Patto dei Democratici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patto dei Democratici
Leader Willer Bordon, Mariotto Segni, Enrico Boselli
Stato Italia Italia
Fondazione 1995
Dissoluzione 1996
Ideologia Cristianesimo sociale, Socialdemocrazia, Liberalismo sociale
Collocazione Centro sinistra
Coalizione L'Ulivo

Il Patto dei Democratici è stata una coalizione di partiti politici fondata il 26 marzo 1995[1] cui hanno aderito:

La federazione faceva parte della nascente alleanza di centrosinistra, l'Ulivo, alla guida di Romano Prodi, e aveva l'obiettivo di raccogliere le esperienze socialiste, socialdemocratiche e riformiste.

L'intesa si concretizzò già nei gruppi parlamentari della Camera dei deputati, dove il 21 febbraio 1995 era nato il gruppo de I Democratici. Di esso facevano parte 21 deputati:

Si presentò alle elezioni regionali del 1995 ottenendo complessivamente il 4,2% dei voti e 33 consiglieri regionali (in gran parte socialisti). Fu eletto un solo consigliere regionale del Patto Segni, nelle Marche. Tutti gli altri erano socialisti di Boselli. Diego Masi fu invece il candidato dell'Ulivo per la Lombardia, ma fu sconfitto da Roberto Formigoni.

Il Patto dei Democratici nel 1995 fu tra i fondatori della coalizione di centro-sinistra de L'Ulivo di Romano Prodi. L'idea del Patto era però di un Ulivo inteso come partito di raccolta di tutte le formazioni democratiche, liberali, popolari, riformiste del centro del centrosinistra. L'Ulivo di Romano Prodi doveva essere un soggetto politico autonomo e alleato con il Partito Democratico della Sinistra di Massimo D'Alema. In particolare Segni prospettava un'alleanza di centrosinistra a "due gambe" (o meglio "due alberi", l'ulivo e la quercia): quella del PDS e quella de L'Ulivo (che doveva con Prodi bilanciare l'egemonia del PDS).

Il progetto tuttavia non fu approvato dagli altri alleati e lo stesso Prodi concepiva L'Ulivo come un soggetto politico che doveva abbracciare (e superare) tutti i partiti del centro-sinistra, PDS incluso, e non come raccoglitore dei partitini di centro del centrosinistra. All'interno dello stesso Patto dei Democratici tuttavia non tutti condividevano questa linea che era più di Segni e di Boselli, ma non di Alleanza Democratica. In alcune realtà presentò anche liste comuni con il PPI di Gerardo Bianco.

Dopo le elezioni amministrative del 1995 fu così che il Patto dei Democratici si sciolse. Per le elezioni politiche del 1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Segni, Bordon e Boselli un Patto di democratici