Spinoso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando lo scrittore italiano, vedi Vincenzo Spinoso.
Spinoso
comune
Spinoso – Stemma
Spinoso – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
ProvinciaProvincia di Potenza-Stemma.png Potenza
Amministrazione
SindacoPasquale De Luise (lista civica "Spinoso in comune") dal 26-05-2019
Territorio
Coordinate40°16′N 15°58′E / 40.266667°N 15.966667°E40.266667; 15.966667 (Spinoso)Coordinate: 40°16′N 15°58′E / 40.266667°N 15.966667°E40.266667; 15.966667 (Spinoso)
Altitudine649 m s.l.m.
Superficie38,18 km²
Abitanti1 420[1] (31-10-2018)
Densità37,19 ab./km²
Comuni confinantiCastelsaraceno, Grumento Nova, Montemurro, San Chirico Raparo, San Martino d'Agri, Sarconi
Altre informazioni
Cod. postale85039
Prefisso0971
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT076086
Cod. catastaleI917
TargaPZ
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[2]
Nome abitantispinosesi
Patronosanta Maria Maddalena
Giorno festivo22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Spinoso
Spinoso
Spinoso – Mappa
Posizione del comune di Spinoso all'interno della provincia di Potenza
Sito istituzionale
Spinoso visto da "La croc", il calvario lungo la strada che sale su Monte Raparo

Spinoso è un comune italiano di 1.420 abitanti della provincia di Potenza, in Basilicata.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è situato in posizione collinare ai piedi del monte Raparo, sulla sponda sud del lago di Pietra del Pertusilla.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Spinoso" deriva dal latino Spina, "aculeo" e dal suffisso -osus, utilizzato per indicare abbondanza. Quindi, etimologicamente, il nome indica un luogo pieno di spine, in abbondanza. Inoltre, nel catalogo dei baroni, il comune è indicato come Spinosa, col significato di Terra piena di spine.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si suppone che il paese, anticamente, fosse chiamato Carro Nuovo ed era situato nell'attuale Tempagnata. Una leggenda narra che Carro Nuovo fu edificato da Francois Troiano, compagno di Enea. Un'altra leggenda fa riferimento a questo paesino come tanto ospitale, per l'aria fresca, ma anche molto pericoloso per la presenza di molti serpenti, i quali, si dice, divorassero addirittura i bambini. E tale fu il motivo per il quale gli abitanti lasciarono Carro Nuovo, migrando verso Alifi. Successivamente la diaspora ebraica portò dei nuovi coloni in questo paesino. Gli ebrei insediati nell'abbandonato Carro Nuovo, ben presto capirono il motivo dell'abbandono. Non molto lontano da Carro Nuovo, vi era una monticello, chiamato Lo Spenuso, oggi chiamato San Laverio, molto più agevole e con scarsa presenza di serpenti ma soprattutto vicino alle proprietà in Tempagnata; e fu qui, che si trasferirono i neo abitanti, dando vita a Spinoso. Il periodo d'oro spinosese sono gli anni della costruzione della diga del pertusillo, portando nuovi abitanti e tanto lavoro nel piccolo borgo lucano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Festa in onore di Santa Maria dei Termini[modifica | modifica wikitesto]

Ogni terza domenica di maggio, la statua della Vergine viene portata nella sua cappella in campagna, posta ai confini tra il territorio di Spinoso e quello di Sarconi. La statua vi resterà fino alla terza domenica di settembre, quando verrà riportata nella chiesa madre.[senza fonte]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa madre "Santa Maria Assunta", in Piazza Roma
  • Chiesa di San Rocco del Popolo, in via San Rocco
  • Chiesa di San Rocco dei Nobili, in via Cavour

Cappelle[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappella della Maria SS. di Novi Velia, in piazza San Lorenzo
  • Cappella di San Michele, in via Garibaldi
  • Cappella di Santa Maria Maddalena, situata presso il cimitero di Spinoso
  • Cappella di Maria SS. dei Termini, situata ai confini col territorio sarconese.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo delle Colonne, piazza Plebiscito
  • Palazzo Mileo, via Garibaldi
  • Palazzo Robortazzi, via Garibaldi
  • Palazzo Caputo, via Garibaldi
  • Palazzo Romano, via Garibaldi
  • Palazzo De Stefano - Vetrano, via Garibaldi
  • Palazzo Baronile-Minutolo, via Dei Geni
  • Palazzo Ranone, via Vittorio Emanuele
  • Palazzo Franco, via G.B. Romano
  • Palazzo Delfino, via Marconi
  • Palazzo Ducatelli, via Bardine
  • Palazzo Falotico, via Bardine
  • Palazzo Pesce, via Bardine
  • Palazzo Magliocchini, via E. Pimentel
  • Palazzuolo Romano, piazza San Lorenzo.
Terrazza panoramica in Piazza Plebiscito, Spinoso

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

A Spinoso sono state girate alcune scene del film Basilicata coast to coast.[5]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività più tradizionali e rinomate vi sono quelle artigianali, legate alla cultura contadina e pastorale. Queste attività, ben lungi dallo scomparire stanno invece rifiorendo, e si distinguono per la produzione di sedie impagliate.[6][7][8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'amministrazione comunale è guidata da Pasquale De Luise (detto Lino) che ricopre la carica di sindaco. La carica di vicesindaco invece è ricoperta da Gianluca Pandolfo.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio locale, l'ASD Pro Loco Spinoso, fondata nel 1979 che milita nel girone C di seconda categoria. Il periodo di maggior splendore della squadra biancoverde è stato agli inizi degli anni '90, quando ha disputato due stagioni nel massimo campionato regionale (Eccellenza), sfiorando i playoff per la promozione nel campionato interregionale.L'ultima storica promozione del sodalizio biancoverde si registra nell'annata 2015-2016 con il secondo posto nel campionato di seconda categoria e l'approdo in prima dopo circa trent'anni di assenza[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2018.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Comune di Spinoso, comune.spinoso.pz.it, https://web.archive.org/web/20130118041725/http://www.comune.spinoso.pz.it/sito/paese/storia.htm (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2013).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ TGcom24, Basilicata coast to coast, Mediaset, 2 aprile 2011. URL consultato il 17 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2014).
  6. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 6.
  7. ^ La tua vacanza in Basilicata: Artigianato, su basilicata.italiaguida.it. URL consultato il 21 maggio 2016.
  8. ^ Prodotti artigianali della Basilicata, su guidaconsumatore.com. URL consultato il 21 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Basilicata