Campo di internamento di Ferramonti di Tarsia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il campo di internamento di Ferramonti, nel comune di Tarsia in provincia di Cosenza, è stato il principale (in termini di consistenza numerica) tra i numerosi luoghi di internamento per ebrei, apolidi, stranieri nemici e slavi aperti dal regime fascista tra il giugno e il settembre 1940, all'indomani dell'entrata dell'Italia nella seconda guerra mondiale. Il campo fu liberato dagli inglesi nel settembre del 1943, ma molti ex-internati rimasero a Ferramonti anche negli anni successivi e il campo di Ferramonti fu ufficialmente chiuso l'11 dicembre 1945. Conseguentemente, dal punto di vista cronologico degli eventi della seconda guerra mondiale, ha già un suo peculiare primato: fu in assoluto il primo campo di concentramento per ebrei ad essere liberato e anche l'ultimo ad essere formalmente chiuso.

La storia[modifica | modifica sorgente]

L'inizio dell'attività del campo di Ferramonti cominciò il 20 giugno del 1940 quando vi giunse un primo piccolo gruppo di 160 ebrei provenienti da Roma. Nel 1943, al momento della sua liberazione, nel campo si sarebbero trovati 1 604 internati ebrei e 412 non ebrei.

La decisione di collocare il campo in una zona insalubre e malarica deriva in realtà non da una ragione politica/razziale, ma da un interesse economico da parte del costruttore Eugenio Parrini[senza fonte], molto vicino ad importanti gerarchi fascisti. La sua ditta, infatti, era già presente a Ferramonti dove aveva ultimato dei lavori di bonifica. Dovendo costruire il campo di concentramento, Parrini fece in modo di utilizzare a questo scopo il cantiere già presente in loco e le baracche che ospitarono il primo gruppo di ebrei erano in realtà le baracche utilizzate in precedenza dagli operai impegnati nella bonifica. Eugenio Parrini, costruttore anche del campo di concentramento di Pisticci, impose nel campo di Ferramonti un proprio spaccio alimentare in regime di monopolio e ai prezzi da lui stabiliti[senza fonte]. La malaria fu endemica nel campo, ma, in base a quanto riportato dai rapporti degli ufficiali inglesi, non era di una forma particolarmente grave e non vi furono morti attribuibili esclusivamente alla malaria; problemi come malnutrizione, assenza o insufficienza di riscaldamento, e carenze igienico-sanitarie rimasero endemici[senza fonte]. Il campo era costituito da 92 capannoni situati in un perimetro di circa 160.000 m² nei pressi del fiume Crati[1]. Vi erano capannoni di 335 m², con due camerate da 30 posti, e capannoni da 268 m², che accoglievano otto nuclei familiari di cinque persone o dodici nuclei familiari da tre persone.

Considerata la sua natura di luogo di detenzione, con una struttura a baraccamenti e una recinzione fatta da una staccionata di legno sormontata da una linea di filo spinato, le condizioni di vita nel campo tuttavia rimasero sempre discrete e umane. Nessuno degli internati fu vittima di violenze o fu direttamente deportato da Ferramonti in Germania. Al contrario, le autorità del campo non diedero mai seguito alle richieste tedesche. Furono deportate solo quelle persone che, avendo chiesto un trasferimento da Ferramonti ad un confino libero in alcuni centri del nord Italia, si trovarono sotto l'occupazione tedesca dopo il settembre del 1943. Ferramonti non fu quindi in alcun modo un campo di transito per i lager tedeschi. Per questa sua peculiare caratteristica, lo storico ebreo inglese Jonathan Steinberg ha definito il campo di Ferramonti come "il più grande kibbutz del continente europeo".

