Alleanza Democratica Nazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alleanza Democratica Nazionale (ADN) fu un movimento politico italiano fondato il 10 marzo 1953, per iniziativa di un gruppo di dissidenti del PLI, guidato da Epicarmo Corbino e Giuseppe Nitti, in contrasto con la posizione ufficiale del partito che sosteneva l'approvazione della nuova legge elettorale maggioritaria (cosiddetta "legge truffa").

Ad essa aderirono poi altri esponenti liberali come il senatore Mario Venditti, il deputato dissidente della DC Raffaele Terranova, intellettuali come Franco Antonicelli, l'ex leader separatista siciliano Andrea Finocchiaro Aprile.

Alle elezioni politiche del 7 giugno 1953 ottenne lo 0,4% dei voti alla Camera, senza conseguire seggi (a parte un senatore riformista eletto in una lista collegata).

Dopo questa esperienza, ADN scomparve dalla scena politica, raggiungendo tuttavia l'obiettivo di impedire, sottraendo voti ai partiti governativi di centro, che scattasse il premio previsto dalla legge elettorale.