La custode di mia sorella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo film del 2009 tratto dal romanzo, vedi La custode di mia sorella (film).
La custode di mia sorella
Titolo originale My Sister's Keeper
Autore Jodi Picoult
1ª ed. originale 2004
Genere romanzo
Sottogenere narrativa
Lingua originale inglese

La custode di mia sorella è un romanzo del 2004 della scrittrice Jodi Picoult. Il romanzo è stato pubblicato in Italia da Corbaccio nel 2005.

Il romanzo racconta la storia delle sorelle Kate ed Anna Fitzgerald, la prima malata di leucemia la seconda concepita in vitro allo scopo di salvare la vita della sorella. Il delicato racconto, al limite tra etica e scienza, si dipana attraverso un impianto narrativo corale, dando voce a turno ai diversi protagonisti della storia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna Fitzgerald è una ragazzina di tredici anni venuta al mondo grazie alla fertilizzazione in vitro, concepita con le caratteristiche genetiche per poter essere donatrice di midollo osseo per la sorella maggiore Kate, malata da tempo di leucemia. Nonostante la giovane età, Anna si è sottoposta a numerose analisi, trasfusioni e iniezioni, il tutto per salvare la sorella, ma quando i genitori decidono, senza il suo consenso, di usare un suo rene per salvare Kate da un'infezione, la giovane Anna si ribella. Sentendosi messa al mondo al solo scopo di salvare la sorella, Anna si rivolge ad un avvocato per far causa alla sua famiglia. Con l'aiuto dell'avvocato, Anna dovrà affrontare i duri scontri con la famiglia che le impedisce di fare una scelta che potrebbe mettere a rischio la salute della sorella. Durante tutto il libro abbiamo falshback riguardanti l'infanzia e l'adolescenza di Kate, soprattutto dal momento in cui è venuta a conoscenza del cancro: il ragazzo che ha conosciuto in ospedale, il ballo del liceo, fino alla sua scomparsa. Durante tutti questi importanti momenti della sua vita lei era sempre affiancata da Anna, con la quale parlava e si confrontava con un affetto tipico di una sorella maggiore. Quando però si arriva in tribunale, Anna si ritrova sola, contro il parere contrastante dei propri genitori, affiancata esclusivamente dal suo avvocato e dal cane di lui, che porta sempre con se. Durante il processo emerge che non è stata Anna ad avere l'idea della causa, ma Kate. Da qui si evince il significato del titolo: la custode della sorella non è Anna, come si potrebbe inizialmente intuire, bensì Kate, che ha voluto salvare entrambe, preservando la sorellina da un processo molto rischioso come l'asportazione del fegato. La madre è sconvolta, ma deve suo malgrado sottostare al volere di Kate, migliorando i suoi ultimi giorni senza cercare di allungare la sua vita. Alla fine del processo l'avvocato di Anna è preda di un forte attacco di epilessia: ecco il perché della sua partecipazione tanto attiva alla causa di Anna e Kate; l'avvocato probabilmente rivedeva nelle sorelle un aspetto della sua condizione. Una volta uscita dal tribunale, Anna, che ha appena vinto la causa, attraversando la strada viene investita in pieno da un'auto, finendo uccisa. I suoi organi verranno quindi donati a Kate, che sopravvivrà grazie alla sorella.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Andromeda "Anna" Fitzgerald è stata concepita con le caratteristiche genetiche per poter essere donatrice di midollo osseo e sangue per la sorella maggiore malata di leucemia, con la quale è profondamente legata. Stufa di esami clinici e prelievi, inizierà una causa legale contro i genitori per ottenere l'emancipazione medica.
  • Katherine "Kate" Fitzgerald è la sorella maggiore di Anna, malata di leucemia promielocitica acuta dall'età di 2 anni. Ha trascorso gran parte della sua giovane vita dentro e fuori gli ospedali sottoponendosi a numerose e dolorose cure. Ama il balletto e adora guardare le soap opera, sognando una relazione romantica.
  • Jesse Fitzgerald è il fratello maggiore di Anna e Kate, egli si sente inutile non potendo contribuire alle cure della sorella, non essendo compatibile. Jesse manifesta questo disagio con atti di piromania e abusando di droghe.
  • Sara Fitzgerald è la madre di Anna, Kate e Jesse. Ama in modo viscerale i figli, nonostante abbia più attenzioni per Kate. La donna è un ex avvocato e quando la figlia Anna inizia una battaglia legale per la sua emancipazione medica decide di rappresentarsi da sola.
  • Brian Fitzgerald è il padre di Anna, Kate e Jesse e marito di Sara. Egli lavora come pompiere ed è appassionato di astronomia.
  • Campbell Alexander è l'avvocato che si prende a cuore la vicenda di Anna, rappresentando la ragazzina pro bono publico.
  • Julia Romano è il tutore legale di Anna. In passato è stata legata sentimentalmete con l'avvocato Campbell Alexander.

Adattamento cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 è stato realizzato un omonimo adattamento cinematografico diretto da Nick Cassavetes e sceneggiatore dallo stesso Cassavetes assieme a Jeremy Leven. Cameron Diaz e Jason Patric sono i genitori di Kate ed Anna, interpretate rispettivamente da Sofia Vassilieva ed Abigail Breslin, Alec Baldwin interpreta invece l'avvocato Campbell Alexander. La differenza principale tra il libro ed il film è il finale: nel libro, dopo aver vinto la causa, Anna è coinvolta in un incidente stradale e entra in stato di morte cerebrale. Con il permesso dell'avvocato Campbell, i suoi reni sono donati alla sorella Kate, che può continuare a vivere, con gli organi della sorella morta; nel film invece, prima che la causa sia conclusa, Kate muore nel sonno in ospedale e, dopo la morte della sorella, Anna vince la causa.

Il film è uscito negli Stati Uniti il 26 giugno 2009, distribuito dalla New Line Cinema, mentre in Italia uscirà il 4 settembre dello stesso anno su distribuzione Warner Bros.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura