A cappella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Acapella.
Gruppo vocale a cappella Voceversa

Oggi si definisce a cappella ogni esibizione sonora che non preveda, durante il suo svolgimento, alcun intervento da parte di strumenti musicali (ammettendo tuttavia, per il genere moderno, la lavorazione del suono mediante strumenti tecnologici). In passato il termine si riferiva anche ad esecuzioni vocali con accompagnamento, dove gli strumenti si limitavano a rafforzare le voci raddoppiandone le linee, quindi senza aggiungere nuove linee musicali (il caso più frequente era quello del raddoppio realizzato con l'organo).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La pratica del canto a cappella ha origini che risalgono alla preistoria, quando gli uomini e le donne dei villaggi si riunivano attorno al fuoco per cantare musiche propiziatorie o di ringraziamento per le divinità o di altro genere.

Il canto a cappella trae le sue origini dalla prassi esecutiva del canto gregoriano la quale, non prevedendo l'ausilio dell'organo né di alcun altro strumento, era quindi praticata dalle sole voci dei monaci o dei chierici che costituivano il gruppo di cantori, chiamato schola cantorum.

Alla schola cantorum veniva affidato il ruolo di guida dell'assemblea, per tale ragione i cantori spesso scendevano dal presbiterio e si ponevano a cantare in una cappella laterale della chiesa, da qui l'origine del nome.

A cappella è gran parte della musica corale concepita per essere svolta da gruppi vocali o da cori polifonici.

i King's Singers, a Salisburgo nel 2010

La produzione di musica a cappella non è solamente sacra, ma spazia dal canto popolare, alla produzione madrigalistica alle elaborazioni di musica jazz e pop; in tal senso attualmente i vertici interpretativi a livello mondiale sono rappresentati da gruppi come i King's Singers, The Chanticleer, The Swingle Singers, The Real Group, Take Six, Calmus Ensemble e molti altri, in un panorama attualmente in forte espansione. Negli ultimi anni, grande successo hanno riscosso anche i Pentatonix, vincitori della terza stagione del talent show americano The Sing-Off. Il primo brano a cappella a raggiungere la posizione n° 1 nella classifica statunitense è stata la celeberrima Don't Worry, Be Happy di Bobby McFerrin nel 1988. In territorio italiano vi sono gruppi di levatura internazionale e curriculum consolidato, come i Neri per Caso, gli Alti & Bassi, Cluster, i Mezzotono. Nel panorama nazionale si situano molti altri gruppi, con repertori che complessivamente abbracciano un arco temporale molto vasto, dalla musica rinascimentale fino ai nostri giorni: The Acappella Swingers, l'Anonima Armonisti, gli Alter Ego, i Blue Penguin, i Domino Vocal Group, i L'Una e Cinque, i Maybe6ix, i Mezzo Sotto, i Quattrottave, The Ring Around Quartet, i SeiOttavi, i Sinacria Symphony, gli Spritz for Five, i Vocalica, i Vocal Cocktail, i Voceversa, e tanti ancora.

Alcune produzioni artistiche recenti prevedono l'uso di strumenti ausiliari e/o contaminazioni elettro-acustiche che tendono a forzare il significato del termine "a cappella". Secondo alcuni, tali produzioni entrano a far parte di categorie la cui espressività e tecnica esulano dal contesto prettamente vocale, essendo del tutto differenti gli effetti e la ricerca delle soluzioni espressive. Ad esempio, il gruppo tedesco Van Canto, definisce il proprio stile "Hero Metal A Cappella", nonostante all'interno della formazione sia presente anche una batteria.

Nella musica elettronica, le produzioni a cappella sono fondamentali per la creazione di remix, ovvero versioni alternative dello stesso brano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4140954-1
musica corale Portale Musica corale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica corale