Demenza da corpi di Lewy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Demenza da corpi di Lewy
Lewy Koerperchen.JPG
Corpi di Lewy
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 331.82
ICD-10 (EN) G31.8

La demenza da corpi di Lewy è una malattia neurodegenerativa, una forma di demenza strettamente correlata alla malattia di Alzheimer e a quello di Parkinson.

La demenza a corpi di Lewy è probabilmente la seconda forma di demenza, collocandosi come frequenza dopo l’Alzheimer e prima delle forme vascolari.

Contrae rapporti stretti ma non completamente chiariti con la malattia di Parkinson, del quale condivide alcuni aspetti anatomopatologici: infatti si definiscono corpi di Lewy dei depositi anomali di proteina fibrillare che si formano nelle cellule nervose e si localizzano prevalentemente nei nuclei del tronco encefalico (m. di Parkinson) e della corteccia (demenza a corpi di Lewy).

Questa malattia condivide con il Parkinson anche alcuni aspetti clinici, come i tremori e i disturbi del movimento, e ormai oggi si ritiene che le forme di malattia di Parkinson associate a (o evolute in) demenza (PDD: Parkinson Dementia Disease) altro non siano che demenze a corpi di Lewy esordite con parkinsonismo.

Anatomia patologica[modifica | modifica wikitesto]

È anatomicamente caratterizzata dalla presenza di corpi di Lewy, costituiti da aggregati di Alfa-sinucleina e di ubiquitina che si accumulano nei neuroni e che sono rinvenibili nelle biopsie post-mortem.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

La sintomatologia, sebbene molto varia, è caratterizzata da grande variazioni dello stato di attenzione e di allerta, con fluttuazioni presenti di giorno in giorno e addirittura di ora per ora, ricorrenti allucinazioni visive e caratteristiche motorie del Parkinson.

Dal punto di vista clinico gli aspetti salienti della malattia sono il decadimento cognitivo, caratteristicamente fluttuante, le allucinazioni visive, che spesso segnano l’esordio della malattia, e i disturbi del movimento che, indistinguibili da quelli del Parkinson, sono spesso più marcati ed invalidanti.