Ali Babà e i 40 ladroni (film 1971)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ali Babà e i 40 ladroni
AlìBabaanime.png
Titolo originale
Titolo originale アリババと40匹の盗賊 (Ari-Baba to yonjuppiki no tozoku)
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1971
Durata 55 min
Rapporto 2,35:1
Genere animazione
Regia Hiroshi Shidara
Sceneggiatura Morihisa Yamamoto
Produttore Hiroshi Ôkawa
Casa di produzione Toei Animation
Distribuzione (Italia) Toei Company
Fotografia Masaki Machida, Shōichirō Ide
Montaggio Masaaki Hanai, Yutaka Chikura
Effetti speciali Chiaki Hirao, Tokie Hayashi
Musiche Seichiro Uno
Art director Saburo Yokoi
Animatori Akira Daikubara, Hayao Miyazaki, Hideki Mori, Katsunari Oda, Koichi Tsunoda, Michihiro Kaneyama, Reiko Okuyama, Shigeo Matoba, Shoji Ikehara, Takashi Abe, Takuo Kikuchi, Tatsuji Kino, Yasuji Mori, Yôichi Kotabe
Sfondi Katsuyoshi Hozumi, Kenichi Harada, Motome Shiroto, Toshikazu Yamaguchi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Ali Babà e i 40 ladroni (アリババと40匹の盗賊 Ari-Baba to yonjuppiki no tozoku?) è un film d'animazione giapponese del 1971 pubblicato dalla Toei Animation. Il film fu diretto da Hiroshi Shidara e alla produzione partecipò anche Hayao Miyazaki. I protagonisti di questo mediometraggio sono i discendenti dei personaggi della famosissima fiaba Alì Babà e i quaranta ladroni. Il film è edito in molti paesi d'Europa tra cui l'Italia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il sovrano Alì Babà XXXIII, discendente di Alì Babà I, ha ormai scialacquato quasi tutto il tesoro del suo antenato. Un giorno, trova una lampada magica dalla quale fuoriesce un grosso mostro rosa che si autodefinisce "genio della lampada". Il genio promette al re di realizzare ogni suo desiderio. Il genio, però, è ailurofobo e ogni volta che vede un gatto perde i suoi poteri. Così, Alì Babà XXXIII decide di cacciare tutti i gatti dal suo regno ma a questa decisione si opporrà Aluk, discendente del capo dei quaranta ladroni, che con l'aiuto di 38 gatti e un topo cercherà di vendicare il suo antenato e di usurpare il trono al re Alì Babà.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]