In effetti gli unici deceduti di morte violenta all'interno del campo furono quattro vittime di un mitragliamento da parte di un caccia alleato durante un duello aereo con un velivolo tedesco sopra il campo (27 agosto 1943). Gli internati potevano ricevere dall'esterno posta e cibo e, all'interno del campo, godettero sempre della libertà di organizzarsi eleggendo propri rappresentanti, di avere un'infermeria con annessa farmacia, una scuola, un asilo, una biblioteca, un teatro e dei propri luoghi di culto (due sinagoghe, una cappella cattolica e un'altra greco-ortodossa). Diverse coppie si formarono e sposarono nel campo, dove nacquero 21 bambini. A conferma di questa sua storia di umanità, le relazioni degli ufficiali inglesi che entrarono a Ferramonti nel 1943, descrissero il campo di Ferramonti più come un piccolo villaggio che non un campo di concentramento. Sempre in base alle loro relazioni, l'incidenza dei decessi per cause naturali avvenuti a Ferramonti fu bassa: 8-12 decessi ogni 2.000 persone. Gli ebrei deceduti nel campo sono stati regolarmente seppelliti all'interno sia del piccolo cimitero cattolico di Tarsia (16 sepolture registrate, ma solo 4 ancora presenti) che nel cimitero di Cosenza (21 sepolture registrate e tutte presenti), dove ancora è possibile vedere le loro tombe.

Il campo era sotto la responsabilità del ministero dell'interno e retto da un commissario di pubblica sicurezza, ma la sorveglianza esterna era affidata alla MVSN. Per l'opera di umanizzazione verso le condizioni di vita degli internati, svolta dai funzionari di polizia che si avvicendarono al comando (Paolo Salvatore in primo luogo, e quindi Leopoldo Pelosio e Mario Fraticelli) e dal cappellano del campo, il padre cappuccino fra Callisto Lopinot, si verificarono vari attriti tra le autorità di polizia e la milizia, che comportarono problemi nei confronti dei funzionari stessi. Per importanza e umanità si distinse il primo direttore, Paolo Salvatore, che venne allontanato dal campo agli inizi del 1943 per un atteggiamento troppo permissivo nei confronti degli internati. Il frate cappuccino Lopinot si prestò alacremente per aiutare tutti, senza distinzione di credo e religione. Anche il maresciallo del campo, Gaetano Marrari, viene ricordato dagli internati con grande affetto per la sua umanità.

Gli internati ricevettero continua assistenza dalla DELASEM, l'ente di assistenza ai profughi creato nel 1939 dall'Unione delle Comunita Ebraiche Italiane con l'autorizzazione dello stesso governo fascista. Vi operava anche la "Mensa dei bambini" di Milano, diretta da Israele Kalk. Il supporto dato dal Vaticano per mezzo del frate cappuccino Lopinot fu anche molto importante, così come l'aiuto dato da Karel Weirich con la sua organizzazione a supporto degli ebrei cecoslovacchi (Opera San Venceslao).

Con il deteriorarsi della generale situazione economica dell'Italia nel corso della guerra, anche le condizioni di vita nel campo si fecero progressivamente più difficili. Dall'estate del 1942 fu concesso a tutti gli internati che lo volessero il permesso di lavorare al di fuori del campo per integrare le scarse razioni alimentari. È anche importante ricordare i vicendevoli rapporti di aiuto e di solidarietà intercorsi fra gli internati e la popolazione di Tarsia.[2]

I gruppi di internati[modifica | modifica sorgente]

Vengono di seguito elencati i principali gruppi[3] di internati che passarono da Ferramonti di Tarsia:

Gruppo dei romani[modifica | modifica sorgente]

Era formato da circa 160 ebrei (tutti uomini) originari della Germania o dell’Austria, ma residenti a Roma da diversi anni e arrestati subito dopo l’entrata in guerra dell’Italia. Fu il primo gruppo ad essere internato a Ferramonti di Tarsia nel giugno del 1940. Era un gruppo socialmente omogeneo formato da professionisti con buone possibilità di denaro e di aiuti da parte dei propri familiari rimasti a Roma. In questo gruppo vi era lo psichiatra Ernst Bernard, allievo di Jung. Recentemente è stato pubblicato il carteggio con sua moglie Dora rimasta a Roma che testimonia l’ampia possibilità dei familiari degli internati di inviare agli stessi alimenti, vestiario e mezzi.

Gruppo dei settentrionali[modifica | modifica sorgente]

Era formato da un po' più di 300 ebrei (tutti uomini) provenienti, come il gruppo dei romani, dalla Germania, Austria o paesi dell'Europa orientale, ma residenti da anni in varie città del nord Italia o giunti più recentemente come profughi (specie dalla Polonia) per sfuggire all'avanzata nazista. Era un gruppo più eterogeneo per professione e possibilità economiche. Arrivò a Ferramonti nel settembre del 1940.

