Turismo in Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il turismo in Spagna è un'attività estremamente sviluppata, infatti il paese è, nel 2007, il secondo al mondo dopo la Francia per i flussi turistici in entrata, con 60 milioni di ingressi turistici l'anno e una tendenza positiva.[1]

Attrazioni turistiche[modifica | modifica sorgente]

La facciata del Monastero dell'Escorial

Il Parco nazionale Picos de Europa è un parco nazionale spagnolo di quasi 65.000 ettari comprendente parte della catena montuosa dei Picos de Europa. Il parco si estende su una regione facente parte delle Comunità autonome di Castiglia e León, della Provincia di León (24.719 ha), delle Asturie (24.560 ha), e della Cantabria (15.381 ha).

Il monastero dell'Escorial, anche detto di San Lorenzo del Escorial, si trova in Spagna, nella comunità autonoma di Madrid, nel comune di San Lorenzo de El Escorial. Fu fatto costruire da Filippo II come residenza e pantheon dei re di Spagna, fu anche convento e chiesa dal 1563 al 1584. Nel 1984 è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Acquedotto di Segovia è uno dei monumenti più importanti e meglio conservati tra quelli lasciati dagli antichi romani nella penisola iberica. È uno dei simboli della città di Segovia, come evidenziato anche dalla sua presenza nello stemma cittadino.

La facciata del Museo del Prado

Il Museo Lázaro Galdiano, di Madrid, ospita la collezione omonima, in origine privata, costituita con un interesse universale verso tutte le arti e le tecniche. La raccolta, veramente eccezionale, venne formata da José Lázaro Galdiano, il quale, alla sua morte, nel 1947, la donò alla Spagna.

Museo Lázaro Galdiano - Il Sabba (Goya)

La collezione venne esposta al pubblico il 21 gennaio 1951.

Nel museo spicca la collezione di dipinti, che vanta opere di grandi maestri. Tra le opere, un Cristo fanciullo, già attribuito a Leonardo da Vinci, e solo adesso assegnato a uno Pseudo Boltraffio o anche ad Ambrogio de Predis, entrambi di ambito leonardesco. Altri dipinti importanti sono un ritratto di Sanchéz Coello, due importanti opere di El Greco, una Testa di donna, attribuita al Velázquez e la Santa Rosa da Lima del Murillo.

Il Museo archeologico nazionale di Spagna (in castigliano "Museo arqueológico nacional de España") è stato fondato da Filippo III ed è situato nell'edificio che si riferisce al Palacio de bibliotecas y museos, insieme alla Biblioteca nazionale. Il Museo mostra pezzi dalla Preistoria al XIX secolo. Conserva pezzi greci e romani, arte medievale, repliche dei dipinti delle caverne e opere iberiche.


Il Museo del Prado è una delle pinacoteche più importanti del mondo e si trova a Madrid in Spagna.

Vi sono esposte opere dei maggiori artisti italiani, spagnoli e fiamminghi, fra cui Sandro Botticelli, Caravaggio, El Greco, Artemisia Gentileschi, Francisco Goya, Andrea Mantegna, Raffaello, Rembrandt, Pieter Paul Rubens, Diego Velázquez e molti altri.

Il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Tra il 1980 ed il 1988 gli architetti José Luis Iniguez de Onsoño ed Antonio Velasquez de Castro hanno curato il restauro ed il ripensamento degli spazi della struttura, conferendogli l'attuale aspetto. - La grande attrazione del museo è la Guernica di Pablo Picasso. Il Reina Sofía possiede inoltre opere di Salvador Dalí, Juan Gris, Joan Miró, Julio González, Eduardo Chillida, Antoni Tàpies, Lucio Muñoz, Jorge Oteiza, José Luis Gutiérrez Solana, Pablo Gargallo, Joseph Beuys, Andy Warhol, Wolf Vostell, Nam June Paik, Mark Rothko, Roy Lichtenstein, Francis Bacon, Pablo Palazuelo, Pablo Gargallo, Joan Rebull, Luis Gordillo, Jorge Oteiza, José Luis Gutiérrez Solana e altri artisti significativi. Presenta inoltre una libreria specializzata in arte, con una collezione di oltre 100.000 libri, 1.000 video e 3.500 registrazioni.

Il parco del Retiro (da non confondersi con i giardini del Buon Ritiro) è un parco di Madrid che si estende per 118 ettari e rappresenta uno dei principali luoghi di interesse della capitale spagnola.

Parco del Retiro - Il laghetto principale con il monumento ad Alfonso XII

I giardini, così come il palazzo Reale del Buon Ritiro, furono progettati e realizzati nel decennio dal 1630 al 1640, allorché il conte-duca di Olivares (Gaspar de Guzmán y Pimentel), donò al re Filippo IV alcuni terreni affinché fosse creato uno spazio per gli ozi di corte, in prossimità del Monastero de los Jerónimos. L'area originale del parco era di 145 ettari e la collocazione era nelle immediate vicinanze del nucleo urbano di Madrid.

La facciata del Tempio di Debod

Il Tempio di Debod è un tempio dell'antico Egitto localizzato attualmente a Madrid in Spagna. Si trova ad ovest della Plaza de España, a fianco del Paseo del Pintor Rosales (Parque del Oeste), su un colle dove si trovava il Cuartel de la Montaña, teatro di un sanguinoso episodio della Guerra civile spagnola. In seguito al trasporto verso la Spagna, fu ricostruito in modo da rispettare approssimativamente la stessa orientazione originaria, da est a ovest.


Gran Via (Madrid),vista da Plaza de Callao

La Gran Via è una delle principali strade di Madrid in Spagna. Comincia dalla Calle de Alcalá e termina nella Plaza de España. È un importante luogo di riferimento della città fin dalla sua costruzione all'inizio del XX secolo dal punto di vista commerciale, turistico e come posto di ritrovo. È famosa per le sue sale cinematografiche, sebbene attualmente in parte chiuse o riconvertite con evidente successo in teatri di Musical, tanto che il tratto che parte da Plaza de Callao fino a quella di España si conosce come la Broadway madrilena, tra la rete di San Luis e Callao ospita tra gli altri i negozi delle catene internazionali della moda.

Il Museo Thyssen-Bornemisza è un'importante pinacoteca e centro culturale della capitale spagnola. Si trova lungo il Paseo del Prado, a pochi passi dal museo del Prado. È stato acquistato dal governo spagnolo nel luglio del 1993 e della sua collezione facevano parte ulteriori ottanta pezzi di arte medievale, rinascimentale e barocca, poi successivamente trasferiti al Palazzo Reale di Pedralbes (Barcellona).

Le circa ottocento opere che vi sono attualmente conservate spaziano dal Rinascimento italiano, alla pittura moderna. L'apparato pittorico del museo proviene da una raccolta privata della famiglia del magnate tedesco dell'acciaio Thyssen-Bornemisza, che conobbe poi fasti economici nel periodo bellico del secondo conflitto mondiale. Le opere attualmente presenti erano precedentemente collocate in un museo a Lugano, in Svizzera. Con il matrimonio del barone Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza con una donna spagnola la raccolta venne trasferita in un palazzo madrileno dono del governo. La più bella fontana del Prado, la fuente de Apalo (1803), disegnata da Ventura Rodriguez, è fronteggiata dal palazzo che ospita il Museo Thyssen-Bornemisza.

Le Isole Canarie sono un grande arcipelago di sette isole maggiori e due isole minori, tutte di origine vulcanica. Sono situate nell'Oceano Atlantico al largo dell'Africa nord-occidentale. Formano una comunità autonoma della Spagna. La capitale è condivisa tra Santa Cruz de Tenerife e Las Palmas de Gran Canaria.[2][3] Fino al 1927, Santa Cruz de Tenerife è stata l'unica capitale delle Canarie, solo dopo tale anno, la condivide con Las Palmas.

Il Camino Francés è la più importante e famosa strada tra quelle che compongono il cammino di Santiago di Compostela, patrimonio dell'umanità. Lungo circa 800 km (non esiste una versione unica di questo percorso), inizia a Saint-Jean-Pied-de-Port, versante francese dei Pirenei, per raggiungere Santiago de Compostela, in Spagna, dopo aver attraversato le regioni Navarra, La Rioja, Castiglia e León e Galizia, e le città di Pamplona, Logroño, Burgos e León.

