Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Pom Poko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pom Poko
Pom Poko.png
Il consiglio patriarcale dei tanuki
Titolo originale 平成狸合戦ぽんぽこ
Heisei tanuki gassen Ponpoko
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1994
Durata 119 min
Rapporto 1.85:1
Genere animazione
Regia Isao Takahata
Soggetto
Sceneggiatura Isao Takahata
Produttore Ned Lott, Toshio Suzuki, Yasuyoshi Tokuma
Produttore esecutivo Hayao Miyazaki
Casa di produzione Studio Ghibli
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Montaggio Takeshi Seyama
Scenografia Kazuo Oga
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Pom Poko[1] (平成狸合戰ぽんぽこ Heisei tanuki gassen Ponpoko?, lett. "Pom Poko, battaglie tanuki dell'era Heisei") è un film giapponese di animazione diretto da Isao Takahata, tratto dal racconto Futago no hoshi di Kenji Miyazawa. La versione originale dura 119 minuti. Il film è uscito per l'home video in Italia il 13 febbraio 2011 distribuito dalla Lucky Red, con il doppiaggio curato da Gualtiero Cannarsi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il lungometraggio narra della lotta dei tanuki per riconquistare la collina di Tama, nei pressi di Tokyo, strappata agli animali per farne un quartiere residenziale. I tanuki agiscono dapprima con le buone e poi con le cattive ma alla fine nulla possono fare contro la speculazione edilizia e la distruzione del loro habitat.

Il film si apre ai giorni nostri, sulla collina di Tama dove due fazioni di Tanuki si affrontano per contendersi il territorio ormai rimpicciolitosi per l'urbanizzazione condotta dagli esseri umani: La fazione rossa guidata dal tanuki Gonta del bosco Tagaga e la fazione azzurra guidata Sayzemo del bosco Suzuga. Come tradizione della leggenda, senza essere visti dagli occhi degli umani i Tanuki assumono sembianze bipedi e armati di pietre e bastoni iniziano a combattersi. Lo scontro tutta via viene fermato quasi subito dalla Tanuki Oruku soprannominata "Palla di fuoco", vestita sempre di un kimono rosso, spinge i suoi compagni ad accorgersi di un problema più grave che stava persistendo senza che loro se ne rendessero conto. Risalendo un palo dalla luce, i Tanuki assistono scioccati che una montagna e una collina in cui vivevano sono state raschiate ed appiattite, private di ogni pianta con vicino dei mezzi di lavoro umani. L'eccessivo sviluppo urbano iniziato dal 1967 per il progetto Tama New Town ha causato in breve tempo una drastica riduzione di terreno selvatico riducendo la vita in natura dei Tanuki e di tutte le creature selvatiche. A causa di questo grave pericolo i Tanuki di tutte le colline di Tama, messi da parte i loro risentimenti, si riuniscono al tempio abbandonato Mankupo sulla montagna Butamochi. I Tanuki eleggono come presidente un monaco Tanuki di 105 anni: Bonzo Zurokame. Annunciando che si sarebbe dovuto operare anche durante il giorno, l'assemblea decide in linea generale di fermare lo sviluppo urbano condotto dagli umani. Il consiglio patriarcale decide di studiare la natura degli umani e riprendere ad insegnare a tutti i Tanuki l'arte del "trasformismo", un'arte magica segreta che permette ai Tanuki di diventare dei mutaforma, capaci di assumere l'aspetto di qualsiasi cosa. Per questo, vengono scelti come istruttori i migliori Tanuki trasformisti in campo, tra i quali vi è Palla di Fuoco. Poiché vicini alla stagione degli amori, i tanuki decidono di trattenere i propri istinti, concentrandosi sugli esercizi del trasformismo e sul comportamento degli umani poiché ogni giorni che passava decine di alberi venivano tagliati. Durante gli allenamenti, ad eccellere particolarmente nel trasformismo sono Shockichi e Gonta. Benché alcuni tanuki come spiegato nel folklore giapponese, sono pigri per natura, non riescono nell'arte del trasformismo. Per i tanuki che hanno appena imparato le prime rudimentali tecniche del trasformismo, la loro prossima prova consiste nel girare per le strade di città, sotto sembianze umane controllati e seguiti dai tanuki esperti. Tale tecnica è alquanto stancante poiché la capacità di metamorfosi richiede enormi energie. I tanuki hanno trovato modo di risolvere questo problema con bevande tonificanti dei super mercati. Gonta avendo imparato appieno le tecniche del trasformo deicide di metterle subito in pratica per impedire gli sviluppi urbani, seguito da Shockichi desideroso di rendersi utile per salvare il loro habitat. Gonta è soprattutto furioso poiché il bosco sulla collina in cui era nato era stato completamente tagliato diventando una collina senza volto. Palla di Fuoco decide infine di insegnarli una tecnica segreta del trasformismo permettendogli di durare le loro trasformazioni per cinque giorni di fila. Gonta e il suo gruppo iniziano i contrattacchi contro gli sviluppi urbani, causando incidenti ai camion che trasportano materiale edile per la costruzione delle case cittadine. Il giorno seguente, ascoltando la televisione i tanuki esultano per la loro vittoria, credendo finalmente di avere impedito lo sviluppo urbano ma successivamente che per garantire l'abitazione alle dieci mila persone della città per il progetto; Tama New Town, non vi possono essere ritardi e che nonostante i continui incidenti causati dai Tanuki il lavori devono proseguire. Gonta portato in trionfo per la vittoria iniziale, finisce travolto e calpestato dai tanuki che preoccupati si precipitano ad ascoltare la notizia. Uscendone con alcune ossa fratturate, Gonta, deve restare in convalescenza per almeno un anno. Ascoltando la notizia che la gente vicino al monte Ikaghi credeva alle superstizioni, credendo che gli incidenti sono stati dovuti per l'ira degli spiriti della natura, i tanuki fanno sfoggio del trasformismo apparendo come statue sacre ai responsabili che dovevano provvedere ai progetti per lo sviluppo urbano riuscendo a rimandare il tutto per circa un anno. Ma nelle altre zone le cose non migliorano. Poiché Gonta insiste che quello che fanno loro, ritarda solo di pochi giorni gli sviluppi urbani, devono concentrarsi di più nel causare incidenti. Per quanto i tanuki si sforzino ogni giorno, non riescono a fermare lo sviluppo urbano. Decidono infine di chiamare i patriarchi: tanuki antichi dell'epoca Sen Goku, affinché essi possano aiutarli a fermare lo sviluppo urbano. Vengono così mandati due tanuki in missione per la ricerca: Tomasaburo del bosco Oniga e Bunta della palude Mizuomi. Mentre i due tanuki sono impegnati nella ricerca durante questi giorni giunge il Tanuki Hayashi proveniente dalle montagne di Fujino stremato per il lungo viaggio. Soccorso infine da Shokichi e Palla di Fuoco, esso rivela alla sede dei tanuki, che nelle montagne dove vive ci sono continui scarichi di terra illegale da sviluppo urbano, che causano l'inquinamento dei fiumi e dei ruscelli rendendo difficile la vita agli animali. Hayashi partì infine sotto mentite spoglie umane per scoprirne la causa, rivelando che anche nelle altre città vicine si sta ripetendo la stessa cosa. Hayashi è convinto che il mitico trasformismo che possiedonoi tanuki di Tama salveranno le altre montagne e i tanuki. Giunto l'autunno Tomasaburo e Bunta non si sono ancora fatti sentire, i tanuki si concedono una piccola pausa dalle bugerate di Tama new town. La primavera giunse infine e la stagione degli amori si fece sentire di nuovo. I tanuki, che si erano astenuti per più di un anno orami al limite della sopportazione infine nacquero dei nuovi cuccioli. Alla fine di quello stesso autunno, Tomasaburo giunse allo stremo delle forze ad Awa, dove infine incontro i grandi patriarchi. Raccontando quello che stava accadendo a Kincho IV: titola del tempio di Kincho Daimyoujin, nella città di Komatsushima. Koharu figlia di Kincho IV, si prese cura di Tomasaburo curandolo dalle sue ferite, tra i due nel tempo che seguì si innamorarono e da essi nacquero tre cuccioli. Intanto Kincho IV all'interno discute con gli altri anziani tanuki sui provvedimenti per fermare lo sviluppo urbano. Contemporaneamente Bunta continua le sue preregrinazioni per le montagne di Sado, chiedendo ai tanuki del posto informazioni su Futatsuwa, che per quanto fosse famoso non vi erano informazioni sulla sua ubicazione. A causa degli sviluppi urbani a Tama i tanuki stanno passando momenti difficili: l'habitat è drasticamente dimunuito, riducendo così il cibo, complicando così la situazione anche per i nuovi cuccioli nati in primavera. I tanuki sono così costretti ad infiltrarsi nelle città sotto sembianze umane. Altri infiltrandosi nelle case di periferia rubando delle galline, spingendo i proprietari a mettere delle trappole per catturarli. Gonta intanto è finalmente guarito dalle ferite ed è pronto a tornare all'azione. Shockichi tutta via ammette apertamente che sarebbe troppo rischioso un'azione del genere, poiché ancora non hanno studiato affondo il comportamento umano, e che sarebbe meglio aspettare l'arrivo dei patriarchi. Predisponendo infine copntromisure per il cibo per i tanuki lasciando che fossero quelli esperti di trasformismo per il razzionamento ed esercitarsi a stare attenti nelle strade e aiutare i tanuki che vengono catturati nelle gabbie. In quello stesso momento giunge Tomasaburo che ha portato con sè tre dei patriarchi fra cui Kincho IV, il pelato di Yashima che fra qualche giorno compirà 999 anni e Inugami Goybu. I tre patriarchi spiegano che nelle loro zone lo sviluppo urbano è al quanto ridotto poiché i tanuki lì sono considerati divinità a cui sono stati dedicati templi importanti. Kincho IV, il pelato di Yashima e Goybu, sono le tre figure importanti venerate nei templi. I tre tanuki annunciano di volere attuare una grande marcia di spettri, attuata da ogni tanki per far ricordare agli umani la paura dei tanuki e il loro rispetto potendo così fermare lo sviluppo urbano. I tre tanuki rivelano tutta via che una simile marcia di traformismo potrebbe costare loro la vita per lo sforzo, ma di essere disposti a farlo per salvare tama. I taunki determinati di tale cosa, iniziano gli allenaenti intensivi. Giunti nel giorno propizio i tanuki attuano la grande marcia degli spettri tramutandosi nei mostri e nelle divinità del folklore giapponese impressionando tutti gli abitanti della città. Nella strategia tutta via a Gobyu per lo sforzo ha un attacco di cuore e infine spira (la scena viene mostrata in versione per bambini di buddha accompagnato dai suoi angeli scendere dal cielo per accompagnare Gobyu nel nirvana). I tanuki celebrato il funerale per Gobyu per poi infine festeggiare credendo finalmente di avere fermato lo sviluppo urbano. Ma nella stessa mattina dopo al telegiornale un ricco direttore di un parco giochi fa passare tale avvenimento come suo per inaugurare il nuovo parco giochi, gettando tutti i tanuki nel panico e nella totale rabbia crollando per l'ipotenza per tutti i loro sforzi che si sono rivelati vani. Pochi giorni dopo si presenta alla montagna una volpe trasformista di nome: Ryuutarou nonché suggeritore del direttore del parco giochi, benché egli non sappia della sua reale identità. Astutamente la volpe chiede a Kincho IV di seguirlo in città, portandolo in un club dove tutte le ragazze presenti sono volpi trasformiste. Ryuutarou spiega che le volpi di tama sono scomparse completamente e che solo quelle dotate di trasformismo sono sopravvissute e che ora sotto mentite spoglie umane continuano a vivere nella città metropolitana di Tokyo e che anche per i tanuki di Tama succederà lo stesso. Le volpi qui presentano di come sia piacevole vivere come umano potendo usufruire del loro potere vivendo nel lusso, proponendo ai Tanuki infine di lavorare per il parco giochi poiché il loro traformismo lo renderebbe magnifico. Kincho IV però chiede cosa succederà ai tanuki che non possono trasformarsi, e Ryuutarou ammette che sarà una selezione naturale inevitabile e che saranno i tanuki trasformisti a rimanere. In tanto sul monte tama la situazione inzia a decadere e il consiglio dei tanuki inizia a sgretolarsi. Gonta sprezzante ammette che è stato un errore lasciare che i tre patriarchi prenderndessero il comando rovinando tutto. Shockichi ammette che ciò è dovuto dalla loro mancanza di conoscenza sugli uomini. Il monaco tanuki Zurokame propone infine che l'unica alternativa rimasta è quella di rivelare la loro presenza agli umani per spiegare che sono stati loro ad effettuare la marcia degli spettri, violando così una delle antiche leggi dei tanuki. ma Zurokame rattristato non sopporta più che il loro bosco venga tagliato mentre tutti loro rimangono in silenzio, ed è disposto a tutto per potere gridare la sua indignazione. Il discorso continua fino a tardo pomeriggio non riuscendo a trovare un compromesso, poiché Gonta è intenzionato più che mia ad uno scontro diretto con gli umani, Sayzemo replica che li sbaraglierebbero e sarebbe inutile. Shockichi propone infine che bisognerebbe raccogliere le forze rimaste per una nuova marcia degli spettri considerando gli errori della precedente volendo subito muoversi per attuarla. Kincho IV si presentà in quel momento spiegando quanto ha visto mentre era via. Il monaco Tsurokame aproffittando della confusione si reca alla posta inviando una lettera a un canale tv. il consiglio dei tanuki ormai deteriorato si divide. Gonta girando per le colline inizia a cercare tanuki a favore della sua causa per attaccare con la forza gli umani. Il tanuki da 999 anni che pare si sia rimbabito raccogliendo tanuki incapaci di metamorfosi crea un gruppo religioso danzante. Kincho IV osserva addolorato come il famoso tanuki si sia ridotto, amettendo che se avessero fatto la grande strategia nella loro zona, avrebbero fatto una immensa fortuna nel tempio. Insieme a Tomasaburo, Kincho decide di vendicarsi del direttore del parco giochi, attirandolo in una locanda magica derubano infine il direttore dei cento milioni di yen disposti per i tanuki del parco giochi di tama. In tanto Gonta insieme al suo gruppo ferma con la forza i disboscamenti del monte. Arrivata la sera Shockichi scoprendo che Gonta e il suo gruppo sono rimasti a fonteggiare gli umani insiste con Palla di fuoco che bisogna andare a salvarli al più presto. Ma Oroku sentendo il rumore fuori, comprende che sono state inviate le squadre antisommossa e che ormai è troppo tardi. Shockichi tutta via si precipita in suo soccorso seguito da Tomasaburo e da un altro amico tanuki che prendendo le sembianze di poliziotti cercano di salvarlo. Ma Gonta insieme agli altri tanuki è partito alla carica ingaggiando una lotta corpo a corpo con la squadra antisommossa. Inizialmente sembra il gruppo di Gonta ad avere la meglio ma finisce presto sbaragliato sentendo in lontananza degli spari. Dall'altra parte della montagna giungono i rappresentati del canale tv che hanno ricevuto la lettera del monaco Zurokame, il quale si presenta direttamente davanti alle telecamere insieme a Palla di Fuoco nel loro vero aspetto da Tanuki spiegando che sono stati loro a fare la marcia degli spettri e in nome di tutti gli animali, chiedono che le montagne non siano disboscate a comodo degli umani poiché esse sono la dimora dei tanuki. i due tanuki infine mutano in diversi animali per mostrare il loro trasformismo a dimostranza che ciò che stanno vedendo i cameramen corrisponde a realtà. Contemporaneamente il tanuki pelato 999 enne insieme al gruppo di tanuki incapaci di metamorfosi crea la barca dei tesori e insieme ad essi parte per il fiume raggiungendo il Nirvana. Ciò è visto come in un sogno di una notte di mezza estate (ma molto probabilmente essi si sono infine affogati). Gonta e il suo gruppo nonostante le apparenze sono ancora vivi poiché le squadre antisommossa non sono atrezzate con proiettili letali. Tutta via essi non demordono e trasformandosi in una grossa testa distruggendo dei mezzi di lavoro piombano in un'autostrada causando incidenti alle macchine per poi inifne essere investiti da un camion. Giunta l'alba con sorpresa compare Bunta ritornato dalla missione, amettendo che il tanuki patriarca che cercava ha perso la vita tempo addietro a causa di un cacciatore. Osservando scioccato cosa lo sviluppo urbano ha causato urla sgomento di come gli uomini non considerino la natura che li circonda. Shockichi propone infine come ultimo gesto di raggruppare le forze rimaste dei tanuki per far vedere agli uomini com'era quel luogo prima che lo sviluppo urbano lo distruggesse. Tutti i tanuki riuniti uniscono le forze e in una grande illussione mostrano agli uomini di tutta la città com'era il posto in cui avevano vissuto anni addietro. Molti cittadini rimangono scioccati nel vedere i loro vecchi parenti. Questo ultimo gesto unito al messaggio dato ai cameramen ha portato risultati incredibilmente positivi. La notizia passata suoi giornali, viene infine deciso di sfruttare le parti del terreno rimasto dello sviluppo urbano trasfomandola in dei parchi lasciandoli nel loro aspetto originario, creando in modo coloramente retorico una convivenza con i tanuki. La voce narrante di Shockichi racconta che la loro montagna fu infine disboscata divenendo un centro di abitazione per le persone, e col passare del tempo dopo tutto il trambusto fatto la città è divenuta via via più placida. Come affermato in passato dalla volpe trasformista, i tanuki dotati di trasformismo per sopravvivere hanno iniziato a girare per la città in mentite spoglie umane. Gli altri incapaci di metamorfosi si sono trasferiti su un'altra montagna avendo tutta via problemi a causa con i tanuki del posto poiché anch'essi sono stati ristretti dallo sviluppo urbano. Sayzemo utilizzando il denaro rubato si dedica in spoglie umane a progetti di sviluppo urbano, Tomasaburo tornato con Kincho IV a casa inzia l'arte ascetica aiutando la moglie nel tempio. Oroku insieme a monaco tanuki fanno profezie alle giovani studentesse. Shockichi ritrova in una notte in un parco molti suoi amici tanuki a festeggiare al chiaro di luna.

Commento[modifica | modifica wikitesto]

Questo lungometraggio presenta moltissimi tratti caratteristici della cultura, religione e folklore giapponese. Il titolo stesso può essere difficilmente intellegibile ad uno spettatore non avvezzo alla cultura giapponese.

Il film si svolge nell'era Heisei. I protagonisti sono animali chiamati Tanuki, un cane-procione, fisicamente simile al procione ma appartenente alla famiglia dei canidi. I tanuki sono molto diffusi in Giappone e in generale in tutta l'Asia, ma non sono presenti in Italia. In Giappone le leggende vogliono che alcuni animali abbiano la capacità di trasformarsi, e si pensa che gli animali più abili siano i kitsune (volpi) e i tanuki. In Heisei tanuki gassen ponpoko, quindi, la capacità di trasformazione dei tanuki non è un mero espediente narrativo per rendere il film più divertente e appetibile, ma è la trasposizione cinematografica di una leggenda millenaria.

La parola Pompoko che troviamo nel titolo non è traducibile invece in italiano. Pom Poko è la trascrizione onomatopeica del rumore che producono i tanuki quando usano i loro stomaci (o i loro testicoli) come tamburi, credenza assai diffusa in Giappone.

Contesto artistico e premi[modifica | modifica wikitesto]

Il grande successo di Omohide poro poro non lasciò Isao Takahata inoperoso, e infatti presto iniziò a lavorare su Pom Poko, il suo terzo film targato Studio Ghibli. Heisei tanuki gassen Ponpoko, titolo originale che possiamo tradurre letteralmente in italiano come "Pompoko, le battaglie tanuki dell'era Heisei", fu premiato al Festival di Annecy nel 1994, dove gli fu conferito il premio per il miglior lungometraggio. Il film riscosse un enorme successo in Giappone dove fu il film più visto nel 1994.

Pom Poko è stato il film immediatamente successivo a Porco Rosso, diretto da Hayao Miyazaki; lo stesso Miyazaki decise il soggetto del film, ispirandosi, per associazione di idee, a qualcosa simile al maiale del film precedente, e la cosa più vicina al maiale fu il tanuki. A differenza dei precedenti film diretti da Isao Takahata, dove le sceneggiature erano state tratte da manga o libri preesistenti, la sceneggiatura di questo film è originale e scritta da Takahata stesso.

Rappresentazione dei tanuki[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle trasformazioni effettuate dai tanuki durante il film richiamano direttamente delle famose leggende giapponesi. In una sequenza del film ad esempio i tanuki si esercitano nelle trasformazioni cambiando la loro forma in quella di una teiera di ferro. Questa teiera richiama la leggenda Bunbuku Chagama, nella quale un tanuki si trasforma in una teiera (chagama), e naturalmente viene messo sul fuoco.

Verso la fine del film l'anziano Yashimano Hage costruisce una barca che richiama nell'immaginario giapponese la barca fatta di fango con cui i tanuki vanno verso la morte. Questo episodio è basato sulla credenza di Fudaraku, un antico culto buddista. Il culto di Fudaraku credeva in un'isola nei mari occidentali, chiamata appunto Fudaraku, dove ci si poteva liberare delle sofferenze e dolori e raggiungere il nirvana.

Tanuki con il tipico scroto ingigantito, in una stampa di Tsukioka Yoshitoshi.

Alcuni tanuki, come quelli che nel film vivono nel tempio di Awa, sono inoltre considerati divinità nell'olimpo giapponese, considerati forti e potenti e vengono per questo venerati. Oltre ai tanuki anche le volpi vengono venerate e sono considerate i messaggeri terrestri del dio Inari, divinità legata allo shintoismo. Alcune scene del film sono ambientate proprio davanti ad un tempio scintoista dove viene venerata la volpe; l'apparizione del tanuki trasformato in volpe bianca provoca quindi un forte spavento poiché equivale all'apparizione del dio Inari.

Il disegno di questo lungometraggio presenta diverse scelte grafiche nella rappresentazione dei tanuki. Questo animale ci viene presentato innanzitutto con un aspetto realistico, e lo vediamo in questa forma ogni volta che deve interagire con esseri umani, o con il loro mondo.

La seconda forma in cui vediamo il tanuki è la forma antropomorfa. Il narratore ci spiega che i tanuki sono soliti assumere questa forma quando si trovano lontano da occhi umani.

La terza rappresentazione del tanuki è molto stilizzata, e fortemente voluta da Hayao Miyazaki[senza fonte] per rendere un omaggio a Sugiura Shigeru, anziano mangaka molto amato da Miyazaki, che era solito rappresentare i tanuki in modo stilizzato. Takahata, sebbene volesse anch'esso usare i disegni di Sugiura, immaginava il film disegnato in altri modi, e quindi usò questi disegni per rappresentare i momenti i cui i tanuki erano abbattuti o distratti, ad esempio durante un combattimento o una festa, e quindi incapaci di mantenere una forma completa e precisa.

Si può notare una piccola curiosità durante la strategia degli Spettri: vi compaiono infatti altri personaggi dello studio Ghibli come Kiki, la protagonista di Kiki consegne a domicilio, Taeko di Omohide poro poro, Totoro da Il mio vicino Totoro e l'aereo presente nel lungometraggio Porco Rosso (Kurenai no buta).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito del distributore italiano Lucky Red
  2. ^ Mario A. Rumor. The art of emotion. Il cinema d'animazione di Isao Takahata. Rimini, Guaraldi-Cartoon Club, 2007, pp. 269 e segg.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]