Regina Spektor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regina Spektor
Regina Spektor in concerto (2006)
Regina Spektor in concerto (2006)
Nazionalità Russia Russia
Stati Uniti Stati Uniti
Genere Anti-folk[1]
Folk
Indie rock
Periodo di attività 2001 – in attività
Etichetta Sire Records
Album pubblicati 9
Studio 5
Live 3
Raccolte 1
Sito web

Regina Il'inična Spektor (in russo Регина Ильинична Спектор; Mosca, 18 febbraio 1980) è una cantautrice e pianista statunitense, di origine russa, la cui produzione musicale, secondo alcuni[chi?], fa riferimento alla scena anti-folk dell'East Village di New York[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regina Spektor è nata a Mosca, nell'allora Unione Sovietica, da una famiglia di musicisti di origine ebraica. Suo padre Il'ja Spektor, fotografo[2], era anche violinista e sua madre una professoressa di musica in un istituto superiore. Quest'ultima attualmente insegna in una scuola pubblica elementare nel Mount Vernon, New York.[3]

Iniziò lo studio del pianoforte classico all'età di sei anni, esercitandosi su un Petroff cecoslovacco che sua madre aveva ricevuto in regalo dal di lei padre[4]. venne anche in contatto con gruppi pop-rock come i Beatles, i Queen e i Moody Blues grazie al padre, che aveva ottenuto alcune registrazioni nell'Est dell'Europa e aveva scambiato alcune cassette con amici nell'Unione Sovietica[3].

L'intera famiglia lasciò il Paese nel 1989 per ragioni politiche e religiose[5] durante la perestroika, quando fu permessa l'emigrazione agli ebrei sovietici, ma il pianoforte rimase a Mosca[6].

Con tappe intermedie tra Austria e Italia, la famiglia si è stabilì definitivamente negli Stati Uniti, nel quartiere newyorkese del Bronx[5]; suo padre, grazie alla sua esperienza in patria, trovò impiego come tecnico in un laboratorio fotografico a Manhattan[2] e riuscì a risparmiare il necessario per poter acquistare un appartamento[2]; Regina frequentò un istituto yeshiva nel quale compì gli studi secondari inferiori[7], per poi trasferirsi per le superiori in un'altra scuola ebraica, la Frisch, nel New Jersey[7], grazie a una borsa di studio; lasciò tale istituto, nel quale dichiarò di sentirsi «fuori luogo», per completare il biennio superiore alla Fair Lawn, scuola pubblica sempre del New Jersey[7].

Era inizialmente interessata solo alla musica classica, ma successivamente si interessò di hip hop, rock e punk.[3].

La cantautrice[modifica | modifica wikitesto]

Studiò fino all'età di 17 anni con la sua professoressa di musica, Vargas, che il padre di Regina incontrò grazie al violinista Samuel Marder, marito della Vargas.[8] Anche se la famiglia non fu in grado di portare con sé il pianoforte dalla Russia, Regina trovò un pianoforte col quale fare pratica nella cantina della sua sinagoga.[4]

Si interessò per la prima volta alla scrittura delle canzoni durante una visita in Israele fatta con l'istituto Nesiya, durante i suoi anni giovanili. Attratta dall'attenzione degli altri bambini in viaggio con lei per le canzoni che lei scriveva mentre era in gita, Regina Spektor capì di avere un'attitudine per la scrittura delle canzoni[5]. Seguendo questa idea, venne in contatto con lavori di Joni Mitchell, Ani DiFranco e altri cantanti e scrittori che le diedero l'idea di poter comporre canzoni.[5] Regina iniziò a scrivere la sua prima canzone a cappella all'età di sedici anni, e scrisse le sue prime canzoni per voce e pianoforte quando aveva circa diciotto anni.[3]

Completò quattro anni di composizione al conservatorio di musica del Purchase College a Purchase, New York laureandosi in tre anni, con lode, nel 2001. In questo periodo inoltre lavorò in un allevamento di farfalle nel Luck, Wisconsin e studiò a Tottenham in Inghilterra per un semestre.

Raggiunse gradualmente consensi grazie a performance nella scena anti-folk di New York, e soprattutto al Sidewalk Cafe dell'East Village.[4] In questo periodo vendette i suoi cd, da lei prodotti, 11:11 (2001) e Songs (2002).

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Le sue canzoni rivelano un misto di stili e tecniche, iniziano con un pianoforte e integrano poi vocalizzi, onomatopee, gemiti, gorgoglii o gorgheggi. Regina Spektor ha dichiarato di aver creato 700 canzoni[9], ma che raramente le scrive. Le sue canzoni generalmente non sono autobiografiche, spesso sono basate su scenari e su personaggi creati dalla sua immaginazione[5][10]. Le sue canzoni mostrano un'influenza folk[11][12] Jewish,[10][13] russa,[10] hip hop,[11][14][15] jazz,[11][14] e classica.[10][14] Il suo stile musicale ricorda quello delle colleghe cantanti-pianiste Fiona Apple e Tori Amos.[15][16] Regina ha dichiarato che si è impegnata molto per fare in modo che ogni sua canzone avesse uno proprio stile musicale specifico.

