Vladimir Hakobyan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladimir Hakobyan
Vladimir Akopian 2013.jpg
Vladimir Hakobyan nel 2013
Nazionalità Armenia Armenia (sino al 2021)
Stati Uniti Stati Uniti
Scacchi Chess.svg
Palmarès
Transparent.png Olimpiadi degli scacchi
Oro Istanbul 2012 Squadra
Oro Dresda 2008 Individuale
Oro Dresda 2008 Squadra
Oro Torino 2006 Squadra
Argento Istanbul 2012 Individuale
Bronzo Calvia 2004 Squadra
Bronzo Bled 2002 Squadra
Bronzo Manila 1992 Squadra
Statistiche aggiornate al 16 giugno 2021

Vladimir Hakobyan, noto con la grafia Vladimir Akopian nei paesi occidentali, (in armeno: Վլադիմիր Հակոբյան?; Baku, 7 dicembre 1971) è uno scacchista armeno, Grande maestro, giocatore dal 2021 per la Federazione statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Terzo da sinistra assieme al resto della Nazionale oro olimpico 2008 in un francobollo commemorativo del 2009

Nel 1986 vinse il Campionato del mondo U16 all'età di 14 anni e nel 1988 il campionato del mondo U18. Nel 1991 vinse il campionato del mondo juniores (U20).

Nel 1991 arrivò al match finale del campionato del mondo FIDE di Las Vegas, ma perse 2,5 - 1,5 contro Aleksandr Chalifman. Nel Campionato del mondo FIDE 2004 a Tripoli fu eliminato nei quarti di finale dall'inglese Michael Adams.

Akopian ha partecipato, dal 1992 al 2008, a otto olimpiadi degli scacchi con l'Armenia, realizzando + 32 = 56 – 6 (64,4 %). Vinse quattro medaglie d'oro (una individuale e tre di squadra), una d'argento individuale e tre di bronzo di squadra.

Nel 2007 ha vinto l'open Gibtelecom Masters di Gibilterra con 7,5 su 9.

Ha raggiunto il massimo punteggio Elo nel luglio del 2006, con 2.713 punti.

Passa alla Federazione statunitense nel giugno 2021.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Grandmaster Vladimir Akopian Switches Federations From Armenia To The U.S.A., su zartonkmedia.com. URL consultato il 16 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66076478 · LCCN (ENno97044642 · WorldCat Identities (ENlccn-no97044642