Paola Quattrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paola Quattrini con Walter Chiari in una scena de La più bella coppia del mondo

Paola Quattrini (Roma, 9 marzo 1944) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paola Quattrini attrice bambina

Debuttò nel mondo dello spettacolo fin da bambina esordendo nel cinema a quattro anni nel film Il bacio di una morta di Guido Brignone, Gli innocenti pagano (film 1951) di Luigi Capuano, alla radio a otto anni in Cavallo a dondolo a fianco di Corrado e in teatro a dieci anni in Il potere e la gloria di Graham Greene, per la regia di Luigi Squarzina.[1] In quegli stessi anni inizia la sua attività nel doppiaggio, sua ad esempio la voce di Brigitte Fossey nel film Giochi proibiti. Molti anni più tardi darà la sua voce al personaggio di Daphne nella serie a cartoni animati Scooby-Doo.

Ha interpretato vari film nel genere commedia, ma anche film drammatici come Panagulis vive (1982) di Giuseppe Ferrara. È stata diretta da Vittorio Gassman in Di padre in figlio (1982) e con lo stesso Gassman ha recitato in uno dei suoi ultimi film: La bomba (1999). Per la televisione ha interpretato, negli anni settanta, alcuni sceneggiati di successo, fra cui I demoni (1972) e Puccini (1973). Nel decennio successivo ha condotto, con Johnny Dorelli, il varietà Finalmente venerdì (1989). Negli anni settanta ed ottanta ha posato nuda più volte per Playmen e per l'edizione italiana di Playboy.

In teatro ha lavorato soprattutto in commedie brillanti come Il gufo e la gattina al fianco di Walter Chiari e Mi è cascata una ragazza nel piatto al fianco di Domenico Modugno. È stata inoltre protagonista di Se devi dire una bugia dilla grossa con Johnny Dorelli e Oggi è già domani, ultima regia di Pietro Garinei al Teatro Sistina di Roma. Nel 1993 vinse il Nastro d'Argento alla migliore attrice non protagonista per l'interpretazione di Lea in Fratelli e sorelle di Pupi Avati.

Nel 2003 il presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi le conferì l’onorificenza di Commendatore della Repubblica Italiana, per una vita dedicata al cinema, alla televisione e al teatro. Nel 2009 ha pubblicato il libro A.M.O.R.E., romanzo autobiografico edito da Simonelli Editore. È stata sposata tre volte ed è madre di Selvaggia Quattrini, che ha intrapreso a propria volta la carriera di attrice.

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Paola Quattrini in La governante (1974)

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paola Quattrini. URL consultato il 24-06-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le attrici Gremese editore, Roma 2003.
  • Le Teche Rai, la prosa televisiva dal 1954 al 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]