Péter Lékó

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Péter Lékó
PeterLeko19.jpg
Nazionalità Ungheria Ungheria
Scacchi Chess.svg
Categoria Grande Maestro (1994)
Ranking 2663 p.(marzo 2021), al mondo 76º
Best ranking 2763 p.(aprile 2005), al mondo 4º
Palmarès
Transparent.png Olimpiadi degli scacchi
Oro Dresda 2008 (individuale)
Transparent.png Campionato europeo a squadre di scacchi
Argento Batumi 1999 (squadra)
Argento Batumi 1999 (individuale)
Bronzo Porto Carras 2011 (squadra)
Bronzo Reykjavik 2015 (squadra)
Transparent.png Coppa europea di scacchi per club
Oro Ulcinj 2019
 

Péter Lékó (in serbo: Петер Леко?; Subotica, 8 settembre 1979) è uno scacchista ungherese, Grande maestro.

Nel 1994, all'età di 14 anni, 4 mesi e 28 giorni è stato il più giovane di sempre ad aver ottenuto il titolo di Grande Maestro Internazionale, primato che all'epoca apparteneva alla connazionale Judit Polgar.

È stato tra i primi dieci scacchisti al mondo negli anni duemila e ha vinto cinque Super Tornei in carriera.

Nel 2004 ha sfidato Vladimir Kramnik per il titolo mondiale PCA, senza riuscire a batterlo. Mentre si è piazzato quinto e quarto rispettivamente ai Mondiali FIDE del 2005 e al Mondiale unificato del 2007. Ha partecipato a 8 Olimpiadi degli scacchi con la nazionale ungherese, vincendo un oro e due argenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Subotica nell'allora Jugoslavia, a seguito della separazione dei genitori si trasferì a Seghedino con la madre a due anni di età.[1]

Ha raggiunto il suo massimo punteggio Elo (2763) nella classifica FIDE dell'aprile 2005, nella quale figurava in quarta posizione assoluta oltreché essere il numero uno ungherese.[2]

Nel 1999, Lékó entra nella cerchia dei dieci migliori giocatori al mondo.

Nel 2001, nell'ambito della manifestazione "Chess Classic" di Magonza, Lékó si cimenta in una sfida di otto partite di scacchi Fischer Random (Chess960) contro il Grande Maestro Michael Adams, vincendo per 4.5 a 3.5. Per questo considerato da molti come il primo Campione del mondo di Fischer Random, sebbene non ci sia stato un vero e proprio processo di qualificazione aperto a tutti.

È sposato con Sofia Petrosian, figlia del grande maestro armeno Aršak Petrosyan. Ad aprile 2018 è allenatore del giovane giocatore tedesco Vincent Keymer.[3]

Principali risultati[modifica | modifica wikitesto]

Una partita[modifica | modifica wikitesto]

L'ottava partita del match Kramnik-Lékó 2004, illustra un attacco tagliente coronato da successo.

Kramnik - Lékó (Partita spagnola, attacco Marshall)

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 a6 4.Aa4 Cf6 5.O-O Ae7 6.Te1 b5 7.Ab3 O-O 8.c3 d5 9.exd5 Cxd5 10.Cxe5 Cxe5 11.Txe5 c6 12.d4 Ad6 13.Te1 Dh4 14.g3 Dh3 15.Te4 g5 16.Df1 Dh5 17.Cd2 Af5 18.f3 Cf6 19.Te1 Tae8 20.Txe8 Txe8 21.a4 Dg6 22.axb5 Ad3 23.Df2 Te2 24.Dxe2 Axe2 25.bxa6 Dd3 26.Rf2 Axf3 27.Cxf3 Ce4+ 28.Re1 Cxc3 29.bxc3 Dxc3+ 30.Rf2 Dxa1 31.a7 h6 32.h4 g4 0-1 (il bianco abbandona)   (Vedi la partita online)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andre Schulz, The Big Book of World Chess Championships, Alkmaar, New in Chess, 2015.
  2. ^ Fide Site: Top 100 Players April 2005
  3. ^ (EN) Leko on surviving the "Swiss ping-pong", su en.chessbase.com. URL consultato il 2 aprile 2018.
  4. ^ 35th European Club Cup in Chess-Results

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170887199 · ISNI (EN0000 0001 1988 5353 · LCCN (ENnb2011011572 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2011011572