Judit Polgár

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Judit Polgár nel 2004

Judit Polgár (Budapest, 23 luglio 1976) è una scacchista ungherese, Grande Maestro.

Considerata da molti la miglior giocatrice nella storia degli scacchi: la più giovane scacchista a entrare nella top ten dei 100 giocatori migliori del mondo, balzando a metà classifica a 12 anni, nel 1991 ha conquistato il titolo di grande maestro all'età di 15 anni, 4 mesi e 28 giorni, diventando la più giovane grande maestro di sempre (il precedente record era di Bobby Fischer). Solo nel 1994 il primato le è stato tolto dal connazionale Peter Leko, con una età di 14 anni, 4 mesi e 22 giorni[1]. Il 12 agosto 2014 annuncia in un'intervista rilasciata al Times durante le Olimpiadi di Tromso il suo ritiro dagli scacchi agonistici.[2].

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Judit, unitamente alle sue due sorelle maggiori Zsuzsa (Grande Maestro) e Zsófia (Maestro Internazionale), fece parte di un percorso educativo portato avanti dal padre László Polgár, psicologo intenzionato a dimostrare che un bambino può ottenere risultati eccezionali se allenato fin da piccolo in un certo campo[3]. Il suo motto era: La genialità si crea, non nasce da sola. Insieme alla moglie Klara, linguista ucraina, hanno educato le loro figlie a casa specializzandole negli scacchi, preferiti alle lingue e alla matematica per la presenza di indici obiettivi di riferimento quale il punteggio ELO usato dalla FIDE per classificare i giocatori .

Mentre Zsófia è emigrata prima in Israele e poi in Canada e Zsuzsa negli USA, Judit è rimasta in Ungheria dove si è sposata con Gusztáv Fonts [4], un medico veterinario di Budapest. Nel 2004 è diventata mamma di un bambino, Olivér,[5] e nel luglio del 2006 di una bambina, Hanna.

Carriera scacchistica[modifica | modifica wikitesto]

Al contrario delle sorelle, Judit non ha mai partecipato ai tornei femminili, non avendo mai nascosto che il suo obiettivo era il titolo di campione del mondo di scacchi. Nella sua carriera è riuscita a sconfiggere molti campioni titolati quali Garry Kasparov (usando una tattica da lui stesso usata in precedenza),[6] Veselin Topalov, Vladimir Kramnik, Anatolij Karpov, Viswanathan Anand e Magnus Carlsen.[7]

A 10 anni sconfisse il Maestro Internazionale Dolfi Drimer[8] e a 11 anni il Grande Maestro Vladimir Kovacevic.[9]

Judit Polgár a Wijk aan Zee nel 2005

Nel 2003 al torneo di Wijk aan Zee ha ottenuto il secondo posto assoluto senza nessuna sconfitta, arrivando mezzo punto sotto Viswanathan Anand e un punto sopra Vladimir Kramnik.[10] Nel 2005 (dopo l'assenza per la prima maternità) partecipa al torneo Corus di Wijk aan Zee e a quello di Sofia in Bulgaria, dove arriva terza. Quindi partecipa, prima donna al mondo, al torneo dei candidati, ma senza qualificarsi. Nel luglio del 2005 raggiunge il suo massimo punteggio Elo di 2.735 punti, l'ottavo al mondo [11].

Dopo un periodo di assenza dalle gare dovuto alla seconda maternità, nell'ottobre del 2006 è tornata a giocare, vincendo a pari merito con 4,5 su 6 il Torneo quadrangolare Essent, a Hoogeveen nei Paesi Bassi [12], battendo per due volte Veselin Topalov. Nel maggio-giugno del 2007 ha partecipato di nuovo al torneo dei candidati, ma è stata eliminata da Evgeny Bareev per 3,5 a 2,5. A gennaio 2009 è al 36º posto nella classifica FIDE con un punteggio di 2 693 punti.

Prima di aver compiuto 13 anni, è entrata nella classifica dei primi 100 giocatori migliori del mondo, tanto che il British Chess Magazine dichiarò: "I risultati recenti conseguiti da Judit Polgár fanno sembrare le imprese di Fischer e Kasparov meno sensazionali considerato che sono state ottenuti alla stessa età.[13]

Il Grande Maestro inglese Nigel Short ha definito Polgár 'una delle tre o quattro prodigi della storia degli scacchi'.[14] Tuttavia, Garry Kasparov nel 1989 dichiarò: ‘ha molto talento negli scacchi, ma dopo tutto è una donna. Tutto si riduce alle imperfezioni della psiche femminile. Nessuna donna può sostenere una battaglia prolungata'. Successivamente però, dopo avere perso una partita al gioco rapido contro Polgár nel 2002, Kasparov cambiò idea: 'le Polgár hanno dimostrato che non ci sono limitazioni intrinseche alle loro capacità: un'idea che molti scacchisti rifiutarono di accettare, fino a quando non furono schiacciati senza troppe cerimonie da una dodicenne con la coda di cavallo".[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il record appartiene, a febbraio 2009, a Sergej Karjakin che ha ottenuto il titolo a 12 anni e 7 mesi esatti.
  2. ^ Judit Polgar to retire from professional chess | The Week in Chess
  3. ^ Andrea Angiolino, La storia straordinaria della (vera) Regina degli Scacchi, l’ungherese Judit Polgár, in Elle, n. 46, 5 dicembre 2020.
  4. ^ (EN) Judit Polgár, foto di famiglia
  5. ^ (EN) Why Judit Polgar was not on the ratings list 14 gennaio 2005
  6. ^ Benché unicamente a gioco rapido: la sua vittoria avvenne nel match Russia - Resto del mondo di Mosca 2002, che aveva una cadenza di 25 minuti per l'intera partita, a cui venivano aggiunti 10 secondi di bonus dopo ogni mossa. Regolamento dell'evento consultabile qui Archiviato il 13 settembre 2007 in Internet Archive.
  7. ^ Benché unicamente nel gioco rapido: la sua unica vittoria avvenne in un torneo disputato a Città del Messico nel 2012, un anno prima che Carlsen diventasse campione del mondo.
  8. ^ (EN) Judit Polgar vs Dolfi Drimer
  9. ^ (EN) Judit Polgar vs Vladimir Kovacevic
  10. ^ (EN) Profilo FIDE di Judit Polgár Archiviato l'11 ottobre 2007 in Internet Archive.
  11. ^ (EN) Peak Average Ratings: 3 year peak range
  12. ^ (EN) Essent 2006: Mamedyarov, Judit Polgar are the winners
  13. ^ (EN) Lyman, Shelby, Talented chess players are all in the Polgar family, in The Sunday Telegraph, Nashua, 8 January 1989, pp. F2.
  14. ^ Franz Lidz, Kid with a Killer Game, in Sports Illustrated, 12 Febbraio 1990. URL consultato il 20 Novembre 2020.
  15. ^ Garry Kasparov, How Life Imitates Chess: Making the Right Moves, from the Board to the Boardroom, Bloomsbury Publishing USA, 2007, ISBN 9781596913875.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Partite celebri
Controllo di autoritàVIAF (EN13943230 · ISNI (EN0000 0000 7859 4372 · LCCN (ENn91012865 · GND (DE119252007 · WorldCat Identities (ENlccn-n91012865