Possiede una notevole estensione vocale e ne sfrutta l'intera ampiezza. Ama inoltre esplorare tecniche vocali varie e originali, per esempio versi composti interamente da ronzii prodotti con le labbra. A volte utilizza un bastone, per dare il ritmo, battuto sul corpo del pianoforte o della sedia.[5][17] Parte del suo stile deriva anche dall'esagerazione di certi aspetti della vocalità, in particolare il "glottal stop" che è presente nel singolo Fidelity. Usa inoltre un forte accento Newyorkese in alcune parole, che la cantautrice sostiene essere dovuto al suo amore per New York e la sua cultura.[3]

I suoi testi sono eclettici, spesso in forma di racconti in prima persona con personaggi studiati a tavolino, simili a racconti o vignette rese canzone[3][17]. Regina Spektor canta solitamente in inglese, ma talvolta include parole in latino, russo, francese e altre lingue. Alcuni testi di Regina presentano allusioni letterarie[5], ad esempio a Francis Scott Fitzgerald e Ernest Hemingway nel singolo "Poor Little Rich Boy", Il piccolo principe in "Baobabs", Virginia Woolf e Margaret Atwood in "Paris", Ezra Pound e William Shakespeare in "Pound of Flesh", Boris Pasternak in "Après Moi", e Edipo re di Sofocle in "Oedipus". Ricorrono spesso nei testi di Regina Spektor temi come amore, morte, religione (in particolare con riferimenti biblici e alla religione cristiana), vita cittadina (con particolare riferimento a New York).

Riconosce The Beatles, Bob Dylan, Billie Holiday, e Fryderyk Chopin, come alcune delle sue prime influenze.[18]

Performance[modifica | modifica wikitesto]

Da gennaio 2005 circa suona su un brillante pianoforte rosso Baldwin[19]. Si è esibita al "Late Night" con Conan O'Brien per due volte, al The Tonight Show con Jay Leno, al Jimmy Kimmel Live; per tre volte al Last Call with Carson Daly con Carson Daly, alla CBS News Sunday Morning e alla trasmissione Good Morning America.[20] Ha viaggiato in tournée negli Stati Uniti e in Europa. Anche se generalmente presenta performance originali, Regina ha eseguito le sue prime covers nel 2005 su canzoni di Leonard Cohen e Madonna in occasione del secondo festival annuale di musica Jewish & Heritage. Regina ha anche eseguito cover di Real Love (canzone dei Beatles).[21]

Mentre era con gli Strokes, durante il loro tour Room on Fire, Regina Spektor ha eseguito e registrato "Modern Girls & Old Fashion Men" con la band.

Nel 2006 Regina Spektor ha portato un suo tour in America e Europa, esibendosi in numerosi locali e teatri.

Comparse[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2005 la musica di Regina Spektor è stata utilizzata in diversi programmi televisivi e pubblicità. Nel tardo 2005 "Us" (dall'album Soviet Kitsch) fu usato in una pubblicità come parte della serie What Do You Want To Watch? per la televisione Sky nel Regno Unito. Lo spot rappresentava uno spezzone da un documentario sullo skateborder Danny Way. Nell'estate del 2006, un pezzo di Us fu usato per il sito promozionale del progetto Zune della Microsoft su ComingZune.com, oltre che per una campagna promozionale di Mtv. La stessa traccia è utilizzata dalla compagnia tedesca di telecomunicazioni KPN in una pubblicità. "Somedays" fu usato nel 2005 in un episodio di CSI:NY e Samson fu usata nel 2006 in un episodio della stessa serie. On the Radio fu usato in un episodio del popolare telefilm Grey's Anatomy della televisione ABC. "Field Below" fu usato nel 2006 in un episodio intitolato Criminal Minds. Fidelity fu anche utilizzato in un recente episodio di "Grey's Anatomy" intitolato "Six Days, Part 2", in un episodio di Veronica Mars intitolato "Witchita Linebacker" e in un episodio della serie "Brothers & Sisters" intitolato "Sexual Politics". "Better" è attualmente utilizzata in una pubblicità per la radio satellitare XM. La sua canzone "Ghost Of Corporate Future" è stata usata in un episodio della serie Weeds, intitolato "Mile Deep and a Foot Wide".

Regina Spektor ha ottenuto molta attenzione nel 2006 quando il suo video Fidelity fu visionato oltre 200.000 volte in due giorni sul sito YouTube. Sulla SIRIUS Radio's Left of Center channel, questo singolo fu votato dagli ascoltatori come la canzone numero uno del 2006. Verso la fine del 2006 la VH1 ha selezionato Regina Spektor come parte del suo "You Oughta Know: Artists on the Rise": furono mandati in onda spezzoni del video della canzone Fidelity con alcune parti di una intervista con Regina Spektor durante le interruzioni pubblicitarie.[1]. Recentemente Regina Spektor ha raggiunto la posizione #3 nella classifica Top Artists della Vh1.

In Australia la musica di Regina Spektor ha rapidamente guadagnato popolarità in primo luogo grazie al singolo Begin To Hope messo in onda dalla stazione radio nazionale Triple J. Prima di Begin To Hope, Regina Spektor ha avuto in Australia un seguito relativamente scarso se comparato con Europa e America.

Regina ha raggiunto la posizione #33 nella classifica top 100 del 2006 sul magazine Blender.

L'8 marzo 2007 Regina è apparsa alla trasmissione Loose Women della ITV per promuovere, eseguendolo in diretta, il suo singolo Fidelity.

La canzone Fidelity è stata inoltre utilizzata in diversi spot pubblicitari. Le canzoni "Us" e "Hero" sono state utilizzate nel film "500 giorni insieme" (2009).

Nel 2013 scrive e interpreta "You've got time", sigla del serial Orange Is the New Black, prodotto da Netflix.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi tre album di Regina sono stati venduti esclusivamente negli Stati Uniti. La sua compilation Mary Ann Meets the Gravediggers and Other Short Stories, è stata distribuita in tutto il mondo, così come Begin To Hope, Far e What We Saw From The Cheap Seats. È l'autrice della canzone "The Call", che si sente nell'ultima scena del film Le cronache di Narnia: il principe Caspian. Il 23 giugno 2009 viene pubblicato il nuovo album "Far", contenente 13 nuovi brani. Lo stesso giorno viene pubblicata l'edizione speciale, con due brani bonus "Time Is All Around" e "The Sword And the Pen" e quattro video. Laughing With è il primo singolo. Il brano Eet viene annunciato come secondo singolo. Nel 2010 Regina pubblica un album live, registrazione del suo concerto tenutosi a Londra. L'album "Live In London" si presenta in tre diverse edizioni: CD, CD+DVD e CD+Blu-Ray. Il 28 febbraio 2012 viene rilasciato il primo singolo del nuovo lavoro What We Saw From The Cheap Seats, il brano, dal titolo "All the Rowboats", era già stato presentato varie volte da Regina durante i suoi concerti.

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Album live[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni in compilation[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Regina Spektor, allmusic.com. URL consultato il 16 maggio 2009.
  2. ^ a b c (EN) Enjoli Francis, Regina Spektor: Life Has Been More a Gift Than a Struggle in American Broadcasting Corporation, 8 giugno 2012. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  3. ^ a b c d e f http://www.wnyc.org/shows/soundcheck/episodes/10182004
  4. ^ a b c welcome to tourdates, where music is unleashed
  5. ^ a b c d e f g (EN) Abigail Washburn, From Russia With Love in New York Public Radio, 13 settembre 2005. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  6. ^ John Aizlewood, Regina Spektor: A Triumph That Began With Hope, thislondon.co.uk, 24 agosto 2006.
  7. ^ a b c (EN) Wyatt Mason, Regina Spektor Has Piano, Will Travel in The New York Times, 17 maggio 2012. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  8. ^ Shane Roeschlein, Regina Spektor: The Red Princess, themusicedge.com.
  9. ^ Brian Orloff, Regina Spektor's Got New "Hope", Rolling Stone.
  10. ^ a b c d Rod Alonzo, Making Stuff Up: An Interview With Regina Spektor, WOMANROCK.com.
  11. ^ a b c Regina Spektor - Mary Ann Meets The Gravediggers | album reviews | musicOMH
  12. ^ BBC News - Nottingham
  13. ^ Spectral Musings | Music Feature | Tucson Weekly
  14. ^ a b c regina spektor | Brani musicali gratuiti, date dei tour, foto, video
  15. ^ a b National Public Radio, Regina Spektor in Concert.
  16. ^ Tim Karan, Making Fiona Apple seem normal., Alternative Press Magazine.
  17. ^ a b Melissa Block, Stories in Song: Regina Spektor's 'Begin to Hope', National Public Radio, All Things Considered.
  18. ^ SPECTACULAR SPEKTOR | Billboard.biz
  19. ^ The Next Big Thing: We Require an Assertion of Value - WNYC
  20. ^ Regina Spektor Rocks 'GMA' - ABC News
  21. ^ The Journal News | LoHud.com | Westchester, Rockland, Putnam news, community, entertainment, yellow pages and classifieds. Serving Westchester, Rockland, Putnam, New York | Lo...

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

Interviste[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 24890961 LCCN: no2005044355