Gruppo di Bengasi[modifica | modifica sorgente]

Era un gruppo formato da circa 300 ebrei (uomini, donne e bambini) profughi da vari paesi europei, che poco prima dell’entrata in guerra dell’Italia si era concentrata a Trieste in attesa di un trasporto verso la Palestina. Non potendo più avere un viaggio diretto, il gruppo scelse di prendere un imbarco per Bengasi (Libia) da cui poi ripartire per la Palestina. Arrivati a Bengasi però questo trasporto si rivelò inesistente e il gruppo si ritrovò forzatamente a Bengasi dove fu aiutato dalla comunità ebraica locale. Finite tutte le loro risorse economiche e con l'entrata in guerra dell'Italia, il gruppo si ritrovò prigioniero degli italiani. Dalla Libia furono trasportati in Italia dove sbarcarono a Napoli e da lì furono trasferiti a Ferramonti nell’ottobre del 1941. A causa delle loro peripezie, l’intero gruppo arrivò nel campo completamente privo di mezzi e di risorse finanziarie e senza poter contare sugli aiuti esterni come i primi due gruppi. Il loro arrivo e la loro povera condizione determinò una riorganizzazione sociale del campo di Ferramonti con la creazione di un comitato di assistenza diretto da due importanti capi ebraici (Martin Ruben e Max Pereles). Un leader importante di questo gruppo fu Peter Kanner che, dopo la liberazione, divenne uno dei responsabili del campo.[senza fonte]

Gruppo di Lubiana[modifica | modifica sorgente]

Era un gruppo formato da poco più di 100 ebrei (uomini, donne, bambini) provenienti da Zagabria, o da altre città della Croazia, che si erano rifugiati a Lubiana, allora territorio sotto il controllo italiano, per sfuggire ai massacri organizzati dagli ustascia filo nazisti. Da Lubiana furono trasferiti a Ferramonti nel luglio del 1941. In questo caso l’Esercito italiano ebbe un ruolo attivo di protezione di questi profughi croati, così come testimoniato nel libro “Un debito di gratitudine” dello storico ebreo Menachem Shelah (anche’esso internato a Ferramonti).[senza fonte]

Gruppo di Kavaja[modifica | modifica sorgente]

Era un gruppo formato da circa 186 ebrei (uomini, donne, bambini) provenienti da Belgrado e da altre città della Serbia fuggiti verso il Montenegro a seguito dei bombardamenti tedeschi dell’aprile del 1941. Arrestati nel luglio 1941 presso le Bocche di Cattaro (Montenegro), furono trasportati verso l’Albania dove furono internati in un campo a Kavaje (a circa 20 km da Durazzo). A causa delle condizioni disastrose di quel campo, questo gruppo di persone fu imbarcato e trasportato in Italia, prima a Bari e poi a Ferramonti dove arrivò nell’ottobre del 1941. In questo gruppo c'era l'Ing. Alfred Wiesner che subito dopo la guerra fondò la ditta di gelati Algida e ne inventò il marchio.

Gruppo del Pentcho o di Rodi[modifica | modifica sorgente]

Era un grosso gruppo di giovanissimi ebrei appartenenti alla organizzazione sionista Betar che il 18 maggio del 1940 partì da Bratislava a bordo del battello fluviale Pentcho nella speranza di raggiungere la Palestina. Il gruppo era comandato dal sionista Alexander Citron. Il battello a stento navigò lungo il Danubio e arrivò nel mar Nero, passò lo stretto dei Dardanelli, ma quando si trovò in mare aperto la notte fra il 9-10 ottobre del 1940 naufragò di fronte ad un'isola deserta dell’Egeo chiamata Kamilanisi privi di ogni possibilità di sopravvivenza. Avvistati prima dagli inglesi (che però non andarono in loro soccorso)[senza fonte], furono salvati dalla nave militare italiana “Camogli” (che era molto più distante dall’isola rispetto agli inglesi) comandata dal Cap. Carlo Orlandi. La nave italiana li portò a Rodi dove furono internati fino agli inizi del 1942 e da qui portati in due riprese (febbraio e marzo 1942) a Ferramonti. L’odissea di questo battello e dei suoi passeggeri è narrata in diversi libri fra cui uno di John Bierman (Odyssey, 1984) e uno dello stesso Citron (Habaita). In seguito il capitano Orlandi venne preso dai nazisti che lo deportarono in un campo di concentramento in Germania.[senza fonte]

Gruppo degli jugoslavi (non ebrei)[modifica | modifica sorgente]

Era un gruppo formato da circa 100 giovani jugoslavi non ebrei arrestati nelle regioni controllate dagli italiani in quanto o partigiani o loro fiancheggiatori. Era il gruppo più combattivo nei confronti della direzione italiana e dell’organizzazione ebraica del campo. Erano famosi per le loro provocazioni nei confronti dei militi fascisti e per organizzare abilmente una ricca rete di mercato nero[senza fonte].

Gruppo dei greci (non ebrei)[modifica | modifica sorgente]

Era un gruppo formato da un centinaio di greci non ebrei arrestati per atteggiamento anti-italiano o nel loro paese o nelle colonie dell’Africa settentrionale. Di religione cristiana ortodossa ebbero diverse tensioni con l’organizzazione ebraica del campo. Sulla base di quanto testimoniato da Kalk, questo gruppo fu erroneamente mandato a Ferramonti per un errore di un funzionario del ministero degli Interni italiano perché confuse la loro religione "ortodossa" con quella degli ebrei "ortodossi". In questo gruppo bisogna ricordare la presenza di Evangelios Averoff Tossizza che diventerà un importante uomo politico della Grecia democratica e raccontò la sua esperienza in Italia nel libro “Prigioniero in Italia”. Un altro greco, Costantin Zotis, raccontò questa esperienza a Ferramonti nel libro “I am still standing”. Fra di loro c'era anche un monaco ortodosso (Damaskinos) e nel campo avevano la loro chiesa.[senza fonte]

Gruppo dei cinesi[modifica | modifica sorgente]

Era un gruppo di circa 70 uomini di nazionalità cinese presenti in Italia come commercianti ambulanti nelle città del nord o come marinai su navi italiane. Vennero tutti arrestati dopo l’entrata dell’Italia in guerra e portati a Ferramonti dove allestirono una lavanderia.

La liberazione[modifica | modifica sorgente]

Il 14 settembre 1943, quindi a brevissima distanza di tempo dall'armistizio, il campo fu liberato dall'avanzata alleata, venendo raggiunto dalle avanguardie britanniche e riuscendo pochi giorni prima a convincere una colonna nazista della divisione corazzata Hermann Goering a non entrare nel campo stesso inscenando una falsa epidemia di tifo. Molti degli internati si erano comunque sparpagliati per maggior sicurezza nei villaggi circostanti[4]

Dopo la liberazione il campo rimase aperto sotto una direzione ebraica, supervisionata dagli inglesi, fino alla fine della guerra. Molti degli ex-internati seguirono le forze armate alleate. Nel maggio del 1944, un gruppo di circa 350 di loro si imbarcarono da Taranto per la Palestina; 1000 partirono il 17 luglio 1944 da Napoli per gli Stati Uniti dove furono internati per qualche tempo a Camp Oswego nello Stato di New York, prima che fosse concessa loro il diritto di residenza nel paese.

La collocazione odierna[modifica | modifica sorgente]

L'area dove era collocato il campo si trova ora accanto all'attuale svincolo di Tarsia sud dell'autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria. Dagli anni sessanta in poi, complice l'incuria delle autorità locali, l'intero campo è stato prima utilizzato per attività agricole e poi progressivamente smantellato e nessuna delle originali baracche degli internati è rimasta. Attualmente l'area dove era il campo, anche se sottoposta a vincolo, è un semplice campo agricolo. Accanto a questo appezzamento è presente un piccolo museo di proprietà del Comune di Tarsia, denominato Museo Internazionale della Memoria, inaugurato il 25 aprile 2004[5]. In realtà, anche l'attuale area museale è al di fuori dell'originale perimetro del campo occupato dalle baracche degli internati, situandosi nella zona dove si trovavano le abitazioni dei responsabili del campo (quelle del direttore e del personale addetto alla sorveglianza) e altre strutture tecniche (garage e officina, etc..). Il museo è formato da alcune sale contenenti esclusivamente del materiale fotografico già ampiamente reperibile in altre sedi o in internet (canale YouTube: ferramonticamp). Attorno alla storia di Ferramonti sono sorte successivamente due distinte Fondazioni: la Fondazione Internazionale "Ferramonti di Tarsia" per l'amicizia fra i popoli (con sede a Cosenza) e la Fondazione " Museo della Memoria Ferramonti di Tarsia " (con sede a Tarsia).

Internati famosi[modifica | modifica sorgente]

Fra gli internati di Ferramonti, alcuni di loro divennero molto famosi in svariati campi. Ecco un elenco:

  • Allan Herskovic, è considerato uno dei più grandi campioni mondiali di tennis da tavolo[senza fonte]. Nativo di Zagabria, prima della seconda guerra mondiale rappresentò la Jugoslavia in 3 campionati mondiali. Con l’invasione della sua patria da parte dei nazisti perse i genitori e la sorella, mentre lui riuscì a fuggire in Italia dove fu imprigionato e mandato a Ferramonti. Dopo la guerra si trasferì per qualche anno a Roma e Torino dove preparò le prime squadre italiane di questo sport e rappresentò l’Italia in alcuni campionati mondiali. Si trasferì successivamente negli Stati Uniti dove continuò la sua attività sportiva.
  • Imi Lichtenfeld, è in assoluto fra i più famosi personaggi delle arti marziali e fondatore del metodo di combattimento e autodifesa chiamato Krav Maga. Nato a Budapest, fin da giovane dimostrò le sue abilità come lottatore. Con l’avvento del nazismo, lasciò il suo paese con il battello Pentcho i cui occupanti raggiunsero Ferramonti dopo un naufragio e una sosta a Rodi. Nel 1944 partecipò alla costituzione dell'esercito israeliano, addestrando diverse unità di élite e contribuendo a forgiare la leggenda delle unità speciali israeliane. La sua tecnica di combattimento è molto diffusa in molti paesi del mondo ed adottata da molti eserciti.
  • Michel Fingesten, è considerato da tutti i critici d’arte il più grande artista degli ex-libris della storia e il più rilevante incisore del 1900[senza fonte]. Metà austriaco e metà italiano, studiò a Vienna insieme ad Oskar Kokoschka di cui fu molto amico. Nella sua gioventù girò per molti paesi del mondo. Dal 1935 si stabilì a Milano e con le leggi razziali fu deportato a Ferramonti dove aprì il più importante “atelier” artistico del campo. Morì pochi giorni dopo la liberazione a causa di una infezione post-chirurgica ed è sepolto a Cerisano (CS). Le sue opere sono esposte in molti musei del mondo.
  • Evangelos Averoff-Tossizza, faceva parte del gruppo dei greci non ebrei internati a Ferramonti. Nel dopo guerra fu un importante uomo politico greco e ricoprì per molti anni la carica di ministro della difesa. Fu uno dei fondatori del Nuovo Partito democratico greco. Fu anche uno scrittore e in un suo libro descrisse la sua prigionia in Italia.
  • Ernst Bernhard, berlinese, divenne medico e psichiatra e fu un importante allievo di Carl Gustav Jung a Zurigo. Aderì alla teoria junghiana aggiungendo un suo personale indirizzo teosofico ed esoterico. A seguito delle persecuzioni naziste si trasferì prima a Londra e poi a Roma dove portò e fece conoscere la psicoterapia junghiana. A seguito delle leggi razziali fu portato a Ferramonti dove rimase un anno. Dopo la guerra fu uno dei più rilevanti psichiatri che lavoravano in Italia. Fondò il Centro Italiano di Psicologia Analitica. Fu lo psichiatra di molti personaggi di spicco della cultura italiana: Federico Fellini, Natalia Ginzburg, Giorgio Manganelli, Cristina Campo e Roberto Bazlen fondatore della casa editrice Adelphi[senza fonte].
  • David Mel, medico jugoslavo, fu più volte candidato al premio Nobel della medicina per il proprio paese per la scoperta del vaccino per la dissenteria[senza fonte]. A Ferramonti lavorò come cuoco.
  • Alfred Wiesner, ingegnere jugoslavo che nel 1942 si rifugiò in Italia dove fu portato a Ferramonti. Dopo la liberazione di Ferramonti divenne un partigiano con le truppe alleate. Alla fine della guerra, per la sua collaborazione, gli alleati regalarono a Wiesner due macchine per produrre gelati. Iniziò così la sua attività in questo campo che lo portò, nel settembre del 1953, alla fondazione della ditta Algida dove introdusse il suo sistema di produzione di gelati[senza fonte]. Di questa ditta, ormai nota a livello mondiale, Wiesner inventò sia il nome che il primo marchio.
  • Richard Dattner, ebreo di origine polacca, fu internato con la sua famiglia a Ferramonti. Dopo la guerra emigrò negli Stati Uniti dove diventò fra i più rilevanti e famosi architetti americani.[senza fonte]
  • Oscar Klein, è considerato fra i più importanti trombettisti jazz del mondo[senza fonte]. Fuggito con la famiglia dall'Austria, fu imprigionato a Ferramonti dove ebbe possibilità di sentire per la prima volta della musica jazz. È molto conosciuto per la sua musica swing e dixieland.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

