Campionato del mondo di scacchi 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionato del mondo di scacchi 2016
Campione Sfidante
Magnus Carlsen
Sergey Karjakin
Magnus Carlsen
Norvegia Norvegia
Sergej Karjakin
Russia Russia
6 (3) 6 (1)
30 novembre 1990
25 anni
12 gennaio 1990
26 anni
Vincitore del campionato del mondo di scacchi 2014 Vincitore del Torneo dei Candidati 2016
Punteggio Elo: 2853 Punteggio Elo: 2772
Luogo Stati Uniti New York
Data: 11-30 novembre
2014 2018

Il campionato del mondo di scacchi 2016 è stato un match tra il campione del mondo in carica Magnus Carlsen e Sergey Karjakin, sfidante selezionato tramite un torneo dei candidati a otto giocatori.

Il match si è svolto a New York dall'11 al 30 novembre[1] e si è concluso con la vittoria di Carlsen allo spareggio dopo il pareggio 6-6 delle partite a tempo regolamentare.

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

FIDE Grand Prix[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: FIDE Grand Prix 2014-2015.

Il Grand Prix è stato un ciclo di quattro tornei svoltisi in quattro località differenti (Baku, Tashkent, Tbilisi e Chanty-Mansijsk); vi hanno partecipato 16 giocatori, scelti in parte per Elo, in parte per i risultati nella Coppa del Mondo del 2013 e in parte per invito. Ad ogni torneo partecipavano 12 giocatori, che si affrontavano in un girone all'italiana; ogni giocatore ha preso parte a tre tornei. La classifica finale era determinata da punti basati sui piazzamenti nei singoli tornei.

Il vincitore del Grand Prix è stato Fabiano Caruana, che ha vinto ex aequo due dei tre tornei a cui ha partecipato; il secondo classificato è stato Hikaru Nakamura, vincitore ex aequo di uno dei tornei.

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa del Mondo di scacchi 2015.

La Coppa del Mondo è stato un torneo ad eliminazione diretta tra 128 giocatori, svoltosi a Baku dal 10 settembre al 5 ottobre 2015; ogni turno consisteva in un mini-match di due partite a tempo di riflessione lungo, con spareggi di gioco rapido e lampo in caso di parità. I giocatori vi si sono qualificati in vari modi, in parte per Elo, in parte attraverso qualificazioni continentali e in parte secondo altri criteri.

Vincitore è stato Sergej Karjakin, che ha sconfitto Pëtr Svidler in finale per 6-4 al terzo spareggio.

Torneo dei candidati[modifica | modifica wikitesto]

Lo sfidante al campione del mondo in carica Magnus Carlsen è stato scelto tramite un torneo dei candidati, che si è disputato a Mosca[2] dal 10 al 30 marzo 2016, con la formula del doppio girone all'italiana tra otto giocatori, qualificati come segue:[3]

La cadenza di gioco è stata di 100 minuti per le prime 40 mosse, 50 minuti per le successive 20 e 15 minuti per finire, con un incremento di 30 secondi a partire dalla 61ª mossa. In caso di parità, il primo criterio di spareggio erano gli scontri diretti, il secondo il numero di vittorie ed il terzo il punteggio Sonneborn-Berger.[3]

Risultati
Pos. Giocatore Rating[5] 1 2 3 4 5 6 7 8 Punti Spareggi
Scontri diretti Vittorie S-B
1 Sergej Karjakin (Russia Russia) 2757 1 ½ 1 0 ½ ½ ½ ½ ½ ½ 1 ½ 1 ½ 8,5
2 Fabiano Caruana (Stati Uniti Stati Uniti) 2802 ½ 0 1 ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ 1 ½ ½ ½ 7,5 1,5
3 Viswanathan Anand (India India) 2791 1 0 ½ 0 1 ½ 1 ½ ½ ½ ½ 0 1 ½ 7,5 0,5
4 Pëtr Svidler (Russia Russia) 2729 ½ ½ ½ ½ ½ 0 ½ 1 ½ ½ ½ ½ ½ ½ 7 3,5
5 Lewon Aronyan (Armenia Armenia) 2770 ½ ½ ½ ½ ½ 0 0 ½ ½ ½ 1 ½ ½ 1 7 3 2
6 Anish Giri (Paesi Bassi Paesi Bassi) 2790 ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ 7 3 0
7 Hikaru Nakamura (Stati Uniti Stati Uniti) 2798 ½ 0 ½ 0 1 ½ ½ ½ ½ 0 ½ ½ 1 1 7 2,5
8 Veselin Topalov (Bulgaria Bulgaria) 2798 ½ 0 ½ ½ ½ 0 ½ ½ 0 ½ ½ ½ 0 0 4,5

Campionato del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato del mondo si è svolto a New York, nella zona di South Street Seaport a Manhattan, dall'11 al 30 novembre. Si è giocato al meglio delle 12 partite, con un giorno di riposo ogni due partite e uno ulteriore tra l'undicesima e la dodicesima. In caso di parità, erano previsti spareggi di gioco rapido, lampo ed eventualmente, infine, una partita Armageddon.[6]

La cadenza di gioco delle 12 partite è stata di 100 minuti per le prime 40 mosse, 50 minuti per le successive 20 e 15 minuti per finire, con un incremento di 30 secondi a partire dalla prima mossa,[6] mentre quella degli spareggi è stata

  • 25 minuti a giocatore più 10 secondi a mossa per un mini-match di quattro partite di gioco rapido;
  • 5 minuti a giocatore più 3 secondi a mossa per due partite lampo; questa fase sarebbe potuta essere ripetuta fino ad un massimo di cinque volte;
  • una partita Armageddon: il Bianco riceve 5 minuti e il Nero 4, con un incremento di 3 secondi a mossa a partire dalla sessantunesima, e il Nero vince in caso di patta.[6]
Partite a cadenza classica
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Totale
Magnus Carlsen (Norvegia Norvegia) ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ 0 ½ 1 ½ ½ 6
Sergej Karjakin (Russia Russia) ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ 1 ½ 0 ½ ½ 6
Spareggi
1 2 3 4 Totale
Magnus Carlsen (Norvegia Norvegia) ½ ½ 1 1 3
Sergej Karjakin (Russia Russia) ½ ½ 0 0 1

Vincendo 3 a 1 lo spareggio Magnus Carlsen si è confermato campione del mondo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The World Championship 2016 comes to New York, su http://worldchess.com/, 1º dicembre 2016. URL consultato il 1º dicembre 2016.
  2. ^ FIDE President's working visit to Yerevan, su FIDE.com, 5 novembre 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  3. ^ a b Rules & regulations for the Candidates Tournament of the FIDE World Championship cycle 2014 - 2016 (PDF), FIDE. URL consultato il 17 febbraio 2015.
  4. ^ 2016 FIDE World Chess Candidates Tournament, su FIDE.com, 10 novembre 2015. URL consultato il 21 novembre 2015.
  5. ^ A marzo 2016; Top 100 Players March 2016, FIDE. URL consultato il 28 marzo 2016.
  6. ^ a b c (EN) Rules & regulations for the FIDE World Championship Match 2016 (PDF), FIDE. URL consultato il 12 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi