Michael Adams (scacchista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Michael Adams (Truro, 17 novembre 1971) è uno scacchista britannico, che ha il titolo di Grande maestro.

Michael Adams
Michael Adams 2017.jpg
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Scacchi Chess.svg
Categoria GM
Ranking 2716 p.(gennaio 2021), nel mondo 21º
Best ranking 2761 p. (settembre 2013), nel mondo 12º
 

Il suo miglior piazzamento nella graduatoria mondiale è stato il quarto posto, che ha ottenuto diverse volte tra il 2000 e il 2002.[1] Il miglior punteggio elo è stato raggiunto nel settembre del 2013, dopo aver vinto il prestigioso torneo Dortmunder Sparkassen Chess Meeting, quando ha totalizzato 2761 punti elo e la 12ª posizione assoluta (1º posto tra gli scacchisti del Regno Unito) .

Moltissimi i tornei vinti dal campione Britannico: da segnalare la conquista per diverse volte 1989, 1997, 2010, 2011, 2016 e 2018 del titolo di Campione britannico assoluto, con la nazionale Inglese ha conquistato la medaglia di Bronzo alle Olimpiadi degli scacchi di Novi Sad del 1990 e nel 2004 una medaglia di bronzo come miglior risultato individuale di 1^ scacchiera. Ha partecipato a diversi tornei dei candidati per il titolo mondiale. A livello individuale nel 2004 Adams ottiene probabilmente il risultato più importante della sua luminosa carriera, al Campionato del Mondo ad eliminazione diretta svoltosi a Tripoli in Libia, Michael giunge in finale contro il grande maestro uzbeko Rustam Qosimjonov. È noto anche come scrittore di alcuni libri didattici sugli scacchi.

Ha raggiunto il massimo rating FIDE nel settembre 2013, con 2761 punti Elo, numero 12 al mondo e 1° tra gli inglesi .[2]

Nel maggio 2017, 2018, 2019 e 2020 vince per quattro volte il Campionato tedesco a squadre con il OSG Baden-Baden.[3][4][5][6]

Nel novembre 2019 vince a Dulcigno la 35^ European Club Cup con la squadra del Obiettivo Risarcimento Padova.[7]

Nel gennaio 2021 vince il Caplin British Online Championship 2020 con 7 punti su 9 e battendo allo spareggio Ameet Ghasi.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN47563024 · ISNI (EN0000 0001 1491 2842 · LCCN (ENnb2008017204 · GND (DE119042762 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2008017204