Sandro Bolchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sandro Bolchi

Sandro Bolchi (Voghera, 18 gennaio 1924Roma, 2 agosto 2005) è stato un regista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da una famiglia originaria di Novi Ligure (AL), si laureò in lettere ed esordì come attore al teatro "Guf" di Trieste. Proseguì questa esperienza anche dopo essersi trasferito a Bologna, dove iniziò l'attività di giornalista ed approfondì quella di regista, fondando nel 1948 il Teatro La Soffitta. Fra i primissimi successi teatrali L'imperatore Jones di O'Neil e l'Avaro di Molière.

La televisione[modifica | modifica sorgente]

Dal 1956 si dedicò soprattutto alla televisione, esordendo con Frana allo scalo Nord di Ugo Betti, realizzando con tecnica robusta e senso dello spettacolo numerose commedie e romanzi sceneggiati, produzioni di grande impegno e successo (I miserabili, I promessi sposi, Anna Karenina, I fratelli Karamàzov e I Demoni di Fedor Dostoevskij con la sceneggiatura dello scrittore Diego Fabbri; Il crogiuolo, Il mulino del Po, prima e seconda parte, per cui lavorò anche alla riduzione con l'autore del romanzo Riccardo Bacchelli. La coscienza di Zeno, dal romanzo omonimo di Italo Svevo, Le mie prigioni, di Silvio Pellico, e Assunta Spina): per questo il grande pubblico lo ricorderà come il "regista degli sceneggiati televisivi", il quale ebbe il merito di rendere popolari molti grandi classici della letteratura italiana ed internazionale, anche grazie alla partecipazione di grandi attori, quasi tutti di provenienza teatrale, del calibro di Luigi Vannucchi, Tino Carraro, Glauco Mauri, Lilla Brignone, Giancarlo Sbragia, Gianni Santuccio, per citarne alcuni.

Si è occupò anche di critica televisiva.

Si è spento il 2 agosto 2005 in una clinica romana per disturbi cardiovascolari. Ha destato un certo scalpore sui giornali l'assenza di rappresentanti ufficiali dei vertici della RAI alle sue esequie, nella Chiesa degli Artisti in piazza del Popolo.

È sepolto a Novi Ligure, nella tomba di famiglia.

Regie[modifica | modifica sorgente]

Prosa radiofonica RAI[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi: Rai International http://mobile.international.rai.it/tv/scheda.php?id=625

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 176109266 LCCN: no2011122856