Riccardo Zampagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Zampagna
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 96 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Trestina
Ritirato 19 novembre 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1991 Bianco e Verde.svg Virgilio Maroso
Squadre di club1
1991-1996 Blu e Bianco.png Amerina 102 (27)
1996-1997 Pontevecchio 22 (13)
1997-1999 Triestina 29 (9)[1]
1999 Arezzo 9 (3)
1999-2000 Catania 18 (3)
2000 Brescello 12 (3)[2]
2000 Perugia 0 (0)
2000-2001 Cosenza 29 (10)
2001-2002 Siena 29 (7)
2002-2003 Messina 33 (17)
2003-2004 Ternana 41 (21)
2004-2006 Messina 39 (14)
2006-2008 Atalanta 54 (20)
2008 Vicenza 16 (6)
2008-2010 Sassuolo 61 (16)[3]
2010 Carrarese 10 (2)
Carriera da allenatore
2013-2014 Verde e Bianco.png Macchie
2015 Voluntas Spoleto
2015-2016 Assisi
2016- Trestina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 giugno 2016

Riccardo Zampagna (Terni, 15 novembre 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, tecnico del Trestina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal settembre del 2012 fino al gennaio del 2016 ha gestito una tabaccheria situata nel centro di Terni. Il 10 aprile 2011 pubblica un libro autobiografico chiamato Il calcio alla rovescia, devolvendo l'intero incasso all'ospedale di Terni per l'acquisto di un mammografo. Nel 2016 viene raccontato nel libro del giornalista Matteo Cruccu Ex - Storie di uomini dopo il calcio.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a giocare a calcio con la Virgilio Maroso, squadra del quartiere Borgo Rivo, dove abitava da piccolo, ma cresce calcisticamente con la formazione dei dilettanti dell'Amerina e nel 1996 il suo primo trasferimento lo porta alla Pontevecchio, dove segna 13 gol in 22 partite in Serie D. Nel settembre 1997 si accasa alla Triestina, in Serie C2, dove resta un anno e mezzo mettendo a referto 27 partite e 9 reti alla prima stagione, e appena 2 partite senza gol nella seconda. Nel gennaio del 1999 passa in Serie C1 all'Arezzo, allenato da Cosmi. Qui trascorre la seconda metà del campionato e in 5 mesi di permanenza colleziona 9 presenze mettendo a segno 3 gol.

La stagione successiva viene ingaggiato dal Catania di Luciano Gaucci, con cui continua a giocare il campionato di C1. A febbraio va in prestito al Brescello, sempre in Serie C1, con cui realizza 3 gol in 12 partite. Nell'estate del 2000 Gaucci lo trasferisce dai catanesi al Perugia, altra squadra da lui gestita e militante in Serie A. Esordisce nelle gare di qualificazione valide per la Coppa Intertoto, dove i grifoni vengono subito eliminati dallo Standard Liegi; in campionato non ha invece modo di debuttare, sicché nel mese di settembre si trasferisce in Serie B al Cosenza, con cui ben si comporta realizzando 10 reti in 29 presenze.

Sempre tra i cadetti gioca anche con Siena, Messina e Ternana, quest'ultima la squadra della sua città, dove nel suo anno di militanza contribuisce ad uno dei migliori campionati degli umbri in Serie B, arrivando a 21 reti in campionato. A fine stagione viene riscattato alle buste dal Messina che ha appena conquistato la promozione nella massima serie. Il 19 settembre 2004 esordisce in Serie A nella partita Messina-Roma (4-3), nella quale realizza in pallonetto il gol che permette ai peloritani di vincere la gara; si ripete tre giorni dopo nella trasferta contro il Milan, segnando il gol del definitivo 2-1. Al primo anno in massima serie segna 12 gol in 28 partite di campionato.

Nell'estate del 2005 inizia la stagione ancora a Messina e, dopo quattro mesi con 2 reti in 11 partite, nel gennaio del 2006 si trasferisce all'Atalanta, in Serie B, dove sotto la guida di Stefano Colantuono mette a segno 6 reti e con la quale ottiene la vittoria del campionato cadetto e annessa promozione in Serie A. Nella stagione successiva con i suoi 11 gol realizzati risulta tra i giocatori più determinanti nel campionato della società nerazzurra; proprio un suo gol nella partita Atalanta-Roma finita 2-1 per i bergamaschi, fa in modo che l'Inter vinca il 15º scudetto, poiché contemporaneamente batte il Siena per 2-1.

Il 19 novembre 2007 viene messo fuori rosa dall'Atalanta. Il 3 gennaio 2008 approda quindi al Vicenza, che al momento si trovava all'ultimo posto della classifica in Serie B. Realizza il suo primo gol con la maglia biancorossa nove giorni dopo, nella gara contro il Ravenna, e il suo gol garantirà ai berici la vittoria per 1-0; nella stessa gara subirà il suo primo infortunio con la nuova maglia. Nella partita di ritorno contro i ravennati del 25 maggio, la sua rete dell'1-0 decide la gara e regala la salvezza con un turno d'anticipo alla squadra veneta. In totale sono 6 le reti (in 16 presenze) realizzate con la casacca biancorossa.

Il 31 luglio 2008 viene ceduto a titolo definitivo al Sassuolo, per seicentomila euro.[4]. In terra emiliana disputa due campionati di B. Nella prima stagione in maglia neroverde gioca 36 partite e segna 11 reti che non bastano a garantire alla sua squadra un piazzamento nei play-off; nella seconda stagione, invece, realizza 5 reti in 27 presenze. A fine torneo, non rientrando più nei piani della società emiliana, sembra intenzionato a lasciare il calcio[5], tuttavia il 6 agosto 2010 passa a titolo definitivo in Seconda Divisione alla Carrarese.[6] Ciò nonostante, il successivo 19 novembre inaspettatamente annuncia il ritiro al calcio agonistico, dopo aver disputato appena 10 partite e segnato 2 reti con i toscani. Il 2 luglio 2011 organizza la partita del suo addio al calcio fra Ternana e Atalanta, allo stadio Libero Liberati di Terni, convocando ex compagni di varie squadre in cui ha militato e calciatori che ha incontrato nella sua carriera, devolvendo tutto l'incasso a favore di varie ONLUS della città.

Nel frattempo, il 12 dicembre 2010 torna a giocare a livello amatoriale sposando il progetto del calcio popolare portato avanti dall'Associazione Comunista Sportiva Dilettantistica "Primidellastrada", con la quale disputa il campionato UISP di Terni.[7][8] Il 3 novembre 2011 comincia a giocare nel campionato UISP di calcio a 7 di Terni, con la squadra amatoriale dell'Amici Di Enzo.[9][10]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 giugno 2013 viene ufficializzato il suo ingaggio per la stagione 2013-2014 come allenatore del Macchie, squadra dell'omonima frazione amerina militante nella Prima Categoria Umbra.[11] Il 4 maggio 2014, grazie al successo esterno sul campo del Real Avigliano all'ultima giornata, alla sua prima esperienza in panchina vince il campionato.[12]

Dopo un anno d'inattività, l'11 luglio 2015 viene ingaggiato come nuovo tecnico della Voluntas Spoleto, in Serie D,[13] lasciando tuttavia l'incarico dopo pochi giorni.[14] Il 14 ottobre dello stesso anno diventa allenatore dell'Assisi, formazione militante nel campionato umbro di Promozione.[15] Prendendo la squadra al penultimo posto della classifica, termina la stagione al quinto posto raggiungendo i play-off: qui gli assisani vincono la finale del girone contro l'Orvietana,[16] ma perdono poi lo spareggio contro il Lama di San Giustino per la promozione in Eccellenza.[17] Lascia la formazione rossoblù a fine campionato per assumere, dall'8 giugno 2016, la guida tecnica del Trestina di Città di Castello, in Serie D.[18]

Opinionista sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 ottobre 2014 entra a far parte della squadra di opinionisti della trasmissione sportiva 90º minuto di Rai 2.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1991-1992 Italia Amerina Ecc 1 0 - - - - - - - - 1 0
1992-1993 Ecc 10 1 - - - - - - - - - 10 1
1993-1994 Ecc 30 7 - - - - - - - - - 30 7
1994-1995 Ecc 29 9 - - - - - - - - - 29 9
1995-1996 Ecc 32 10 - - - - - - - - - 32 10
Totale Amerina 102 27 - - - - - - 102 27
1996-1997 Italia Pontevecchio CND 22 13 - - - - - - - - - 22 13
1997-1998 Italia Triestina C2 27+2[19] 9+1[19] CI-C 2 1 - - - - - - 31 11
1998-gen. 1999 C2 2 0 CI-C 1 1 - - - - - - 3 1
Totale Triestina 29+2 9+1 3 2 - - - - 34 12
gen.-giu. 1999 Italia Arezzo C1 9 3 CI-C - - - - - - - - 9 3
1999-gen. 2000 Italia Catania C1 18 2 CI-C 6 3 - - - - - - 24 5
gen.-giu. 2000 Italia Brescello C1 12+2[19] 3 CI-C - - - - - - - - 14 3
ago.-set. 2000 Italia Perugia A - - CI 2 0 I 2 0 - - - 4 0
set. 2000-2001 Italia Cosenza B 29 10 CI - - - - - - - - 29 10
2001-2002 Italia Siena B 29 7 CI 7 4 - - - - - - 36 11
2002-2003 Italia Messina B 33 19 CI 0 0 - - - - - - 33 19
2003-2004 Italia Ternana B 41 21 CI 1 0 - - - - - - 42 21
2004-2005 Italia Messina A 28 12 CI 3 2 - - - - - - 31 14
2005-gen. 2006 A 11 2 - - - - - - - - - 11 2
Totale Messina 72 33 3 2 - - - - 75 35
gen.-giu. 2006 Italia Atalanta B 16 6 CI - - - - - - - - 16 6
2006-2007 A 28 11 CI 3 3 - - - - - - 31 14
2007-gen. 2008 A 10 3 CI 1 0 - - - - - - 11 3
Totale Atalanta 54 20 4 3 - - - - 58 23
gen.-giu. 2008 Italia Vicenza B 16 6 CI - - - - - - - - 16 6
2008-2009 Italia Sassuolo B 36 11 CI 0 0 - - - - - - 36 11
2009-2010 B 25+2[19] 5 CI 2 0 - - - - - - 29 5
Totale Sassuolo 61+2 16 2 0 - - - - 65 16
ago.-nov. 2010 Italia Carrarese 2D 10 2 CI-LP 3 0 - - - - - - 13 2
Totale carriera 504+6 165+1 31 14 2 0 - - 543 180

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Atalanta: 2005-2006

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior gol: 2007 (Fiorentina-Atalanta 2-2)

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]
Macchie: 2013-2014 (girone umbro)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 31 (10) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 14 (3) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 63 (16) se si comprendono i play-off.
  4. ^ Sassuolo - Zampagna, è fatta Tuttomercatoweb.com
  5. ^ ...con Zampagna, in tuttomercatoweb.com, 07 agosto 2010.
  6. ^ Ufficiale: Carrarese, ecco Zampagna e Anzalone, tuttolegapro.com, 6 agosto 2010. URL consultato il 22 giugno 2014.
  7. ^ Zampagna lascia il calcio: mi ritiro, ringrazio la Carrarese, in calcio.fanpage.it, 19 novembre 2010.
  8. ^ Il saluto di Riccardo alla squadra, alla città e ai tifosi, carraresecalcio.it, 19 novembre 2010. URL consultato il 22 giugno 2014.}
  9. ^ Riccardo Zampagna sceglie il Calcio UISP! Uisp.it
  10. ^ 7° CAMPIONATO UISP C7 Uisp.it
  11. ^ Alessandro Madolini, Riccardo Zampagna è il nuovo mister del Macchie, in settecalcio.it, 13 giugno 2013.
  12. ^ Ivano Mari, Riccardo Zampagna fa centro al primo tentativo!, in terninrete.it, 4 maggio 2014.
  13. ^ Antonello Menconi, Zampagna inizia una nuova vita: è l'allenatore dello Spoleto in D, in gazzetta.it, 11 luglio 2015.
  14. ^ Voluntas Spoleto caos: salta l'operazione Arcipreti - Zampagna, in corrieredellumbria.corr.it, 17 luglio 2015.
  15. ^ Nicola Agostini, ASSISI: ZAMPAGNA NUOVO ALLENATORE, in eccellenzacalcio.it, 14 ottobre 2015.
  16. ^ Alessandro Madolini, Promozione girone B, svanisce il sogno Eccellenza per l'Orvietana, su calcioternano.it, 8 maggio 2016.
  17. ^ PROMOZIONE A: IL LAMA CON UN PIEDE IN ECCELLENZA, su eccellenzacalcio.it, 15 maggio 2016.
  18. ^ Trestina, ora è ufficiale: Zampagna è il nuovo allenatore, su gianlucadimarzio.com, 8 giugno 2016.
  19. ^ a b c d Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]