Glauco Mauri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mauri durante l'allestimento de Il bugiardo di Carlo Goldoni.

Glauco Mauri (Pesaro, 1º ottobre 1930) è un attore teatrale, regista teatrale e doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Personaggio di spicco degli ultimi cinquant'anni del teatro italiano, Mauri inizia i suoi studi come attore nel 1949 all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica diretta da Silvio D'Amico[1][2], ed ha come maestri Orazio Costa, Sergio Tofano, Wanda Capodaglio[3].

Dopo il diploma, lavora con importanti teatranti come Memo Benassi, Orazio Costa, Renzo Ricci, André Barsacq, Anna Proclemer, Giorgio Albertazzi, Luigi Vannucchi, Valeria Moriconi, Emanuele Luzzati, Mario Scaccia, Lilla Brignone, Gianni Santuccio, Enrico Maria Salerno.

Tra le su interpretazioni più significative, spiccano quella di Smerdjakov ne I fratelli Karamazov di Dostoevskij, per la regia di André Barsacq, che già nel 1954 gli dà fama nazionale[4]. Nel 1955 Lucio Ardenzi lo coinvolge in una tournée nell'America del Sud[5] - Brasile, Argentina, Uruguay - organizzata con l’appoggio del Ministero dello Spettacolo. Fra i partecipanti attori del calibro di Luigi Vannucchi, Anna Proclemer, Giorgio Albertazzi, Renzo Ricci, Eva Magni, Tino Buazzelli, Davide Montemurri, Franca Nuti e Bianca Toccafondi. A parte il Re Lear di Shakespeare, che vedeva riuniti nello stesso spettacolo tutti gli attori principali della compagnia, il repertorio era tutto italiano: Corruzione al palazzo di giustizia di Ugo Betti, Beatrice Cenci di Alberto Moravia in prima mondiale, Il seduttore di Diego Fabbri. Per alcuni anni lavora con la Compagnia Proclemer-Albertazzi. [6]

Nel 1961 fonda con Valeria Moriconi, Franco Enriquez, Emanuele Luzzati (in seguito entrerà a farne parte anche Mario Scaccia) la "Compagnia dei Quattro"[7] che sarà una formazione fondamentale per il teatro italiano.

Importante la sua partecipazione a lavori televisivi della RAI, sia nelle commedie che nelle tragedie classiche e negli sceneggiati, con oltre sessanta lavori a partire dall'inizio delle trasmissioni, nel 1954; anche nella prosa radiofonica RAI saranno frequenti le sue presenze davanti ai microfoni, sia nella Compagnia di Radio Roma che in quella di Milano.

Glauco Mauri in Orestea (1972)

Dopo aver fatto parte, nel 1971, del cast dello sceneggiato televisivo I Buddenbrook, alla Biennale di Venezia del 1972 Luca Ronconi lo dirige nello storico allestimento dell'Orestea di Eschilo[8] nel quale Mauri è protagonista.

Nel 1981, con Roberto Sturno, attore a Mauri legato da un lungo sodalizio artistico, fonda la Compagnia Mauri-Sturno[9] con la quale propone un vasto repertorio di autori classici, Sofocle, Shakespeare, Moliere, Goethe, Cechov, Pirandello, Brecht ed autori contemporanei, fra cui Beckett, Muller, Mamet, Schmitt, Shaffer.

Tra le tante messinscene in cui Mauri è protagonista, le più significative sono Rinoceronte di Eugène Ionesco, Edipo re di Sofocle, Re Lear, La bisbetica domata, Il mercante di Venezia, Tito Andronico, Riccardo II, La tempesta di William Shakespeare, Faust di Goethe, Don Giovanni di Molière, I demoni di Dostoevskij, Enrico IV di Pirandello, Volpone di Ben Jonson, Il bugiardo di Carlo Goldoni, Il canto del cigno di Anton Pavlovič Čechov.

Glauco Mauri in La Cina è vicina (1967)

Come regista d'opera allestisce per due volte Macbeth di Giuseppe Verdi. La prima ha luogo nel 1996 come inaugurazione della stagione lirica del Teatro Comunale di Treviso (direttore d'orchestra Donato Renzetti) e la seconda nel 1998, al Teatro San Carlo di Napoli (direttore d'orchestra Gustav Khunn). Seguono numerose altre regie, da Re Lear a Delitto e castigo[10], da La tempesta a Quello che prende gli schiaffi.

Saltuariamente è stato impegnato anche nel cinema[11]: da ricordare i ruoli in La Cina è vicina di Marco Bellocchio, in Profondo rosso di Dario Argento, e del padre di Nanni Moretti in Ecce bombo, opera del medesimo attore/regista romano.

Nel 1977 ha dato la voce[12] al personaggio del Governatore Tarkin, interpretato da Peter Cushing, nel film Star Wars. Glauco Mauri è Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana ed è stato insignito della cittadinanza onoraria del Comune di Pesaro in data 12 gennaio 2009[13].

Repertorio teatrale[modifica | modifica sorgente]

La prosa televisiva RAI[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— Roma, 21 dicembre 1994[16][17]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biografia su MyMovies http://www.mymovies.it/biografia/?a=9342
  2. ^ Appendice al libro di Maurizio Giammusso, La fabbrica degli attori, pubblicazione (1989) della Presidenza del Consiglio.
  3. ^ Intervista a Glauco Mauri: .."Ebbi la fortuna di avere un grande maestro, Orazio Costa, grandissimo, e Wanda Capodaglio, Sergio Tofano." http://www.drammaturgia.it/recensioni/recensione1.php?id=2932
  4. ^ dall'Enciclopedia Treccani http://www.treccani.it/enciclopedia/glauco-mauri/
  5. ^ Sito ufficiale di Anna Proclemer http://www.annaproclemer.it/proclemer.asp?sezione=seconda&parte=sudamerica
  6. ^ Enrico Lancia, Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano. Gli attori, Vol. 2 M-Z, p. 36
  7. ^ http://www.drammaturgia.it/recensioni/recensione1.php?id=2932
  8. ^ Luca Ronconi nell’Enciclopedia Treccani
  9. ^ Compagnia MauriSturno http://www.mauristurno.it/home.html
  10. ^ Glauco Mauri in Delitto e castigo http://www.youtube.com/watch?v=uoqLIxgULkA
  11. ^ Glauco Mauri su MyMovies http://www.mymovies.it/biografia/?a=9342
  12. ^ Il mondo dei doppiatori http://www.antoniogenna.net/doppiaggio/voci/vocigmau.htm
  13. ^ Il Resto del Carlino 11 gennaio 2009 http://www.ilrestodelcarlino.it/pesaro/2009/01/11/143711-cittadinanza_onoraria.shtml
  14. ^ Glauco Mauri ne La locandiera http://www.youtube.com/watch?v=8-f67i5mlEw&feature=youtube_gdata_player
  15. ^ Glauco Mauri in Orestea http://www.youtube.com/watch?v=6Nj-kll5Jz4&feature=youtube_gdata_player
  16. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  17. ^ Sito ufficiale del Quirinale, pagina di Glauco Mauri

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Repertorio del Piccolo Teatro di Milano
  • Maurizio Giammusso, La fabbrica degli attori, pubblicazione della Presidenza del Consiglio - Roma 1989
  • Enrico Lancia, Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano. Gli attori, Vol. 2 M-Z, Gremese editore, Roma 2007, p. 36 ISBN 8884402697
  • Francesca Romana Fortuni, Glauco Mauri: il teatro è un gioco serissimo, Editore Metauro, Pesaro 2009 ISBN 978-8861560499

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]