Città[modifica | modifica sorgente]

Madrid, la capitale, è un'attrazione turistica per via dei suoi musei, tra cui celebre è il Museo del Prado, delle sue chiese e monumenti, e per la famosa movida notturna che si intreccia con il folclore spagnolo e le tradizioni come quella della corrida, che attraggono moltissimi turisti.

Barcellona è una delle mete predilette nel Mediterraneo, grazie al fatto d'essere una città cosmopolita e piena di vita; ma la capitale della Catalogna è visitata dai turisti anche per le varie forme d'arte che vi si sviluppano, dall'arte gotica di stampo catalano nel Barrio Gotico, alle curiose forme colorate e ispirate a soggetti naturali dell'architetto barcellonese Antoni Gaudí, progettista della maestosa e ancora incompiuta Sagrada Família. La città è famosa anche per il museo dedicato a Pablo Picasso, considerato il genio assoluto della pittura novecentesca e fondatore del cubismo.

Altre popolari città del turismo spagnolo sono Pamplona in Navarra per la festa di San Firmino e l'Encierro, Bilbao nei Paesi Baschi, e le città dell'Andalusia (Siviglia, la capitale, ospita una notevole cattedrale; Cordova è famosa per la sua moschea; Granada e Malaga, altre località turistiche).

Coste[modifica | modifica sorgente]

Vista della Costa Brava presso Tossa de Mar

Le località spagnole su cui verte il turismo balneare sono la Costa Brava, riviera che si snoda nei pressi di Barcellona, Ibiza, isola celebre per la sua vita notturna e le sue innumerevoli discoteche, Palma di Majorca, isola maggiori delle Baleari, e infine le Isole Canarie, arcipelago situato nell'Oceano Atlantico.

Ibiza[modifica | modifica sorgente]

(i'biʣʣa, in catalano e ufficialmente Eivissa) è una delle isole Baleari, situata nel Mare Mediterraneo; appartiene politicamente alla Spagna e con Formentera è una delle due isole Pitiuse. Le sue città principali sono: Ibiza, Santa Eulària des Riu e San Antonio.

Eivissa (localmente [əi'visə], in catalano standard [əi'βisə]) è il suo nome in catalano ed è quello che utilizzano i suoi abitanti mentre per gli spagnoli e il resto del mondo essa è meglio conosciuta come Ibiza. In italiano era conosciuta anche come Eviza e, almeno fino alla metà del XX secolo, come Iviza, nome con cui è conosciuta anche in inglese.


La Costa Brava[modifica | modifica sorgente]

è una regione costiera della Catalogna (Spagna) che si affaccia sul Mar Mediterraneo, e che si estende da Blanes fino al confine francese. Prende il nome dalle sue coste alte e impervie e ospita numerose località turistiche con alberghi e villaggi spesso dotati di animazione internazionale.

Auditorium di Tenerife, Le Isole Canarie

Le Isole Canarie[modifica | modifica sorgente]

Le Canarie sono isole tropicali, situate nell'Oceano Atlantico, davanti alla costa dell'Africa e al deserto del Sahara, poco più a Nord rispetto al Tropico del Cancro (al 28º parallelo, ovvero alla stessa altezza di Florida, Bahamas, Bermuda, Caraibi, Hawaii), sono un grande arcipelago di sette isole maggiori e due isole minori, tutte di origine vulcanica. Sono situate nell'Oceano Atlantico al largo dell'Africa nord-occidentale. Formano una comunità autonoma della Spagna. La capitale è condivisa tra Santa Cruz de Tenerife e Las Palmas de Gran Canaria. Fino al 1927, Santa Cruz de Tenerife è stata l'unica capitale delle Canarie, solo dopo tale anno, la condivide con Las Palmas.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Facts & Figures edition page | World Tourism Organization UNWTO
  2. ^ Real Decreto de 30 de noviembre de 1833 en wikisource
  3. ^ Real Decreto de 30 de noviembre de 1833 en el sitio web oficial del Gobierno de Canarias

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia