romanzo di Star Trek: Enterprise, The First Adventure, Pike viene promosso commodoro dopo aver rinunciato al comando dell'Enterprise. Questo potrebbe indicare che "capitano di flotta" era considerato una posizione e non un grado.
  • Il romanzo non canonico Burning Dreams, narra nei dettagli la sua vita e carriera, così come The Captain's Table#6: Where Sea Meets Sky. Burning Dreams narra che dopo l'incidente su Talos IV, Pike passa la maggior parte della sua rimanente carriera domandandosi se la sua vita e tutto quello che ha sperimentato non siano state illusioni vissute nella sua cella su Talos.
  • Nel romanzo di Star Trek: Deep Space Nine, Unity, Ezri Dax sostiene che Pike abbia fatto parte della missione congiunta Flotta Stellare-Trill durante la quale viene scoperto il parassita neurale. A quel tempo, Pike era già un capitano della Flotta Stellare.

Altre informazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Era previsto che il protagonista della serie Star Trek fosse proprio Pike, interpretato da Jeffrey Hunter, ma l'attore rinunciò al ruolo probabilmente a causa di concomitanti impegni legati ad altre produzioni televisive e cinematografiche[senza fonte]. Il creatore della serie Gene Roddenberry sostituì dunque il suo personaggio con quello del capitano Kirk.
  • Nella serie animata si rivela che Christopher Pike ha assunto il comando dell'Enterprise dopo la fine del mandato del comandante Robert April.
  • In Star Trek: Deep Space Nine viene rivelato che esiste una medaglia al valore "Christopher Pike", con cui il capitano Benjamin Sisko viene decorato per la riconquista della stazione spaziale Deep Space Nine a scapito del Dominio.
  • L'autore statunitense Kevin McFadden assunse lo pseudonimo Christopher Pike per firmare le sue opere;
  • James Blish notò che le sceneggiature erano state "pesantemente revisionate da varie calligrafie, e che Pike appariva confusamente con diversi nomi, come ad esempio Capitan Primavera o Capitan Inverno." La stesura rivista di "Lo zoo di Talos" del 20 novembre 1964 lo definì Capitano James Winter.
  • Nella serie televisiva fantascientifica Buck Rogers in the 25th Century, nell'episodio "A Dream of Jennifer", il nome di Christopher Pike viene fatto tramite il sistema di interfono quale omaggio a Star Trek.
  • In un episodio di Farscape, "Losing Time", uno dei DRD fu chiamato DRD Pike da John Crichton, con riferimento al capitano Pike, perché comunicava solo attraverso segnali luminosi.
  • La debilitazione di Pike è ripresa in A tutto reality: nella quarta stagione, Scott viene sbranato dallo squalo Zanna, ma sopravvive ed è chiuso in una sedia a rotelle computerizzata, con due bottoni, quello rosso lampeggia quando Scott vuole dire "no", quello verde quando vuole dire "sì". I due bottoni però sono usati in situazione decisamente ironiche.
  • Anche in un episodio di South Park c'è un personaggio ridotto nelle stesse condizioni di Pike: si tratta della signorina Claridge, che quando i protagonisti frequentavano l'asilo, era la loro insegnante, ma fu incendiata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Al termine dell'episodio L'ammutinamento, la scena in cui si vede Pike passeggiare sano con Vina proviene, come le altre dell'episodio ambientante su Talos, da Lo zoo di Talos, che al tempo non era stato accettato e dunque trasmesso dalla NBC, che aveva poi accettato il nuovo episodio pilota con protagonista Kirk. La scena si riferisce ad un Pike illusorio creato dai talosiani per Vina.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante della USS Enterprise (NCC-1701) Successore
Robert April 2251 - 2265 James T. Kirk
Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek