Veselin Topalov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Veselin Topalov nel 2005

Veselin Aleksandrov Topalov (in bulgaro: Веселин Александров Топалов?; Ruse, 15 marzo 1975) è uno scacchista e Grande maestro bulgaro. È stato campione del mondo di scacchi della FIDE dal 2005 al 2006. È stato al primo posto della classifica Elo per un totale di 27 mesi, ed è al quarto posto nella classifica dei giocatori che vi sono restati per più tempo.

Ha ottenuto il proprio record Elo nella classifica FIDE di luglio 2015 con 2.816 punti, terzo al mondo (dopo Magnus Carlsen e Viswanathan Anand ma a pari punti) e primo del suo paese.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Imparò a giocare a scacchi a otto anni da suo nonno, si fece notare a livello giovanile conquistando la medaglia d'oro del campionato mondiale Under 14 tenutosi a Porto Rico nel 1989 e la medaglia d'argento in quello Under 16 svoltosi a Singapore un anno dopo. Dal 1992 è Grande Maestro Internazionale.

Dal 27 settembre al 16 ottobre 2005 a San Luis in Argentina ha nettamente vinto il Campionato del Mondo 2005 a cui hanno partecipato anche Michael Adams, Viswanathan Anand, Rustam Kasymdžanov, Péter Lékó, Aleksandr Morozevič, Judit Polgár e Peter Svidler.

Tra settembre e ottobre 2006, ad Ėlista, ha giocato un match di riunificazione del campionato mondiale FIDE (dopo anni di scissioni a causa della PCA di Kasparov) contro il russo Vladimir Kramnik. Dopo dodici partite l'incontro era finito in parità, 6-6 e quindi erano necessarie le partite rapid (25 minuti a testa più 10 secondi per ogni mossa). Nelle seguenti quattro partite, Kramnik ha vinto 2.5-1.5, diventando così campione del mondo. Durante il match vi era stata una polemica, in quanto il gruppo di Topalov, tra cui il manager Dainalov, ha accusato Kramnik di utilizzare di nascosto nel suo bagno privato un software scacchistico. Le accusa del bulgaro, sebbene sostenute dalla sua federazione nazionale, sono state generalmente considerate poco attendibili dal mondo scacchistico professionistico[2].

A causa della mancata possibilità di competere per il campionato del mondo 2007 (le cui qualificazioni erano iniziate prima del match di Ėlista), Topalov ha ottenuto dei privilegi nel ciclo di qualificazioni che portarono al mondiale 2009: è stato infatti posto nella finale della selezione dei candidati, dove ha vinto contro Gata Kamsky, vincitore della Coppa del mondo di scacchi 2007. Il match svoltosi a Sofia, in Bulgaria è terminato dopo sette partite col punteggio di 4 ½ a 2 ½ a favore di Topalov.[3]

Principali risultati[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato ai vari tornei di altissimo livello come quelli di Linares, Dortmund, Wijk Aan Zee, ecc. Nel 2005 ha condiviso il primo posto con Garri Kasparov (qui al suo ultimo torneo prima del suo ritiro) e ha vinto il MTel Masters a Sofia con un punto di distacco sul secondo classificato. Nel corso delle Olimpiadi degli scacchi del 2008, dopo alcune partite vinte brillantemente, Topalov ha vinto il bronzo individuale come prima scacchiera.

Nel settembre 2008 vince a Bilbao la prima edizione delle Chess Master Final ottenendo 17 punti (3 punti per la vittoria e 1 per il pareggio)[4]

Nell'ottobre 2012 vince a Londra, con 7 punti a pari merito con Shakhriyar Mamedyarov e Boris Gelfand, la 1ª tappa del FIDE Grand Prix 2012-2013.

Nell'aprile 2013 vince a Zugo, con 8 punti, la 3ª tappa del FIDE Grand Prix 2012-2013 . Con questo risultato vince il FIDE Grand Prix 2012-2013 con 410 punti e si qualifica a giocare il torneo dei candidati per il Campionato del mondo di scacchi 2014 che si è svolto nel marzo 2014 a Chanty-Mansijsk, piazzandosi all'8º posto.

Nel 2015 vince a Stavanger il torneo Norway Chess con 6.5 punti, davanti a Viswanathan Anand e Hikaru Nakamura.

Grazie alla media Elo più alta nel 2015, nel marzo 2016 ha disputato a Mosca il torneo dei Candidati al Campionato del mondo di scacchi 2016 piazzandosi all'8º posto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Top 100 Players July 2015
  2. ^ Cfr., per un quadro generale sulla vicenda, il seguente link: [1], e gli altri articoli richiamati nella pagina
  3. ^ Notizia su chessdom.com
  4. ^ THE WEEK IN CHESS 723

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Campione del mondo di scacchi (FIDE) Successore
Rustam Kasymdžanov (FIDE) 2004 - 2005 Vladimir Kramnik
Controllo di autorità VIAF: (EN170752103 · LCCN: (ENnb2011012776 · ISNI: (EN0000 0001 1977 5410