  • 18000 giorni fa - 1993 - Regia di Gabriella Gabrielli
  • Bella Italia - Zuflucht auf Widerruff - 1996 - Regia di Peter Voigt
  • Presso l'archivio dell'Imperial War Museum di Londra esiste un filmato originale del campo ripreso da un operatore militare inglese. Ritrovato nel 2004 dal Prof. Mario Rende.
  • Film documentario Ferramonti: il campo sospeso - 2013 - Regia di Cristian Calabretta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'olocausto - Cronaca di uno sterminio, DVD, di Ferruccio Valerio, Finson, Milano 2005, ISBN 8 015126 170843
  2. ^ Per l'analisi dei rapporti umani all'interno del Campo è possibile consultare e fare riferimento sia ai tre romanzi scritti dagli internati durante la loro prigionia, sia alle loro dirette testimonianze raccolte da Israel Kalk e presenti nel Fondo Kalk del CDEC (a cui si può accedere con il link alla fine della voce). La traduzione delle relazioni sulle condizioni umane e ambientali del Campo scritte dagli inglesi dopo la liberazione è presente nel libro di Mario Rende (Mursia, 2009). Utilizzando queste fonti sarà possibile avere una diretta testimonianza della vita all'interno del Campo.
  3. ^ La fonte documentale di questa informazione e suddivisione proviene dalla relazione fatta da Israel Kalk e consultabile nel Fondo Kalk del CDEC
  4. ^ La descrizione documentale degli eventi della liberazione del Campo è presente sia nel diario del cappuccino Lopinot (vedi M. Rende, Mursia 2009) sia nelle testimonianze degli internati presenti nel Fondo Kalk del CDEC.
  5. ^ L'olocausto - Cronaca di uno sterminio, DVD, di Ferruccio Valerio, Contenuti Extra, Finson, Milano 2005, ISBN 8 015126 170843

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. Rende, Ferramonti di Tarsia. Voci da un campo di concentramento fascista (Mursia, 2009)
  • C. S. Capogreco, I campi del duce. L'internamento civile nell'Italia fascista, 1940-1943 (Einaudi, 2004)
  • C. S. Capogreco, Ferramonti. La vita e gli uomini del più grande campo d'internamento fascista, 1940-1945 (Giuntina, 1987)
  • P. Lupoi, Gaetano Marrari. Maresciallo del campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia (Istar Editrice, 2011)
  • E. Bernhard, Lettere a Dora dal campo di internamento di Ferramonti (1940-41) (Biblioteca Aragno, 2011) (scritta durante il suo soggiorno a Ferramonti)
  • P. Georg, Ferramonti (Prometeo, 2003) (scritta durante il suo soggiorno a Ferramonti)
  • N. Weksler, Con la gente di Ferramonti (Editoriale Progetto 2000, 1992) (scritta durante il suo soggiorno a Ferramonti)
  • E. Averoff Tossizza, "Prigioniero in Italia" (Longanesi, 1977)
  • C. Zotis, "I am still standing" (1stBooks, 2001)
  • A. Alkalay, "The persistence of hope: a true story" (Univ. Delaware pr, 2007)
  • M. Shelah, "Un debito di gratitudine" (Uff. Storico Esercito Italiano, 2009)
  • J. Bierman, "Odyssey" (Simon & Schuster, 1984)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]