Carbone (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carbone
comune
Carbone – Stemma Carbone – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
ProvinciaProvincia di Potenza-Stemma.png Potenza
Amministrazione
SindacoMario Chiorazzo (lista civica) dal 5-4-2005
Territorio
Coordinate40°08′N 16°05′E / 40.133333°N 16.083333°E40.133333; 16.083333 (Carbone)Coordinate: 40°08′N 16°05′E / 40.133333°N 16.083333°E40.133333; 16.083333 (Carbone)
Altitudine690 m s.l.m.
Superficie48,53 km²
Abitanti614[1] (30 aprile 2017)
Densità12,65 ab./km²
FrazioniFelicita, Cornalita
Comuni confinantiCalvera, Castelsaraceno, Episcopia, Fardella, Latronico, San Chirico Raparo, Teana
Altre informazioni
Cod. postale85030
Prefisso0973
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT076019
Cod. catastaleB743
TargaPZ
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitanticarbonesi
Patronosan Donato
Giorno festivo12 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carbone
Carbone
Carbone – Mappa
Posizione del comune di Carbone all'interno della provincia di Potenza
Sito istituzionale

Carbone (Carvùnë in dialetto lucano[2]) è un comune italiano di 614 abitanti[1] della provincia di Potenza, in Basilicata.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sorge a 690 m s.l.m. nel cuore del Parco nazionale del Pollino sulla sponda sinistra del torrente Serrapotamo, nella parte meridionale della provincia. Confina con i comuni di: Calvera (8 km), Teana (10 km), Fardella (14 km), Episcopia (15 km), Castelsaraceno (19 km), Latronico (24 km) e San Chirico Raparo (29 km). Dista 119 km da Potenza e 111 km dall'altra provincia lucana di Matera.

Oltre al Serrapotamo, sono presenti alcuni suoi affluenti come il torrente Vallone e la fiumara Maltempo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese sorge nel medioevo attorno all'antico monastero Basiliano detto di Sant'Elia fondato, secondo la tradizione, da S.Luca abate intorno all'anno mille. Il comune sale alla ribalta regionale una prima volta nel 1806, con l'incendio da parte dei francesi, e poi, soprattutto, diventa tristemente famoso nel 1860 allorquando, al momento del plebiscito nazionale, si ribella e vengono bruciate le urne per il voto. Tale ribellione nel febbraio dell'anno successivo costa la fucilazione di alcuni giovani, accusati ingiustamente di essere renitenti alla leva e perciò condannati a morte, senza alcun regolare processo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Nella parrocchiale di San Luca del secolo XVI (il porticato di colonne doriche è stato aggiunto nel 1932 ci sono sculture lignee risalenti al secolo XVIII ed un dipinto ad olio del XVI secolo rappresentante la natività.[3]

A Carbone si trovano anche, la chiesa di San Francesco (ex-conventuale che conserva anch'essa sculture lignee), la chiesa Madonna degli Angeli, la cappella dei Fraticelli e la cappella della Madonna del soccorso.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristico è il bosco Vaccarizzo dove al centro sorge una grande fontana, e dove si può trascorrere un po' di tempo immersi nel creato per sentirsi lontani dal mondo. Durante il mese di agosto molte persone vi passano la giornata per fare una scampagnata e un picnic.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 aprile 2005 in carica Mario Chiorazzo Lista Civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 141.
  3. ^ Guide Touring Basilicata e Calabria 2005, p.360
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN236997518 · WorldCat Identities (EN236997518
Basilicata Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Basilicata