Michael Adams (scacchista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Michael Adams (Truro, 17 novembre 1971) è uno scacchista britannico, che ha il titolo di Grande maestro.

Michael Adams
Michael Adams 2017.jpg
Nazionalità   Inghilterra
Scacchi Chess.svg
Categoria GM
Ranking 2 716 p.(gennaio 2021), nel mondo 21º
Best ranking 2 761 p. (settembre 2013), nel mondo 12º
 

Il suo miglior piazzamento nella graduatoria mondiale è stato il quarto posto, che ha ottenuto diverse volte tra il 2000 e il 2002.[1] Il miglior punteggio elo è stato raggiunto nel settembre del 2013, dopo aver vinto il prestigioso torneo Dortmunder Sparkassen Chess Meeting, quando ha totalizzato 2 761 punti elo e la 12ª posizione assoluta (1º posto tra gli scacchisti del Regno Unito) .

Moltissimi i tornei vinti dal campione Britannico: da segnalare la conquista per diverse volte 1989, 1997, 2010, 2011, 2016 e 2018 del titolo di Campione britannico assoluto, con la nazionale Inglese ha conquistato la medaglia di Bronzo alle Olimpiadi degli scacchi di Novi Sad del 1990 e nel 2004 una medaglia di bronzo come miglior risultato individuale di 1^ scacchiera. Ha partecipato a diversi tornei dei candidati per il titolo mondiale. A livello individuale nel 2004 Adams ottiene probabilmente il risultato più importante della sua luminosa carriera, al Campionato del Mondo ad eliminazione diretta svoltosi a Tripoli in Libia, Michael giunge in finale contro il grande maestro uzbeko Rustam Qosimjonov. È noto anche come scrittore di alcuni libri didattici sugli scacchi.

Ha raggiunto il massimo rating FIDE nel settembre 2013, con 2 761 punti Elo, numero 12 al mondo e 1° tra gli inglesi .[2]

Nel maggio 2017, 2018, 2019 e 2020 vince per quattro volte il Campionato tedesco a squadre con il OSG Baden-Baden.[3][4][5][6]

Nel novembre 2019 vince a Dulcigno la 35^ European Club Cup con la squadra del Obiettivo Risarcimento Padova.[7]

Nel gennaio 2021 vince il Caplin British Online Championship 2020 con 7 punti su 9 e battendo allo spareggio Ameet Ghasi.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN47563024 · ISNI (EN0000 0001 1491 2842 · LCCN (ENnb2008017204 · GND (DE119042762 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2008017204